Black Panther (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Black Panther
BlackPantherMovie.png
Pantera Nera (Chadwick Boseman) in una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2018
Durata134 min[1]
Rapporto2.39 : 1
Genereazione, avventura, fantascienza
RegiaRyan Coogler
SoggettoStan Lee, Jack Kirby (personaggio)
SceneggiaturaRyan Coogler, Joe Robert Cole
ProduttoreKevin Feige
Produttore esecutivoLouis D’Esposito, Victoria Alonso, Nate Moore, Jeffrey Chernov, Stan Lee
Casa di produzioneMarvel Studios
Distribuzione (Italia)Walt Disney Studios Motion Pictures
FotografiaRachel Morrison
MontaggioClaudia Castello, Michael P. Shawver
MusicheLudwig Göransson
ScenografiaHannah Beachler
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Black Panther è un film del 2018 diretto e co-scritto da Ryan Coogler.

Basato sul personaggio di Pantera Nera della Marvel Comics, il film è prodotto dai Marvel Studios e distribuito da Walt Disney Studios Motion Pictures, ed è il diciottesimo film del Marvel Cinematic Universe. Scritto da Coogler e Joe Robert Cole, il film è interpretato da Chadwick Boseman, Michael B. Jordan, Lupita Nyong'o, Danai Gurira, Martin Freeman, Daniel Kaluuya, Letitia Wright, Winston Duke, Angela Bassett, Forest Whitaker e Andy Serkis. In Black Panther, Pantera Nera deve affrontare un vecchio nemico che ha messo in discussione la sua leadership e minaccia la stabilità del Wakanda.

Nel corso degli anni ci furono diversi tentativi di realizzare un film incentrato sul personaggio. Il film venne ufficialmente annunciato nell'ottobre 2014 con Boseman nel ruolo del protagonista. Nel 2015 si unirono al progetto Cole e Coogler e nel maggio 2016 vennero annunciati i primi membri del cast. Le riprese del film si tennero tra gennaio e aprile 2017 agli EUE/Screen Gems Studios e ai Pinewood Studios di Atlanta. Ulteriori riprese si tennero a Pusan, in Corea del Sud.

Black Panther è stato presentato il 29 gennaio 2018 a Los Angeles, ed è stato distribuito il 14 febbraio 2018 in Italia e il 16 febbraio negli Stati Uniti, anche in 3D e in formato IMAX. Il film ha incassato più di $1.3 miliardi in tutto il mondo, diventando il maggior incasso del 2018,[2] il maggior incasso in Nord America del 2018,[3] il decimo maggior incasso della storia del cinema, il terzo maggior incasso di sempre in Nord America e il terzo film di supereroi con i maggiori incassi di sempre; inoltre il film è stato acclamato dalla critica, che ha lodato la regia di Coogler, le interpretazioni del cast e gli effetti visivi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'alba dell'uomo in Africa si schiantò un meteorite composto di vibranio; cinque tribù iniziarono a lottare per possederlo. Un uomo, dopo aver ricevuto una visione dalla Dea Pantera, mangiò l'Erba a Forma di Cuore, una pianta modificata dalle radiazioni del meteorite, che lo rese più forte e veloce. L’uomo riunì quattro delle tribù, nacque così il regno di Wakanda e ne divenne il primo re, mentre l'ultima tribù, quella dei Jabari, si nascose sulle montagne. Il vibranio fece diventare il Wakanda molto più progredito di qualsiasi altra nazione, ma, temendo l'uso che il resto del mondo ne avrebbe fatto, il re decise di nascondere la vera Wakanda agli occhi di tutti.

Oggi, dopo la morte di suo padre, T'Challa, prima di tornare a casa, recupera Nakia, sua informatrice del mondo esterno e suo vecchio amore, affinché possa assistere alla sua incoronazione. Prima della cerimonia il principe viene privato dei poteri della Pantera da un infuso e deve affrontare chiunque voglia il trono in uno scontro con spada e lancia. Si presenta M'Baku, capo della tribù Jabari, il principe lo batte e lo risparmia, poi beve un infuso dell'Erba a Forma di Cuore e riacquista i poteri dopo aver rivisto il padre in un'esperienza extra sensoriale.

Alcuni giorni dopo la nomina, T'Challa scopre che Ulysses Klaue, un trafficante d'armi che in passato aveva rubato il vibranio a Wakanda per rivenderlo, ha rubato un attrezzo di vibranio in un museo di Londra. Il re assieme a Nakia e al capo della guardia reale Dora Milaje, Okoye, si reca nella Corea del Sud dove il trafficante venderà il metallo. Qui scopre che il compratore di Klaue è l'agente della CIA Everett Ross, ma vengono scoperti. T'Challa, grazie alla nuova armatura potenziata e fatta di nano macchine in vibranio inventate dalla sorella Shuri, cattura il trafficante dopo un folle inseguimento. Il luogo dell'interrogatorio viene però assaltato e Klaue liberato, il re nota che il capo degli assalitori ha il suo stesso anello, il quale una volta al sicuro uccide senza rimorsi Klaue e il resto della banda.

T'Challa e compagni tornano a Wakanda per salvare Ross gravemente ferito per proteggere Nakia. Il sovrano parlando con Zuri, il suo consigliere, scopre che circa 30 anni prima N'Jobu, il fratello di re T'Chaka, durante un viaggio di esplorazione negli Stati Uniti, oltre ad averne scoperto il degrado per la gente di colore, si innamorò di una di loro, tradì il suo popolo e rivelò tutto a Klaue. Zuri fece da spia per il re T'Chaka che piombò in casa del fratello e lo uccise per proteggere l'amico. I due scoprirono che N'Jobu aveva un figlio, ma decisero di non portarlo a Wakanda; scoperta la verità T'Challa resta disgustato.

A Wakanda arriva un uomo col cadavere di Klaue che si presenta come figlio di N'Jobu: Erik Stevens. Ross dopo essersi ripreso lo identifica come un mercenario soprannominato Killmonger. Erik, dopo aver raccontato al consiglio della morte del padre e detto che T'Challa non aveva mantenuto la sua promessa con Klaue, lo sfida. T'Challa, privato di nuovo dei poteri, questa volta ha la peggio. Zuri offre la sua vita ma inutilmente, infatti Erik, dopo aver sconfitto il cugino, lo getta giù dalla cascata; inoltre dopo aver bevuto l’infuso dell’Erba a Forma di Cuore, ordina di bruciarla tutta.

Nakia, Shuri, la regina madre Ramonda e Ross lasciano Wakanda e si recano sulla montagne a chiedere aiuto a M'Baku, dove scoprono che alcuni pescatori hanno ritrovato T'Challa in un stato di coma. Nakia dà alla regina una pianta dell'Erba che ha preso prima che la bruciassero e la fa bere al figlio che rivede nuovamente il padre e i suoi predecessori, li rimprovera per aver abbandonato il piccolo Erik ora pieno di odio, solo per proteggere il regno, e decide quindi di tornare indietro a cambiare le cose. Dopo il risveglio Shuri gli dà la collana con l'armatura di Black Panther e Ross gli rivela di aver capito il piano di Killmonger: diffondere armi al vibranio per il mondo come voleva fare il padre. Prima di partire T'Challa chiede a M'Baku di aiutarlo perché anche la sua tribù sarebbe in pericolo, ma lui rifiuta dicendo che ha già onorato il suo debito.

T'Challa e compagni attaccano Killmonger e chi gli è fedele, anche se le Dora Milaje si schierano col loro precedente re, mentre Ross entra nel laboratorio di Shuri e da remoto controlla un jet per fermare le spedizioni di vibranio. I due cugini si battono con le armature di Black Panther finendo in una grotta dove il vibranio è indebolito da alcuni macchinari. T'Challa alla fine uccide il cugino infilzandolo con una delle sue spade, ma prima di morire gli mostra il tramonto di Wakanda ed Erik chiede che la sua salma sia gettata in mare come quella di uno schiavo. Ross intanto riesce a fermare gli aerei prima che uscissero dai confini del Wakanda. Inoltre grazie all'intervento dei Jabari i nemici si arrendono.

T'Challa e Shuri si recano negli Stati Uniti nel vecchio quartiere di Erik e T'Challa rivela di averlo comprato e che intende trasformarlo in un centro umanitario.

In una scena durante i titoli di coda, T'Challa si reca alle Nazioni Unite deciso a non nascondere più il suo regno e condividere le sue conoscenze col mondo. Nella scena dopo i titoli di coda, Bucky Barnes si risveglia in un campo wakandiano e ringrazia Shuri di averlo curato.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

  • T'Challa / Pantera Nera, interpretato da Chadwick Boseman: re e protettore della fittizia nazione africana del Wakanda,[4][5] dotato di abilità sovrumane dopo aver ingerito l'Erba a Forma di Cuore.[6] Boseman definì T'Challa un "antieroe",[7] e spiegò che l'aspetto interessante del personaggio risiede nel fatto che egli "si mette in discussione, accetta le critiche e trova un modo per mantenersi concentrato e restare sul suo obiettivo nonostante tutto. È quello che devono fare i leader mondiali".[8] Coogler spiegò che ciò che rende il personaggio diverso dagli altri supereroi è il fatto che "lui non si vede come un supereroe. Si vede come un politico [...] Deve mantenere armonia tra le varie tribù [del Wakanda], e ciò significa anche fare scelte impopolari, e al tempo stesso è il protettore della nazione".[9]
  • Erik Killmonger, interpretato da Michael B. Jordan: un esule wakandiano alleato di Ulysses Klaue che vuole destituire T'Challa.[10][11][9] Il produttore Nate Moore descrisse Killmonger come "il portavoce di un'altra faccia del Wakanda, che non è d'accordo su come T'Challa sta governando".[9]
  • Nakia, interpretata da Lupita Nyong'o: membro delle Dora Milaje, guardia del corpo di T'Challa e suo vecchio interesse amoroso.[12][13] Nyong'o descrisse il personaggio come una "spia sotto copertura per conto del Wakanda. Il suo compito è viaggiare per il mondo e riportare quello che accade".[9]
  • Okoye, interpretata da Danai Gurira: capo delle Dora Milaje.[13]
  • Everett Ross, interpretato da Martin Freeman: un agente della C.I.A. completamente ignaro delle ricchezze del Wakanda.[14][15]
  • W'Kabi, interpretato da Daniel Kaluuya: migliore amico di T'Challa e capo della sicurezza della Tribù di Confine, la prima linea di difesa del Wakanda".[9]
  • Shuri, interpretata da Letitia Wright: principessa del Wakanda e sorella di T'Challa, è una brillante scienziata che ha dedicato la sua vita a studiare il vibranio,[16][17] ed è descritta da Wright come "uno spirito inventivo e una mente creativa che vuole portare il Wakanda verso nuove vette".[18]
  • M'Baku, interpretato da Winston Duke: leader di una tribù montana nel Wakanda e avversario di T'Challa.[19][20]
  • Ramonda, interpretata da Angela Bassett: madre di T'Challa,[21] che si rivolge a lei "per avere consigli su ciò che suo padre T'Chaka avrebbe voluto o avrebbe fatto".[9]
  • Zuri, interpretato da Forest Whitaker: uno sciamano e consigliere personale del re.[22][23] Coogler descrisse Zuri come una figura religiosa e spirituale a cui T'Challa si rivolge per chiedere consiglio, paragonando la sua funzione nella storia a quella di Obi-Wan Kenobi nella saga di Guerre stellari.[24]
  • Ulysses Klaue, interpretato da Andy Serkis: un trafficante d'armi e contrabbandiere che opera nel Wakanda.[25]

Florence Kasumba e John Kani riprendono i ruoli di Ayo e T'Chaka da Captain America: Civil War.[22][26] Sterling K. Brown interpreta N'Jobu, una figura dal passato di T'Challa.[27] Isaach De Bankolé interpreta l'anziano di una delle più grandi tribù del Wakanda.[28] Sydelle Noel interpreta un membro delle Dora Milaje.[29] Nabiyah Be interpreta Tilda Johnson.[30] Stan Lee appare in un cameo nel ruolo di un giocatore del casinò.[31]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

I primi tentativi di realizzare un film incentrato sul personaggio di Pantera Nera risalgono al giugno 1992, quando Wesley Snipes si disse interessato a interpretare il supereroe.[32] Il luglio seguente Snipes cominciò a lavorare al film,[33] e nel gennaio 1994 l'attore entrò in trattative con la Columbia Pictures, all'epoca detentrice dei diritti cinematografici del personaggio, per interpretare il personaggio.[34] Nel 1996 tuttavia Stan Lee rivelò che il film era stato messo da parte poiché i produttori non erano soddisfatti delle sceneggiature proposte.[35] Negli anni seguenti ci furono diversi tentativi di realizzare il film, tra cui un accordo tra la Marvel e la Artisan Entertainment, ma la produzione del film non venne mai avviata.[36]

