James McAvoy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James McAvoy al Festival di Cannes 2014

James Andrew McAvoy (Port Glasgow, 21 aprile 1979) è un attore scozzese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Port Glasgow, in Scozia, figlio di Elizabeth (nata Johnstone), un'infermiera, e James McAvoy, un muratore, i suoi genitori divorziarono quando aveva sette anni, e quindi visse con i nonni materni, Mary e James Johnstone, a Drumchapel, un quartiere di Glasgow. Sua madre visse con loro a fasi alterne, mentre tuttora non ha contatti con il padre, interrotti quando aveva 13 anni. Visse un periodo di incertezza nelle decisioni sul proprio futuro da adolescente, volendo prima divenire missionario e successivamente arruolarsi nella Marina britannica. Ha studiato alla St. Thomas Aquinas di Glasgow, una scuola cattolica, e si è laureato alla Royal Scottish Academy of Music and Drama: per mantenersi agli studi ha lavorato anche come panettiere.

Il fascino della recitazione lo attrasse però a sé, e nel 1995 debuttò in una pellicola cinematografica con The Near Room, diretto da David Heyman. Il primo ruolo che gli permette di ottenere un'ampia visibilità è però quello del fauno Tumnus in Le cronache di Narnia - Il leone, la strega e l'armadio diretto da Andrew Adamson, nel 2005. Nell'anno successivo, il 2006, arrivano le prime conferme riguardanti il suo talento: vince un BAFTA come rivelazione dell'anno (Rising Star Award), oltre ad essere nominato per la sua interpretazione in L'ultimo re di Scozia. L'anno successivo interpreta il ruolo di Tomas Lefroy, nel film Becoming Jane - Il ritratto di una donna contro.

Ed è il 2007 l'anno che lo consacra definitivamente come uno dei più promettenti attori della sua generazione, grazie al ruolo di Robbie Turner nel film Espiazione[1] di Joe Wright, tratto dall'omonimo romanzo di Ian McEwan, ruolo che gli vale la sua prima candidatura ai Golden Globe 2008 come miglior attore in un film drammatico. In seguito affianca Angelina Jolie in Wanted - Scegli il tuo destino (2008).

Nel 2009 torna a teatro con la pièce teatrale Three Days of Rain di Richard Greenberg, riscuotendo buon successo di critica e pubblico e rappresentando lo spettacolo per più di 4 mesi in uno dei più frequentati teatri londinesi, l'Apollo Theatre. Nel 2011 McAvoy interpreta un giovane Charles Xavier nel film X-Men - L'inizio di Matthew Vaughn, personaggio che torna ad interpretare anche nel sequel X-Men - Giorni di un futuro passato. Un ulteriore seguito, intitolato X-Men - Apocalisse, è uscito nel 2016.[2]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2006 sposa l'attrice Anne-Marie Duff (di 9 anni più grande), conosciuta sul set della serie televisiva Shameless. Nel giugno del 2010 la coppia ha avuto un figlio, Brendan[3]. Nel maggio 2016 la coppia annuncia la loro separazione.[4]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Golden Globe

Premio BAFTA

British Independent Film Awards

Festival di Cannes

  • 2007 - Trofeo Chopard alla rivelazione maschile

Empire Awards

MTV Movie Awards

Satellite Award

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, James McAvoy è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cinema Venezia: "espiazione" di j.wright inaugura 64.edizione, agi.it, 15 giugno 2007. URL consultato il 14 maggio 2015.
  2. ^ X-Men: Apocalisse – Jennifer Lawrence e James McAvoy in una nuova clip, cinematographe.it, 14 maggio 2016. URL consultato il 14 maggio 2016.
  3. ^ (EN) James McAvoy's confusion, The Times of India, 1º giugno 2011. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  4. ^ James McAvoy e Anne-Marie Duff divorziano dopo 10 anni di matrimonio, universalmovies.it, 14 maggio 2016. URL consultato il 14 maggio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN85792902 · LCCN: (ENno2006041480 · ISNI: (EN0000 0001 1681 5851 · GND: (DE132748134 · BNF: (FRcb15567418t (data)