Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo
Pirates of the Caribbean 3 Logo.svg
Logo originale
Titolo originalePirates of the Caribbean: At World's End
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2007
Durata168 min
Rapporto2,40:1
Genereavventura, commedia, fantastico
RegiaGore Verbinski
SoggettoTed Elliott, Terry Rossio, Stuart Beattie, Jay Wolpert
SceneggiaturaTed Elliott, Terry Rossio
ProduttoreJerry Bruckheimer
Produttore esecutivoMike Stenson, Chad Oman, Bruce Hendricks, Eric McLeod
Casa di produzioneWalt Disney Pictures, Jerry Bruckheimer Films
FotografiaDariusz Wolski
MontaggioStephen E. Rivkin, Craig Wood
Effetti specialiIndustrial Light & Magic
MusicheHans Zimmer
ScenografiaRick Heinrichs
CostumiPenny Rose
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo (Pirates of the Caribbean: At World's End) è un film del 2007 diretto da Gore Verbinski, terza pellicola della serie di Pirati dei Caraibi. Il film è interpretato da Johnny Depp, Orlando Bloom, Keira Knightley e Geoffrey Rush ed è stato girato insieme al secondo capitolo della serie, Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma.

Il film è uscito il 23 maggio 2007 in Italia e il 25 maggio 2007 negli Stati Uniti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lord Cutler Beckett fa condannare molte persone da lui accusate di pirateria e incarica Davy Jones, ora ai suoi comandi, di distruggere tutte le navi pirata o fuorilegge.

Will Turner, Elizabeth Swann, Hector Barbossa, Joshamee Gibbs e Tia Dalma si recano a Singapore da Sao Feng per ottenere le carte nautiche necessarie per arrivare allo scrigno del malvagio Davy Jones, dentro cui sono intrappolati Jack Sparrow e la Perla Nera. Jack, Barbossa e Feng fanno infatti parte dei nove Pirati Nobili, che dovranno riunirsi per fronteggiare la minaccia della Compagnia delle Indie Orientali.

Mentre i soldati di Beckett attaccano i pirati a Singapore, Will ottiene le carte da Feng, promettendo di cedergli Jack e chiedendo in cambio la Perla Nera, così da poter salvare suo padre Sputafuoco dall'Olandese Volante.

Navigando oltre i confini del Mondo la ciurma raggiunge la dimensione nella quale sono stati intrappolati Jack e Perla Nera attraverso lo scrigno. Sulla via del ritorno, la Perla incontra diverse anime defunte tra cui il padre di Elizabeth nonché Governatore Swann, fatto uccidere da Beckett. Swann rivela loro che chi pugnalerà il cuore di Davy Jones dovrà prendere il suo posto come capitano dell'Olandese Volante e scortare le anime dei morti in mare all'altro mondo.

Riemersi dal limbo attraverso un espediente intuito da Jack, la ciurma viene imprigionata da Sao Feng che si rivela essere sempre stato in accordo con Beckett. Mentre Jack prende tempo per organizzare la sua fuga imbrogliando Beckett, Barbossa convince Feng a ritornare dalla parte dei pirati, sostenendo di poter vincere contro Davy Jones e Beckett liberando la dea Calypso; in cambio, Feng chiede che gli sia consegnata Elizabeth, in quanto crede che sia proprio lei la reincarnazione della dea.

La nave di Feng viene attaccata dall'Olandese Volante e Sao Feng viene colpito da una cannonata; prima di morire, nomina Elizabeth capitano e suo successore tra i nove Pirati Nobili. Ad ogni modo, il nuovo capitano è preso prigioniero da Jones con la sua ciurma. Successivamente James Norrington permette però la loro fuga sulla Perla nera a costo della sua stessa vita (spezzatagli da uno Sputafuoco Bill fuori di sé).

Intanto a bordo della Perla, Jack ha gettato Will in mare con la sua bussola magica, contando che questi si faccia recuperare da Beckett e gle la consegni. Il piano di Jack prevede che la Marina raggiunga la Baia dei Relitti in modo che lui e la Fratellanza dei Pirati possano tendergli un'imboscata. Jack vuole diventare immortale trafiggendo al posto di Will il cuore di Jones. Will potrebbe così ricongiungersi ad un tempo con suo padre e con Elizabeth.

Giunti alla Baia dei Relitti, i Pirati Nobili danno inizio al consiglio. Barbossa propone di liberare Calypso per sconfiggere Beckett, ma Jack sostiene che sia meglio affrontarlo senza la collaborazione della Dea. Secondo il Codice dei Pirati, però, un atto di guerra può essere annunciato solo dal Pirata Re, eletto tramite votazione. Grazie al voto di Jack, Elizabeth diventa il Re dei Pirati.

All'arrivo delle navi nemiche, Elizabeth, Barbossa e Jack incontrano Will, Beckett e Jones su un lembo di terra. Elizabeth ha in mente un piano: Will andrà con loro in modo che possa fornire informazioni sulla flotta nemica, mentre Jack, salendo a bordo dell'Olandese Volante, potrà sabotarli e uccidere Davy Jones pugnalando il suo cuore. Beckett accetta lo scambio. Nonostante il piano, Barbossa libera ugualmente Calypso contando sulla sua benevolenza. Tuttavia la Dea, legata nel profodo a Jones, rifiuta di aiutare i pirati e si dissolve.

La Perla Nera e l'Olandese Volante si scontrano in un maelstrom evocato da Calypso. Durante la battaglia, Will ed Elizabeth si fanno sposare da Barbossa.

Sull'Olandese Volante, nel bel mezzo degli scontri, Jack (che si è liberato dalle segrete della nave in cui era stato rinchiuso) duella con Jones per ottenere il forziere e le chiavi che lo aprono. Jack riesce a prendere il cuore ma Jones trafigge Will con una spada, allora Jack fa in modo che sia Will - morente - a pugnalare il cuore. Davy Jones muore e precipita nel maelstrom, Will diventa capitano dell'Olandese Volante, in quanto ha ucciso il precedente capitano, ed il suo cuore viene posto nel forziere. Elizabeth e Jack si mettono in salvo lasciando Will e la ciurma dell'Olandese al loro destino. Poco dopo, dalle acque del mare, riemerge l'Olandese, ora capitanato da Will. Insieme, l'Olandese e la Perla Nera distruggono l'Endeavour, nave della compagnia delle indie, sconfiggendo finalmente Lord Beckett. A quel punto, le navi della Compagnia si ritirano.

Ora che Will è legato al compito di trasportare le anime dei defunti all'altro mondo per dieci anni prima di poter scendere a terra per un giorno, lui ed Elizabeth consumano il loro matrimonio prima del calare del sole.

Durante una sosta a Tortuga, Barbossa fugge con la Perla Nera, lasciando Jack e Joshamee Gibbs a terra. Jack però - prevedendo il tradimento - è riuscito a sottrarre le carte nautiche e parte alla ricerca della Fonte dell'eterna Giovinezza.

In una scena dopo i titoli di coda, ambientata dieci anni dopo, si vede Elizabeth sulla costa con il figlio; i due insieme guardano sognanti l'orizzonte, quando compare l'Olandese Volante con sopra Will.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Gli effetti speciali del film sono stati curati e realizzati dalla Industrial Light & Magic. La produzione del film è durata più di due anni: è iniziata il 5 gennaio 2005 ed è terminata il 12 aprile 2007.

Nel film è presente anche Keith Richards, chitarrista dei Rolling Stones, che interpreta il ruolo di Capitan Edward Teague, padre di Jack e custode del Codice dei Pirati.

Per la realizzazione del duello finale nel maelstrom tra la Perla Nera e l'Olandese Volante ci sono voluti circa 600 addetti per la costruzione del set e ben tre mesi di riprese che sono state effettuate con la tecnologia Blue Screen all'interno di una grossa vecchia fabbrica di Boeing situata nei pressi della periferia di Los Angeles in California, mentre per gli sfondi che vi sono nella battaglia tra cui la tempesta, il mare e lo stesso maelstrom sono stati creati virtualmente al computer e inseriti in fase di montaggio.

Le riprese del film in generale si sono svolte in gran parte in concomitanza con quelle de La maledizione del forziere fantasma e sono iniziate anche loro il 28 febbraio 2005 come quelle del secondo film che però sono terminate il 23 dicembre 2005; le riprese di "Ai confini del mondo" si sono svolte per la maggior parte nelle Bahamas e nei dintorni, come nei precedenti due film e si sono concluse il 17 marzo 2006, quasi tre mesi dopo quelle del secondo film. A differenza del resto del film che è stato girato interamente ai Caraibi, la scena che appare dopo i titoli di coda è stata ripresa sulle coste dell'Irlanda del Nord. Il budget per la realizzazione del terzo film è il più elevato della saga, ammontando a 300000000 $.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Date di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Il film, come i precedenti due, è stato presentato in anteprima assoluta a Disneyland in Florida, il 19 maggio 2007. Il 23 maggio 2007 regia e cast si sono recati al Disneyland di Tokio per l'anteprima internazionale.

È uscito il 23 maggio 2007 in Italia (in anteprima nazionale il 22 maggio in molti cinema multisala). All'uscita del film nelle sale italiane sono state distribuite più di 1500 copie. Il film venne distribuito nel corso del 2007 con le seguenti date:

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

La Disney ha distribuito il film in DVD negli Stati Uniti d'America il 4 dicembre 2007[2], mentre nel mercato italiano è stato messo in commercio il 21 novembre 2007[3][4]. Il film è uscito in entrambe le nazioni disponibile in edizione disco singolo e disco doppio, il secondo dei quali contiene più di 5 ore di extra. È stata messa inoltre in vendita lo stesso giorno sia l'edizione del film in alta definizione Blu-ray Disc,[5] che la i primi tre film della saga con quattro dischi.[6]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo giorno di programmazione negli Stati Uniti, il 24 maggio, il film ha incassato 13240044 $ segnando un record,[7] battuto nel 2018 da Solo: A Star Wars Story (14,1 milioni).[8]

La Disney a dicembre 2007 ha confermato che il terzo film della saga ha incassato a livello internazionale circa 961000000 $,[9] classificandosi al 4º posto nella classifica dei film più visti nel 2007,[10] mentre è al terzo posto come numero di incassi della serie preceduto dal secondo film ovvero Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma che ha ottenuto un incasso globale di circa 1066179725 $ e dal quarto capitolo Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare che ha incassato 1045713802 $.[11]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

In Cina, Pirati dei Caraibi: ai confini del mondo ha avuto molte critiche e censure per circa 10 minuti di sequenza, soprattutto nella parte iniziale: tra le scene tagliate, quella in cui Sao Feng dice "Benvenuti a Singapore". La critica cinematografica cinese ha criticato l'interpretazione di Chow Yun-Fat, ritenendola di danno all'immagine e alla cultura cinese; inoltre ha contestato la raffigurazione di una Singapore infestata dalla pirateria, affermando che nella realtà a quei tempi la situazione era completamente diversa.

Il film ha ricevuto recensioni contrastanti dalla critica cinematografica. Su Rotten Tomatoes ha una percentuale di gradimento del 44%, basato su 227 recensioni professionali e con un voto medio di 5,46 su 10.[12]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso giorno in cui il film ha debuttato nelle sale europee, è uscito il videogioco ispirato alla storia del film (anche se i livelli iniziali del gioco sono riferiti al secondo film) il gioco è disponibile per PC, PS3, PS2, PSP, Xbox 360, Nintendo Wii e Nintendo DS.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare.

Poco prima dell'uscita del film, è stato annunciato un quarto film intitolato Pirati dei Caraibi - Oltre i confini del mare, con Johnny Depp e Geoffrey Rush che riprendono i ruoli di Jack e Barbossa, ai quali si aggiungono Penélope Cruz, Ian McShane, Stephen Graham, Sam Claflin, Astrid Berges-Frisbey, Richard Griffiths e Óscar Jaenada come Angelica Teach, Barbanera, Scrum, Philip Swift, Serena, Re Giorgio II e dello Spagnolo. Il film è uscito il 18 maggio 2011 in Italia e il 20 maggio 2011 negli Stati Uniti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo, su Box Office Mojo. URL consultato il 19 ottobre 2017. Modifica su Wikidata
  2. ^ Pirates of the Caribbean: At World's End - The Official Movie Site
  3. ^ Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo presto in DVD, su cinema.castlerock.it. URL consultato il 26 settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2008).
  4. ^ Pirati Dei Caraibi - Ai Confini Del Mondo (2 Dvd) - Dvd.it, su dvd.it. URL consultato il 9 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2007).
  5. ^ Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo - blu-ray[collegamento interrotto]
  6. ^ Pirati dei Caraibi - La trilogia - dvd, su dvd.castlerock.it. URL consultato il 24 novembre 2007 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2007).
  7. ^ (EN) Pirates of the Caribbean: At World's End (2007) - Daily Box Office Results - Box Office Mojo, su www.boxofficemojo.com. URL consultato il 22 settembre 2017.
  8. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Solo – a Star Wars Story, anteprime da record giovedì, badtaste.it, 25 maggio 2018. URL consultato il 25 maggio 2018.
  9. ^ Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo - Incassi Italia e USA, su cinema.castlerock.it, 12 gennaio 2008. URL consultato il 22 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2008).
  10. ^ (EN) 2007 Yearly Box Office Results - Box Office Mojo, su www.boxofficemojo.com. URL consultato il 22 settembre 2017.
  11. ^ (EN) Pirates of the Caribbean Movies at the Box Office - Box Office Mojo, su www.boxofficemojo.com. URL consultato il 22 settembre 2017.
  12. ^ https://www.rottentomatoes.com/m/pirates_of_the_caribbean_3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema