Mutante (Marvel Comics)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un mutante, nell'universo Marvel, è un individuo che possiede un particolare tratto genetico chiamato gene-X che consente di sviluppare naturalmente abilità e poteri sovrumani. Il nome scientifico che è stato apposto alla specie è Homo sapiens superior ed è considerata la fase successiva dell'evoluzione umana dopo l'Homo sapiens sapiens.

Diversamente dai mutati, individui che manifestano i loro poteri dopo l'esposizione ad una qualche forma di energia, i mutanti nascono già provvisti di poteri che si manifestano dopo una certa età.

Storia editoriale[modifica | modifica sorgente]

Per quanto riguarda il concetto Marvel di mutante esso fu sviluppato dall'editor e scrittore Stan Lee nei primi anni sessanta e portò alla creazione degli X-Men (1963): all'epoca adolescenti addestrati nell'uso responsabile dei propri poteri dal professor Charles Xavier all'interno della sua scuola, che sebbene temuti e odiati dal resto del mondo si prodigavano per renderlo più sicuro.

La Marvel considera Namor il primo mutante pubblicato (debuttò nel 1939), anche se gli venne assegnata l'appartenenza a questa specie solo parecchi anni dopo; stessa discorso anche per Toro, presentato al pubblico nel 1940.

Mutante di livello Omega[modifica | modifica sorgente]

Livello Omega è la definizione con cui vengono indicati i mutanti più potenti dell'universo Marvel in grado di sviluppare pienamente il proprio potenziale genetico, in alcuni casi persino modificare la realtà a loro piacimento od ospitare l'entità cosmica Fenice. Il termine fu utilizzato per la prima volta in Uncanny X-Men n. 207, ma non è mai stato completamente ed esaurientemente spiegato. Alcuni dei poteri che un livello Omega deve possedere sono: immortalità, manipolazione di energia e materia, grandi abilità psioniche ed il potenziale per poter esistere anche al di fuori dell'universo fisico. Di seguito la lista dei mutanti di livello Omega conosciuti:

Xavier, Emma Frost e Magneto, tra i più potenti esponenti dell' "Homo sapiens superior", non fanno parte della lista mentre Tempesta viene considerata dallo S.H.I.E.L.D. in grado di evolversi raggiungendo il livello Omega[10] ed è possibile che anche la giovane e pericolosa mutante Rogue potrebbe appartenere a questa categoria anche se non si hanno prove certe, questo perché la Marvel non ha stabilito un criterio specifico per l'assegnazione di tale status e gli autori, di conseguenza, non usano sempre lo stesso termine per indicare personaggi con doti superiori all'apice di una fittizia scala di valori.

Mutazione secondaria[modifica | modifica sorgente]

La mutazione secondaria è un fenomeno mutante che permette lo sviluppo di nuovi poteri o il potenziamento di quelli già presenti, spiegato da Bestia come la volontà di adattamento dell'organismo in situazioni di grande pericolo. Anche in questo caso la Marvel non ha stabilito un criterio specifico per lo sviluppo della mutazione secondaria, lasciando in mano degli autori le spiegazioni di volta in volta. Di seguito una lista di mutanti che ne hanno sviluppato una:

  • Polaris ha sviluppato il potere di incrementare la propria massa, forza e resistenza. È stata la prima mutante a manifestare una mutazione secondaria dopo che la sua sorellastra Zaladane le aveva sottratto i propri poteri.
  • Bestia, aiutato da Sage, ha evoluto la propria fisiologia da quella di un primate, ad un felino dopo essere stato ferito mortalmente da Vargas.
  • Emma Frost, mentre si trovava sotto attacco delle Megasentinelle di Cassandra Nova, ha sviluppato la capacità di trasformare dapprima la sua epidermide e poi l'intero corpo, in una sostanza definita come diamante organico, che la rende quasi indistruttibile; quando però Emma si trova nella sua nuova forma diamantina, essa le impedisce di utilizzare la sua telepatia.
  • Angelo ha scoperto che il suo sangue conteneva un fattore rigenerante di guarigione, dopo essere stato ferito mortalmente da Black Tom. In alcuni casi il suo sangue è stato trasfuso con successo, per guarire altre persone.
  • Uomo Ghiaccio ha scoperto di aver sviluppato un'ulteriore mutazione quando anche i suoi organi interni hanno cominciato a congelare contagiando gli altri tessuti e intrappolandolo nella sua forma cristallina.
  • Black Tom ha sviluppato una fisiologia arborea oltre alla sua abilità di incanalare e reindirizzare energia attraverso il legno.
  • Gambit possiede un carisma ipnotico che gli permette di influenzare gli altri attraverso lo sguardo; questa capacità però funziona solo se le altre persone coinvolte ne sono all'oscuro, infatti una volta scoperto, questo potere non funziona più.

Externi[modifica | modifica sorgente]

Gli Externi sono potenti mutanti immortali che godono della vita eterna solo dopo essere stati uccisi. Ognuno di loro rappresenta un concetto intangibile e tutti sono implicati nella futura ascesa al potere di Apocalisse. Rob Liefeld s'ispirò alla saga di Highlander nell'ideazione dei background dei personaggi, ma la trama venne subito eliminata dalla dirigenza Marvel facendo uccidere quasi tutti gli Externi per mano di Selene. Di seguito la lista degli Externi:

  • Absalom - disperazione
  • Burke - coraggio
  • Candra - astuzia
  • Cannonball - speranza
  • Crule - ferocia
  • Gideon - opportunismo
  • Nicodemus - saggezza
  • Saul - pazienza
  • Selene - corruzione
  • Apocalisse - distruzione

Changeling[modifica | modifica sorgente]

I Changeling, o Sostituti, sono mutanti i cui poteri si sono manifestati già alla nascita come l'Uomo Multiplo. Questo concetto è stato introdotto dallo scrittore Peter David nella serie X-Factor senza essere esaustivamente spiegato.

Altre versioni[modifica | modifica sorgente]

Ultimate[modifica | modifica sorgente]

Nella serie Ultimate Origins, prologo del crossover Ultimatum, viene rivelato che i mutanti furono creati artificialmente attraverso modificazioni genetiche nei laboratori di Arma X con sede ad Alberta, Canada, nel 1943. Utilizzando come base alcuni campioni del siero del supersoldato di Capitan America si cercò di ricrearne la formula iniettandolo al termine del processo di sintetizzazione in una cavia umana: James Howlett. Qualche tempo dopo l'attivatore venne rilasciato in forma aerea in tutto il mondo facendo sì che cominciassero ad emergere mutanti fra la normale popolazione terrestre.

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Una simile gerarchia mutante è stata menzionata nel film X-Men: Conflitto finale. In esso, i mutanti venivano classificati in una scala di valori compresa da uno a cinque. Tutti i mutanti appartenenti alla Confraternita dei mutanti malvagi non andavano oltre la Classe 3, possibili eccezioni erano il Fenomeno e Mystica. Magneto, Pyro, Professor Xavier e molti degli X-Men erano classificati di Classe 4. Jean Grey è l'unica mutante attestata alla Classe 5.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ New Mutants (Vol. 2)
  2. ^ X-Men: Forever
  3. ^ Uncanny X-Men n.207
  4. ^ X-MenVol2
  5. ^ New Mutants (Vol. 3) n. 4
  6. ^ "COMMENTARY TRACK: "UNCANNY X-FORCE" #18 WITH RICK REMENDER"
  7. ^ X-Men: The 198 n. 1
  8. ^ (EN) Carey on "Manifest Destiny" and "X-Men Origins: Beast", Comic Book Resources, 28-08-2008. URL consultato il 25-04-2010.
  9. ^ X-Men: Deadly Genesis, Uncanny X-Men n. 477
  10. ^ Black Panther (Vol. 4) n. 25, aprile 2007; prima ed. it. Fantastici Quattro n. 276, Panini Comics, settembre 2007.
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics