Andrew Scott (attore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrew Scott

Andrew Scott (Dublino, 21 ottobre 1976) è un attore irlandese.

È conosciuto soprattutto per il ruolo di Paul McCartney nella serie televisiva della BBC Lennon Naked - Essere John Lennon, e per il ruolo del Professor Moriarty nella serie televisiva Sherlock.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dichiaratamente omosessuale, Scott debutta come attore a diciassette anni nel film irlandese Korea. Dopo aver fatto una piccola parte nel film di Steven Spielberg Salvate il soldato Ryan, ha lavorato con il produttore teatrale Karel Reisz in Long Day's Journey into Night per il quale è risultato il miglior attore dell'anno ricevendo un Independent/Spirit of Life Awards e una nomination all'Irish Times Award come attore non protagonista.

Scott appare nel piccolo ruolo di Michael Blodgett nel film Nora con Ewan McGregor e in un adattamento televisivo di The American di Henry James insieme a Diana Rigg e Matthew Modine, per poi debuttare a teatro a Londra in Dublin Carol di Conor McPherson con Brian Cox al Royal Court Theatre. Fece poi parte del cast della tragedia Longitude, vincendo il British Academy Television Awards come miglior attore non protagonista nel 2012 per Sherlock, e della pluripremiata miniserie della HBO Band of Brothers - Fratelli al fronte. Nel 2017 interpreta Amleto prima all'Almeida Theatre e poi all'Harold Pinter Theatre.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Brighton Beach Memoirs, di Neil Simon, regia di Rita Tieghe. Andrew's Lane Studio di Dublino
  • Sei personaggi in cerca d'autore, da Luigi Pirandello, regia di John Crowley. Abbey Theatre di Dublino (1996)
  • Una donna senza importanza, di Oscar Wilde, regia di Ben Barnes. Abbey Theatre di Dublino (1996)
  • Le nozze di Figaro, da Pierre-Augustin de Beaumarchais, regia di Brian Brady. Abbey Theatre di Dublino (1996)
  • Occidente solitario, di Martin McDonagh, regia di Gary Hines. Druid Lane Theatre di Galway (1998)
  • Lungo viaggio verso la notte, di Eugene O'Neill, regia di Karel Reisz. Gate Theatre di Dublino (1998)
  • Dublin Carol, di Conor McPherson, regia di Ian Rickson. Old Vic e Royal Court Theatre di Londra, Gate Theatre di Dublino (2000)
  • The Secret Fall of Constance Wilde, di Thomas Kilroy, regia di Patrick Mason. Abbey Theatre di Dublino e Barbican Centre di Londra (2000)
  • The Coming World, di Christopher Shinn, regia di Mark Brickman. Soho Theatre di Londra (2001)
  • Crave, di Sarah Kane, regia di Vicky Featherstone. Royal Court Theatre di Londra (2001)
  • The Cavalcaders, di Billy Roche, regia di Robin LeFevre. Yvonne Armand Theatre di Guildford e Theatre Royal di Bath (2002)
  • Original Sin, scritto e diretto da Peter Gill. Crucible Theatre di Sheffield (2002)
  • Playing the Victim, di Oleg e Vladimir Presnyakov, regia di Richard Wilson. Tour britannico (2003)
  • A Girl in a Car with a Man, di Rob Evans, regia di Joe Hill-Gibbins. Royal Court Theatre di Londra (2004)
  • Aristocrats, di Brian Friel, regia di Tom Cairns. National Theatre di Londra (2005)
  • Dying City, di Christopher Shinn, regia di James McDonald. Royal Court Theatre di Londra (2006)
  • The Vertical Hour, di David Hare, regia di Sam Mendes. Music Box Theatre di Broadway (2006)
  • Sea Wall, di Simon Stephens, regia di George Perrin. Bush Theatre di Londra (2009)
  • Roaring Trade, di Steve Thompson, regia di Roxana Silbert. Soho Theatre di Londra (2009)
  • Pencil, di David Nicchols, regia di Douglas Hodge. Old Vic di Londra (2009)
  • Cock, di Mike Bartlett, regia di James McDonald. Royal Court Theatre di Londra (2009)
  • Design For Living, di Noël Coward, regia di Anthony Page. Old Vic di Londra (2010)
  • Cesare e il Galileo, di Henrik Ibsen, regia di Jonathan Kent. National Theatre di Londra (2011)
  • Voci di famiglia e Victoria Station, di Harold Pinter, regia di Edward Stambollouian. Trafalgar Studios di Londra (2013)
  • Sea Wall, di Simon Stephens, regia di George Perrin. National Theatre di Londra (2013)
  • Birdland, di Simon Stephens, regia di Carrie Cracknell. Royal Court Theatre di Londra (2014)
  • Sea Wall, di Simon Stephens, regia di George Perrin. Theatre Festival di Dublino (2015)
  • The Dazzle, di Richard Greenberg, regia di Simon Evans. Found111 di Londra (2015)
  • Amleto, di William Shakespeare, regia di Robert Icke. Almeida Theatre e Harold Pinter Theatre di Londra (2017)
  • Il divo Garry, di Noël Coward, regia di Matthew Warchus. Old Vic Theatre di Londra (2019)

Doppiatori Italiani[modifica | modifica wikitesto]

Come doppiatore è sostituito da:

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

BBC Audio Drama Awards
  • 2012 – Best Supporting Actor per Referee
  • 2013 – Best Actor per Betrayal
British Academy Television Awards
  • 2012 – Miglior attore non protagonista per Sherlock
British Independent Film Awards
  • 2014 – Miglior attore non protagonista per Pride
Drama League Award
  • 2006–2007 – Candidatura per la miglior performance per The Vertical Hour
Festival internazionale del cinema di Berlino
  • 2004 – Shooting Stars Award
Irish Film and Television Award
  • 2003 – Miglior attore protagonista per Dead Bodies
  • 2014 – Candidatura per il miglior attore protagonista per The Stag - Se sopravvivo mi sposo
  • 2013 – Miglior attore non protagonista televisivo per Sherlock
  • 2015 – Candidatura per il miglior attore non protagonista per Pride
Irish Times Theatre Awards
  • 1998 Candidatura per Best Supporting Actor per Lungo viaggio verso la notte
Laurence Olivier Awards
  • 2005 – Outstanding Achievement in an Affiliate Theatre per A Girl in a Car with a Man

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN51480987 · ISNI (EN0000 0001 1963 8010 · LCCN (ENno2007134455 · GND (DE1023785188 · BNF (FRcb16160677n (data) · WorldCat Identities (ENno2007-134455