X-Men - L'inizio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
X-Men - L'inizio
X-Men - L'inizio.png
Da sinistra: Charles Xavier, Sean Cassidy, Alex Summers, Erik Lehnsherr e Raven Darkholme in una scena del film
Titolo originaleX-Men: First Class
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Regno Unito
Anno2011
Durata131 min
Rapporto2,35:1
Genereazione, fantascienza
RegiaMatthew Vaughn
SoggettoBryan Singer, Sheldon Turner (dai fumetti della Marvel Comics)
SceneggiaturaAshley Miller, Zack Stentz, Jane Goldman, Matthew Vaughn
ProduttoreLauren Shuler Donner, Bryan Singer, Gregory Goodman, Simon Kinberg
Produttore esecutivoStan Lee, Tarquin Pack, Josh McLaglen, Jason Taylor
Casa di produzioneMarvel Entertainment, Bad Hat Harry, Donners' Company, Dune Entertainment, 20th Century Fox
Distribuzione in italiano20th Century Fox
FotografiaJohn Mathieson
MontaggioEddie Hamilton, Lee Smith
MusicheHenry Jackman
ScenografiaRussell De Rozario, Chris Seagers
CostumiSammy Sheldon
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

X-Men - L'inizio (X-Men: First Class) è un film americano del 2011 diretto da Matthew Vaughn, basato sui personaggi dei supereroi di X-Men che appaiono nella Marvel Comics. È il primo film della tetralogia prequel della principale saga cinematografica dedicata agli X-Men, è il quinto episodio girato della serie di film.

La pellicola è stata diretta da Matthew Vaughn e prodotta da Bryan Singer. La storia è ambientata principalmente nel 1962 durante la crisi missilistica cubana, e si concentra sulla relazione tra il professor Charles Xavier (James McAvoy) e Erik Lehnsherr / Magneto (Michael Fassbender), e sull'origine dei loro gruppi - gli X-Men e la Fratellanza dei Mutanti - mentre si occupano dell'Hellfire Club guidato da Sebastian Shaw (Kevin Bacon), che è deciso a dominare il mondo. Il film è interpretato inoltre da Rose Byrne, January Jones, Oliver Platt, oltre a Nicholas Hoult e Jennifer Lawrence che interpretano le versioni giovani di personaggi centrali nella prima trilogia.

La produttrice Lauren Shuler Donner ha inizialmente pensato a un prequel basato sul giovane X-Men durante la produzione di X2; il produttore successivo, Simon Kinberg, ha suggerito alla 20th Century Fox un adattamento della serie a fumetti X-Men: First Class, anche se il film non segue attentamente le vicende del fumetto. Singer, che aveva diretto sia X-Men che X2, è stato coinvolto nel progetto nel 2009, ma poteva solo produrre e co-scrivere First Class a causa di altri progetti. Matthew Vaughn, che in precedenza era legato a X-Men - Conflitto finale e Thor, è diventato il regista e ha anche scritto la sceneggiatura finale con la sua compagna di scrittura Jane Goldman. First Class ha superato un prequel pianificato di Magneto.

Il titolo originale inglese è X-Men - First Class, la pellicola è entrata in produzione nell'agosto 2010, con le riprese principali a dicembre e le riprese aggiuntive terminate nell'aprile 2011, poche settimane prima della première del film nel giugno 2011. Il programma serrato ha rappresentato una sfida per le sei società responsabili degli estesi effetti visivi che includeva set generati al computer e doppi digitali per gli attori. Le sedi comprendevano Oxford, il Mojave Desert e la Georgia, con un lavoro sul palcoscenico svolto sia nei Pinewood Studios che negli stadi 20th Century Fox a Los Angeles. La rappresentazione degli anni '60 si ispira ai film di James Bond del periodo.

X-Men - L'inizio è stato un successo al botteghino, detiene il record di settimo incasso della serie, e ha ricevuto recensioni positive da parte della critica e del pubblico, che hanno elogiato recitazione, sceneggiatura, regia, sequenze d'azione, effetti visivi e spartito musicale. Il successo del film ha generato una serie di sequel incentrati su iterazioni più recenti dei personaggi di X-Men, con X-Men - Giorni di un futuro passato (2014), X-Men - Apocalisse (2016) e X-Men - Dark Phoenix (2019).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

«La pace non è mai stata un'opzione.»

(Erik Lehnsherr)

Polonia, 1944; in un campo di concentramento si trova il misterioso dottor Klaus Schmidt, il quale osserva il giovane Erik Lehnsherr distruggere a distanza un cancello di metallo dopo essere stato separato a forza dai suoi genitori. Nel suo ufficio Schmidt chiede a Erik di replicare l'evento spostando una monetina di metallo. Quando il ragazzo non ci riesce, il dottore uccide sua madre davanti a lui scatenando però l'ira di quest'ultimo. In un attimo distrugge la stanza e uccide due soldati sotto gli occhi divertiti e appagati del dottor Schmidt. Nel frattempo nella contea di Westchester, il giovane telepate Charles Xavier incontra nella sua cucina la mutaforma Raven, felice di aver finalmente incontrato qualcuno "diverso" come lui, Charles la invita a divenire un membro della sua famiglia.

1962; Erik, oramai adulto, dà la caccia ai nazisti sperando di trovare Schmidt per ucciderlo. Intanto in Inghilterra all'Università di Oxford, Charles sta per discutere la sua tesi sulla mutazione genetica. Raven, che vive con lui come una sorella, è alla costante ricerca di attenzioni per essere amata per com'è. A Las Vegas l'agente della CIA Moira MacTaggert segue il colonnello Hendry al Club Infernale dove il colonnello viene addescato dalla telepate Emma Frost, che lo consegna al suo capo Sebastian Shaw; al seguito di Shaw ci sono altri due mutanti, Riptide e Azazel, e questu'ultimo (un mutante teleporta) porta Hendry nella War Room dove il colonnello convince gli Stati Uniti ad installare dei missili nucleari in Turchia. Successivamente Shaw ucciderà Hendry rivelando di essere in realtà il dottor Schmidt e di essere egli stesso un mutante in grado di assorbire energia, grazie a questo potere, infatti, si è mantenuto giovane nel corso degli anni. Moira convince Charles e Raven ad entrare nella CIA; i tre convincono il direttore McCone che i mutanti esistono e che Shaw è una minaccia. Nonostante McCone si rifiuti di reclutare dei mutanti, un misterioso uomo in nero decide di impiegarli nella sua agenzia.

Intanto Erik riesce a rintracciare Shaw e ad attaccarlo ma quest'ultimo fugge a bordo di un sottomarino. Xavier salva Erik in mare e lo introduce alla neonata Divisione X della CIA. Qui i due incontrano Hank McCoy, un giovanissimo scienziato che in realtà è un mutante con i piedi da gorilla. Raven e Hank legano in fretta e quest'ultimo promette alla ragazza di trovare una cura per il loro "problema" ricavandola dal sangue della giovane. Entrambi infatti detestano il proprio aspetto mutante, i piedi animaleschi di Hank e il colore blu della pelle di Raven, convinti che ciò non permetterà mai a persone come loro di integrarsi nella società e dunque avere una vita normale. Per fermare Shaw, Charles ed Erik decidono di reclutare dei mutanti; per questo Xavier usa Cerebro, un dispositivo costruito da Hank in grado di amplificare a dismisura i suoi poteri di telepate fino a farli arrivare a grande distanza. In questo modo Charles può scandagliare la mente di tutte le persone sparse sul globo, quindi localizzare gli altri mutanti. I due reclutano la spogliarellista Angel Salvadore dotata di ali da libellula, il tassista Armando Munoz con capacità elevate di adattamento, Sean Cassidy in grado di emettere onde ultrasoniche e anche Alex Summers, un mutante dai poteri al plasma incontrollabili.

Una volta entrati a far parte del gruppo, ognuno di loro sceglierà il proprio "nome da mutante": Munoz sarà Darwin, Cassidy Banshee, Summers Havok, mentre Raven decide di chiamarsi Mystica. Anche il mutante Logan, in seguito noto come Wolverine, sarà trovato mentre beve in un bar ma, prima che Charles ed Erik possano parlare, li manderà via con modi sgraziati. Quando Emma Frost incontra un generale russo, Erik e Xavier la catturano e la consegnano alla CIA. Nel frattempo Shaw, Riptide e Azazel attaccano la Divisione X uccidendo tutti gli agenti della CIA tranne i giovani mutanti, proponendo loro di schierarsi dalla loro parte. Angel accetta l'invito di Shaw e quando Darwin tenta di farle cambiare idea Shaw lo uccide. Con la Divisione X distrutta, i giovani mutanti si recano nella contea di Westchester nella dimora di Charles. Qui Erik lo convince ad allenare i giovani mutanti per combattere Shaw ad armi pari. Intanto Hank prepara la cura per lui e Raven, ma quest'ultima decide di rifiutare in quanto orgogliosa della sua mutazione; poco dopo Raven decide di concedersi ad Erik, l'unico in grado di vedere la sua bellezza.

Intanto Shaw provoca la crisi dei missili di Cuba ed indossa un elmetto costruito dai russi che impedisce a Xavier di entrare nella sua mente. La cura che Hank ha realizzato non lo rende normale come sperava, bensì lo fa tramutare in un mutante blu soprannominato come Bestia. Il gruppo parte a bordo di un jet (simile al Lockheed SR-71) sperimentale e riescono a fermare la guerra nucleare appena in tempo, i mutanti si scontrano davanti alle flotte di entrambe le nazioni. Erik riesce a fronteggiare Shaw e, privatolo dell'elmetto, permette a Xavier d'immobilizzarlo tramite telepatia. Successivamente Erik indossa l'elmetto per far in modo che Charles non entri nella sua testa e uccide Shaw con la monetina che quest'ultimo, tanti anni prima, gli aveva ordinato di far muovere.

Erik spiega ai mutanti che il vero nemico sono gli esseri umani e che sono pronti a fare fuoco su di loro, poco dopo infatti riesce a fermare tutti i missili rivolti contro di loro e li respinge verso le flotte. Nel tentativo di fermarlo Moira gli spara, ma Erik devia tutte le pallottole indirizzandone accidentalmente una verso la schiena di Charles. Xavier dice ad Erik che non sarà mai dalla sua parte, così quest'ultimo decide di andare via con Azazel, Janos e Angel; a lui si unisce anche Raven. Charles fa ritorno nella villa paralizzato e costretto a rimanere sulla sedia a rotelle a vita pronto ad aprire una scuola per giovani dotati che Moira chiama amichevolmente X-Men. Moira promette a Charles di non rivelare mai a nessuno il luogo dove si trovano ma Charles, baciandola, le cancella tutti i ricordi recenti sull'accaduto. Al quartier generale della CIA, Erik, soprannominatosi Magneto come gli avevano suggerito precedentemente i ragazzi, libera Emma Frost chiedendole di unirsi alla sua squadra.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 2006 (un mese prima dell'uscita nei cinema di X-Men - Conflitto finale) lo sceneggiatore Zak Penn rivela di essere stato contattato per scrivere e dirigere uno spin-off sugli X-Men.[1] Nel 2007 Penn annuncia:

«L'idea originale è quella di farmi realizzare uno spin-off sui giovani X-Men. Ma qualcun altro ha trovato un'idea più interessante [...]. È stato Mike Chamoy, che ha lavorato spesso con me, ha lavorato anche a X-Men 3. È arrivato con l'idea di fare un film sui giovani X-Men che non è quello che ti aspetti.[2]»

Nel 2008 Josh Schwartz venne chiamato a scrivere la sceneggiatura.[3] Nel 2009 il posto di regista venne offerto a Bryan Singer, colui che aveva diretto X-Men e X-Men 2[4]; successivamente, un altro spin-off sulle origini di Magneto venne cancellato e Singer decise di incorporare parte della trama nella sceneggiatura del film, che venne rettificata da Jamie Moss[5]. Successivamente Ashley Miller e Zack Stentz rettificarono la sceneggiatura[6]; nel 2010 Singer lasciò la regia del film per impegni trasversali, rimanendo comunque produttore[7]. A maggio 2010 venne annunciato che Matthew Vaughn è il nuovo regista del film e che la data di uscita era fissata per il 3 giugno 2011[8]; Jane Goldman modifica ulteriormente la sceneggiatura[9]. Le riprese del film sono iniziate a Londra a settembre 2010[10].

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • James McAvoy è Charles Xavier/Professor X: un potente telepate che crede nella co-esistenza tra mutanti ed esseri umani. A differenza del Professor X dei precedenti film, anziano, saggio e pacato, McAvoy interpreta un giovane disinibito e donnaiolo, definito «sex pest» ("peste del sesso") dall'attore stesso.[11]
    • Laurence Belcher è Charles Xavier da bambino.
  • Michael Fassbender è Erik Lehnsherr/Magneto: il signore del magnetismo, è di origine ebraica e ha subito gli orrori dell'Olocausto. Il suo scopo è quello di trovare e uccidere Sebastian Shaw, alias Klaus Schmidt, colpevole di aver ucciso sua madre e averlo usato come cavia nel campo di concentramento.
  • Kevin Bacon è Sebastian Shaw: leader del Club Infernale, ha la capacità di assorbire energia e utilizzarla a suo piacimento. Ha ucciso la madre di Erik durante l'Olocausto, e per questo adesso il giovane mutante lo cerca per vendicarsi.
  • Jennifer Lawrence è Raven/Mystica: mutaforma, sorella adottiva di Charles. In numerose scene l'attrice recita completamente nuda, con il corpo dipinto per ottenere l'aspetto del personaggio[12]; per questo motivo Jennifer ha dovuto modellare il proprio corpo con una dieta ferrea e sedute di palestra.[13]
  • January Jones è Emma Frost: telepate, può assumere una forma diamantina. È il braccio destro di Sebastian Shaw. Per il ruolo di Emma Frost era stato precedentemente presa in considerazione l'attrice Alice Eve.[14] January Jones si è detta entusiasta del gran numero di costumi stravaganti che indossa il suo personaggio, con un vasto assortimento di pellicce, bikini, cappelli e stivali.[15]
  • Rose Byrne è Moira MacTaggert: agente della CIA, collabora con Xavier. Per questo ruolo era stata precedentemente presa in considerazione l'attrice Rosamund Pike.[16]
  • Nicholas Hoult è Hank McCoy/Bestia: scienziato dai piedi scimmieschi. Dopo l'assunzione di un siero tramuterà in una bestia. Per il ruolo di McCoy era stato precedentemente presa in considerazione l'attore di Broadway Benjamin Walker, che rinunciò per potersi dedicare al musical Bloody Bloody Andrew Jackson.[17]
Michael Fassbender e James McAvoy durante un'intervista televisiva.

Camei[modifica | modifica wikitesto]

  • Wolverine, interpretato da Hugh Jackman, appare in una breve sequenza ambientata in un bar.[19]
  • Mystica si tramuta in Rebecca Romijn (interprete del personaggio nella trilogia principale) per alcuni istanti.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La musica del film è composta da Henry Jackman.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. First Class
  1. Not That Sort Of Bank
  2. Frankenstein's Monster
  3. What Am I Thinking
  4. Cerebro
  5. Mobilise For Russia
  6. Rise Up To Rule
  7. Cold War
  8. X-Training
  9. Rage And Serenity
  10. To Beast Or Not To Beast
  11. True Colours
  12. Let Battle Commence
  13. Sub Lift
  14. Coup D'état
  15. Mutant And Proud
  16. X-Men
  17. Magneto

Nella colonna sonora è compresa anche la canzone Love Love della band Take That, suonata nei titoli di coda della pellicola.[20]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 gennaio 2011 è stata resa disponibile la prima foto ufficiale dal film[21]; successivamente, il 20 gennaio, vengono rilasciate ulteriori foto e il teaser poster[22][23]. Il 10 febbraio 2011 viene distribuito online il primo trailer ufficiale[24] insieme ad una nuova foto[25], mentre tra il 1º marzo e il 2 marzo vengono rilasciate nuove foto e poster dalla pellicola.[26][27]

Il 15 marzo 2011 esce un nuovo trailer in lingua russa[28] ed il 21 marzo esce il primo trailer in lingua italiana.[29] Il 28 aprile 2011 è stato pubblicato in esclusiva su Yahoo! il secondo trailer in lingua originale[30], mentre il 10 maggio esce la versione in lingua italiana.[31]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito negli Stati Uniti d'America il 3 giugno 2011[32] mentre in Italia l'8 giugno 2011.[33]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo weekend di proiezione in Nord America il film ha incassato 55 101 604 $.[34] A fronte di un budget di circa 160 milioni di dollari,[35] il film ha incassato in totale 146 408 305 $ in Nord America e 207 215 819 $ nel resto del mondo, di cui 3 982 424 $ in Italia,[36] per un totale globale di 353 624 124 $.[35]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto generalmente critiche positive dalla critica cinematografica. L'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes riporta una percentuale di gradimento del 87% con un voto medio di 7.4 su 10, basandosi su 269 recensioni,[37] mentre il sito Metacritic attribuisce al film un punteggio di 65 su 100 in base a 38 recensioni.[38]

Rapporto con gli altri film della serie[modifica | modifica wikitesto]

  • In una sequenza Xavier menziona all'agente Stryker suo figlio William, che comparirà nel film successivo.
  • Durante la scena di Cerebro appaiono due giovani ragazzi che ricordano Tempesta e Ciclope.[39][40][41]
  • La prima sequenza è identica, fatta eccezione per l'attore che interpreta Magneto da piccolo, al prologo del primo X-Men (2000).

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: X-Men - Giorni di un futuro passato.

Nel 2016 venne annunciato un terzo film della tetralogia prequel: X-Men - Apocalisse. Il film narra come gli X-Men, nel 1983, debbano affrontare il più potente dei mutanti: Apocalisse, il cui unico intento è di distruggere la terra con i suoi quattro cavalieri. Il film è uscito in Italia il 18 maggio 2016, mentre negli Stati Uniti il 27 maggio dello stesso anno.

Nel 2019 viene infine annunciato il quarto film della tetralogia prequel: X-Men - Dark Phoenix. Il film narrerà di come gli X-Men nel 1992, quasi un decennio dopo gli eventi di X-Men - Apocalisse, siano diventati eroi nazionali impegnati in missioni sempre più rischiose. Quando un brillamento solare li colpirà durante una missione di salvataggio nello spazio, Jean Grey perderà il controllo delle sue abilità e scatenerà la Fenice dentro di sé. Stando a quanto dichiarato dalla Fox questo capitolo sarà il conclusivo della saga prequel.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zak Penn on His Potential X-Men Spin-Off. URL consultato il 23 marzo 2011.
  2. ^ Zak Penn Talks X-Men Spin-Off, Incredible Hulk Casting with Cinematical. URL consultato il 23 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2012).
  3. ^ Young X-Men Get Gossip Girl Scribe?. URL consultato il 23 marzo 2011.
  4. ^ Bryan Singer to direct X-Men: First Class. URL consultato il 23 marzo 2011.
  5. ^ X-Men: First Class sostituirà X-Men le Origini: Magneto?. URL consultato il 23 marzo 2011.
  6. ^ Indiside X-Men: First Class[collegamento interrotto]. URL consultato il 23 marzo 2011.
  7. ^ Bryan Singer Producing 'X-Men: First Class'. URL consultato il 26 marzo 2010.
  8. ^ X-Men prequel to open June, 3 2011. URL consultato il 23 marzo 2011 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2012).
  9. ^ More Kick-Ass coming to X-Men. URL consultato il 30 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2010).
  10. ^ January Jones is Emma, in Mtv, 21 settembre 2010. URL consultato il 21 settembre 2010.
  11. ^ James McAvoy's Professor Xavier is a sex pest in X-Men: First Class, su blogs.coventrytelegraph.net. URL consultato il 15 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2011).
  12. ^ (EN) Jennifer Lawrence goes nude to play Mystique, su digitalspy.co.uk.
  13. ^ X-Men: First Class, parlano Jennifer Lawrence e January Jones, su badtaste.it. URL consultato il 28 febbraio 2011.
  14. ^ Keyes, Rob, Alice Eve Will Play Emma Frost in ‘X-Men: First Class’, screenrant.com, 28 giugno 2010. URL consultato il 22 novembre 2010.
  15. ^ January Jones Talks Emma Frost's Transformation And Costumes!, su comicbookmovie.com. URL consultato il 15 marzo 2011.
  16. ^ Amber Heard Shapeshifts into Mystique for X-Men: First Class?, UGO Networks, 18 giugno 2010. URL consultato il 18 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2010).
  17. ^ Benjamin Walker to Star in Broadway Transfer of Bloody Bloody Andrew Jackson, Broadway.com, 15 luglio 2010. URL consultato il 6 ottobre 2010.
  18. ^ Fleming, Mike, Oliver Platt Joins 'X-Men: First Class', Deadline.com, 16 agosto 2010. URL consultato il 16 agosto 2010.
  19. ^ That Big Spoiler Cameo Scene In The Middle Of X-Men: First Class (SPOILERS), in BC, 25 maggio 2011. URL consultato il 25 maggio 2011.
  20. ^ Take That song for X-Men film, The Press Association. URL consultato il 29 aprile 2011.
  21. ^ Look at X-Men: First Class, in Bleeding Cool, 18 gennaio 2011. URL consultato il 18 gennaio 2011.
  22. ^ (EN) ‘X-Men:First Class’: Three exclusive photos and a report from the stressed-out set, L.A.Times. URL consultato il 20 gennaio 2011.
  23. ^ Il poster di X-Men: First Class, ecco Magneto!, Badtaste. URL consultato il 20 gennaio 2011.
  24. ^ The X-Men: First Class Trailer!, Superherohype. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  25. ^ Nuova foto di X-Men: First Class, arriva il trailer!, Badtaste. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  26. ^ Poster X-Men: First Class, Spidermedia. URL consultato il 1º marzo 2011.
  27. ^ New X-Men: First Class Pic Arrives, Empire. URL consultato il 2 marzo 2011.
  28. ^ (EN) New (Russian) X-Men: First Class Trailer Hits!, CBM. URL consultato il 15 marzo 2011.
  29. ^ X-Men L'Inizio, il trailer italiano in HD in anteprima esclusiva su Everyeye.it!, su everyeye.it. URL consultato il 21 marzo 2011.
  30. ^ X-Men L'Inizio, il secondo trailer [collegamento interrotto], su filminuscita.info.
  31. ^ X HD - X-Men - L'Inizio: Secondo Full Trailer Italiano, su trailersland.com. URL consultato il 24 maggio 2011.
  32. ^ Andrea Francesco Berni, Sorrento 2010: i supereroi Marvel al cinema nel 2011, su badtaste.it, 30 novembre 2010. URL consultato il 13 giugno 2011.
  33. ^ Andrea Bedeschi, X-Men L'Inizio, posticipata l'uscita italiana, Everyeye, 9 maggio 2011. URL consultato il 13 giugno 2011.
  34. ^ (EN) X-Men: First Class (2011) - Weekend Box Office Results, su boxofficemojo.com. URL consultato il 4 aprile 2017.
  35. ^ a b (EN) X-Men: First Class (2011), boxofficemojo.com. URL consultato il 3 novembre 2015.
  36. ^ (EN) X-Men: First Class (2011) - International Box Office Results, su boxofficemojo.com. URL consultato il 4 aprile 2017.
  37. ^ X-Men: First Class (2011), su Rotten Tomatoes, Flixster. URL consultato il 3 novembre 2015.
  38. ^ X-Men: First Class, su Metacritic, CNET. URL consultato il 3 novembre 2015.
  39. ^ Jane Goldman On X-Men: First Class Cameos, su youtube.com. URL consultato il 25 giugno 2011.
  40. ^ (Low-res) screen-shot of Cyclops in X-men First Class, su comicbookmovie.com. URL consultato il 25 giugno 2011.
  41. ^ Surprise Cameos in X-Men: First Class (Spoilers), su comicvine.com. URL consultato il 25 giugno 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]