Carl Attrezzi e la luce fantasma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carl Attrezzi e la luce fantasma
Cricchetto cortometraggio.png
Cricchetto inseguito dal Semaforo Fantasma
Titolo originaleMater and the Ghostlight
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2006
Durata7 min
Rapporto2,35:1
Genereanimazione, commedia, orrore, avventura
RegiaJohn Lasseter, Dan Scanlon
ProduttoreMark Nielsen
MusicheBruno Coon
Brad Paisley (Behind the Clouds)
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Carl Attrezzi e la luce fantasma (Mater and the Ghostlight) è un cortometraggio prodotto dalla Pixar Animation Studios. È un diretto spin-off del film Cars - Motori ruggenti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il malandato autocarro-meccanico Carl Attrezzi, detto Cricchetto, ha compiuto diversi scherzi ai danni dei suoi concittadini veicoli di Radiator Springs. Essi decidono di rendergli pan per focaccia, così lo Sceriffo si inventa una storia terribile basata su una leggenda del luogo: il "Semaforo fantasma". Secondo la leggenda, il semaforo fantasma sarebbe un misterioso globo di luce blu che si aggira sulle strade della zona nelle notti d'estate e fa scomparire nel nulla i veicoli che incontra sul suo percorso. Dopo che Cricchetto, piuttosto intimorito, ha fatto ritorno alla sua abitazione e sta cercando di tranquillizzarsi, Saetta e Guido appendono una lanterna blu al suo gancio. Cricchetto crede di essere inseguito dal semaforo fantasma e si mette a correre spaventato ed a tutta velocità per le strade di Radiator Springs, per poi accorgersi della burla e venire raggiunto dagli amici che lo tranquillizzano, con Doc che gli dice che l'unica cosa di cui aver paura sono le proprie paure e, ovviamente, la Strega Urlante. Il corto termina con Cricchetto, di nuovo solo e impaurito, sovrastato da un'enorme ruspa a cui raccomanda di fare attenzione alla Strega Urlante, non rendendosi conto che proprio quella è la strega.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]