Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni

L'incredibile Hulk (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'incredibile Hulk
L'Incredibile Hulk.svg
Il logo del film
Titolo originaleThe Incredible Hulk
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2008
Durata112 min
Rapporto2,39:1
Genereazione, fantascienza
RegiaLouis Leterrier
Soggettodai fumetti Marvel Comics
SceneggiaturaZak Penn, Edward Norton (non accreditato)
ProduttoreGale Anne Hurd, Kevin Feige, Avi Arad
Produttore esecutivoStan Lee, Jim Van Wyck, David Maisel
Casa di produzioneMarvel Studios, Valhalla Motion Pictures
Distribuzione in italianoUniversal Studios
FotografiaPeter Menzies Jr.
MontaggioJohn Wright, Rick Shaine, Vincent Tabaillon
Effetti specialiKurt Williams
MusicheCraig Armstrong
ScenografiaKirk M. Petruccelli
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

L'incredibile Hulk (The Incredible Hulk) è un film del 2008 diretto da Louis Leterrier.

Basato sull'omonimo personaggio dei fumetti della Marvel Comics, è un reboot del franchise, dopo il precedente Hulk del 2003 di Ang Lee, e secondo film del Marvel Cinematic Universe.

Il protagonista è interpretato da Edward Norton, il quale contribuì anche alla stesura della sceneggiatura insieme a Zak Penn;[1] il supereroe è incentrato principalmente sulla versione Ultimate dove Banner si sottopone all'esperimento di proposito, e non viene investito dai raggi gamma nel tentativo di salvare Rick Jones come nell'universo Marvel tradizionale.[2] Il personaggio mantiene comunque i tratti del "gigante buono" della versione classica che vuole solo essere lasciato in pace dagli uomini, e non il bestiale assassino dell'altro universo.

Nel cast figurano, nei ruoli principali, Liv Tyler, William Hurt e Tim Roth (che interpreta Emil Blonsky / Abominio, storico antagonista del fumetto originale). Norton avrebbe dovuto interpretare Bruce Banner anche in The Avengers (2012) e in vari sequel, ma dopo alcune trattative fu sostituito da Mark Ruffalo.[3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lo scienziato Bruce Banner, assieme alla fidanzata Elizabeth "Betty" Ross, studia per conto del governo americano l'utilizzo di un siero per creare un supersoldato. Allo scopo di ottenere risultati più rapidi, prova la versione sperimentale su sé stesso, trasformandosi in un gigante verde. Senza rendersene conto ferisce l'amata e suo padre, il generale delle forze armate statunitensi Thaddeus "Thunderbolt" Ross, per poi fuggire.

Banner è inseguito da Ross e i suoi militari, che vorrebbero trasformare il suo DNA in una potentissima arma, ma riesce a sparire per cinque anni, trovando rifugio in una delle più note favelas di Porto Verde in Brasile. Qui vive nell'ombra, lavorando quotidianamente in una fabbrica che imbottiglia bibite gassate; nel frattempo tenta di contenere ogni minimo impulso di rabbia o di emozione che potrebbero farlo trasformare, seguendo corsi di yoga e jūjitsu per perfezionare il proprio autocontrollo. Sotto lo pseudonimo di "Mr. Green" si mette in contatto via Internet con il misterioso scienziato "Mr. Blue", a cui invia un campione del proprio sangue per trovare una cura al suo problema.

Il generale, scoperto dove si nasconde, invia in missione un gruppo di uomini scelti guidati da un soldato d'élite, Emil Blonsky, per cercare di catturarlo. Ma Bruce, trasformatosi nel gigante, sconfigge facilmente i soldati, per poi trovare riparo nel Chiapas, in Messico. Quindi si rimette in viaggio verso gli Stati Uniti, tornando ad Arlington e alla Culver University per poter recuperare alcuni file importanti da inviare a "Mr. Blue", necessari per la sua cura. Si reca così da un suo vecchio amico, Stanley, per avere un posto dove stare al sicuro; qui incontra l'ex fidanzata Betty, che nel frattempo si è legata allo psichiatra Leonard Samson, e decide di stare a casa sua.

Blonsky di fronte a Hulk

Ross convince Blonsky a farsi iniettare il siero del supersoldato, creato durante la seconda guerra mondiale per scopi militari e che lo avrebbe reso straordinariamente più forte. In seguito, il generale e i suoi uomini irrompono alla Culver University per tentare nuovamente di catturare Banner, che quindi muta nel suo gigantesco alter-ego, da quel momento conosciuto come Hulk. Potenziato enormemente dal siero iniettatogli, Blonsky si dimostra decisamente superiore a tutti gli altri soldati e ingaggia uno scontro diretto con il mostro, tenendogli testa soltanto per poco tempo: infatti viene sconfitto con un semplice calcio, riportando ferite quasi letali. In seguito, Hulk abbatte un elicottero militare, salvando Betty dall'esplosione del velivolo stesso, per poi dileguarsi insieme a lei.

Tornato in sé, Banner si reca a New York per incontrare "Mr. Blue", che si rivela essere Samuel Sterns, uno scienziato con manie di grandezza che, oltre a tentare di curarlo, ha replicato in grandi quantità il campione di sangue che Bruce gli aveva inviato, credendo di poterlo utilizzare per curare malattie e altri scopi benefici per l'umanità. Intanto Blonsky, nonostante le gravissime ferite, si riprende molto più velocemente del previsto e una volta guarito, gli viene ancora iniettato il siero per incrementare la sua forza, provocando alcune mutazioni al suo scheletro.

Nel frattempo Betty e Sterns tentano un esperimento che dovrebbe guarire Bruce, pur non sapendo se lo curerà definitivamente oppure inibirà momentaneamente la trasformazione in Hulk: l'esperimento sembra riuscire. Intanto il generale Ross li rintraccia, inviando Blonsky a recuperarli: quest'ultimo, invidioso del potere del gigante verde, costringe Sterns a iniettargli il sangue di Banner: si scatena così una tremenda reazione con il siero del supersoldato e l'uomo si trasforma in Abominio, una mostruosa creatura che inizia a seminare panico e distruzione in città. Lo scienziato, colpito dal mostro, cade a terra nel laboratorio, ferito alla testa e infettato dal sangue di Bruce.

