Arcade (Marvel Comics)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcade
Universo Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. gennaio 1978
1ª app. in Marvel Team-Up Vol. 1[1], n. 65
Editore it. Editoriale Corno
app. it. 4 dicembre 1979
app. it. in L'Uomo Ragno n. 250
Sesso Maschio

Arcade è un personaggio dei fumetti creato da Chris Claremont (testi) e John Byrne (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione è in Marvel Team-Up (Vol. 1[1]) n. 65 (gennaio 1978).

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Dell'infanzia di Arcade, si sa che nel giorno del suo 21º compleanno uccise il padre per ereditarne l'enorme fortuna; con essa costruì il Mondo Assassino, il suo parco privato in cui si divertiva a uccidere le persone con intrattenimenti mortali somiglianti a quelli di un luna park.

I primi supereroi a scontrarsi con questo sadico criminale furono l'Uomo Ragno e Capitan Bretagna, che furono i primi di una lunga serie di eroi a sfuggire dal Mondo Assassino facendo impazzire Arcade.

Norman Osborn lo assunse per uccidere Ben Urich ma fallì come al solito.

Felicia Hardy si ritrovò in trappola assieme all'X-Man artigliato, Wolverine: dovettero affrontare il napalm e le bombe piazzate da Arcade e la sua fidanzata di allora, la Coniglia Bianca. Gli eroi riuscirono a fuggire e lasciarono i criminali nella Terra Selvaggia, dove Arcade dovette fare da schiavo ad un'offesa coniglietta. Arcade intrappolò in seguito alcuni miliardari e delle famose star, tra cui Ben Grimm, Tony Stark, Nottolone per conto di una donna che voleva vendicarsi dell'allora fidanzata della Cosa, Carlotta LaRosa: grazie ai loro sforzi congiunti gli eroi ribaltarono la situazione.

In Avengers Arena, Arcade reinventa il Mondo Assassino sfruttando avanzate tecnologie: con l'aiuto della sua nuova assistente, Miss Coriander, allestisce una zona al di sotto dell'Antartide non rintracciabile da un qualsiasi dispositivo, sulla quale può esercitare il controllo completo grazie a nanotecnologie disperse nell'aria, proiezioni di luce solida e campi di forza. Di fatto è in questo mondo onnipotente, potendo manipolare a suo piacimento tutto ciò che vi è contenuto,[non chiaro] e la stessa Miss Coriander afferma che lì potrebbe persino tener testa a Thor.

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Arcade non ha poteri, dispone solo di un enorme ricchezza ed è un abile inventore. Ha una conoscenza assoluta della tecnologia molto più avanti rispetto alla scienza convenzionale, in particolare nei settori della robotica e dell'ingegneria meccanica e elettrica. Di solito quando sembra essere catturato, risulta essere un robot.

Grazie a quanto compiuto in Avengers Arena, serie scritta da Dennis Hopeless, Arcade viene eletto dai fan della Marvel secondo miglior villain del 2013.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio appare nella serie animata Ultimate Spider- Man, dove viene descritto come un mutante tecnopate (simile a Forge). Il criminale viene sconfitto da Spider-Man, Wolverine e Capitan America.

Arcade appare come boss del Mondo Assassino nel videogioco Marvel: La Grande Alleanza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics