Lillo (Disney)

From Wikipedia
Jump to navigation Jump to search
Lillo
UniversoDisney
Nome orig.Scamp
Lingua orig.Inglese
AutoreDel Connell
DisegniAl Hubbard
1ª app.1955
1ª app. inLilli e il vagabondo
Ultima app. inLilli e il vagabondo II - Il cucciolo ribelle
Editore it.Mondadori Fino al 1988
Voce orig.Scott Wolf Lilli e il vagabondo II - Il cucciolo ribelle
Voce italianaDaniele Raffaeli Lilli e il vagabondo II - Il cucciolo ribelle
Speciecane
SessoMaschio

Lillo (in originale Scamp, conosciuto in iItalia anche come Zampa) è un personaggio immaginario della Disney, apparso per la prima volta nel finale del classico Disney del 1955 Lilli e il vagabondo come figlio dei due protagonisti. Successivamente è stato protagonista di una serie di storie a fumetti pubblicate dal 1955 al 1988 e del film di animazione del 2001 Lilli e il vagabondo II - Il cucciolo ribelle, sequel del classico Disney.

Storia editoriale[edit | edit source]

Nella scena finale del film, i cani hanno una cucciolata, tra cui tre femmine che assomigliano a Lilli, e un maschio irrequieto che assomiglia al padre[1]. I cuccioli non sono nominati nel film e appaiono solo in una scena, ma poi la King Features Syndicate produsse una striscia a fumetti pochi mesi dopo l'uscita del film, con protagonista il cucciolo maschio.

La serie a strisce giornaliere venne pubblicata per più di 30 anni, dal 31 ottobre 1955 al 25 giugno 1988; la serie di tavole domenicali esordì pochi mesi dopo, il 15 gennaio 1956.[2]

Per i primi otto mesi la serie venne scritta da Ward Greene, autore e curatore editoriale della King Features Syndicate, il cui cortometraggio del 1945, Happy Dan, the Cynical Dog, contribuì allo sviluppo della trama di Lilli e il vagabondo. Lo storico della Disney Jim Fanning osserva che Scamp è probabilmente "l'unica striscia scritta dall'autore originale dell'opera da cui è nata".[3]] Greene insieme al disegnatore Dick Moores realizzarono la serie caratterizzandola da una certa continuity ma meno di un anno dopo, vennero sostituiti da nuovi autori che realizzarono la serie come tavole e strisce auto-conclusive.[4]

Nella striscia, il personaggio vive nel cortile di casa di Jim Dear e Darling con sua madre, il padre e tre fratelli, due sorelle di nome Fluffy e Ruffy e un fratello chiamato Scooter. La famiglia è spesso visitata dai loro amici canini, Jock the Scottish Terrier, Trusty il segugio, Boris, Bull, Pedro il Chihuahua e Peg. Nelle prime sequenze, gli umani apparivano nella striscia, ma quando divennero auto conclusive, l'unico essere umano ad apparire regolarmente era Albert, un ragazzino che era considerato il padrone di Scamp. Altri animali che appaiono nella striscia includono Squeeky il topo, Tiny il bassotto, Cheeps the bluejay, Shakey the chipmunk, Quacky the duck e Bloopy the bulldog.[1]

Come fumetto in formato comic book il personaggio esordì nella serie Four Color, n. 703, edito dalla Dell Comics nel maggio 1956; seguì una serie dedicata pubblicata per 16 numeri fino a dicembre 1960. Una seconda serie venne poi pubblicata da Gold Key Comics nel 1967 per 45 numeri edita fino a gennaio 1979.

In Italia le storie di Lillo sono state regolarmente pubblicate su Topolino. Il personaggio è apparso anche su alcune copertine (n.1055, n.1110).

Filmografia[edit | edit source]

Oltre al film d'esordio, il personaggio, rinominato Zampa nell'edizione italiana, è stato protagonista nel 2001 del lungometraggio animato Lilli e il vagabondo II - Il cucciolo ribelle, prodotto da Walt Disney Television Animation[5][6].

Note[edit | edit source]

  1. ^ a b Alberto Becattini, Disney Comics: The Whole Story, Theme Park Press, 2016, p. 26-27, ISBN 978-1-68390-017-7.
  2. ^ Allan Holtz, American Newspaper Comics: An Encyclopedic Reference Guide, Ann Arbor, The University of Michigan Press, 2012, p. 342-343, ISBN 978-0-472-11756-7.
  3. ^ Jim, Jim Fanning's Tulgey Wood: That Lovable Little Scamp, su jimattulgeywood.blogspot.com.
  4. ^ Markstein, Don. "Scamp," Toonopedia. Archived from the original on February 23, 2017.
  5. ^ Lilli e il vagabondo II - Il cucciolo ribelle, su Cinematografo. URL consultato il 7 ottobre 2019.
  6. ^ 60 anni fa usciva in Italia 'Lilli e il vagabondo' /Video, su Adnkronos. URL consultato il 7 ottobre 2019.

Collegamenti esterni[edit | edit source]