Mentre quest'ultimo, Betty, il generale Ross e altri soldati stanno volando via in elicottero, vengono a sapere del caos generato da Abominio per le strade di New York. Bruce, convinto che la forza dei militari non sia sufficiente, crede che solo Hulk possa fermarlo: perciò decide di lanciarsi dal velicolo, sperando che l'aumento delle frequenze cardiache dovuto alla caduta libera risvegli il mostro, che infatti riappare e avvia un violentissimo scontro con Abominio. Nonostante sembri inizialmente inferiore al nemico, alla fine riesce a sconfiggerlo e a strangolarlo con un'enorme catena d'acciaio, ma un attimo prima di ucciderlo, viene fermato da Betty, l'unica capace di quietare la sua furia, decidendo di lasciare il nemico inerme nelle mani di Ross.

Il suo tentativo di liberarsi di Hulk è fallito, perciò non vede altra scelta che far perdere le sue tracce definitivamente. Diverse settimane dopo, nascosto a Bella Coola, nella Columbia Britannica in Canada, Bruce sta praticando la meditazione, cercando di controllare le proprie emozioni: a un certo punto apre gli occhi e le pupille sono divenute verdi nonostante la forma umana, facendo presagire che sia divenuto capace di controllare la trasformazione a suo piacimento. Il generale Ross, seduto a bere in un bar, viene avvicinato da Tony Stark, il quale lo mette al corrente che lui e altre persone stanno organizzando una squadra.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Bruce Banner / Hulk, interpretato da Edward Norton: uno scienziato genetista che, dopo essersi bombardato con dei raggi gamma, ogni volta che si arrabbia si tramuta in un essere mostruoso con catastrofici effetti personali e non sulla sua vita.
  • Elizabeth "Betty" Ross, interpretata da Liv Tyler: scienziata, ex-fidanzata (ancora innamorata) di Bruce e figlia del generale Thaddeus Ross.
  • Emil Blonsky / Abominio, interpretato da Tim Roth: un soldato di origine russe, cresciuto in Inghilterra, passato dai Royal Marines ai SOCOM. Ammaliato dal potere del Golia verde, si fa iniettare separatamente il siero del super-soldato, che lo rende passo dopo passo sempre più forte e agile, fino a quando, per mano del dottor Sterns, si trasformerà anche lui in un essere mostruoso denominato Abominio.
  • Samuel Sterns, interpretato da Tim Blake Nelson: uno scienziato che tenta di aiutare Bruce dalla liberazione del suo alter-ego. Verrà costretto da Blonsky a trasfondergli il sangue di Banner.
  • Leonard Samson, interpretato da Ty Burrell: psichiatra, attuale fidanzato di Betty Ross.
  • Thaddeus "Thunderbolt" Ross, interpretato da William Hurt: padre di Betty Ross. È un generale che intende avere il DNA di Bruce, decodificarlo per poterlo riprodurre, così da farne un'arma.

Inoltre Christina Cabot interpreta il maggiore Kathleen "Kat" Sparr, subalterna del generale Ross,[4] mentre Peter Mensah interpreta il generale Joe Greller, collaboratore di Ross.[5]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Louis Leterrier nel 2008 all'anteprima parigina

Dopo l'uscita di Hulk diretto da Ang Lee nel 2003, lo sceneggiatore James Schamus aveva pianificato un sequel con Hulk Grigio, prendendo in considerazione come cattivi Il Capo e Abominio.[6] La Marvel fece pressione per avere quest'ultimo, sia in quanto nemico più famoso, sia perché avrebbe potuto rappresentare una minaccia vera per il protagonista, a differenza del generale Ross.[7] Il 18 gennaio 2006 Avi Arad però confermò che i Marvel Studios avrebbero stanziato i fondi per produrre L'incredibile Hulk, mentre la Universal lo avrebbe distribuito,[8] dal momento che non era riuscita a rispettare la scadenza per girare il seguito.[9] Lo studio ritenne che, per continuare la saga, sarebbe stato meglio deviare dallo stile di Lee, specificando che il suo film poteva essere considerato come un fumetto a sé stante in un universo parallelo, e che la loro prossima pellicola avrebbe dovuto, nelle parole di Kevin Feige, "iniziare la vera saga Marvel del Golia verde”. Anche la produttrice Gale Anne Hurd era dell'opinione che esso avrebbe dovuto rispettare quello che "tutti si aspettano di vedere avendo letto i fumetti e guardato la serie TV".[10]

Regia e sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

Louis Leterrier, che aveva amato da piccolo l'omonima serie televisiva del periodo 1977-1982 e il primo film,[10][11] aveva manifestato interesse nel dirigere l'adattamento cinematografico di Iron Man, ma venne scartato in favore di Jon Favreau. Era titubante perché non sicuro di riuscire a replicare lo stile di Lee, ma la Marvel chiarì che quello non era il loro intento.[12] La principale ispirazione del regista fu Hulk: Grigio (una riproposizione della prima apparizione del personaggio) di Jeph Loeb e Tim Sale. Riprodusse nel prodotto finale tutte le strisce, che aveva appeso durante la pre-produzione, dei tanti fumetti letti[11] e affermò che voleva descrivere la lotta di Bruce Banner contro il mostro dentro di lui,[13] mentre Feige aggiunse che il lungometraggio avrebbe esplorato anche "altri aspetti come l'avverarsi dei desideri, la sconfitta delle ingiustizie o delle prepotenze e l'affidarsi ad una forza che uno non sa di avere dentro di sé".[14] Per cui a detta di Arad sarebbe stato "molto più di una storia d'amore fra Bruce Banner e Betty Ross".[15] Nel novembre del 2006 fu fissata la data di uscita del film al 13 giugno 2008.[16] Il regista ammise che l'unica similarità tra le due pellicole fosse la fuga di Bruce in Sud America,[11] e che questa nuova opera sarebbe stato un reboot, al cui interno non ci sarebbe stata una storia delle origini eccessivamente lunga, tranquillizzando così gli spettatori che nel lavoro di Ang Lee si erano spazientiti aspettando che il protagonista facesse la sua apparizione.[17] Feige commentò: "Non volevamo narrare la storia delle origini di nuovo, perché pensavamo che gli spettatori la conoscessero già, ecco perché non l'abbiamo raccontata… Un motivo per cui abbiamo fatto L'incredibile Hulk è stato per introdurre il gigante di giada nel canone [dell'universo cinematografico Marvel]".[18] Dopo qualche discussione si decise di ambientare la prima scena in Thailandia.[19]

Lo sceneggiatore Zak Penn nell'aprile del 2007

Zak Penn, che aveva già scritto un soggetto del primo film nel 1996, venne assunto per scrivere la sceneggiatura. Spiegò che, nonostante la nuova pellicola fosse una ripartenza, avrebbe presentato comunque continuità con la precedente[20] e affermò di aver inserito in questo adattamento delle scene riprese dalla sua idee scartate per il lungometraggio di Lee, come la trasformazione di Banner mentre precipita dall'elicottero e quando il protagonista si rende conto di non poter avere rapporti sessuali con Betty.[21] Penn cominciò a scrivere all'inizio del 2007, dopo che la casa cinematografica rifiutò la trama di un altro sceneggiatore e, prima di partire per promuovere il suo lungometraggio da regista The Grand, stilò ben tre bozze.[22] Nell'aprile dello stesso anno, Norton iniziò le trattative per interpretare Banner, stringendo un accordo che lo vedeva sia attore che sceneggiatore, con una versione che era contrattualmente obbligato a presentare entro un mese.[22] Egli spiegò la sua decisione di ignorare l'origin story di Lee: "Non mi piace neanche il termine origin story e non penso che, nella letteratura e nelle opere cinematografiche importanti, le origini della storia vengano spiegate necessariamente all'inizio".[23] Aggiunse che: "Gli spettatori conoscono questa storia, [quindi] siate intelligenti e fatevene una ragione". Voleva "delle rivelazioni anche nel terzo atto in merito a cosa avesse originato tutto questo".[24] Per avvicinare il pubblico alla pellicola si decise di prendere ispirazione più dalla serie Ultimate Hulk che tratta la stessa storia del fumetto classico ma in maniera diversa e ambientata ai giorni nostri.[20] L'attore eliminò volontariamente il personaggio di Rick Jones e cercò di accentuare la presenza dello S.H.I.E.L.D., presente anche in altri film Marvel. In più aggiunse la scena in cui Banner cerca di estrarre la cura da un fiore e gli scambi di e-mail con Samuel Sterns,[21] che sono una citazione della vicenda di Bruce Jones.[25] Tuttavia, sebbene riscriveva le scene ogni giorno,[26] a prodotto finito la Writers Guild of America decise di accreditare la sceneggiatura esclusivamente a Penn,[27] che condivise pienamente questa decisione tanto da affermare nel 2008: "Non ero contento che [Norton] venisse al Comic-Con dicendo che aveva steso lui la sceneggiatura".[28]

Poco dopo l'uscita de L'incredibile Hulk, Gale Anne Hurd commentò a proposito del legame poco chiaro con Hulk di Ang Lee: "Non siamo riusciti a capire come definirlo… è sia una specie di reboot sia una specie di sequel". Per l'occasione coniò il termine "requel", che reputava la descrizione "perfetta".[29]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

A differenza dei fumetti, Tim Roth (qui nel 2017) non poté impersonare un agente sovietico, considerando che il film si svolge nell'immediato presente e non nell'epoca della guerra fredda[7]

David Duchovny fu inizialmente tenuto in considerazione per il ruolo di Bruce Banner,[9] anche se il regista, originariamente, avrebbe preferito Mark Ruffalo, che poi avrebbe interpretato lo scienziato in tutte le pellicole del Marvel Cinematic Universe.[30] La scelta definitiva di Norton fu motivata da varie considerazioni: Gale Anne Hurd aveva apprezzato il modo in cui aveva rappresentato personalità sdoppiate in Schegge di paura (1986) e Fight Club (1999),[11] mentre a Kevin Feige, egli ricordava Bill Bixby, che impersonò il protagonista nella serie televisiva[31] insieme a Lou Ferrigno nel ruolo di Hulk, il quale a sua volta sottolineò che l'attore "ha un aspetto fisico [e una] personalità simili a quelle di Bixby".[32] Norton in più era un fan del personaggio ed estimatore delle prime uscite dei fumetti, della serie e delle opere di Bruce Jones.[23] Aveva già espresso interesse a ricoprire il ruolo per Ang Lee,[20] ma rifiutò la parte, sostenendo: "Mi sentii a disagio e mi misi sulla difensiva di fronte a una versione che secondo me, alla fine, sarebbe risultata brutta, in quanto il film "si allontanava molto dalla storia a cui tanti erano abituati, […] che era la storia di un fuggitivo". Quando incontrò Leterrier e la Marvel, apprezzò, invece, la loro idea e pensò che si fossero rivolti a lui per curare il progetto. Quindi l'attore riscrisse la sceneggiatura,[24] lavoro quest'ultimo che a detta del regista conferiva alla storia di Bruce una notevole gravitas. Leterrier inoltre aggiunse: "È pur vero che non sono il regista che si rivolge di più agli adulti, ma solo perché stiamo facendo un film sui supereroi non significa che deve piacere solo ai tredicenni. Io ed Edward vediamo i supereroi come le nuove divinità greche".[33]

Durante il Comic-Con di New York, il regista offrì apertamente a Lou Ferrigno la possibilità di prestare la voce a Hulk.[34] Questi disse di sì e fu la seconda volta che doppiò il mostro, dopo la seria animata del 1996. Inizialmente, l'unica battuta, che sarebbe stata anche la sua prima parola, doveva essere "Betty" alla fine del film; tuttavia il cineasta si rese conto che i fan volevano che parlasse normalmente e decise così di inserire "lasciami in pace" e "Hulk spacca!". Quest'ultima espressione venne applaudita durante una proiezione alla quale Ferrigno stesso era presente.[35]

Liv Tyler fu contattata per il ruolo mentre era alla guida per tornare a casa e accettò la parte dopo un giorno senza aver letto la sceneggiatura,[36] in quanto attratta dalla storia d'amore e anche perché era fan della serie TV per via "dell'umanità e delle traversie [di Banner]".[23] Lei e Norton trascorsero ore a discutere sulla vita di Bruce e Betty prima della mutazione.[10] Inoltre affermò che filmare la parte "fu molto impegnativo fisicamente, ma anche molto divertente",[37] e paragonò la sua interpretazione basata sullo shock per l'inaspettato ritorno di Banner nella sua vita a "un cervo che fissa i fari di un'auto".[10]

Il personaggio di William Hurt (in foto nel 2005) sarebbe stato l'unico ad apparire in altri lungometraggi dell'MCU[38]

Tim Roth prese parte alla produzione per far contenti i suoi figli, fan del gigante verde. Da adolescente anche lui era stato uno spettatore della serie TV e trovò le idee di Leterrier "molto interessanti e anche molto cupe". Iniziò a provare il personaggio guardando il film del 2003, ma si fermò per non essere coinvolto nelle controversie sulla sua qualità e confrontarsi con esso.[39] Fu lui a suggerire che Blonsky sarebbe stato meglio come soldato, che come un agente del KGB.[40] Leterrier ammirava il suo lavoro e affermò: "È fantastico vedere un ragazzo cockney diventare supereroe!",[33] mentre la Marvel e Norton, inizialmente, erano riluttanti circa il suo ingaggio.[41] Infatti, prima di lui, era in lista per ricoprire Ray Stevenson, che però venne nello stesso anno assoldato per Punisher - Zona di guerra.[42] Roth si preparò alla parte imparando a sparare e a fare irruzione nei locali con due esperti stuntman;[40] trovò inoltre difficoltoso girare le scene degli inseguimenti, perché, per mostrare l'invecchiamento dell'antagonista, non poté allenarsi,[10] così come risultò particolarmente faticoso correre trascinato da un'imbracatura, al fine di mostrare la capacità di Blonsky di andare a 50–60 km all'ora, dopo aver fatto le iniezioni.[43] Cyril Raffaelli fu la sua controfigura.[11] L'attore apprezzò la motion capture, che gli ricordava il teatro d'avanguardia e assunse il suo allenatore di Planet of the Apes - Il pianeta delle scimmie (2001) per farsi aiutare a rappresentare i movimenti del mostro.[10]

Leterrier contattò infine William Hurt in quanto "Ross, in questo film, è più fisico, più esplosivo e nessun attore è in grado di passare da 0 a 100 meglio di William".[33] Paragonò, inoltre, questo personaggio al capitano Achab.[41] Hulk era il supereroe preferito dell'interprete, così come suo figlio, e trovò la produzione molto diversa dalla "ansia pura" del tipico film da casa cinematografica, essendo molto più vicina a una pellicola indipendente.[44] Descrisse Ross come "umiliato dalla coscienza di Hulk: in pratica vede e riconosce che, quest'ultima è molto più sviluppata della propria, nonostante sia un soldato e un patriota. Lui ha sacrificato [molto] per il proprio paese, a volte anche la sua umanità – che di tanto in tanto recupera".[45] Nel giugno del 2015, riflettendo su come la sua prova attoriale in Captain America: Civil War fosse diversa da questa, disse: "Quello che ho creato [per L'Incredibile Hulk] è stato un Ross preso direttamente dai fumetti, in cui il suo ego e i suoi problemi erano tanto grandi quanto mostruosi. Ho volutamente dato vita a un generale Ross creando una somiglianza con i mostri, rendendolo un mostro umano. Ho lavorato molto duramente sul trucco, sui comportamenti esagerati e su una psicosi controllata".[46] Sam Elliott aveva manifestato interesse nel voler riprendere il ruolo dal primo film di Hulk.[47]

Cameo[modifica | modifica wikitesto]

  • Rickson Gracie, grande maestro di arti marziali, veste i panni dell'istruttore di MMA di Bruce Banner.[48]
  • Stan Lee, creatore del personaggio protagonista, interpreta l'uomo che beve la bottiglia infettata dal sangue di Hulk.[49]
  • Stanley, interpretato da Paul Soles: il pizzaiolo che offre ospitalità e lavoro a Bruce (l'attore dava la voce originale al personaggio di Bruce Banner nella serie animata The Marvel Superheroes).[50]
  • Lou Ferrigno, che ebbe la parte di Hulk nella serie televisiva L'incredibile Hulk, interpreta una guardia di sicurezza della Culver University e doppia Hulk.[51]
  • Roger Harrington, interpretato da Martin Starr: lo studente nerd che lavora nel laboratorio di computer presso la Culver University. Nel maggio 2019, Kevin Feige dichiarò in un'intervista che il personaggio, all'epoca, era ancora un giovane universitario e che sarebbe diventato, successivamente, il professore di Peter Parker in Spider-Man: Homecoming e Spider-Man: Far from Home.[52]
  • Jim Wilson e Jack McGee, interpretati da P.J. Kerr e Nicholas Rose: gli studenti che accorrono ad assistere il duro scontro del supereroe contro l'esercito nei paraggi della Culver Univerisity.[53]
  • Il pedone che viene quasi colpito da un automobile nelle strade di Harlem è interpretato da Michael Kenneth Williams: Norton scrisse appositamente il ruolo per lui, in quanto era un fan della serie televisiva The Wire.[54]
  • Tony Stark / Iron Man, interpretato da Robert Downey Jr.: genio, miliardario, playboy, filantropo e ingegnere che costruisce un'armatura high-tech che indossa lui stesso. Appare nella scena finale. La sua partecipazione fu rivelata il 19 gennaio 2008 dall'attore William Hurt. La sequenza dà vita così a un vero e proprio crossover cinematografico tra personaggi Marvel Studios.[55]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

La location dove Banner viene intercettato e costretto ad opporsi all'esercito

La lavorazione iniziò il 9 luglio 2007: le riprese si svolsero prevalentemente a Toronto, il cui sindaco David Miller, ammiratore di Hulk, mise a completa disposizione la città, anche se ciò creò alcuni disagi per gli abitanti, in special modo quando venne chiusa la Yonge Street per quattro notti a settembre, per girare l'importante combattimento con Blonsky. Nonostante dovessero mettere a soqquadro le strade con esplosivi e ribaltare macchine in fiamme, la troupe riusciva a risistemare il tutto dopo venti minuti, così da continuare le riprese normalmente tutti i giorni a seguire, limitando il disordine.[56] La prima sequenza d'azione fu la battaglia all'università di Culver, realizzata all'università di Toronto e al parco di Morningside. Gli addetti installarono una vetrata panoramica in cima a un sovrappasso del dipartimento per riprendere la scena nella quale i soldati intrappolano Banner.[43] Furono girate anche delle sparatorie nel distretto finanziario.[57] Un complesso industriale di Hamilton in Ontario, che era stata predisposta alla demolizione, fu invece sfruttato per gli interni della fabbrica brasiliana, mentre i suoi piani interrati per la base militare.[56] Sempre nella cittadina, in un backlot, venne girata un'altra parte del combattimento contro il soldato malvagio.[58] Le forze armate canadesi concessero alla produzione la loro base aerea di Trenton e alcuni C-130. Un'altra ambientazione fu il ghiacciaio di Bella Coola, nella Columbia Britannica.[57] Successivamente, le riprese si svolsero per una settimana nella città di New York e per altre due a Rio de Janeiro.[59] In Brasile, la troupe girò a Rocinha, Lapa, nella foresta di Tijuca e a Santa Teresa. Il tutto si concluse a novembre, dopo 88 giorni di lavorazioni.[57]

