Mulan (film 2020)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mulan
Mulan Logo (2020).png
Il logo del film
Lingua originaleinglese, cinese
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Cina
Anno2020
Durata115 min
Rapporto2,39:1
Generedrammatico, azione, avventura
RegiaNiki Caro
SoggettoHua Mulan
SceneggiaturaElizabeth Martin, Lauren Hynek, Rick Jaffa e Amanda Silver
ProduttoreChris Bender, Tendo Nagenda, Jason Reed, Jake Weiner
Produttore esecutivoWilliam Kong, Barrie M. Osborne
Casa di produzioneWalt Disney Pictures
Distribuzione in italianoDisney+
FotografiaMandy Walker
MontaggioDavid Coulson
Effetti specialiKarl Chisholm, Joel Savage
MusicheHarry Gregson-Williams
ScenografiaAnne Kuljian
CostumiBina Daigeler
TruccoOrlando Bassi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Mulan è un film del 2020 diretto da Niki Caro.

La pellicola è il remake in live action dell'omonimo film d'animazione del 1998 basato sulla leggenda cinese di Hua Mulan.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mulan (Liu Yifei) in una scena del film

Hua Mulan è la figlia primogenita della famiglia Hua, addestrata da suo padre nel combattimento sin dall'infanzia, mentre la madre dispera che una fanciulla così poco femminile sia in grado di trovare marito, giacché anche la mezzana incaricata di valutare se Mulan costituisca un buon esempio di fanciulla da marito conclude che la ragazza porterà solo disonore alla famiglia.

Quando le truppe rouran, guidate dal feroce Bori Khan, cingono d'assedio la Cina, l'imperatore emette un decreto che impone a ciascuna famiglia di inviare un uomo a prestare servizio nell'esercito imperiale per difendere il Paese dagli invasori. Per proteggere l'incolumità del vecchio padre malato, Mulan ne prende in segreto il posto: ne ruba l'armatura e si presenta al campo militare travestita da uomo, annunciandosi come Hua Jun. Tuttavia l'addestramento non è dei più facili, e Mulan vive nel continuo timore che la sua identità venga scoperta, il che comporterebbe l'esclusione dall'esercito e l'eterno disonore per la sua famiglia. Nondimeno, grazie alla sua forza interiore, riesce infine a superare l'addestramento e a guadagnarsi la stima dei compagni del comandante Tung, vecchio commilitone di suo padre, oltre che a sviluppare un legame particolare con il soldato Chen Hongui.

Nel frattempo, Bori Khan continua ad avanzare, sostenuto nella sua impresa dalla strega mutaforma Xianniang; questo costringe il comandante Tung a concludere l'addestramento prima del previsto e a mandare il suo reggimento contro Bori Khan e i suoi uomini. Nello scontro che segue, Mulan ingaggia una battaglia con la strega Xianniang, la quale però scopre la sua vera identità e la schernisce in quanto si ostina ad essere qualcosa che non è. Mulan sopravvive allo scontro con Xianniang e con grande scaltrezza riesce a mettere fine all'attacco delle truppe Rouran guidate da Bori Khan, provocando una valanga che travolge in parte entrambi gli schieramenti, ma mentre la guarnigione cinese sopravvive, quella rouran è costretta alla ritirata. Durante il breve periodo di tregua che ne segue, Mulan, che ha deciso di smettere di nascondere la sua identità, si mostra al suo comandante e ai suoi compagni nelle sue vere sembianze, implorando il loro perdono, e per sua sfortuna viene punita con il congedo e anche invitata a non farsi più vedere, pena la morte.

Xianniang, che si riconosce simile a Mulan, cerca di persuaderla a passare dalla sua parte e le rivela che gli attacchi finora messi a segno da Bori Khan non sono altro che un diversivo per distogliere le truppe imperiali dal vero obiettivo dell'invasore: la città imperiale, dove Khan intende uccidere l'imperatore. Mulan torna al campo sfidando le ire del comandante Tung per ricongiungersi con i compagni d'armi e avvisarli del pericolo che incombe sull'imperatore, e così tutti insieme si dirigono alla città imperiale per fermare Khan. Intanto grazie a uno stratagemma di Xianniang, Khan fa sì che la città imperiale rimanga sguarnita di guardie e alla mercé dei suoi uomini, per poi catturare l'imperatore dopo averlo attirato nel lontano cantiere di un palazzo in costruzione. Mentre i compagni di Mulan lottano contro i soldati rouran, la ragazza corre alla ricerca dell'imperatore, venendo poi aiutata da Xianniang che si ribella a Khan, salvo poi perire mentre fa scudo a Mulan con il suo corpo. Nello scontro, l'antica spada di famiglia viene distrutta, ma Mulan riesce a sconfiggere e uccidere Khan e a liberare l'imperatore. Così, con la Cina finalmente in salvo, l'imperatore organizza una cerimonia per ringraziare pubblicamente Mulan e le offre di fare parte della sua guardia personale, ma Mulan rifiuta, perché ha deciso di tornare a casa per chiedere perdono al padre per il disonore che gli ha causato con il suo comportamento.

Tornata al suo villaggio natale, dove si ricongiunge con la sua famiglia, Mulan riceve i doni dell'imperatore: una nuova spada che reca inscritti in oro i valori di lealtà, coraggio, sincerità e devozione per la famiglia, e la rinnovata offerta di entrare a far parte della guardia imperiale.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

La Walt Disney Pictures aveva originariamente espresso interesse in un adattamento live-action del film animato del 1998 Mulan con protagonista la star internazionale Zhang Ziyi, con Chuck Russell scelto come regista. Le riprese dovevano iniziare nell'ottobre 2010, ma il film è stato cancellato.[1] Il 30 marzo 2015, The Hollywood Reporter ha riportato che Disney aveva riavviato lo sviluppo dell'adattamento live-action con Chris Bender e J. C. Spink produttori, mentre Elizabeth Martin e Lauren Hynek avrebbero scritto la sceneggiatura.[2] Il 4 ottobre 2016 è stato annunciato che Rick Jaffa e Amanda Silver avrebbero riscritto la sceneggiatura, combinando la leggenda cinese e il film d'animazione del 1998, mentre Jason Reed avrebbe prodotto il film insieme a Chris Bender e Jake Weiner.[3]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Liu Yifei interpreta Mulan nel film.

Dal momento che molti film recenti di Hollywood sono stati accusati di whitewashing, Mulan è stato sottoposto a un attento esame da quando The Hollywood Reporter ha divulgato la notizia che la Disney stava realizzando un adattamento live-action di Mulan. Una petizione online intitolata "Dì alla Disney che non vuoi una Mulan imbiancata!" ha ricevuto più di 100.000 firme.[4] Il 4 ottobre 2016, la Disney ha annunciato che era in corso una ricerca globale di un'attrice cinese per interpretare il ruolo principale.[5] Una squadra di direttori di casting ha visitato cinque continenti e ha visto quasi 1.000 candidate per il ruolo con criteri che richiedevano credibili abilità nelle arti marziali, la capacità di parlare in inglese chiaro e, infine, “star quality”.[6] Il 29 novembre 2017, l'attrice cinese-americana Liu Yifei è stata scelta per interpretare il ruolo di Mulan. Molti hanno celebrato la notizia come una vittoria per la diversità nei film Disney.[4] Ulteriori annunci sul cast per Donnie Yen, Gong Li, Jet Li e Xana Tang sono stati fatti ad aprile 2018,[7][8] Utkarsh Ambudkar e Ron Yuan a maggio,[9] Yoson An e Chum Ehelepola a giugno,[10] Jason Scott Lee a luglio,[11] Tzi Ma, Rosalind Chao, Cheng Pei-Pei, Nelson Lee, Jimmy Wong e Doua Moua ad agosto,[12][13] e Chen Tang a settembre.[14]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

La Disney originariamente era alla ricerca di un regista asiatico per il film. La Disney ha inizialmente considerato Ang Lee, regista taiwanese e due volte premio Oscar per il miglior regista. The Hollywood Reporter ha affermato che Lee è stato contattato ma ha rifiutato il 12 ottobre 2016.[15] Secondo la notizia, a lui piacerebbe vedere un regista asiatico alla guida del film, ma lui stesso ha dovuto rifiutare perché era ancora obbligato a promuovere il suo film Billy Lynn - Un giorno da eroe.[16] Successivamente, Disney ha incontrato Jiang Wen per il ruolo; infine, il 14 febbraio 2017, Niki Caro è stata ingaggiata come regista del film, rendendo Mulan il secondo film Disney con una regista donna e un budget superiore a $100 milioni dopo Nelle pieghe del tempo.[17]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese sono iniziate il 13 agosto 2018, in varie zone della Nuova Zelanda e della Cina, e sono terminate il 25 novembre 2018.[18][12] Secondo l’attrice Gong Li, il budget del film è stato di 290-300 milioni di dollari.[19][20]

Post-produzione[modifica | modifica wikitesto]

Gli effetti visivi sono stati forniti da Sony Imageworks e Weta Digital e supervisionati da Seth Maury e Andres Langlands, con Sean Andrew Faden come supervisore e l'aiuto di Framestore e Image Engine.[21]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 dicembre 2019 Matthew Wilder, autore della canzone portante della pellicola animata, intitolata Reflection, rivela che essa sarà riproposta anche per la versione live-action, cantata dalla protagonista Liu Yifei.[22] L'8 marzo viene distribuita una versione della canzone in cinese, interpretata dall'attrice,[23] rivisitazione della versione dei titoli di coda del brano originariamente interpretato nella versione cinese distribuita a Taiwan dalla cantante e attrice sino-americana Coco Lee con il titolo "自己" ("Zìjǐ").[24] Il 28 agosto, Christina Aguilera torna ad interpretare la canzone Reflection, da lei originariamente cantata nel cartone animato del 1998, cui si aggiunge un nuovo brano, scritto appositamente per il remake, che Aguilera interpreta sia in inglese, con il titolo Loyal Brave True, che in spagnolo, con il titolo El mejor guerrero.[25][26] Il brano viene interpretato in italiano da Carmen Consoli con il titolo Coraggio, onestà e lealtà, mentre il brano Riflesso, interpretato nel 1998 da Syria per i titoli di coda italiani, viene lasciato in inglese nel remake.[27]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il teaser trailer è stato pubblicato l'8 luglio 2019,[28] seguito dal trailer il 5 dicembre 2019.[29]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film sarebbe inizialmente dovuto essere distribuito nei cinema il 2 novembre 2018, ma è stato rimandato a favore de Lo schiaccianoci e i quattro regni.[5] L'uscita del film nelle sale cinematografiche statunitensi era prevista per il 27 marzo 2020, ma, a causa della pandemia del COVID-19, è stata rimandata al 24 luglio e poi al 21 agosto, mentre in Italia, prevista per il 26 marzo, è stata rimandata al 12 agosto.[30][31][32][33]

Il 23 luglio la pellicola viene rimandata a data da destinarsi.[34]

Il film è stato reso disponibile per lo streaming su Disney+ il 4 settembre con un costo aggiuntivo di 30 dollari negli USA e di 21,99 euro in Italia. Nei paesi in cui Disney+ non è disponibile sarà distribuito nei cinema come da consuetudine.[35]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Una richiesta di boicottaggio del film è iniziata quando la protagonista Liu Yifei ha mostrato il suo supporto alla polizia di Hong Kong, nel mezzo delle violente proteste del 2019-2020, causando una controversia internazionale. Un hashtag, #BoycottMulan, è diventato popolare per supportare il boicottaggio della pellicola.[36][37][38] In seguito l’attrice non è stata presente al D23 Expo 2019, dove è stata mostrata un’anteprima esclusiva del film,[39] benché si ritenga che sia stata incentivata dal governo cinese a sostenere l'agire delle forze dell'ordine.[40]

Dopo la sua distribuzione, avvenuta sulla piattaforma Disney+, l'opera ha ricevuto molteplici critiche a causa della presenza nella produzione di sei agenzie governative cinesi, apparse nei titoli di coda, operanti nello Xinjiang (regione nel nord-ovest della Cina in cui il governo è stato accusato di aver creato dei campi di concentramento con lo scopo di "rieducare" forzatamente persone di etnia uigura).[41][42]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo weekend di apertura per il mercato internazionale, Mulan ha incassato 5,9 milioni di dollari in nove paesi, tra cui 1,2 milioni di dollari in Thailandia e 700 000 dollari a Singapore, entrambi i quali sono stati i debutti più alti del 2020 nei rispettivi paesi. Mentre negli Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita il film ha incassato complessivamente 800 000 dollari.[43][44][45]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Mulan ha ricevuto recensioni generalmente positive da parte della critica. Il sito aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes riporta che il 75% delle 272 recensioni professionali ha dato un giudizio positivo sul film, con un voto medio di 6,82 su 10. Il consenso critico del sito recita: "Avrebbe potuto raccontare la sua storia classica con maggiore profondità, ma il Mulan live-action è una meraviglia visiva che funge da emozionante aggiornamento del suo predecessore animato."[46] Su Metacritic il film detiene un punteggio medio ponderato di 68 su 100, basato sul parere di 48 critici, indicando "recensioni generalmente favorevoli".[47]

