Lilli e il vagabondo II - Il cucciolo ribelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Lilli e il vagabondo II - Il cucciolo ribelle
film d'animazione direct-to-video
Angel e Zampa in una scena del film
Titolo orig.Lady and the Tramp II: Scamp's Adventure
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
RegiaDarrell Rooney, Jeannine Roussel
ProduttoreJeannine Roussel (produttore), Walt Disney Television Animation, Walt Disney Animation Australia (case di produzione)
SceneggiaturaBill Motz, Bob Roth
Char. designRobert Sledge, Benjamin Balistreri
Dir. artisticaFred Warter, Robert Schaefer
MusicheDanny Troob
1ª edizione27 febbraio 2001
Durata69 min
Editore it.Buena Vista Home Entertainment (distributore)
Genereavventura, musicale, sentimentale

Lilli e il vagabondo II - Il cucciolo ribelle (Lady and the Tramp II: Scamp's Adventure) è un film d'animazione direct-to-video del 2001 diretto da Darrell Rooney e da Jeannine Roussel. Prodotto da Walt Disney Television Animation e Walt Disney Animation Australia, è il sequel del Classico Disney Lilli e il vagabondo (1955).

La storia ruota attorno al figlio di Biagio e Lilli, Zampa (chiamato Lillo in altre opere disneyane), che desidera diventare un cane randagio.

Il film venne distribuito negli Stati Uniti il 27 febbraio 2001 dalla Buena Vista Home Entertainment.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1912, due giorni prima del 4 luglio, Biagio e Lilli hanno quattro figli come nella scena finale del primo film: tre cucciole di nome Annette, Danielle e Colette, simili alla madre ma piuttosto snob e viziate e un cucciolo turbolento e fin troppo indisciplinato di nome Zampa, di aspetto simile al padre. Un giorno,mentre gioca con il figlioletto dei padroni Gianni Caro e Tesoro, Zampa finisce per combinare un disastro in casa e così viene messo in punizione venendo incatenato alla cuccia in cortile. Poco dopo, Biagio va da lui per ricordargli di rispettare le regole della casa, ma il cucciolo rimane fermo sulla sua volontà di essere un cane randagio, libero e senza regole, pur non sapendo nulla del passato di suo padre.

Arrabbiato, Biagio torna in casa, e Zampa rimane incuriosito da un gruppo di cani randagi che si prendono gioco di un accalappiacani. Dopo essersi liberato dalla catena, il cucciolo corre a raggiungerli; arrivato a un vicolo buio, conosce il membro più giovane dei cani randagi, una volpina di nome Angel. Nel frattempo, Lilli si accorge della fuga del figlio e si mette alla sua ricerca insieme a Biagio, Gianni Caro e i vecchi amici Fido e Whisky.

Il giorno successivo, Zampa raggiunge la discarica, dove tenta di unirsi ai cani randagi; il capobanda è Buster, un dobermann, che lo mette alla prova incaricandolo di rubare una lattina a un bullmastiff di nome Reggie. Zampa lo fa e Reggie inizia ad inseguirlo, venendo poi catturato dall'accalappiacani. Buster e gli altri cani rimangono impressionati dalla sua impresa, tanto che uno di loro racconta una storia esagerata su Biagio e su come sia scomparso. Buster smentisce rabbiosamente la storia, raccontando come Biagio, che in passato era un suo vecchio amico, sia scappato con una cagnolina di nome Lilli per diventare un animale domestico. Zampa scopre così del passato del padre, della vita che vorrebbe tanto lui ma che l'ex vagabondo si è lasciato alle spalle.

Quella notte, mentre Zampa e Angel camminano lungo la ferrovia, la volpina rivela che tempo addietro è stata per ben cinque volte una cagnetta domestica, ma è stata sempre abbandonata e si fa promettere da Zampa che non lo dirà mai a Buster. Proprio in quel momento, sopraggiunge un treno e dopo essersi salvati all'ultimo momento, Zampa e Angel si rendono conto che la loro amicizia è sbocciata in amore. Dopo una passeggiata romantica, Zampa e Angel finiscono sulla strada dove abitano Tesoro e Gianni Caro, vedendo la famiglia che sente la mancanza del cucciolo. Quando Zampa li elude, Angel rimane infastidita dal fatto che abbia scelto di vivere per strada piuttosto che in una famiglia amorevole.

