Band of Brothers - Fratelli al fronte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Band of Brothers" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Band of Brothers (disambigua).
Band of Brothers - Fratelli al fronte
Band of Brothers - titoli.jpg
Immagine tratta dalla sigla della miniserie
Titolo originaleBand of Brothers
PaeseStati Uniti d'America
Anno2001
Formatominiserie TV
Generedi guerra, biografico, drammatico
Puntate10 Modifica su Wikidata
Durata60 min (puntata)
603 min (totale)
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
SoggettoBanda di fratelli di Stephen Ambrose
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
MusicheMichael Kamen
ProduttoreSteven Spielberg, Tom Hanks, HBO
Prima visione
Prima TV originale
Dal9 settembre 2001
Al4 novembre 2001
Rete televisivaHBO
Prima TV in italiano
Dalgennaio 2003
Alfebbraio 2003
Rete televisivaRete 4
Opere audiovisive correlate
SeguitiThe Pacific

Band of Brothers - Fratelli al fronte (Band of Brothers) è una miniserie televisiva statunitense in 10 puntate prodotta da Steven Spielberg e Tom Hanks con la partecipazione della rete HBO nel 2001.

La miniserie è stata ispirata dal libro del 1992 Banda di fratelli (Band of Brothers: E Company, 506th Regiment, 101st Airborne from Normandy to Hitler's Eagle's Nest), scritto dallo storico Stephen Ambrose, che ha anche partecipato alla produzione in qualità di consulente.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ambientata durante la seconda guerra mondiale (precisamente dal 1942 al 1945), la miniserie segue le vicende della Compagnia Easy del 2º Battaglione, 506º Reggimento di Fanteria Paracadutista, 101ª Divisione Aviotrasportata dell'esercito degli Stati Uniti, partendo dal loro addestramento a Camp Toccoa, passando per la loro assegnazione al fronte europeo e seguendo i combattimenti fino alla fine della guerra.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La miniserie è tratta dalla omonima pubblicazione di Stephen Ambrose, autore anche di D-Day, il libro che ha fornito lo spunto per la realizzazione del film Salvate il soldato Ryan, di cui Ambrose è stato anche consulente storico. La scomparsa nel 2002 dello scrittore ha messo fine al trinomio Spielberg-Hanks-Ambrose che, visto gli ottimi lavori realizzati in sinergia, prometteva un terzo capitolo degno dei due precedenti.

Il titolo della miniserie, e del libro dalla quale è tratta, è preso da un passo dell'Enrico V di William Shakespeare (atto IV, scena 3). La miniserie è stata interamente girata in Gran Bretagna e si stima che sia costata 120 milioni di dollari[senza fonte].

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Accuratezza storica[modifica | modifica wikitesto]

In alcune puntate (3ª, 4ª e 6ª) si vedono entrare in azione diversi tipi di mezzi corazzati tedeschi, ma non si tratta di mezzi autentici, che sono molto difficili da reperire, bensì sono il risultato di un grosso lavoro di trasformazione attuato, dai tecnici della produzione, su veicoli di più facile reperibilità.

Il Panzer VI Tiger I è stato realizzato su un T-34/85 sovietico (si tratta probabilmente dello stesso usato in Salvate il soldato Ryan), il semovente Sturmgeschütz III è stato ricavato modificando un FV-432 APC inglese, il cacciacarri Jagdpanzer V Jagdpanther è stato ricavato da un T-54/55 sovietico; il semicingolato Sd.Kfz. 251 è un OT-810 cecoslovacco, molto simile al modello tedesco, a cui sono state dipinte le croci di ferro sulle fiancate.

Nel terzo episodio della serie il sergente Albert Blithte è gravemente ferito e al termine dell'episodio viene detto che morì nel 1948, non riprendendosi mai né fisicamente né psicologicamente dalle sue ferite. In realtà il sergente combatté anche in Olanda e a Bastogne, sopravvisse alla guerra e continuò la carriera militare. Morì in Germania Ovest per un ulcera perforante nel 1967.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Puntate di Band of Brothers - Fratelli al fronte.

La miniserie è andata in onda sul canale statunitense HBO dal 9 settembre al 4 novembre 2001. In Italia è stata trasmessa in chiaro da Rete 4 dal 16 gennaio al 14 febbraio 2003, e successivamente dal canale satellitare Duel TV a partire dal 22 aprile 2004. Nel 2013 viene messa in onda da Rai Movie in seconda serata domenicale.

Inserto speciale: We Stand Alone Together[modifica | modifica wikitesto]

Ogni puntata inizia con un commento dei veterani della seconda guerra mondiale, tratto da We Stand Alone Together, un documentario diretto da Mark Cowen con interviste ai reduci della compagnia Easy. Nel sesto DVD della miniserie HBO si trovano inoltre inserti speciali sul making of di Band of Brothers ed un diario video di Ron Livingston (Lewis Nixon) sull'addestramento degli attori.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ha ricevuto 19 nomination agli Emmy Award e ne ha vinti 6. Inoltre ha vinto un Golden Globe come miglior mini-serie o film per la televisione (2002) e un premio dell'American Film Institute.

Progetti analoghi[modifica | modifica wikitesto]

La serie può essere considerata a tutti gli effetti come uno spin-off del film Salvate il soldato Ryan che aveva Spielberg come regista e Hanks come protagonista.[senza fonte]

Nel 2010 gli stessi creatori di Band of Brothers (Steven Spielberg, Tom Hanks, Gary Goetzman), hanno prodotto un'altra miniserie di 10 puntate chiamata The Pacific, incentrata sugli avvenimenti della Guerra del Pacifico.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN180880135 · LCCN: (ENno2002101270