Roberto Chevalier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Chevalier nel 1984

Roberto Chevalier Di Miceli (Roma, 14 maggio 1952) è un attore, doppiatore, direttore del doppiaggio e dialoghista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attivo sin da bambino nel cinema e soprattutto in televisione, a 9 anni diede la voce a Lucky nel lungometraggio della Walt Disney La carica dei 101 e a 13 anni divenne noto al grande pubblico impersonando il giovane David Copperfield nell'omonimo sceneggiato televisivo della Rai.

Ha doppiato molti attori internazionali, tra cui Tom Cruise, Tom Hanks, John Travolta, Andy García, Dennis Quaid, Kurt Russell e molti altri.

Nel 1989, con il doppiaggio di Rain Man - L'uomo della pioggia, Chevalier diventò il doppiatore ufficiale di Tom Cruise. Nel 2005, però, fu sostituito da Riccardo Rossi nei film La guerra dei mondi e Mission: Impossible III: nel 2007 è tornato ad essere la voce ufficiale dell'attore.

Chevalier è anche direttore del doppiaggio e dialoghista delle serie tv CSI: Scena del crimine, CSI: Miami e CSI: NY ed ha partecipato, come attore, alla terza e alla quarta stagione di Distretto di polizia. È stato direttore di doppiaggio di circa 100 film, tra i quali Moulin Rouge!, La cena dei cretini, Ma mère, L'apparenza inganna, Juno, Transamerica, Little Miss Sunshine, The Core, Blade e Il grande match.

Nel luglio 2006 ha vinto il premio Leggio d'oro per la miglior interpretazione maschile dell'anno per il doppiaggio di Tom Hanks in Il codice Da Vinci.[1]

Dal 2001 è compagno della doppiatrice Elena Morara; il figlio David Chevalier è doppiatore a sua volta.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Roberto Chevalier a 11 anni nel film I terribili 7 del 1963

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Film cinema[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Telenovelas[modifica | modifica wikitesto]

Serie animate[modifica | modifica wikitesto]

Prosa televisiva Rai[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John Holmstrom, The Moving Picture Boy: An International Encyclopaedia from 1895 to 1995, Norwich, Michael Russell, 1996, p. 294.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90257345 · SBN IT\ICCU\MODV\266468