Al picnic dell'Indipendenza, Buster capisce che Zampa è imparentato con Biagio, dato che si gratta nel suo stesso modo, così gli ordina di rubare un pollo dal picnic della famiglia. Determinato a dimostrare di essere un cane randagio, ruba il bottino, ma viene scoperto da Biagio, che si confronta con il figlio e gli chiede di tornare a casa. Zampa però rifiuta ancora una volta e sceglie di stare con Buster. Pur essendo deluso, Biagio si mostra disposto a riaccogliere suo figlio in casa se dovesse cambiare idea e così se ne va. Buster dichiara ufficialmente Zampa un cane randagio e perciò gli toglie il collare. Angel rimprovera il suo amico per quello che ha detto a suo padre e gli ricorda che la sua famiglia lo ama, anche se lui continua a non crederci. Dopo che Buster chiede a Zampa se vuole essere un cane domestico, questi, infastidito, si arrabbia e rivela accidentalmente il segreto di Angel. Offesa, lei se ne va, ma Zampa va a cercarla, pregandola di perdonarlo. Nel frattempo Buster, volendo ancora vendicarsi di Biagio, prepara una trappola al cucciolo in modo che, senza collare, venga catturato dall'accalappiacani. Il piano funziona e Zampa, nel retro del furgone dell'accalappiacani, si rende conto che suo padre voleva riportarlo a casa anche per proteggerlo da Buster. Angel lo vede e corre a chiedere aiuto a Biagio.

Arrivato al canile, Zampa viene messo in gabbia proprio con Reggie, che cerca di aggredirlo. Per fortuna,Biagio arriva in tempo e dopo aver sconfitto Reggie,salva il figlio e Angel riesce a sconfiggere l'accalappiacani. Poco prima di tornare a casa, Zampa si scusa con suo padre per essere scappato, e Biagio fa lo stesso per essere stato troppo duro con lui. I due raggiungono la discarica insieme ad Angel, dove Zampa si riprende il suo collare e lasciando Buster intrappolato sotto una montagna di spazzatura. Ispirati da Zampa, gli altri cani randagi vanno a cercare una famiglia. Biagio e Zampa tornano a casa e il cucciolo viene riaccolto con tanto affetto. Inoltre, riesce a convincere Gianni Caro e Tesoro ad adottare Angel.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Zampa (Scamp), il protagonista del film. Uno schnauzer misto, il giocoso ma turbolento figlio di Biagio e Lilli che ha una forte somiglianza con il padre. Detesta il bagno e crede che la vita da cane di strada sia meglio di quella da domestico, ma imparerà che i sogni e la vita reale sono ben diversi tra loro. Nei fumetti pubblicati prima dell'uscita del film era sempre stato chiamato Lillo. È animato da Andrew Collins e doppiato da Scott Wolf. Le sue parti cantate sono interpretate da Roger Bart.
  • Angel, una volpina randagia che una volta era un animale domestico. È l'interesse amoroso di Zampa. È stata un cane di casa per cinque volte, ma è sempre stata abbandonata. Alla fine verrà adottata da Gianni Caro e Tesoro. È animata da Andrew Collins e doppiata da Alyssa Milano. Le sue parti cantate sono interpretate da Susan Egan e Melissa Manchester.
  • Buster, l'antagonista principale del film. Un dobermann leader dei cani randagi e ritiene che chi vive per la strada debba pensare a se stesso. In passato era amico di Biagio, che a suo parere, lo ha abbandonato per andare a vivere in casa. È innamorato di Angel e la considera la sua ragazza, nonostante lei lo odi. Non esita a consegnare Zampa all'accalappiacani pur di vendicarsi di Biagio. È animato da Kevin Peaty e doppiato da Chazz Palminteri. Le sue parti cantate furono interpretate da Jess Harnell.
  • Biagio (Tramp), schnauzer misto padre di Zampa, Annette, Collette e Danielle. Raffigurato come un padre amorevole ma severo, Biagio si è abituato a vivere in casa durante la sua vita come animale domestico, senza far conoscere a Zampa il suo passato. È animato da Lianne Hughes e doppiato da Jeff Bennett.
  • Whisky (Jock) e Fido (Trusty), uno Scottish Terrier e un Chien de Saint Hubert vicini di Lilli e Biagio che si uniscono alla famiglia di Zampa per cercarlo. Anche loro furono doppiati da Bennett.
  • L'accalappiacani, un uomo piuttosto imbranato che insegue i cani randagi, determinato a catturarli ma finisce per essere preso in giro da loro. Si ricorda sempre di Biagio. Si rivela alla fine un uomo senza scrupoli e tenterà di imprigionare sia Zampa che Biagio nonostante quest'ultimo avesse il collare addosso, ma alla fine viene messo fuori combattimento da Angel che lo fa andare contro un muro facendolo svenire. Perfino lui fu doppiato da Bennett.
  • Lilli (Lady), una femmina di Cocker Americano madre di Zampa, Annette, Collette e Danielle. Vede il comportamento di Zampa in una luce più empatica di quanto faccia Biagio. È animata da Lianne Hughes e doppiata da Jodi Benson.
  • Mooch, un Bobtail membro dei cani randagi. È abbastanza infantile ma entusiasta. È animato da Kevin Peaty e doppiato da Bill Fagerbakke.
  • Sparky, un anziano levriero irlandese randagio che conosceva Biagio e che racconta una colorita ma falsa storia su come il vagabondo abbia lasciato i cani randagi. È animato da Kevin Peaty e doppiato da Mickey Rooney.
  • Ruby, una femmina di levriero afgano che fa parte dei cani randagi. È animata da Kevin Peaty e doppiata da Cathy Moriarty.
  • Scratchy, un cane di razza mista membro dei cani randagi che è afflitto da pulci e perdita di pelo. Purtroppo, non parla in questo film.
  • François, un Boston Terrier dall'accento francese. È animato da Kevin Peaty e doppiato da Rob Paulsen.
  • Annette, Danielle e Collette, le sorelle gemelle apparentemente beneducate e cortesi di Zampa, sebbene siano abbastanza scorrette nei confronti di quest'ultimo. Annette porta un collare blu, Danielle porta un collare bianco e Collette porta un collare rosso. Assomigliano molto alla loro mamma e amano alla follia fare il bagno. I loro nomi non sono menzionati nel film, bensì nei titoli di coda, e furono doppiate da Debi Derryberry e Kath Soucie.
  • Gianni Caro (Jim Dear) e Tesoro (Darling), i padroni di Lilli, Biagio e dei loro cuccioli, doppiati rispettivamente da Barbara Goodson e Nick Jameson.
  • Junior, il figlio di Tesoro e Gianni Caro, molto legato a Zampa. Egli fu doppiato da Andrew McDonough.
  • Zia Sara (Aunt Sarah), la zia di Junior e proprietaria di Si e Am, doppiata da Tress MacNeille.
  • Si e Am, due gatte siamesi. In questo film hanno un ruolo molto più marginale che nel film precedente, e furono doppiate rispettivamente da Mary Kay Bergman (nel suo ultimo ruolo perché essa si era suicidata nel 1999) e Tress MacNeille.
  • Tony e Joe, proprietario e cuoco del ristorante italiano. In questo film fanno solo delle brevi apparizioni, anche se sono doppiati rispettivamente da Jim Cummings e Michael Gough.
  • Reggie, un bullmastiff estremamente feroce e molto grande. Viene catturato e rinchiuso al canile dove, quando Zampa viene rinchiuso, attacca. A differenza degli altri cani, neanche lui parla, però emette solo versi, forniti da Frank Welker.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore originale Doppiatore italiano
Zampa (Scamp) Scott Wolf (dialogo)
Roger Bart (canto)
Daniele Raffaeli (dialogo)
Claudio Basili (canto)
Angel Alyssa Milano (dialogo)
Susan Egan (canto #1)
Melissa Manchester (canto #2)
Domitilla D'Amico (dialogo)
Miriam Calzolari (canto)
Buster Chazz Palminteri (dialogo)
Jess Harnell (canto)
Roberto Draghetti (dialogo)
Augusto Giardino (canto)
Biagio (Tramp) Jeff Bennett Mauro Gravina (dialogo)
Luca Velletri (canto)
Lilli (lady) Jodi Benson Paola Valentini (dialogo)
Renata Fusco (canto)
Whisky (Jock) Jeff Bennett Vincenzo Ferro
Fido (Trusty) Jeff Bennett Riccardo Garrone
Mooch Bill Fagerbakke Neri Marcorè
Sparky Mickey Rooney Mario Milita
Francois Bronson Pinchot Massimo Rinaldi
Ruby Cathy Moriarty Cristina Grado
Accalappiacani Jeff Bennett Mino Caprio
Annette Debi Derryberry Perla Liberatori
Collette Kath Soucie Milva Bonacini
Danielle Kath Soucie Marinella Montanari
Tony Jim Cummings Mirko Pontrelli
Gianni Caro (Jim Dear) Nick Jameson [1] Massimo Rossi
Tesoro (Darling) Barbara Goodson Susanna Javicoli