Richard Roeper del Chicago Sun-Times ha dato al film tre stelle e mezzo su quattro, lodando il "cast eccellente, l'azione emozionante e le immagini spettacolari", e aggiungendo: "il regista Caro sa come mettere in scena sequenze d'azione elaborate e è ugualmente abile nella commedia leggera e nei momenti drammatici più pesanti."[48] Kate Erbland di IndieWire gli ha dato come voto B+, definendolo un "epico d'azione straordinario che si ritaglia il suo percorso" e "forse il miglior esempio di come sposare l'originale con qualcosa di nuovo. 'La ballata di Mulan' è sempre stata una storia su scala epica sul potere di essere te stesso in un mondo non pronto ad accettarlo, una storia che probabilmente avrà sempre risonanza."[49]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Ad aprile 2020, è stato riportato che il sequel di Mulan è attualmente in sviluppo con Chris Bender, Jason T. Reed e Jake Weiner che ritornano ad essere i produttori.[50][51]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zhang Ziyi to produce and star in 3D Mulan film - Channel NewsAsia, su web.archive.org, 18 marzo 2013. URL consultato il 16 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2013).
  2. ^ (EN) Disney Developing Live-Action 'Mulan' (Exclusive), su The Hollywood Reporter. URL consultato il 16 luglio 2019.
  3. ^ (EN) Justin Kroll, Justin Kroll, Disney's Live-Action 'Mulan' to Hit Theaters in November 2018; Rick Jaffa and Amanda Silver Rewriting, su Variety, 4 ottobre 2016. URL consultato il 16 luglio 2019.
  4. ^ a b (EN) Disney casts Chinese actress as Mulan, 30 novembre 2017. URL consultato il 16 luglio 2019.
  5. ^ a b (EN) Disney's Live-Action 'Mulan' Gets Winter 2018 Release Date, su The Hollywood Reporter. URL consultato il 16 luglio 2019.
  6. ^ (EN) Disney's 'Mulan' Finds Its Star (Exclusive), su The Hollywood Reporter. URL consultato il 16 luglio 2019.
  7. ^ (EN) Mike Fleming Jr, Mike Fleming Jr, Donnie Yen To Star In Disney’s Live Action ‘Mulan’, su Deadline, 11 aprile 2018. URL consultato il 16 luglio 2019.
  8. ^ (EN) Disney's Live-Action 'Mulan' Lands Gong Li, Jet Li (Exclusive), su The Hollywood Reporter. URL consultato il 16 luglio 2019.
  9. ^ (EN) Amanda N'Duka, Amanda N'Duka, ‘Mulan’: Utkarsh Ambudkar & Ron Yuan Added To Disney’s Live-Action Adaptation, su Deadline, 23 maggio 2018. URL consultato il 16 luglio 2019.
  10. ^ (EN) Disney Casts 'Mulan' Love Interest (Exclusive), su The Hollywood Reporter. URL consultato il 16 luglio 2019.
  11. ^ (EN) Disney's 'Mulan' Adds Jason Scott Lee (Exclusive), su The Hollywood Reporter. URL consultato il 16 luglio 2019.
  12. ^ a b (EN) Patrick Hipes, Patrick Hipes, ‘Mulan’ Rounds Out Cast, Reveals First-Look Photo As Filming Underway On Live-Action Movie, su Deadline, 13 agosto 2018. URL consultato il 16 luglio 2019.
  13. ^ (EN) Amanda N'Duka, Amanda N'Duka, Disney’s ‘Mulan’ Casts Jimmy Wong & Doua Moua, su Deadline, 14 agosto 2018. URL consultato il 16 luglio 2019.
  14. ^ (EN) Amanda N'Duka, Amanda N'Duka, Adrian Martinez Joins Disney’s ‘Lady and the Tramp’; ‘Mulan’ Adds Chen Tang, su Deadline, 21 settembre 2018. URL consultato il 16 luglio 2019.
  15. ^ (EN) 'Mulan' Mania: Disney, Sony Hunt for Asian Directors to Helm Rival Action Pics, su The Hollywood Reporter. URL consultato il 16 luglio 2019.
  16. ^ (EN) Ang Lee on Disney's Live-Action 'Mulan': "It'd Be Great to See an Asian" Director, su The Hollywood Reporter. URL consultato il 16 luglio 2019.
  17. ^ hollywoodreporter.com, http://www.hollywoodreporter.com/heat-vision/disneys-live-action-mulan-finds-director-975869.
  18. ^ omegaunderground.com, https://web.archive.org/web/20180816062124/https://thegww.com/update-disney-to-begin-shooting-mulan-this-august-in-new-zealand-and-china/. URL consultato il 16 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2018).
  19. ^ (EN) Cesar Galvan on May 19, 2019 Share, Gong Li Claims Live-Action 'Mulan' Budget Is More Than $300 Million, su Heroic Hollywood, 19 maggio 2019. URL consultato il 24 luglio 2019.
  20. ^ (EN) Disney’s Live-Action ‘Mulan’ Budget Makes It One of the Most Expensive Movies Ever Made, su Movies. URL consultato il 24 luglio 2019.
  21. ^ (FR) MULAN, su The Art of VFX, 8 luglio 2019. URL consultato il 16 luglio 2019.
  22. ^ Instagram, 5 dicembre 2019, https://www.instagram.com/disneyliveactions/?utm_source=ig_embed. URL consultato il 7 dicembre 2019.
  23. ^ 顾馨, Chinese version of 'Reflection' released for upcoming 'Mulan' - Chinadaily.com.cn, su www.chinadaily.com.cn. URL consultato il 18 marzo 2020.
  24. ^ CoCo Lee李玟, 李玟 CoCo Lee - 自己, su YouTube.
  25. ^ (EN) Mulan's 2020 Soundtrack & The Many Versions of Christina Aguilera's Reflection, su Den of Geek, 5 settembre 2020. URL consultato il 6 settembre 2020.
  26. ^ (ES) DisneyMusicLAVEVO, Christina Aguilera - El Mejor Guerrero (From "Mulán"/Official Video), su YouTube.
  27. ^ Carmen Consoli nella colonna sonora del film Disney “Mulan”, Rockol, 4 settembre 2020. URL consultato il 5 settembre 2020.
  28. ^ Tommaso Pugliese, Mulan, primo trailer italiano per il nuovo film Disney, su Multiplayer.it, 7 luglio 2019. URL consultato l'8 luglio 2019.
  29. ^ Filmato audio Walt Disney Studios, Mulan, su YouTube, 5 dicembre 2019. URL consultato il 5 dicembre 2019.
  30. ^ (EN) Live-Action 'Mulan' Pushed Back More Than a Year to Spring 2020, su The Hollywood Reporter. URL consultato l'8 luglio 2019.
  31. ^ Andrea Francesco Berni, The Walt Disney Company Italy: Jojo Rabbit, Onward, New Mutants e Black Widow nel listino del primo semestre 2020, su badtaste.it, 3 dicembre 2019. URL consultato il 3 dicembre 2019.
  32. ^ Mulan: l'uscita italiana rimandata al 14 maggio, su Cinema - BadTaste.it, 11 marzo 2020. URL consultato l'11 marzo 2020.
  33. ^ Beatrice Pagan, Mulan: Disney posticipa nuovamente l'uscita del film, su movieplayer.it, 27 giugno 2020. URL consultato il 27 giugno 2020.
  34. ^ Beatrice Pagan, THE FRENCH DISPATCH: DISNEY RIMUOVE IL FILM DAI TITOLI IN USCITA, su Movieplayer.it, 24 luglio 2020. URL consultato il 24 luglio 2020.
  35. ^ (EN) Julia Alexander, Mulan is heading to Disney Plus on September 4th for $30, su The Verge, 4 agosto 2020. URL consultato il 5 agosto 2020.
  36. ^ (EN) Austin Ramzy, Soul Searching Among Hong Kong Protesters After Chaos at Airport, in The New York Times, 14 agosto 2019. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  37. ^ Jessie Yeung CNN, Hong Kong protesters call for 'Mulan' boycott, su CNN. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  38. ^ (EN) Disney's Mulan faces boycott calls, 16 agosto 2019. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  39. ^ (EN) Dano Nissen, Dano Nissen, ‘Mulan’ Star Crystal Yifei Liu Skips D23 Amid International Controversy, su Variety, 24 agosto 2019. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  40. ^ (EN) Mulan’s Liu Yifei Reportedly Forced by Chinese Government to Support the Police, su GeekFeed, 6 dicembre 2019. URL consultato l'8 dicembre 2019.
  41. ^ I problemi del nuovo "Mulan", su Il Post, 8 settembre 2020. URL consultato l'8 settembre 2020.
  42. ^ Tutte le polemiche attorno al film Mulan, su Wired, 8 settembre 2020. URL consultato l'8 settembre 2020.
  43. ^ (EN) Scott Mendelson, Box Office: ‘Mulan’ Nabs $6M Overseas As ‘Bill & Ted’ Rules VOD, su Forbes. URL consultato l'8 settembre 2020.
  44. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Anthony D'Alessandro, ‘Tenet’ Finally Opens Stateside: Warner Bros. Movie Resuscitates Exhibition With $20M+ Over Labor Day Weekend, $150M WW To Date, su Deadline, 6 settembre 2020. URL consultato l'8 settembre 2020.
  45. ^ Mulan, su Box Office Mojo. URL consultato l'8 settembre 2020.
  46. ^ Mulan (2020), su Rotten Tomatoes.
  47. ^ Mulan (2020), su Metacritic.
  48. ^ (EN) Dazzling ‘Mulan’ comes to life with flying colors, su Chicago Sun-Times.
  49. ^ (EN) ‘Mulan’ Review: Niki Caro’s Sweeping Live-Action Disney Epic Reimagines a Heroine Worth Fighting for, su IndieWire.
  50. ^ (EN) ‘Mulan 2’ Reportedly In Early Development At Disney, su Full Circle Cinema, 18 aprile 2020. URL consultato l'8 settembre 2020.
  51. ^ (EN) Live-Action "Mulan 2" Reportedly In Development at Walt Disney Studios!, su Inside the Magic, 19 aprile 2020. URL consultato l'8 settembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema