X-Men - Dark Phoenix

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
X-Men - Dark Phoenix
XMenDarkPhoenix.png
Fenice (Sophie Turner) in una scena del film
Titolo originaleDark Phoenix
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2019
Rapporto2,39 : 1
Genereazione, fantascienza, avventura, fantastico
RegiaSimon Kinberg
Soggettopersonaggi creati da Jack Kirby e Stan Lee
dai fumetti di John Byrne, Chris Claremont, Dave Cockrum
SceneggiaturaSimon Kinberg
ProduttoreSimon Kinberg, Hutch Parker, Lauren Shuler Donner, Todd Hallowell
Produttore esecutivoStan Lee, Josh McLaglen
Casa di produzione20th Century Fox, Bad Hat Harry Productions, Donners' Company
Distribuzione in italianoWalt Disney Studios Motion Pictures
FotografiaMauro Fiore
MontaggioLee Smith
Effetti specialiCameron Waldbauer, Phil Brennan
MusicheHans Zimmer
ScenografiaClaude Paré
CostumiDaniel Orlandi
Interpreti e personaggi

X-Men - Dark Phoenix (Dark Phoenix) è un film del 2019 scritto e diretto da Simon Kinberg.

Basata sui personaggi degli X-Men dei fumetti Marvel e sulla saga di Fenice Nera, la pellicola è il sequel di X-Men - Apocalisse e dodicesimo film dell'universo X-Men.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992, quasi un decennio dopo gli eventi di X-Men - Apocalisse, gli X-Men sono eroi nazionali impegnati in missioni sempre più rischiose. Quando un brillamento solare li colpisce durante una missione di salvataggio nello spazio, Jean Grey perde il controllo delle sue abilità e scatena la Fenice dentro di sé.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

In fase di post-produzione, i produttori non erano soddisfatti del terzo atto del film, ed hanno fissato delle riprese aggiuntive, modificando radicalmente il finale ed il look della protagonista Fenice.[4]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il cast al WonderCon 2019

Il primo trailer del film viene diffuso il 26 settembre 2018 durante la trasmissione The Late Late Show with James Corden.[5]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente prevista per il 2 novembre 2018[6] e il 14 febbraio 2019[5], la pellicola verrà distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 7 giugno 2019[7] ed in quelle italiane dal 6 giugno dello stesso anno.

Negli Stati Uniti, il film doveva essere inizialmente distribuito dalla 20th Century Fox, ma in seguito all'acquisizione della 21st Century Fox da parte della Disney, sarà distribuito da Walt Disney Studios Motion Pictures.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Mike Fleming Jr, Fox Formalizes Simon Kinberg To Helm ‘X-Men: Dark Phoenix’; Jennifer Lawrence, Michael Fassbender, James McAvoy Back, Jessica Chastain In Talks, su deadline.com, 14 giugno 2017. URL consultato il 30 aprile 2019.
  2. ^ (EN) Borys Kit, 'X-Men: Dark Phoenix': Evan Peters Returning as Quicksilver (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 29 giugno 2017. URL consultato il 30 aprile 2019.
  3. ^ (EN) Jim Vejvoda, DARK PHOENIX: EXCLUSIVE PHOTOS AND DIRECTOR SIMON KINBERG AND SOPHIE TURNER ON ALIEN VILLAINS, su IGN, 26 settembre 2018. URL consultato il 30 aprile 2019.
  4. ^ Beatrice Pagan, X-Men: Dark Phoenix, il terzo atto del film è stato radicamente cambiato, su Movieplayer.it, 26 aprile 2019. URL consultato il 27 aprile 2019.
  5. ^ a b Filmato audio The Late Late Show with James Corden, Dark Phoenix - Official Trailer Global Premiere, su YouTube, 26 settembre 2018. URL consultato il 27 settembre 2018.
  6. ^ Mirko D'Alessio, X-Men: Dark Phoenix, la Fenice si risveglia nel primo trailer anche in italiano, badtaste.it, 27 settembre 2018. URL consultato il 27 settembre 2018.
  7. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, ‘Alita’ Flies Out Of Christmas, ‘Dark Phoenix’ To Rise Summer, ‘Deadpool 2’ Re-release Hits Sked, ‘Gambit’ Now 2020 – Fox Date Changes, deadline.com, 28 settembre 2018. URL consultato il 29 settembre 2018.
  8. ^ (EN) X-Men Franchise Poised for Shake-Up as Fox’s Marvel Heroes Migrate to Disney, su The Hollywood Reporter. URL consultato il 25 aprile 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]