Principe azzurro cercasi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principe azzurro cercasi
Titolo originale The Princess Diaries 2: Royal Engagement
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2004
Durata 109 min
Colore colore
Audio Dolby Digital 5.1
Rapporto 16 : 9 (1,85 : 1)
Genere commedia, sentimentale
Regia Garry Marshall
Soggetto Meg Cabot
Sceneggiatura Shonda Rhimes
Produttore Debra Martin Chase
Whitney Houston
Mario Iscovich
Fotografia Charles Minsky
Montaggio Bruce Green
Musiche John Debney
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Principe azzurro cercasi (The Princess Diaries 2: Royal Engagement) è un film del 2004 diretto da Garry Marshall, seguito di Pretty Princess del 2001.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mia, ormai diventata una splendida giovane donna, è pronta ad assumere il ruolo di principessa di Genovia. Tuttavia, non appena trasferitasi a palazzo insieme alla saggia nonna, la regina Clarisse, scopre che i suoi giorni da principessa sono contati: dovrà infatti sostituire, immediatamente, il diadema per indossare la corona. Mia si trova a dover fare i conti con le leggi di Genovia, stando alle quali ogni principessa deve essere sposata prima di poter essere incoronata; ciò significa gestire una sfilza di pretendenti che sarebbero ben lieti di diventare i suoi re. Lei conosce Andrew e dopo un anello via al fidanzamento. Intanto il Visconte Mabrey, che da tempo ambisce al trono reale, spinge suo nipote Nicholas Deveraux a conquistare Mia per poter poi scalzarla dal trono e ottenere finalmente il potere per la sua famiglia. Ma il giovane Nicolas si innamora di Mia. La cosa è reciproca. Nel frattempo Mia riesce a convincere il parlamento di poter diventare regina anche senza un marito, dopo un lungo discorso il parlamento approva. Mia diventa regina senza essersi sposata ma si fidanza con Nicolas, il quale si è rifiutato di diventare re per lasciare il trono a Mia, la donna che ama.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema