Maleficent

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maleficent
Maleficent film logo.svg
Logo originale
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2014
Durata 97 min
Rapporto 2,35 : 1
Genere azione, sentimentale, fantastico
Regia Robert Stromberg
Soggetto Charles Perrault, Fratelli Grimm, Joe Rinaldi, Winston Hibler, Bill Peet, Ted Sears, Ralph Wright[1]
Sceneggiatura Linda Woolverton
Produttore Joe Roth
Produttore esecutivo Angelina Jolie, Sarah Bradshaw, Don Hahn, Palak Patel, Matt Smith
Casa di produzione Walt Disney Pictures, Moving Picture Company, Roth Films
Distribuzione (Italia) Walt Disney Pictures
Fotografia Dean Semler
Montaggio Chris Lebenzon, Richard Pearson
Effetti speciali Charlie Graovac
Musiche James Newton Howard
Scenografia Gary Freeman, Dylan Cole
Costumi Anna B. Sheppard
Trucco Charmaine Fuller
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Maleficent è un film del 2014 diretto da Robert Stromberg, al debutto da regista. La protagonista Angelina Jolie, qui anche produttrice esecutiva della pellicola, veste i panni della celebre Malefica, la malvagia strega del mondo Disney.

Il film è il remake/spin-off in live action del classico Disney La bella addormentata nel bosco del 1959, pur discostandosene nella trama. È stato pubblicizzato col titolo Maleficent - Il segreto della bella addormentata.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Angelina Jolie in una scena del film

Nel XIV secolo, Malefica è una bellissima, giovane e buona creatura fatata dalle grandi e possenti ali, che vive in un regno pacifico costituito da una rigogliosa brughiera, in compagnia di creature fantastiche che vivono in simbiosi e in armonia con la natura. Il regno è da anni in conflitto con quello degli umani distante poche miglia.

Un giorno giunge un giovane contadino di nome Stefano. I due prima sono diffidenti l'uno con l'altra, perché Stefano si spinge nella brughiera per cercare di rubare una gemma, ma poi nasce una tenera amicizia che, col passare degli anni, si trasforma in un grande amore, suggellato al sedicesimo compleanno di Malefica con il bacio del vero amore. Tuttavia Stefano sparisce per diversi anni, fa carriera nel regno umano, nel vicino castello di Re Enrico, come dignitario del re.

Nel frattempo, la vita idilliaca di Malefica, divenuta la più potente delle fate ma addolorata per la perdita del suo amato, viene interrotta dall'attacco di un esercito guidato proprio da re Enrico, il quale si rivela essere un sovrano spietato e avido che vuole conquistare la magia e i territori della Brughiera. Malefica, aiutata dalle creature del bosco, combatte strenuamente sconfiggendo l'armata del re e riuscendo a salvare la foresta.

Tornato al castello, il vecchio re Enrico promette ai suoi dignitari, fra i quali c'è anche Stefano, di cedere il trono a colui che ucciderà Malefica. L'ambizioso Stefano, sapendo di poter facilmente portare a termine il compito in quanto amato da Malefica, decide di tentare l'impresa inoltrandosi nella brughiera.

Con la scusa di avvertire Malefica del perfido piano di re Enrico e di voler riallacciare i rapporti con lei, Stefano riesce a riconquistare la fiducia della fata, che passa una dolce notte col suo amato addormentandosi fra le sue braccia. In realtà, Stefano addormenta Malefica con un potente sonnifero per ucciderla ma, incapace di colpirla a morte con un pugnale, decide di privare Malefica delle maestose ali, portandole a re Enrico come prova di aver ucciso la fata. Re Enrico, grato, concede a Stefano la mano della sua unica figlia, la Principessa Leila.

Deceduto l'anziano sovrano, Stefano viene nominato nuovo re mentre Malefica, delusa ed infuriata per il tradimento del suo amato, brama vendetta diventando una perfida e malvagia strega. Erige quindi una barriera di rovi con la sua potente magia per separare la Brughiera dal regno di Stefano ed impedire qualsiasi contatto fra le creature fatate e gli umani.

Intanto nasce la piccola Aurora, figlia di Stefano e della Regina Leila. Malefica viene a saperlo grazie ad una ricognizione fatta da Fosco, il corvo che lei ha salvato da un cacciatore e trasformato in un essere umano, per poi però ritrasformarlo in qualunque creatura serva sue esigenze.

Malefica si presenta dunque alla cerimonia del battesimo e, fra lo stupore generale, scaglia una maledizione contro la piccola Aurora la quale, il giorno del suo sedicesimo compleanno, si pungerà il dito col fuso di un arcolaio e cadrà in un sonno eterno simile alla morte. A nulla servono le suppliche di re Stefano, che implora in ginocchio Malefica di ritirare la sua maledizione.

Malefica decide però di concedere una possibilità all'innocente creatura: il bacio del vero amore potrà svegliarla, questo perché sia Malefica che il re Stefano credono fermamente che in realtà il vero amore non esista.

Re Stefano ordina che tutti gli arcolai del regno vengano sequestrati e bruciati, e dà il compito a tre fatine buone ma pasticcione, Giuggiola, Fiorina e Verdelia, di crescere la principessina in una casetta in un bosco per i successivi 16 anni e un giorno. Con gli anni, la sua ossessione di uccidere Malefica aumenta a dismisura, tanto da farlo diventare pazzo e tormentare i suoi uomini in una lotta senza riposo contro la fata e strega Malefica.

Le tre fatine assolvono al compito affidato loro in maniera totalmente inadeguata e Malefica, un tempo accecata dall'odio e dalla vendetta, lascia che Aurora, che le mostra subito affetto e simpatia, conquisti il suo cuore.

Malefica decide allora di seguire Aurora durante i sedici anni e di correggere tutti gli sbagli fatti dalle fatine, rimanendo però nell'ombra e svelandosi occasionalmente solo alla piccola.

Col tempo Malefica inizia a ricambiare sempre di più l'affetto di Aurora, al punto da tentare di cancellare la maledizione che aveva lanciato, senza però riuscirvi perché, come sancito da lei stessa, nessun potere terreno avrebbe potuto disfare il suo incantesimo, solo il bacio del vero amore.

Nel frattempo, re Stefano, ormai pazzo di paranoia, si siede nel suo castello a parlare con le ali mozzate di Malefica, e addirittura si rifiuta di vedere la sua consorte, la Regina Leila, sul letto di morte.

Arriva dunque la vigilia del sedicesimo compleanno di Aurora, e quando questa dice alle tre fatine - che ella identifica come tre zie - di voler andare a vivere nella Brughiera con la sua "fata madrina" (ossia Malefica, di cui non conosce la vera identità), esse le raccontano tutta la verità. Sconvolta, Aurora ripudia Malefica la quale si sentirà nuovamente abbandonata da qualcuno che amava.

Aurora si dirige al castello di Stefano e questi, senza concedersi nemmeno un istante per l'affetto paterno, ordina di rinchiudere la principessa in una stanza poiché manca solo un giorno all'avverarsi della maledizione. Malefica vuole rimediare al suo errore e decide di salvarla dalla prigionia e dal sortilegio, quindi su consiglio di Fosco conduce Filippo, un giovane principe che ha conosciuto Aurora nella foresta qualche giorno prima, al castello di Stefano per baciare Aurora, nella speranza che sia lui il vero amore.

La ragazza si punge il dito con il fuso di un arcolaio sorto magicamente dai resti di quelli bruciati anni prima da Stefano, sprofondando subito in un sonno profondo. Filippo la raggiunge e la bacia sulle labbra, ma lei non si sveglia in quanto tra loro non vi è il vero amore. Malefica, straziata dal dolore per l'incantesimo da lei stessa evocato, esprime il suo pentimento ad Aurora sapendo di essere in realtà imperdonabile e, dopo averle promesso di ricordarla per sempre, la bacia sulla fronte. Aurora miracolosamente si risveglia provando che quel bacio sulla fronte era segno di vero amore.

Re Stefano viene informato che Malefica si è infiltrata nel castello e si avventa subito su di lei con i suoi soldati per ucciderla. Malefica trasforma Fosco in un drago che, sputando fuoco, getta lo scompiglio nella schiera dei soldati. Mentre questi se la vedono con l'enorme mostro, Malefica combatte con il crudele Stefano il quale si avvale di armi di ferro, unico materiale in grado di arrecar danno ad una fata. Malefica, indebolita dal ferro, sta per soccombere ma Aurora trova e libera le ali che subito tornano ad unirsi alla loro fata. Malefica può così di nuovo volare trascinando Stefano fuori da una finestra. I due finiscono a lottare su un balcone del castello e Malefica, sconfitto Stefano, decide di risparmiarlo. Lui però l'attacca a tradimento alle spalle e la fata, allora, si lascia cadere in volo dalla torre con Stefano che, però, perde la presa sulle ali e precipita schiantandosi al suolo, morendo sul colpo.

Giorni dopo, Aurora va a vivere nella Brughiera con Malefica che nel frattempo è tornata alla sua originale bontà.

La brughiera e il regno degli umani si uniscono e Aurora ne viene proclamata regina. Con grande gioia di Malefica, finalmente regna la pace e l'armonia.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La parte iniziale del film è stata completamente riscritta, con l'aggiunta di scene rigirate dal regista John Lee Hancock[2].

Era stato offerto di produrre il film a Richard D. Zanuck, il quale però è morto prima dell'avvio della fase di produzione della pellicola[3].

Il film è introdotto dalle musiche della cantante Lana Del Rey.

Budget[modifica | modifica wikitesto]

Il budget del film è stato di 180 milioni di dollari[4]. Si tratta del film col budget più alto in assoluto, nella storia del cinema, diretto da un esordiente[5].

Regia[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2010, dopo l'assunzione di Linda Woolverton come sceneggiatrice del film, vari siti riportarono la notizia secondo cui Tim Burton si sarebbe dichiarato interessato a dirigere la pellicola[6]. Tuttavia, nel maggio 2011 abbandonò la regia del film. Ciò spinse la Disney a dover scegliere un nuovo regista: David Yates fu preso in considerazione[7]; David O. Russell entrò in trattative nel giugno 2011 per dirigere il film[8], senza tuttavia firmare alcun accordo; la Disney, infine, tentò di affidare la regia a Darren Aronofsky[9]. Anche Guillermo del Toro si dichiarò interessato a dirigere il film[10]. Nel gennaio 2012 la Disney trovò finalmente un regista: Robert Stromberg, qui alla sua prima esperienza come regista[11].

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Nella breve scena dell'incontro tra Malefica e l'Aurora di cinque anni, la piccola principessa è interpretata da Vivienne, figlia di Angelina Jolie e Brad Pitt. L'attrice ha rivelato che la scelta è stata quasi obbligata visto che sua figlia era l'unica bambina a non aver paura di lei con l'abito della strega.

Riprese e location[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese, iniziate il 13 giugno, sono terminate il 9 ottobre 2012[12] e si sono svolte nel Regno Unito, in parte nei Pinewood Studios[13].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 novembre 2013 viene pubblicato dalla Walt Disney il primo poster ufficiale del film, seguito dalla versione italiana[2].

Il primo trailer è stato diffuso online il 13 novembre 2013[14].

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche italiane dal 28 maggio del 2014, negli Stati Uniti a partire dal 30 maggio.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha avuto grande successo e ha incassato mondialmente 758 410 378 $.[15] In Italia è stato il quarto film con il maggiore incasso del 2014 con 14 024 770 .[16]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2015 la Disney annuncia di aver messo in cantiere il seguito del film, che vedrà nuovamente Linda Woolverton alla sceneggiatura.[20]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Full Cast & Crew, imdb.com. URL consultato il 14 settembre 2014.
  2. ^ a b Una "malefica" Angelina Jolie nel teaser poster italiano di Maleficent!, badtaste.it, 12 novembre 2013. URL consultato il 10 maggio 2014.
  3. ^ (EN) Produzione, imdb.com. URL consultato il 10 maggio 2014.
  4. ^ (EN) Budget, boxofficemojo.com. URL consultato l'8 giugno 2014.
  5. ^ Curiosità, movieplayer.it. URL consultato il 14 settembre 2014.
  6. ^ Linda Woolverton scrive Maleficent, Tim Burton interessato, badtaste.it, 24 marzo 2010. URL consultato il 17 marzo 2014.
  7. ^ (EN) Disney’s ‘Maleficent’ Needs a New Director; Tim Burton No Longer Attached, slashfilm.com, 16 maggio 2011. URL consultato il 17 marzo 2014.
  8. ^ (EN) David O. Russell Circling Disney's 'Maleficent', hollywoodreporter.com, 14 giugno 2011. URL consultato il 10 maggio 2014.
  9. ^ (EN) Scoop! Disney, Warner Bros Courting Darren Aronofsky For Maleficent, Moses, badassdigest.com, 20 maggio 2011. URL consultato il 10 maggio 2014.
  10. ^ Maleficent? Lo dirigerei volentieri! Parola di Guillermo del Toro, everyeye.it, 21 giugno 2011. URL consultato il 10 maggio 2014.
  11. ^ (EN) Disney Sets Robert Stromberg To Helm 'Maleficent', deadline.com, 6 gennaio 2012. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  12. ^ (EN) Riprese, imdb.com. URL consultato il 10 maggio 2014.
  13. ^ (EN) Location, imdb.com. URL consultato il 10 maggio 2014.
  14. ^ (EN) Watch the Trailer for Maleficent, Starring Angelina Jolie!, comingsoon.net, 13 novembre 2013. URL consultato il 10 maggio 2014.
  15. ^ (EN) Maleficent, boxofficemojo.com. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  16. ^ mymovies.it, http://www.mymovies.it/boxoffice/italia/2014/ .
  17. ^ (EN) 2015 Saturn Awards: Captain America: Winter Soldier, Walking Dead lead nominees, ew.com.
  18. ^ Kids Choice Awards 2015: Ecco tutti i vincitori!, su www.gingergeneration.it. URL consultato il 20 aprile 2015.
  19. ^ (EN) Young Artist Awards 2015, su www.youngartistawards.org. URL consultato il 20 aprile 2015.
  20. ^ Maleficent, la Disney progetta il secondo episodio, su comingsoon.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]