Nel settembre 2005 il CEO della Marvel Enterprise Avi Arad annunciò che Black Panther avrebbe fatto parte dei dieci film prodotti dai neonati Marvel Studios e distribuiti dalla Paramount Pictures.[37] Nel febbraio 2007 Kevin Feige, presidente dei Marvel Studios, confermò che il film era in sviluppo,[38] e nel luglio seguente John Singleton affermò di essere stato contattato per dirigere il film.[39] Nel marzo 2009 la Marvel annunciò la formazione di un gruppo di scrittori per lavorare sui suoi personaggi meno noti, tra cui Pantera Nera,[40] progetto all'epoca supervisionato da Nate Moore.[41] Nel gennaio 2011 la Marvel assunse il documentarista Mark Bailey per scrivere una sceneggiatura per il film.[42] Nell'ottobre 2013 Feige reiterò la sua intenzione di realizzare il film, affermando: "Non so esattamente quando, ma abbiamo certamente in programma di portare Pantera Nera sul grande schermo". Feige fece inoltre notare che nel Marvel Cinematic Universe era già stato introdotto il vibranio, metallo fittizio estratto nella patria di Pantera Nera, il Wakanda.[43]

Nell'ottobre 2014 i Marvel Studios annunciarono ufficialmente il film come parte della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, con Chadwick Boseman come interprete del personaggio. L'uscita del film venne fissata al 3 novembre 2017.[4][44] Boseman firmò un contratto per partecipare a cinque film e venne rivelato che avrebbe debuttato nei panni del personaggio in Captain America: Civil War.[45] Dopo l'annuncio del film Feige affermò che la Marvel era alla ricerca di un regista e di uno sceneggiatore, spiegando: "Stiamo facendo quello che facciamo sempre, ovvero cercare i migliori filmmaker disponibili".[46] Nel febbraio 2015 la Marvel rinviò l'uscita del film al 6 luglio 2018 per fare spazio all'uscita di Spider-Man: Homecoming.[47] Nell'aprile 2015 Feige rivelò che avrebbe iniziato a incontrare i candidati registi dopo l'uscita di Avengers: Age of Ultron.[48]

Nel maggio 2015 venne riportato che Ava DuVernay aveva discusso con la Marvel riguardo alla regia di Black Panther o di Captain Marvel.[49] Il mese seguente Feige confermò di aver incontrato DuVernay e diversi altri registi, e si disse fiducioso riguardo a un annuncio sul regista del film entro la fine dell'estate.[50] A inizio luglio 2015 DuVernay rivelò di aver rifiutato la regia del film, spiegando: "La Marvel ha un certo modo di fare le cose e penso siano fantastici e tantissime persone amano quello che fanno. Mi fa piacere che mi abbiano contattata... ma abbiamo idee diverse su quella che dovrebbe essere la storia... alla fine è tutta una questione di storia e prospettiva. E noi semplicemente non la vedevamo allo stesso modo. Meglio averlo realizzato ora che citare differenze creative in seguito.[51]

Intorno a ottobre 2015 venne riportato che F. Gary Gray e Ryan Coogler erano in lizza per la regia del film;[52][53] tuttavia Coogler decise di rinunciare per concentrarsi sulla post-produzione di Creed - Nato per combattere,[54] mentre Gray rinunciò per dirigere Fast & Furious 8. Nello stesso mese Joe Robert Cole entrò in trattative per scrivere la sceneggiatura del film,[55] e la Marvel spostò nuovamente la data di uscita del film al 16 febbraio 2018, questa volta per far spazio a Ant-Man and the Wasp.[56] Nel dicembre 2015 la Marvel riprese le trattative con Coogler dopo il successo di Creed.[54] Nello stesso periodo Feige descrisse il film come "una grande avventura geopolitica incentrata sulla famiglia e sullo sforzo di T'Challa di regnare sul Wakanda, e su cosa significa essere re" e spiegò che il film sarebbe stato un importante collegamento con Avengers: Infinity War e il suo sequel.[57] Aggiunse inoltre che sarebbe stato il primo film Marvel con un cast prevalentemente afro-americano.[58]

Pre-produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2016 Coogler venne confermato alla regia del film.[59] Coogler spiegò di essere cresciuto leggendo fumetti e di considerare Black Panther un film personale "esattamente come i miei primi due film".[60] Il mese seguente Cole definì il film "un'opportunità storica di far parte di qualcosa di importante e speciale, soprattutto in un periodo in cui gli afro-americani stanno affermando la propria identità mentre affrontano la denigrazione e la disumanizzazione. L'idea di un eroe di colore di questa portata è semplicemente straordinaria". Cole aggiunse che era importante approcciarsi ai temi del film "da un punto di vista che sia ancorato alle culture del continente africano... riguardo alla cultura di T'Challa, stiamo ragionando su dove posizionare il Wakanda nel continente, e su come sono i popoli e la storia di quelle regioni. È un processo di investigazione che ci aiuta a formare la storia"..[61] In un'intervista con /Film Cole aggiunse: "Ci sono così tanti paesi in Africa, ognuno con la sua storia, i suoi miti e la sua cultura, per cui quello che abbiamo cercato di fare è stato prendere della storia e alcune delle influenze culturali da questi paesi e adattarli al Wakanda e a come noi vediamo il Wakanda e le diverse parti del paese. Volevamo innanzitutto partire dalla realtà e costruirci sopra, in modo che il film risulti sempre autentico e vero".[5]

Nell'aprile 2016 Feige rivelò che Coogler era al lavoro sulla sceneggiatura insieme a Cole e che le riprese sarebbero iniziate nei primi mesi del 2017.[62] Dal momento che il personaggio venne inizialmente introdotto in Captain America: Civil War, Feige spiegò che uno degli aspetti del film sarebbe stato legato "alle conseguenze di Civil War [...] e a come T'Challa reagisce ora che si trova in un quadro geopolitico completamente diverso".[62] Intorno a maggio 2016 Lupita Nyong'o entrò in trattative per interpretare l'interesse amoroso di T'Challa,[12] mentre Michael B. Jordan entrò nel cast in un ruolo non specificato.[10] Nello stesso mese Coogler parlò del suo approccio a lavorare a un film che fa parte del MCU riuscendo al tempo stesso a realizzare un progetto personale, spiegando:

« Quello che la Marvel sta facendo... stanno creando prodotti che esistono nello stesso universo, in cui i personaggi si incontrano tra loro, e penso sia la sfida creativa più grande per me, riuscire a rendere questo film il più personale possibile. Sarà il mio film più personale, che sembra folle da dire, ma è proprio così. Sono ossessionato da questo personaggio e dalla sua storia, e penso sarà davvero unico e al tempo stesso rientrerà all'interno della narrazione che la Marvel ha stabilito. Sono cresciuto come fan dei fumetti, e le stesse cose accadono nei fumetti. Ci sono i fumetti di Wolverine, che sono molti più dark e violenti dei fumetti degli X-Men, ma si adattano a pennello quando sfogli un fumetto degli X-Men. È un approccio nuovo per il cinema, ma non è nuovo per la narrativa[63] »

Nel maggio seguente Nate Moore, produttore del film, affermò che le riprese si sarebbero tenute principalmente ad Atlanta, Georgia, e che la Marvel era intenzionata a girare anche in Africa.[41] Al San Diego Comic-Con International 2016 venne confermato il casting di Nyong'o nel ruolo di Nakia e di Jordan nel ruolo di Erik Killmonger. La Marvel annunciò inoltre che Danai Gurira avrebbe interpretato Okove,[13] mentre Feige confermò che le riprese sarebbero iniziate a gennaio 2017.[64] Nello stesso mese Coogler rivelò che lui e Cole avevano preso ispirazione dal fumetto Black Panther scritto da Ta-Nehisi Coates, affermando: "Quello che [Coates] sta facendo con Black Panther è semplicemente incredibile. Si riesce a vedere la sua formazione come poeta in alcuni dialoghi. E quello che Brian Stelfreeze sta facendo con i disegni [è incredibile]".[65] Nel settembre 2016 Winston Duke venne scelto per interpretare M'Baku,[19] e venne riportato che Andy Serkis avrebbe ripreso il ruolo di Ulysses Klaue da Avengers: Age of Ultron.[25] Il mese seguente entrarono nel cast Forest Whitaker nel ruolo di Zuri e Daniel Kaluuya nel ruolo di W'Kabi;[22] inoltre venne confermato il ritorno di Florence Kasumba da Captain America: Civil War nei panni di Ayo,[22] e Letitia Wright entrò nel cast in un ruolo non specificato.[16] A novembre Angela Bassett entrò nel cast nel ruolo di Ramonda.[21] Nel gennaio 2017 Sterling K. Brown entrò nel cast come N'Jobu.[27]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese iniziarono nel gennaio 2017 agli EUE/Screen Gems Studios e ai Pinewood Atlanta Studios nell'area metropolitana di Atlanta,[66][67] con il titolo di lavorazione Motherland.[68] Rachel Morrison e Hannah Beachler, già collaboratrici di Coogler in Prossima fermata Fruitvale Station, furono rispettivamente direttrice della fotografia e scenografa del film.[69] Altre riprese si tennero nel quartiere di Sweet Auburn e al municipio di Atlanta.[66] Ulteriori riprese si tennero a Pusan, in Corea del Sud,[26] dove venne girata una scena d'inseguimento che coinvolse 150 automobili e oltre 700 persone.[70] Tra le location usate nel film figurano la spiaggia di Gwangalli, il ponte di Gwangan, il mercato del pesce di Jagalchi,[71] Marine City e l'area di Sajik-dong.[70] Le riprese in Corea terminarono la settimana del 27 marzo 2017.[70]

Poco dopo l'inizio delle riprese venne confermato il ritorno di Martin Freeman e John Kani da Captain America: Civil War nei panni di Everett Ross e T'Chaka e di Serkis nel ruolo di Klaue.[26] Nel marzo 2017 venne rivelato che Wright avrebbe interpretato Shuri.[72] Il 20 aprile 2017 Boseman annunciò la conclusione delle riprese principali.[73]

Post-produzione[modifica | modifica wikitesto]

A fine giugno 2017 Sydelle Noel rivelò di far parte del cast del film nel ruolo di una delle Dora Milaje.[29] Nel luglio 2017 Moore, parlando con Entertainment Weekly, paragonò Black Panther a un incrocio tra Il padrino e ai film di James Bond, descrivendo il film come "un grande dramma familiare incentrato su un mondo di spionaggio internazionale".[9]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Black Panther (colonna sonora).

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il teaser trailer del film venne trasmesso dalla ABC il 9 giugno 2017, durante le finali di NBA tra i Cleveland Cavaliers e i Golden State Warriors,[74] e pubblicato poco dopo online.[75] Il trailer ottenne 89 milioni di visualizzazioni nelle prime ventiquattr'ore, di cui 19 milioni durante la trasmissione televisiva.[76]

Nel luglio 2017, al D23 Expo 2017 e al San Diego Comic-Con International, vennero esposti alcuni costumi del film.[77][78] Al San Diego Comic-Con vennero inoltre mostrate alcune scene esclusive introdotte da Coogler, Boseman e dagli altri membri del cast.[79] Nell'ottobre 2017 venne pubblicato un secondo trailer.[80]

Il 4 febbraio 2018, in occasione del Super Bowl, vennero presentati una pubblicità della Lexus e uno spot del film con alcune spettacolari scene inedite, entrambi con T'Challa protagonista.[81]

Il 10 febbraio 2018 i Marvel Studios hanno rilasciato un poster di Black Panther che rende omaggio al continente nero (l'Africa), in cui si trova il Regno immaginario del Wakanda nei fumetti e nel MCU; il poster incornicia il volto felino di Pantera Nera sul suo continente africano, con alcuni segni dei suoi artigli.[82][83]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La première di Black Panther si tenne il 29 gennaio 2018 al Dolby Theatre di Los Angeles. È stato distribuito il 14 febbraio 2018 in Italia e il 16 febbraio negli Stati Uniti, anche in 3D e in formato IMAX.[84][85]

Inizialmente il film era previsto per il 3 novembre 2017, ma la data di uscita venne spostata al 6 luglio 2018 per far spazio a Spider-Man: Homecoming.[47] Nell'ottobre 2015 l'uscita del film venne nuovamente spostata per far spazio ad Ant-Man and the Wasp.[56]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Al 19 aprile 2018 Black Panther ha incassato 676 442 109 $ nel Nord America e 640 398 043 $ nel resto del mondo, per un incasso complessivo di 1 316 840 152 $, a fronte di un budget di produzione di $200 milioni.[86][87]

L'11 marzo 2018 il film ha raggiunto un incasso globale di 1 miliardo di dollari.[88] È il trentatreesimo film nella storia del cinema a superare il miliardo di dollari globalmente, il sedicesimo film distribuito dalla Disney e il primo film del 2018 a raggiungere tale traguardo. Il 3 aprile 2018 raggiunge un incasso di $1.279 miliardi, diventando il decimo maggior incasso della storia del cinema, superando Frozen - Il regno di ghiaccio ($1.276 miliardi).[89]

Nord America

Alle anteprime del giovedì sera in Nord America il film ha incassato $25.2 milioni, il secondo miglior incasso alle anteprime per un film Marvel dopo Avengers: Age of Ultron ($27.7 milioni).[90] Nel primo giorno di programmazione ha incassato $75.9 milioni in 4,020 schermi,[91] il terzo miglior giorno d'esordio per un film Marvel dopo Avengers: Age of Ultron ($84.4 milioni) e The Avengers ($80.8 milioni), ottavo miglior esordio di sempre.[92][93] Nel week-end d'esordio il film ha incassato $202 milioni, il secondo miglior debutto per un film Marvel dietro solamente a The Avengers ($207.4 milioni), e il quinto miglior debutto di sempre.[94][95] Nella prima settimana di programmazione ha raggiunto un totale di $292 milioni, diventando il film del MCU a ottenere l'incasso più alto nei primi sette giorni, il precedente record apparteneva a The Avengers ($270 milioni);[96] inoltre è la quarta miglior settimana d'esordio di sempre.[97] Nel suo secondo week-end ha incassato $111.7 milioni, il miglior secondo week-end per un film Marvel e il secondo più alto di sempre, dietro solamente a Star Wars: Il risveglio della Forza ($149.2 milioni).[98][99] Nel suo terzo week-end ha incassato $66.3 milioni, il miglior terzo week-end per un film Marvel e il terzo più alto di sempre, dietro a Il risveglio della Forza ($90.2 milioni) e Avatar ($68.5 milioni).[100][101] Il 4 marzo 2018, in soli 17 giorni, il film supera $500 milioni di incasso, diventando il secondo film Marvel con l'incasso più alto di sempre in Nord America, dietro solamente a The Avengers ($623.4 milioni).[102] Nel suo quarto week-end ha incassato $40.8 milioni, il miglior quarto week-end per un film Marvel e il terzo più alto di sempre, dietro ad Avatar ($50.3 milioni) e Il risveglio della Forza ($42.4 milioni).[103][104] Nel suo quinto week-end ha incassato $26.7 milioni, il miglior quinto week-end per un film Marvel e il quarto più alto di sempre, dietro ad Avatar ($42.8 milioni), Titanic ($30 milioni) e Frozen - Il regno di ghiaccio ($28.6 milioni).[105][106] Il 25 marzo 2018 raggiunge un incasso di $631.4 milioni, diventando il film di supereroi con il maggiore incasso di sempre in Nord America, superando The Avengers ($623.4 milioni),[107][108] e diventando il quinto maggiore incasso di sempre in Nord America.[109] Il 3 aprile 2018 raggiunge un incasso di $652.6 milioni, diventando il quarto maggiore incasso di sempre in Nord America, superando Jurassic World ($652.3 milioni).[110] L'8 aprile 2018 raggiunge un incasso di $665.6 milioni, diventando il terzo maggiore incasso di sempre in Nord America, superando Titanic ($659.4 milioni).[111]

Internazionale

Nel primo week-end di programmazione il film ha incassato internazionalmente $169.4 milioni. Al 18 febbraio 2018 i mercati maggiori erano Sud Corea ($27.1 milioni), Regno Unito ($26.7 milioni), Brasile ($10.6 milioni), Messico ($10.1 milioni) e Australia ($9.2 milioni).[112]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato acclamato dalla critica cinematografica. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes il film ha un indice di gradimento del 96%, con un voto medio di 8,2 su 10 basato su 368 recensioni. Il commento del sito recita: "Black Panther eleva il cinema dei supereroi ad emozionanti nuovi livelli mentre racconta una delle storie più coinvolgenti del MCU e introduce alcuni dei personaggi più completi".[113] Su Metacritic ha un voto di 88 su 100 basato su 55 recensioni.[114]

Nicholas Barber della BBC ha sottolineato come il regista Ryan Coogler sia riuscito a condensare in questo film tutti i generi da cui la cultura nera è stata tradizionalmente esclusa, "un omaggio a James Bond, una fantasia fantascientifica, con un’immaginazione futuristica che culmina in combattimenti in stile Star Wars, ma anche un dramma geopolitico". Vulture ha definito il film "insolitamente sensato per essere un film epico di supereroi, oltre che insolitamente avvincente".[115] Peter Treves di Rolling Stone ha scritto: "Di Black Panther si può dire che eleva l’evasione del cinema fino a un livello vicino a quello dell’arte: non avete mai visto nulla di simile nella vostra vita". Brian Truitt di USA Today scrive che il film mette in scena temi profondi e che è allo stesso tempo uno spettacolo per gli occhi, con "folli sequenze d’azione ed effetti speciali, e la gloriosa rivelazione di Wakanda, la cui cultura è intrisa di influenze africane ma che offre anche uno sguardo sbalorditivo su come potrebbe essere una città del futuro". The Verge definisce il film "un punto di svolta, quello in cui gli Studios hanno finalmente capito che i loro film possono essere molto più che semplici nuovi blockbuster. Nel capirlo, hanno realizzato uno dei capitoli più avvincenti del loro universo".[116] Todd McCarthy dell'Hollywood Reporter ha elogiato la prova degli attori, Chadwick Boseman in primis, ma anche quella dei comprimari, "desiderosi di rubare la scena ogni volta possibile… e ci riescono, in particolare l’imponente Michael B. Jordan, la raggiante Lupita Nyong'o e soprattutto Letitia Wright, che infila tanto umorismo ovunque".[117]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Manuel Fiorentini, Black Panther: confermata la durata del film Marvel Studios, su cinematographe.it, 6 febbraio 2018. URL consultato l'8 febbraio 2018.
  2. ^ (EN) 2018 WORLDWIDE GROSSES, su Box Office Mojo. URL consultato il 22 marzo 2018.
  3. ^ (EN) 2018 DOMESTIC GROSSES, su Box Office Mojo. URL consultato il 22 marzo 2018.
  4. ^ a b (EN) Marc Strom, Chadwick Boseman To Star In Marvel's Black Panther, su Marvel.com, 28 ottobre 2014. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  5. ^ a b (EN) Fred Topel, Exclusive: ‘Black Panther’ Screenwriter on Wakanda’s Rise Within the Marvel Universe, su /Film, 10 agosto 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  6. ^ (EN) Anthony Breznican, Black Panther trailer decoded: Secrets of the new Marvel movie - Page 10, su Entertainment Weekly, 9 giugno 2017. URL consultato il 10 giugno 2017.
  7. ^ (EN) Christopher Rosen, TIFF 2016: Chadwick Boseman teases Black Panther, in Entertainment Weekly, 10 settembre 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  8. ^ (EN) Evan Narcisse, Chadwick Boseman Explains Why the Black Panther Is Not the Magical Negro of the Marvel Cinematic Universe, su io9, 25 luglio 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  9. ^ a b c d e f g (EN) Anthony Breznican, Black Panther aims to be the superhero version of The Godfather and 007, su Entertainment Weekly, 12 luglio 2017. URL consultato il 12 luglio 2017.
  10. ^ a b (EN) Borys Kit, Michael B. Jordan Joins Marvel's 'Black Panther' (Exclusive), in The Hollywood Reporter, 13 maggio 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  11. ^ (EN) Anthony Breznican, Marvel confirms Andy Serkis for Black Panther, releases plot summary, su Entertainment Weekly, 26 gennaio 2017. URL consultato il 10 giugno 2017.
  12. ^ a b (EN) Borys Kit, Lupita Nyong'o in Talks to Star in 'Black Panther' (Exclusive), in The Hollywood Reporter, 12 maggio 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  13. ^ a b c (EN) Ross A. Lincoln, ‘Black Panther’ Officially Adds Lupita Nyong’o, Michael B Jordan & Danai Gurira To Cast – Comic-Con, in Deadline.com, 23 luglio 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  14. ^ (EN) Martin Freeman Joins Chadwick Boseman & 'Black Panther' Cast on Set in Atlanta!, su JustJared, 21 gennaio 2017. URL consultato il 22 gennaio 2017.
  15. ^ (EN) Anthony Breznican, Black Panther trailer decoded: Secrets of the new Marvel movie - Page 3, su Entertainment Weekly, 9 giugno 2017. URL consultato il 10 giugno 2017.
  16. ^ a b (EN) Justin Kroll, ‘Black Panther’ Adds ‘Ready Player One’ Actress Letitia Wright (EXCLUSIVE), in Variety, 20 ottobre 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  17. ^ (EN) Anthony Breznican, Black Panther trailer decoded: Secrets of the new Marvel movie - Page 30, su Entertainment Weekly, 9 giugno 2017. URL consultato il 10 giugno 2017.
  18. ^ (EN) Matt Mullen, Letitia Wright Interview, su Interview Magazine, 7 giugno 2017. URL consultato il 10 giugno 2017.
  19. ^ a b (EN) Ross A. Lincoln, ‘Black Panther’ Finds Another Villain: Winston Duke To Play M’Baku/Man-Ape, in Deadline.com, 28 settembre 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  20. ^ (EN) Anthony Breznican, Black Panther trailer decoded: Secrets of the new Marvel movie - Page 20, su Entertainment Weekly, 9 giugno 2017. URL consultato il 10 giugno 2017.
  21. ^ a b (EN) Ben Morse, Angela Bassett Boards Marvel's Black Panther, su Marvel.com, 21 novembre 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  22. ^ a b c d (EN) Justin Kroll, Forest Whitaker Joins Marvel’s ‘Black Panther’ (EXCLUSIVE), in Variety, 7 ottobre 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  23. ^ (EN) Anthony Breznican, Black Panther trailer decoded: Secrets of the new Marvel movie - Page 7, su Entertainment Weekly, 9 giugno 2017. URL consultato il 10 giugno 2017.
  24. ^ (EN) Anthony Breznican, Black Panther trailer decoded: Secrets of the new Marvel movie - Page 8, su Entertainment Weekly, 9 giugno 2017. URL consultato il 10 giugno 2017.
  25. ^ a b (EN) Umberto Gonzales, ‘Black Panther’ Hires ‘Person of Interest’ Star Winston Duke as Villain, in TheWrap, 28 settembre 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  26. ^ a b c (EN) Marc Strom, Marvel Studios Begins Production on Black Panther', su Marvel.com, 26 gennaio 2017. URL consultato il 26 gennaio 2017.
  27. ^ a b (EN) Marc Strom, Sterling K. Brown Signs On To Marvel's Black Panther, su Marvel.com, 5 gennaio 2017. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  28. ^ (EN) Anthony Breznican, Black Panther trailer decoded: Secrets of the new Marvel movie - Page 18, su Entertainment Weekly, 9 giugno 2017. URL consultato il 10 giugno 2017.
  29. ^ a b (EN) SATURN AWARDS: Sydelle Noel Talks GLOW & Black Panther, su With An Accent, 30 giugno 2017. URL consultato il 12 luglio 2017.
  30. ^ (EN) Nabiyah Be, su Sofar Sounds. URL consultato il 22 giugno 2017.
  31. ^ (EN) Adam Fitch, Stan Lee Has Already Filmed Cameos for Black Panther Avengers 4, & More, su CBR.com, 11 settembre 2017. URL consultato l'11 settembre 2017.
  32. ^ (EN) Jay Carr, Can penguin cones be far behind?, in The Boston Globe, 21 giugno 1992.
  33. ^ (EN) Evan Valentine, Everything You Need to Know About BLACK PANTHER: An Introduction to the Marvel Cinematic Universe’s New Addition, su Collider, 24 novembre 2014. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  34. ^ (EN) John Brodie, Hollywood Pours Its Heroes Into Tights, in Chicago Sun-Times, 5 gennaio 1994.
  35. ^ (EN) Doug Nye, Stan Lee hopes New World deal pumps life into his creations, in The State, 28 gennaio 1996.
  36. ^ (EN) Michael Fleming, Artisan deal a real Marvel, in Variety, 16 maggio 2000. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  37. ^ (EN) Marvel Making Movies, su IGN.com, 6 settembre 2005. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  38. ^ (EN) Bill Radford, Marvel stays true to superhero characters in transition to big screen, in News Sentinel, Fort Wayne Newspapers, 8 febbraio 2007. URL consultato il 12 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2007).
  39. ^ (EN) John Singleton News, su BlackFilm.com, 27 luglio 2007. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  40. ^ (EN) Marc Graser, Marvel’s hiring writers, in Variety, 26 marzo 2009. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  41. ^ a b (EN) The man who put Marvel in the black, su The Undefeated, ESPN, 17 maggio 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  42. ^ (EN) Borys Kit, 'Black Panther' Back in Development At Marvel, su The Hollywood Reporter, 20 gennaio 2011. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  43. ^ (EN) Josh Wigler, Black Panther Movie Is 'Absolutely in Development', Says Marvel's Kevin Feige, su Comic Book Resources, 23 ottobre 2013. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  44. ^ (EN) Marc Graser, Marvel Announces New Wave of Superhero Movies, in Variety, 28 ottobre 2014. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  45. ^ (EN) Yen Yamato, Chadwick Boseman Signed For 5 Films As Black Panther, Captain Marvel Bring Diversity To Superhero Slate, in Deadline.com, 28 ottobre 2014. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  46. ^ (EN) Peter Sciretta, Watch: All Of Your Marvel Phase 3 Questions Answered By Marvel Head Kevin Feige, su /Film, 28 ottobre 2014. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  47. ^ a b (EN) Marc Strom, Marvel Studios Schedules New Release Dates For 4 Films, su Marvel.com, 9 febbraio 2015. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  48. ^ (EN) Germain Lussier, Kevin Feige Phase 3 Updates: ‘Thor: Ragnarok,’ ‘Black Panther,’ ‘Inhumans’ and ‘Captain Marvel’, su /Film, 12 aprile 2015. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  49. ^ (EN) Jeff Sneider, Marvel Courting Ava DuVernay to Direct Diverse Superhero Movie (Exclusive), su TheWrap, 12 maggio 2015. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  50. ^ (EN) Gregg Kilday, Paul Rudd and Marvel's Kevin Feige Reveal 'Ant-Man's' Saga, from Director Shuffle to Screenplay Surgery to Studio's "Phase Three" Plans, in The Hollywood Reporter, 24 giugno 2015. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  51. ^ (EN) Yolanda Sangweni, EXCLUSIVE: Ava DuVernay Won’t Be Directing ‘Black Panther’ Movie, in Essence, 3 luglio 2015. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  52. ^ (EN) Justin Kroll, ‘Fast and Furious 8’ Director Search Narrowed Down to Four, in Variety, 5 ottobre 2015. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  53. ^ (EN) Umberto Gonzales, Marvel Pursuing Ryan Coogler To Direct ‘Black Panther’, su Heroic Hollywood, 14 ottobre 2015. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  54. ^ a b (EN) Justin Kroll, ‘Creed’s’ Ryan Coogler in Talks to Direct ‘Black Panther’, in Variety, 4 dicembre 2015. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  55. ^ (EN) Jeff Sneider, Joe Robert Cole Nears Deal to Write ‘Black Panther’ for Marvel (Exclusive), in TheWrap, 6 ottobre 2015. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  56. ^ a b (EN) Marc Strom, Marvel Studios Phase 3 Update, su Marvel.com, 8 ottobre 2015. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  57. ^ (EN) Graeme McMillan, Marvel's 'Black Panther' Will Set Up 'Avengers: Infinity War,' Says Kevin Feige, in The Hollywood Reporter, 30 dicembre 2015. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  58. ^ (EN) Julia Alexander, Black Panther will feature majority black cast, is crucial to Avengers: Infinity War, su Polygon, 31 dicembre 2015. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  59. ^ (EN) Reid Nakamura, Ryan Coogler Confirmed to Direct Marvel’s ‘Black Panther’, su TheWrap, 11 gennaio 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  60. ^ (EN) Josh Wilding, Exclusive: Creed director Ryan Coogler talks for the first time about helming Marvel’s Black Panther, su Hey U Guys, 13 gennaio 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  61. ^ (EN) Brandon Ellington Patterson, Oscars So White? Black Panther to the Rescue., in Mother Jones, 6 febbraio 2016. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  62. ^ a b (EN) Haleigh Foutch, ‘Black Panther': Kevin Feige Reveals Ryan Coogler Is Co-Writing; Talks Filming Dates, su Collider, 11 aprile 2016. URL consultato l'11 aprile 2016.
  63. ^ (EN) Dan Solomon, How "Creed" Auteur Ryan Coogler Punches Through The Hollywood Mold, in Fast Company, 16 maggio 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  64. ^ (EN) Albert Ching, SDCC: Marvel Studios Reveals Latest Phase 3 Secrets, su Comic Book Resources, 23 luglio 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  65. ^ (EN) Abraham Riesman, Black Panther Director Ryan Coogler: Ta-Nehisi Coates Has ‘Absolutely’ Influenced the Movie, in Vulture, 24 luglio 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  66. ^ a b (EN) Matt Walljasper, What’s filming in Atlanta now? Black Panther, I, Tonya, Stranger Things, and why MCU = ATL, su Atlanta Magazine, 24 gennaio 2017. URL consultato l'11 giugno 2017.
  67. ^ (EN) Silas Lesnick, Doctor Strange IMAX Preview Teases a Marvel Cinematic Multiverse, su ComingSoon.net, 11 ottobre 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  68. ^ (EN) Megan Peters, Black Panther Working Title Revealed, su ComicBook.com, 18 ottobre 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  69. ^ (EN) Valentina I. Valentini, ‘Moonlight,’ ‘Black Panther’ Production Designer on Big Break With Ryan Coogler, in Variety, 30 novembre 2016. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  70. ^ a b c (EN) Lee Hyo-won, First Look: 'Black Panther' Car Chase Scene, su The Hollywood Reporter, 27 marzo 2017. URL consultato l'11 giugno 2017.
  71. ^ (EN) Sonia Kill, Marvel’s ‘Black Panther’ to Shoot Huge Chase Scene in Korea, in Variety, 1º febbraio 2017. URL consultato il 1º febbraio 2017.
  72. ^ (EN) Jon Arvedon, Black Panther's Letitia Wright Confirmed As T'Challa's Sister, su Comic Book Resources, 29 marzo 2017. URL consultato il 30 marzo 2017.
  73. ^ Emanuele Biotti, Black Panther: terminate le riprese del film di Ryan Coogler, su BadTaste.it, 20 aprile 2017. URL consultato il 21 aprile 2017.
  74. ^ (EN) Anthony Breznican, New Black Panther poster hints at trailer tonight, su Entertainment Weekly, 9 giugno 2017. URL consultato il 9 giugno 2017.
  75. ^ Mirko D'Alessio, Black Panther: ecco il trailer del film Marvel su Pantera Nera anche in italiano!, su BadTaste.it, 10 giugno 2017. URL consultato il 10 giugno 2017.
  76. ^ (EN) Borys Kit, 'Black Panther' Teaser Trailer Racks Up 89M Views in First 24 Hours (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 12 giugno 2017. URL consultato il 31 luglio 2017.
  77. ^ (EN) Marc Strom, Marvel Announces Epic Experiences for Fan at Disney's D23 Expo 2017, su Marvel.com, 1º luglio 2017. URL consultato il 31 luglio 2017.
  78. ^ (EN) Spencer Perry, Black Panther Costumes on Display at Comic-Con, su ComingSoon.net, 21 luglio 2017. URL consultato il 31 luglio 2017.
  79. ^ (EN) Anthony Breznican, Intense, secret Black Panther footage scores standing ovation at Comic-Con, su Entertainment Weekly, 22 luglio 2017. URL consultato il 31 luglio 2017.
  80. ^ (EN) Anthony Breznican, New Black Panther trailer ventures into Marvel's miracle world of Wakanda, su Entertainment Weekly, 16 ottobre 2017. URL consultato il 16 ottobre 2017.
  81. ^ Black Panther – Il promo del Super Bowl e un nuovo spot, su blog.screenweek.it. URL consultato l'11 febbraio 2018.
  82. ^ Un omaggio al continente nero per il nuovo poster di Black Panther, su universalmovies.it. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  83. ^ Black Panther: il re di Wakanda torna a casa nel nuovo poster, su cinematographe.it. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  84. ^ Andrea Bedeschi, Rovazzi protagonista del nuovo film di Gennaro Nunziante in uscita nel 2018, su BadTaste.it, 4 luglio 2017. URL consultato il 4 luglio 2017.
  85. ^ (EN) Marc Strom, Marvel Studios Schedules New Release Dates for 4 Films, su Marvel.com, 9 febbraio 2015. URL consultato il 10 febbraio 2015.
  86. ^ (EN) Black Panther, su Box Office Mojo. URL consultato il 21 aprile 2018. Modifica su Wikidata
  87. ^ (EN) Ramin Setoodeh, Chadwick Boseman and Ryan Coogler on How ‘Black Panther’ Makes History, su Variety, 5 febbraio 2018. URL consultato il 15 febbraio 2018.
  88. ^ 'Black Panther', l'eroe nero sbanca tutto: oltre un miliardo d'incasso nel mondo, la Repubblica, 11 marzo 2018. URL consultato l'11 marzo 2018.
  89. ^ Andrea Bedeschi, Black Panther supera Frozen ed entra nella classifica dei dieci maggiori incassi della storia del cinema, su badtaste.it, 4 aprile 2018. URL consultato il 4 aprile 2018.
  90. ^ Frenck Coppola, Box Office Usa - Incasso da 25,2 milioni nelle anteprime per Black Panther, su universalmovies.it, 16 febbraio 2018. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  91. ^ (EN) Black Panther - Daily Box Office Results, su Box Office Mojo. URL consultato il 1º marzo 2018.
  92. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Black Panther debutta con 75.8 milioni di dollari venerdì!, su badtaste.it, 17 febbraio 2018. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  93. ^ (EN) TOP SINGLE DAY GROSSES, su Box Office Mojo. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  94. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Black Panther da record, 235 milioni di dollari nel Weekend dei Presidenti!, su badtaste.it, 19 febbraio 2018. URL consultato il 20 febbraio 2018.
  95. ^ (EN) OPENING WEEKENDS, su Box Office Mojo. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  96. ^ Cristiano Ogrisi, Black Panther straccia The Avengers: ecco il nuovo record di incassi negli USA!, su movieplayer.it, 24 febbraio 2018. URL consultato il 24 febbraio 2018.
  97. ^ (EN) OPENING WEEKS, su Box Office Mojo. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  98. ^ Box Office Usa – record per Black Panther, $ 108 milioni nel secondo weekend, su cinematographe.it, 25 febbraio 2018. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  99. ^ (EN) TOP WEEKENDS: 2ND, su Box Office Mojo. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  100. ^ Frenck Coppola, Box Office Usa - Black Panther vince ancora, siamo oltre 500 milioni, su universalmovies.it, 4 marzo 2018. URL consultato il 5 marzo 2018.
  101. ^ (EN) TOP WEEKENDS: 3RD, su Box Office Mojo. URL consultato il 4 marzo 2018.
  102. ^ (EN) Marvel Cinematic Universe, su Box Office Mojo. URL consultato il 4 marzo 2018.
  103. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Black Panther vince il quarto weekend consecutivo, su badtaste.it, 12 marzo 2018. URL consultato il 12 marzo 2018.
  104. ^ (EN) TOP WEEKENDS: 4TH, su Box Office Mojo. URL consultato il 12 marzo 2018.
  105. ^ Frenck Coppola, Box Office Usa - Vince Black Panther, solo secondo posto per Tomb Raider, su universalmovies.it, 18 marzo 2018. URL consultato il 18 marzo 2018.
  106. ^ (EN) TOP WEEKENDS: 5TH, su Box Office Mojo. URL consultato il 18 marzo 2018.
  107. ^ Davide Stanzione, Black Panther da record: è il film di supereroi col più alto incasso di tutti i tempi in America, su bestmovie.it, 25 marzo 2018. URL consultato il 25 marzo 2018.
  108. ^ (EN) Superhero, su Box Office Mojo. URL consultato il 25 marzo 2018.
  109. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Pacific Rim – la Rivolta batte Black Panther e vince il weekend, su badtaste.it, 26 marzo 2018. URL consultato il 26 marzo 2018.
  110. ^ Fabio di Paola, Black Panther supera Jurassic World e Frozen [Box-Office], su supereroi-news.com, 4 aprile 2018. URL consultato il 4 aprile 2018.
  111. ^ Davide Stanzione, Black Panther batte anche Titanic: è il terzo miglior incasso di tutti i tempi negli Stati Uniti, su bestmovie.it, 8 aprile 2018. URL consultato l'8 aprile 2018.
  112. ^ (EN) Black Panther - International Box Office Results, su Box Office Mojo. URL consultato il 23 febbraio 2018.
  113. ^ (EN) Black Panther, in Rotten Tomatoes, Flixster Inc. URL consultato il 21 aprile 2018. Modifica su Wikidata
  114. ^ (EN) Black Panther, su Metacritic, CBS Interactive Inc. URL consultato il 21 aprile 2018. Modifica su Wikidata
  115. ^ Si sta parlando benissimo di Black Panther, su rivistastudio.com. URL consultato il 9 febbraio 2018.
  116. ^ “Black Panther”, le recensioni sono entusiaste, su fumettologica.it. URL consultato il 9 febbraio 2018.
  117. ^ (EN) 'Black Panther': Film Review, su hollywoodreporter.com. URL consultato il 10 febbraio 2018.
  118. ^ (EN) Dave McNary, ‘Black Panther,’ ‘Walking Dead’ Rule Saturn Awards Nominations, in Variety, 15 marzo 2018. URL consultato il 17 marzo 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]