Walt Disney e l'Italia - Una storia d'amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Walt Disney e l'Italia - Una storia d'amore
Titolo originaleWalt Disney e l'Italia - Una storia d'amore
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2014
Durata60 min
Generedocumentario, biografico
RegiaMarco Spagnoli
SoggettoMarco Spagnoli
SceneggiaturaMarco Spagnoli
ProduttoreDavid Moscato
Casa di produzioneThe Walt Disney Company Italia, Kobalt Entertainment
Distribuzione (Italia)Walt Disney Studios Motion Pictures Italia
FotografiaGiuseppe Mottola
MontaggioJacopo Reale
MusicheMax Di Carlo
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Walt Disney e l'Italia - Una storia d'amore è un documentario del 2014, scritto e diretto dal regista italiano Marco Spagnoli.

La pellicola nasce per accompagnare nelle sale il film Saving Mr. Banks e coglie l'occasione per descrivere le piacevoli relazioni fra Walt Disney ed il Bel Paese attraverso diversi personaggi accomunati tra loro da una sconfinata passione per i fumetti del famoso disegnatore americano. Il film illustra come intere generazioni di italiani, di cultura ed educazione completamente differente perdano ogni diversità di fronte all'amore per i fumetti di Walt Disney. Il documentario illustra il forte, ma poco noto rapporto che c'è stato tra Walt Disney e l'Italia, tra fumettisti, sceneggiatori e registi, primo fra tutti Federico Fellini[1].

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del documentario si sono svolte tra Roma e Milano[2].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il documentario viene trasmesso nelle sale cinematografiche italiane dal 10 al 12 febbraio 2014, allegato al film Saving Mr. Banks, nella sola catena di cinema The Space Cinema, come esclusiva extra[3].

Il film è stato trasmesso in una versione abbreviata della durata di circa 50 minuti sabato 15 febbraio 2014 alle 11.00 su Rai 1. Per gli abbonati a Sky, invece, è stato disponibile sulla piattaforma MySky per qualche giorno nel mese di giugno 2014. Dal 4 giugno invece esce in DVD.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda film su mymovies.it, su mymovies.it. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  2. ^ (EN) Location riprese, su imdb.com. URL consultato il 12 febbraio 2014.
  3. ^ Distribuzione, su documentario.sepuoisognarlopuoifarlo.it. URL consultato il 12 febbraio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]