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio italiano del film venne eseguito dalla Royfilm e diretto da Leslie La Penna su dialoghi di Manuela Marianetti, mentre i testi delle canzoni sono di Ermavilo. Rispetto al ridoppiaggio del Classico originale, Lilli e il vagabondo, effettuato nel 1997 vennero cambiati alcuni membri del cast, in particolare le celebrità pesantemente criticate per la loro inesperienza in materia di doppiaggio. I cambiamenti sono i seguenti:

Nell'edizione italiana il protagonista viene chiamato Zampa, nonostante lo stesso personaggio fosse stato chiamato Lillo nelle numerose storie a fumetti in cui era apparso in precedenza.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

VHS[modifica | modifica wikitesto]

La prima e unica edizione VHS del film uscì in Italia il 28 febbraio 2001, insieme alla prima edizione DVD.

DVD[modifica | modifica wikitesto]

La prima edizione DVD uscì in Italia il 28 febbraio 2001, insieme all'edizione VHS. Il DVD venne ristampato il 28 giugno 2006. La seconda edizione DVD è uscita il 1º febbraio 2012, insieme alla prima edizione BD.

Blu-ray[modifica | modifica wikitesto]

La prima edizione BD è uscita il 1º febbraio 2012, insieme alla seconda edizione DVD. Il formato del film è stato cambiato in 1.78:1. Sono stati inclusi alcuni contenuti della prima edizione DVD insieme ad altri nuovi.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ricevette critiche discordanti, guadagnando un punteggio "rotten" del 45% su Rotten Tomatoes, basato su 11 recensioni, con una valutazione di 5,8.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]