8 amici da salvare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
8 amici da salvare
8 amici da salvare.jpg
Paul Walker in una scena tratta dal trailer del film
Titolo originaleEight Below
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2006
Durata120 min
Rapporto2.35
Genereavventura, drammatico
RegiaFrank Marshall
SoggettoToshirô Ishido (film originale),
Koreyoshi Kurahara (film originale)
SceneggiaturaDavid DiGilio
ProduttorePatrick Crowley, David Hoberman
Casa di produzioneWalt Disney Pictures
FotografiaDon Burgess
MontaggioChristopher Rouse
MusicheMark Isham
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

8 amici da salvare è un film del 2006 diretto da Frank Marshall e scritto da David DiGilio, con protagonisti Paul Walker, Bruce Greenwood, Moon Bloodgood ed otto cani da slitta. Il film è tratto da un fatto realmente accaduto ed è stato prodotto dalla Walt Disney Pictures. È il remake del film giapponese Nankyoku monogatari (1983).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Antartico. Il Dr. Davis McClaren aiutato da Jerry Shepherd, va alla ricerca di un meteorite, ma durante la loro avventura, vengono sorpresi da una tormenta e sono costretti a lasciare gli otto husky con cui viaggiavano in preda al loro destino. Jerry è preoccupato perché prima di andare via aveva legato gli otto cani in modo da non poter fuggire. In Antartico la tormenta di neve imperversa e tutti, a parte Old Jack, riescono a liberarsi e a fuggire. Da qui un'estenuante ricerca di cibo per i cani che sono costretti a stare al gelo più di 200 giorni. Muoiono due cani, come già detto Old Jack, sepolto dalla neve portata dalla tormenta, e Dewey, uno dei due gemelli, che scivola da una montagna. I sei cani rimasti saranno messi a dura prova, affrontando i pericoli dell'Antartico e della fame. Jerry riesce a tornare in Antartide con la sua squadra e, quando ha ormai perso le speranze, dall'orizzonte compaiono cinque dei sei cani che corrono incontro alla squadra. Max, il più giovane della muta, conduce Jerry da Maya in fin di vita (ferita da una possente foca leopardo) che si rianima e torna a casa con tutti i suoi amici.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua prima settimana di proiezione Otto amici da salvare ha guadagnato 20 188 176 dollari in 3 066 cinema, guadagnando una media di 6 584 dollari per sala, e debuttando alla prima posizione della classifica dei film più visti negli Stati Uniti nel weekend del 17 febbraio 2006. Il film è stato smontato dalle sale il 1º giugno 2006, con un incasso totale in tutto il mondo di 120 453 565 dollari (81 612 565 negli Stati Uniti e 38 841 000 nel resto del mondo).[1]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti alla realtà[modifica | modifica wikitesto]

Il film è ispirato ad un fatto di cronaca avvenuto nel 1958, e dal quale era stato già tratto il film del 1983 Antarctica (Nankyoku Monogatari). Nell'adattamento dell'incidente raccontato da 8 amici da salvare, gli eventi sono spostati al 1993, l'ultimo anno in cui i cani da slitta furono usati in Antartide.[2] Nella realtà storica del 1958, quindici Karafuto-Ken (Sakhalin Husky) furono abbandonati quando il team della spedizione si rese conto di non essere in grado di ritornare alla base. Quando la squadra tornò l'anno successivo, due cani erano ancora vivi (Taro e Jiro), sette furono trovati morti ancora incatenati, mentre degli altri sei non furono ritrovate le tracce.

Nel film invece sono stati utilizzati Alaskan Malamute e un Siberian husky (Max). Ognuno degli otto cani è stato affiancato da altri cani utilizzati come controfigure per alcune scene. In totale sul set sono stati utilizzati oltre trenta cani per ritrarre gli otto animali protagonisti. Max, Maya, Dewey e Buck avevano recitato anche nel film Snow Dogs - 8 cani sotto zero.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eight Below (2006) - Box Office Mojo
  2. ^ Michael Rechtshaffen, Eight Below, The Hollywood Reporter, 15 febbraio 2006. URL consultato il 1º gennaio 2008 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2006).
  3. ^ A True 'Survivor' Story, Dog Version, The Washington Post, 16 febbraio 2006, C12. URL consultato l'11 gennaio 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema