Saving Mr. Banks

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Saving Mr. Banks
Saving Mr. Banks Logo.svg
Titolo originale Saving Mr. Banks
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America, Regno Unito, Australia
Anno 2013
Durata 125 min
Rapporto 2,35 : 1
Genere biografico, commedia, drammatico
Regia John Lee Hancock
Soggetto Kelly Marcel, Sue Smith
Sceneggiatura Kelly Marcel
Produttore Ian Collie, Alison Owen, Philip Steuer
Produttore esecutivo Christine Langan, Troy Lum, Andrew Mason
Casa di produzione Walt Disney Pictures, BBC Films, Ruby Films, Essential Media & Entertainment, Hopscotch Features
Distribuzione (Italia) Walt Disney Pictures
Fotografia John Schwartzman
Montaggio Mark Livolsi
Effetti speciali Sam Dean
Musiche Thomas Newman
Scenografia Michael Corenblith
Costumi Daniel Orlandi
Trucco Jenni Brown Greenberg, Don Rutherford
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Saving Mr. Banks è un film del 2013 diretto da John Lee Hancock, con protagonisti Emma Thompson nei panni di Pamela L. Travers e Tom Hanks nei panni di Walt Disney.

La pellicola, pur prendendosi diverse libertà circa la verità degli eventi, si ispira alla storia vera di come Walt Disney ottenne i diritti del romanzo Mary Poppins della scrittrice australiana Pamela Lyndon Travers, dopo venti anni di continue e pressanti richieste.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tom Hanks nei panni di Walt Disney in una scena del film.

Nel 1961 la scrittrice Pamela Lyndon Travers viaggia da Londra a Hollywood per incontrare Walt Disney e discutere del desiderio di realizzare una trasposizione cinematografica di Mary Poppins, best seller pubblicato dalla Travers nel 1934. Disney si ritrova di fronte ad una sessantenne che, con le idee ben chiare sugli intenti commerciali del progetto, non è disposta ad accettare alcun tipo di compromesso.

Durante il suo soggiorno in California la Travers comincia a riflettere sull'infanzia trascorsa in Australia a inizio secolo quando le difficoltà vissute dalla sua famiglia, l'affetto del padre Goff e la solarità della zia Ellie hanno posto le basi per l'ispirazione dei personaggi di mister Banks e Mary Poppins, i due protagonisti del romanzo. Pur riluttante a concedere i diritti a Disney, P. L. capisce presto che il produttore ha i suoi buoni motivi per volere realizzare quello che diverrà uno dei più noti film della storia del cinema.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono state effettuate tra settembre e novembre 2012[1] e si sono svolte nello stato della California, tra le città di Los Angeles, Anaheim, Ontario e Burbank[2].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer in lingua originale del film viene pubblicato online l'11 luglio 2013, mentre il trailer italiano è stato diffuso online il 18 ottobre 2013.[3]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 13 dicembre 2013; in quelle italiane dal 20 febbraio 2014. Il film viene vietato ai minori di 13 anni negli Stati Uniti per la presenza di alcune immagini inquietanti[4].

Accuratezza storica[modifica | modifica wikitesto]

Saving Mr. Banks raffigura diversi eventi che differiscono dalla realtà storica.[5] Walt Disney era già proprietario dei diritti quando la Travers giunse a Los Angeles per discutere della sceneggiatura del film.[5][6][7] Il personaggio di Ralph, l'autista personale della Travers durante il suo soggiorno a Los Angeles, è un personaggio inventato, unica rappresentazione dei vari autisti che scortarono la scrittrice nei vari luoghi della città.[8][9] Walt Disney lasciò inoltre che fossero i fratelli Sherman a lavorare con la Travers dal momento che aveva già l'approvazione per il film.[9]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Riprese, Imdb Official Site. URL consultato l'11 luglio 2013.
  2. ^ (EN) Location, Imdb Official Site. URL consultato l'11 luglio 2013.
  3. ^ Saving Mr. Banks – Tom Hanks è Walt Disney nel primo trailer italiano!, blog.screenweek.it, 18 ottobre 2013. URL consultato il 2 giugno 2014.
  4. ^ (EN) Rating, Imdb Official Site. URL consultato l'11 luglio 2013.
  5. ^ a b Steven Zeitchik, Does 'Saving Mr. Banks' contain a hidden agenda?, in Los Angeles Times, 3 gennaio 2014. URL consultato il 7 marzo 2014.
  6. ^ Sabina Ibarra, Interview: 'Saving Mr. Banks' Screenwriter Kelly Marcel, Screen Crave.com, 12 dicembre 2013. URL consultato il 10 marzo 2014.
  7. ^ Seth Kubersky, Fact-checking Saving Mr. Banks with Disney historian Jim Korkis, in Orlando Weekly, 7 gennaio 2014. URL consultato il 21 agosto 2015.
  8. ^ Richard Corliss, Saving Mr. Banks: When Movies Lie and Make You Cry, in Time, 12 dicembre 2013. URL consultato il 15 maggio 2014.
  9. ^ a b Saving Mr. Banks Q&A, Unlikely Films, Inc., 24 dicembre 2013. URL consultato il 1º maggio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]