L'incredibile Hulk aderì all'iniziativa Green-Screen di Toronto il cui scopo è quello di limitare le emissioni di anidride carbonica e dei rifiuti prodotti durante le produzioni cinematografiche.[60] La produttrice Gale Anne Hurd affermò che il supereroe, essendo di colore verde, rappresentava una diretta analogia ambientale e che lo stesso Norton era un'ambientalista. Furono utilizzate così macchine ibride, con combustibile verde e gasolio a basso contenuto di zolfo, come fonte di energia e il reparto di decorazione scenografica sfruttò, come ornamento per i set, una varietà di pino a foglia corta fornita localmente e cresciuta in modo sostenibile, al posto del lauan, e vernici a zero o basso contenuto di composti organici volatili. Il legno fu, spesso, riciclato o donato alle associazioni ambientalistiche e i bidoni delle vernici furono smaltiti dal sistema di gestione dei rifiuti. In aggiunta, furono utilizzate borse di tela, contenitori di cibo biodegradabili, piatti e posate non di plastica, tazze in acciaio inossidabile per ogni membro della produzione, carta riciclata, sapone biodegradabile e imprese per lo smaltimento dei rifiuti, mentre il reparto degli effetti sonori utilizzò batterie ricaricabili.[57] Si tratta del primo film ad alto budget a ricevere il Green Seal della Environmental Media Association, come mostrato nei titoli di coda.[61]

Effetti speciali[modifica | modifica wikitesto]

Leterrier seguì un procedimento altamente innovativo basato sull'utilizzo di una vasta rete di computer e di motion capture, metodo già adottato ne Il Signore degli Anelli e King Kong per realizzare rispettivamente Gollum e il gorilla gigante King Kong.[12] Norton e Roth fecero 2500 riprese dei vari movimenti eseguiti dai mostri (come il "rombo di tuono" di Hulk).[57] Per registrare nei computer le più sottili sfaccettature, le facce degli attori furono cosparse di vernici fosforescenti e successivamente riprese da 37 telecamere a raggi infrarossi.[62] Cyril Raffaelli e altri addetti si occuparono della motion capture per le controfigure e le battaglie,[40] dopo che gli attori principali fecero la sincronizzazione video.[63] Il regista ingaggiò la Rhythm and Hues Studios per gli effetti speciali in computer grafica, mentre la Industrial Light & Magic creò quelli per l'Hulk di Ang Lee. La compagnia Image Engine trascorse più di un anno a lavorare sulla scena in cui il sangue, irradiato dai raggi gamma di Banner, cade per tre piani di una fabbrica di bibite, finendo all'interno di una bottiglia.[64] Complessivamente vennero create 700 riprese con effetti speciali. La motion capture fu d'aiuto per la creazione e la sincronizzazione dei movimenti, ma soprattutto l'animazione key frame della Rhythm and Hues rese possibile la necessaria "eleganza [e] qualità da supereroe".[65] Molti animatori e lo stesso Leterrier portarono degli esempi video per il combattimento principale.[43]

Rappresentazione artistica di Hulk e Abominio a cura di Panini Comics

Lo stile dei fumetti dell'Hulk di Dale Keown fu d'ispirazione per la creazione del suo aspetto.[12] Leterrier riteneva che il primo gigante verde apparso nel 2003 fosse "troppo grasso [e che] le sue proporzioni non fossero ottimali". Spiegò: "Hulk è oltre la perfezione, ha zero grammi di grasso, è tutto scolpito ed è una creatura tutta muscoli e forza, per cui è come un carro armato"[12] Il supervisore agli effetti visivi Kurt Williams concepì il fisico del Golia verde come quello di un linebacker piuttosto che quello di un culturista. Fu decisa un'altezza di due metri e settanta per il supereroe, visto che non si voleva risultasse troppo inumano. Per renderlo più espressivo, furono creati dei programmi al computer al fine di regolare il volume dei muscoli e la saturazione del colore della pelle. Williams fece riferimento al rossore come esempio di colore della pelle degli umani che viene influenzato dalle loro emozioni.[57] Gli animatori ritennero che il sangue verde avrebbe reso la pelle più scura, non più chiara, e che il colorito, in funzione della luce, sarebbe risultato verde oliva o grigio ardesia.[62] Il suo modello animato fu completato senza che la compagnia degli effetti speciali sapesse bene i movimenti che avrebbe dovuto fare, quindi fu predisposto per poter fare tutto ciò che gli ideatori avrebbero voluto, anche nel caso in cui fosse stato utilizzato per il film The Avengers.[65] I capelli di media lunghezza del supereroe furono modellati in base ai disegni di Mike Deodato.[65] Originariamente aveva i capelli a spazzola, ma il regista decise che capelli più fluenti gli avrebbero conferito una maggiore personalità.[63] Citò, inoltre, Un lupo mannaro americano a Londra come ispirazione per le trasformazioni di Banner, volendo illustrare quanto fosse doloroso per lui trasformarsi.[66] Come tributo alla serie TV, anche nel film, al momento della trasformazione, le prime parti del corpo a cambiare, erano il colore degli occhi.[67] Leterrier modificò l'aspetto di Abominio rispetto ai fumetti, perché si aspettava che gli spettatori si sarebbero chiesti come mai assomigliasse a un pesce o a un rettile, piuttosto che a "un super-umano" come Hulk. La sua mostruosità fu ottenuta con molteplici iniezioni nella pelle, nei muscoli e nelle ossa, creando una creatura con una spina dorsale sporgente e con ossa appuntite che poteva usare come lame. La sua pelle verde chiaro riflette la luce, così da apparire color arancio se circondato da incendi, come durante la battaglia principale.[41] Gli attori della motion capture, incluso Roth, cercarono di fare in modo che il personaggio si muovesse in modo meno aggraziato rispetto al gigante di giada. Modellarono la sua postura e il modo in cui girava la testa prendendo spunto dagli squali.[7] Fu scelta per l'antagonista un'altezza di tre metri e quaranta.[57] Leterrier inizialmente pensò di aggiungere le orecchie a punta come nei fumetti, ma si rese conto che Hulk avrebbe potuto strapparle a morsi (come nel caso di Mike Tyson nell'incontro contro Evander Holyfield), fatto questo che lo avrebbe fatto apparire stupido.[68]

Leterrier era intenzionato a utilizzare trucco prostetico e animatronica a complemento delle immagini generate al computer, che furono le sole ad essere utilizzate nel film precedente.[69] Ai truccatori che avevano lavorato su X-Men - Conflitto finale fu dato l'incarico di rappresentare la trasformazione graduale di Blonsky,[26] che Zack Penn affermò avrebbe dovuto mostrare questi "come [un essere] non abituato ad avere queste caratteristiche. È molto più pesante e ci siamo detti fra noi che quando cammina per la strada, il suo peso la distrugge e lo fa inciampare. È tutta questione di umanizzare questi supereroi, mostrando gli effetti che la fisica può avere [su di essi]".[70] Tom Woodruff, vice responsabile di Amalgamated Dynamics (che ha creato tutti i costumi dei film di Alien, a partire da Alien³) fu contattato per creare due busti di Hulk e delle mani prostetiche da utilizzare per il personaggio. Un modello animatronico completo non fu mai realizzato, perché si pensò che sarebbe stato complicato per la produzione girare delle scene con un pupazzo e poi aggiungere la computer grafica.[71] Un modello animatronico fu comunque utilizzato nella sequenza in cui la testa di Sterns si trasformava.[58] Le scene con le devastazioni furono per lo più realizzate dal vivo. Un modello di una macchina imbottigliatrice fu scagliato contro un muro nella sequenza in cui il Golia verde fugge dalla fabbrica. Nella seconda trasformazione all'università, i responsabili utilizzarono al posto di veri lacrimogeni, vapore e ghiaccio secco per stordire il gigante verde, e distrussero un vero Humvee facendogli cadere addosso un peso che avesse le sue stesse dimensioni. Lo schianto dell'elicottero venne attuato allestendo una serie di tubi che esplodevano in successione e aggiungendo un telaio computerizzato che si frantumava. Quando Banner si butta dall'elicottero per innescare la mutazione e combattere Abominio, Norton fu imbragato a una superficie sorretta da una barra che poteva ruotare di 90 gradi, mentre la telecamera era fissata sul soffitto per simulare la caduta. Leterrier commentò, scherzando, che far cadere Norton da quell'altezza non gli avrebbe permesso ovviamente di recitare.[43]

Montaggio[modifica | modifica wikitesto]

La post-produzione fu una fase critica per Norton, il quale si scontrò con la Marvel nel momento in cui si accorse che le scene dai lui ideate furono sorprendentemente cancellate[72]

Settanta minuti di pellicola (che mostravano prevalentemente le origini del supereroe) non furono inclusi nella versione finale.[73] La maggior parte di queste sequenze fu improvvisata e gli autori non erano del tutto certi di includerli, per cui presero in considerazione l'idea di farne uscire alcune solo su Internet.[74] Il tecnico Kyle Cooper, creatore del logo Marvel (quello in cui si vedono le pagine che scorrono) e delle rievocazioni che illustrano la biografia di Iron Man nel suo lungometraggio, realizzò un montaggio con molte di queste scene da inserire nei titoli iniziali.[74] Leterrier infatti riferì che una proiezione di prova, in cui i flashback erano stati inseriti lungo lo svolgimento del film, fu accolta negativamente dagli spettatori, perché la trovarono troppo simile a Hulk e questo determinò la scelta di comprimerli nel prologo,[73] sostituendo di conseguenza l'inizio originale, in cui Banner si reca nell'Artide per suicidarsi; nella parte conclusiva, si intravede tra l'altro per un istante il corpo congelato di Capitan America intrappolato nel ghiaccio. Il regista affermò che non voleva che questo si perdesse nel montaggio di apertura.[73]

Quest'ultimo e Norton discussero con i produttori riguardo la durata complessiva della pellicola: volevano fosse sui 135 minuti, mentre Feige, Arad e gli altri esigevano che fosse sotto le due ore. Questa disputa divenne di dominio pubblico e si diffusero delle indiscrezioni secondo le quali l'attore non avrebbe collaborato con la campagna pubblicitaria se non fosse stato soddisfatto del prodotto finale.[75] Egli rilasciò questa dichiarazione: "Il nostro normale processo [di collaborazione], che è e dovrebbe rimanere una faccenda riservata, è stato interpretato erroneamente dal pubblico come "disputa" e sfruttato da persone in cerca di una storia facile su cui lucrare. È stato distorto così tanto che c'è il rischio che distragga l'attenzione dal film stesso, cosa che io, la Marvel e la Universal non vogliamo che accada. È sempre stata una mia ferma convinzione che i film dovrebbero parlare per sé e che conoscere troppi dettagli su come sono stati realizzati, sminuisca la magia nel guardarli".[76]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: L'incredibile Hulk (colonna sonora).

Leterrier scelse per comporre la colonna sonora Craig Armstrong, che era stato arrangiatore dei Massive Attack, gruppo che piaceva al regista e con cui questi aveva collaborato nel 2005 per il suo Danny the Dog. Ciò sorprese la Marvel, non sapendo se fosse in grado di scrivere una musica per un film d'azione (sebbene avesse effettivamente realizzato quella di Kiss of the Dragon, un action thriler del 2001).[77]

Su suggerimento del cineasta, la colonna sonora fu pubblicata sotto forma di doppio album, cosa che Armstrong pensò essere uno scherzo: di fatto lo studio la ricevette in un'edizione a disco unico.[78] Il tema musicale fu ispirato a The Lonely Man, sigla della serie televisiva L'incredibile Hulk scritta da Joe Harnell.[79]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

«We know the Hulk from 2003 didn't satisfy the fans, and we had to acknowledge that. We emphasized the passion that fans still have for this character and that this is the movie people have always wanted.»

(IT)

«Sappiamo che l'Hulk del 2003 non ha soddisfatto gli appassionati e lo abbiamo dovuto ammettere. Sottolineiamo la passione che i fan hanno ancora per questo personaggio e che questo è il film che il pubblico ha sempre voluto.»

(Stephanie Sperber, vice presidente esecutivo della Universal Studios Partnership, 2008[80])

La promozione della trama puntò sullo sviluppo di una storia d'amore e sulla lotta con un temibile avversario. Il titolo ispirò citazioni a scopo promozionale (come nel caso di 7-Eleven's "L'Incredibile Gulp" e "L'Incredibile Papà" per i regali a tema della Festa del papà presso Kmart). Anche la Burger King promosse il film e i General Nutrition Center utilizzarono il protagonista come modello per gli allenamenti di potenziamento.[80] La Hasbro creò una linea di giocattoli, che fu lanciata sul mercato il 3 maggio 2008,[81] mentre la SEGA lanciò l'omonimo videogioco il 5 giugno 2008.[82] Il film fu pubblicizzato in un episodio di American Gladiators il 9 giugno 2008, che fu presentato da Hulk Hogan e vide la partecipazione di Lou Ferrigno.[83]

Dopo la disputa sul montaggio fra Leterrier e Norton, quest'ultimo insieme ad Adam Fogleson della Universal organizzarono un tour promozionale che avrebbe evitato costantemente le interviste dei media e quindi le domande scomode. L'attore partecipò alla première, prese parte ad uno sketch di Jimmy Kimmel Live! e promosse la pellicola in Giappone.[21] Durante l'uscita si dedicò comunque al volontariato in Africa.[84]

Slogan e trailer[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del 2008 cominciò a circolare in rete il primo teaser e successivamente vari taglines.[85] Con l'avvicinarsi della data di uscita furono diffusi in aggiunta il trailer finale e numerosi spot tv, molti dei quali ricaricati alcuni anni dopo sulla piattaforma video-sharing di YouTube.[86][87]

  • «On June 13, get ready to unleash the beast.»[88]
    «Il 13 giugno, preparati a sguinzagliare la bestia.»
  • «This summer, our only hope is something incredible»[88]
    «Quest'estate, la nostra unica speranza è qualcosa di incredibile»
  • «This June, a hero shows his true colors»[88]
    «A giugno, un eroe mostra i suoi veri colori»
  • «You'll like him when he's angry.»[88]
    «Ti piacerà vederlo arrabbiato.»

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Liv Tyler alla prima del film

L'anteprima mondiale de L'incredibile Hulk si tenne l'8 giugno 2008 all'Universal Amphitheatre, Los Angeles.[89] La pellicola venne distribuita a partire dal 13 giugno[90] in 3.505 cinema statunitensi,[91] invece in quelle italiane dal 18 giugno.[90] Infine, il 30 agosto 2018, in occasione del decimo anniversario dei Marvel Studios, per la prima volta fu anche proiettata in formato IMAX.[92]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Le date di uscita internazionali nel corso del 2008 furono:[90]

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti la visione fu vietata ai minori di 13 anni non accompagnati, per i seguenti motivi: "Intense sequenze di azione violento, immagini fantascientifiche spaventose e brevi contenuti suggestivi". In Italia venne resa libera a tutti.

I restanti divieti internazionali furono:[93]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio italiano della pellicola fu eseguito dalla società Pumais Due. I dialoghi e la direzione furono curati da Fiamma Izzo, assistita da Simone Romeo e con la consulenza militare di Luciano Facca, quella medica di Yuri Macrino e quella portoghese di Sergio Lira. La sonorizzazione avvenne presso la struttura CDC Sefit Group, mentre il missaggio fu effettuato negli studi Sinxspeed, a Londra. Sandro Galluzzo, infine, si occupò della tecnica del suono.[94]

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 ottobre 2008 l'Universal Pictures Home Entertainment pubblicò L'incredibile Hulk in DVD e Blu-ray, edizioni in cui vi erano compresi filmati sul dietro le quinte, commenti audio, scene tagliate e un incipit alternativo.[95][96] Già dal primo giorno, negli Stati Uniti, si classificò in prima posizione nelle vendite per il mercato home video. Poco dopo spuntarono le versioni a disco singolo in formato widescreen e fullscreen; una speciale con tre dischi (il primo contiene i commenti del regista e Tim Roth, il secondo alcuni contenuti speciali e delle scene tagliate, e il terzo una copia digitale); infine un pacchetto Blu-ray a doppio CD. L'edizione in Blu-ray invece unisce il contenuto dei primi due DVD in un unico dischetto, mentre il secondo contiene la copia digitale.

Il film faceva parte inoltre di un cofanetto, rilasciato il 2 aprile 2013 dalla Walt Disney Studios Home Entertainment,[97] da dieci dischi intitolato Universo cinematografico Marvel: Fase Uno – Avengers Assemble, che per l'appunto introduceva tutte le opere cinematografiche della Fase Uno dell'MCU.[98] Infine, l'Universal lo diffuse in 4K Ultra HD il 10 aprile 2018.[99]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

L'incredibile Hulk ottenne un incasso pari a 134 806 913 $ in Nord America e 128 620 638 $ nel resto del mondo, di cui 6 460 290 $ in Italia, per un totale di 263 427 551 $, a fronte di un budget di produzione di 150 milioni di dollari.[100] Si tratta dell'opera cinematografica che ha reso meno nella storia dell'MCU.

Nord America[modifica | modifica wikitesto]

In madrepatria incassò $21,5 milioni il primo giorno di programmazione.[101] Nel fine settimana d'esordio ottenne il primo posto al botteghino guadagnando $55,4 milioni,[102] e complessivamente nella prima settimana di programmazione $74,9 milioni.[103] Nel secondo week-end scese in seconda posizione percependo $22,1 milioni, con un calo del 60,1% rispetto al precedente.[104] Nel terzo discese ancora fino al quinto posto guadagnando $9,6 milioni, con un ulteriore calo del 56,7%.[105] Nel quarto finì in sesta posizione, registrando $4,9 milioni al botteghino e una discesa del 48,8%.[106] Rimase nei cinema complessivamente per 85 giorni, incassando in totale 134 806 913 $.[100]

Internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel resto del mondo incassò invece 128 620 638 $ e i mercati maggiori furono Regno Unito ($15,2 milioni), Messico ($12,6 milioni), Francia ($9,7 milioni), Cina ($9,3 milioni), Spagna ($7,7 milioni), Italia ($6,5 milioni), Russia ($6,4 milioni), Corea del Sud ($6,4 milioni), Brasile ($4,9 milioni), Australia ($4,5 milioni) e India ($3,1 milioni).[107]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

L'incredibile Hulk ricevette recensioni generalmente positive dai critici. Sul sito Rotten Tomatoes il 67% delle 230 recensioni professionali sono positive, con un voto medio di 6,2 su 10,[108] mentre su Metacritic registra un punteggio medio di 61 su 100 basato su 38 recensioni.[109]

La critica in generale espresse pareri contrastanti: nonostante il tentativo di mettere in mostra il lato "umano" di Hulk e le sottigliezze psicologiche dei personaggi,[110] il film fu criticato per essere un blockbuster incentrato troppo sull'azione e sui combattimenti.[111][112] Vi sono tuttavia scene che ottennero un certo apprezzamento, come quelle ambientate in Brasile[113] e l'incontro tra Hulk e Betty Ross sotto la pioggia, paragonata a più riprese all'analoga sequenza tra una bella e una bestia già presente nel King Kong di Peter Jackson.[110][111][112][114]

La prova attoriale di Edward Norton (qui nel 2010) venne apprezzata da buona parte della critica[110][112]

Marco Spagnoli del webzine Fantascienza.com bocciò la sceneggiatura e le animazioni digitali, ritenendole "finte" e "poco credibili" e aggiungendo infine: "Un po' Frankenstein, un po' La Bella e la Bestia, l'Hulk del regista francese è un film stanco e con tanti problemi di costruzione che rendono l'andamento della storia non interessante e poco credibile. Come, ad esempio, il primo attacco in Brasile che inizia di notte, poi diventa giorno eppoi è di nuovo notte nell'arco di pochi minuti".[115] Marco Lucio Papaleo, di Everyeye.it, trovò nella solitudine rappresentata da Banner e Blonsky il liet-motiv del film,[110] mentre Marianna Cappi e Stefano Lo Verme, di MYmovies.it, concordarono nell'affermare che dopo un inizio ben impostato sull'analisi del dramma interiore del protagonista si ricade nello scontato: la prima vide un parallelismo tra lo scontro di ideologie tra il generale e Betty Ross e quello tra Bruce Banner e il padre nel film del 2003, mentre il secondo apprezzò la performance di Norton, criticando però quella degli altri attori, affermando che "si limita[no] a fare da tappezzeria alle imprese dell'omone verde";[111] pareri analoghi ci furono da parte di Federico Gironi di Comingsoon.it.[112] Pure Massimo Borriello, di Movieplayer.it, apprezzò le scene ambientate in Brasile, al netto dell'intenzione di far apparire le favelas come luoghi da cartolina nascondendone l'effettivo degrado, e gli effetti speciali utilizzati per ricreare Hulk e Abominio,[113] giudicati positivi anche da Simon Crook della rivista inglese Empire.[114]

Eric Moro del sito di critica IGN apprezzò le sequenze d'azione e l'efficacia del cast, seppur "unidimensionale".[116] A distanza di nove anni, Dani di Placido del periodico Forbes affermò di ricordare ben poco del film, descrivendolo però come "deludente".[117] Pareri ben più lapidari da parte di Peter Bradshaw, del The Guardian, che lo giudicò "noioso", arrivando a definire la sceneggiatura e i personaggi "spazzatura".[118] A Rene Rodriguez del The Miami Herald al contrario piacque il fatto che il lungometraggio "presenti nuovi aspetti significativi che la precedente pellicola diretta da Lee non aveva: è più leggero e veloce, è più divertente e considera (invece di trascurare) la serie TV degli anni '70 che lanciò il personaggio".[119] Anche Todd McCarthy di Variety spese alcune parole di elogio, dicendo che: "quello che sembrava, in teoria, il risveglio meno necessario di un supereroe sul grande schermo, si rivela una commedia d'azione estiva perfettamente solida in L'incredibile Hulk.[...] è tutta parimenti una demolizione e distruzione cinematografica, messa in scena in modo efficiente, con un pizzico di entusiasmo e scritta con sporadica arguzia [...] Le immagini vertono verso il buio e l'oscurità, ma il montaggio a tre mani - in realtà sei - è veloce, e la colonna sonora sempre presente di Craig Armstrong è contemporaneamente bombastica e utile a sostegno dell'azione. Gli effetti sono in linea con i risultati generalmente positivi ma non ispirati del film".[120] Mark Rahner del The Seattle Times scrisse: "Il rilancio del golia verde firmato Marvel Studios ha un margine di miglioramento rispetto al ponderoso Hulk (2003) del regista cinese, sotto quasi ogni punto di vista - tranne per il fatto che l'attuale supereroe faccia pensare a qualcosa di simile a un videogioco, e che la creatura sia ancora troppo poco loquace".[121]

La Commissione Nazionale Valutazione Film ritenne che "la scelta di Leterrier di recuperare il tono della favola, del racconto che mischia epos e romanticismo in un quadro dal respiro fabulatorio" fosse stata adeguata e che "Un velo di malinconia aleggia su tutti i protagonisti, quasi costretti a vivere situazioni non gradite, eppure condizionati da forze ineliminabili. Lo sguardo amaro di Bruce si confonde con quello preoccupato e accorato di Betty e con quello crepuscolare del generale Ross. Gli spazi da incubo della favela brasiliana si coniugano con la New York sradicata dalla minaccia dei mostri. Una bella fiaba sul Bene/Male senza retorica e senza lieto fine".[122]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2008Scream Award[127]
    • Candidatura per il miglior film fantasy
    • Candidatura per il miglior attore in un film fantasy a Edward Norton
    • Candidatura per il miglior supereroe a Edward Norton (Hulk)
    • Candidatura per il miglior remake
    • Candidatura per la miglior battuta ("Hulk spacca")
    • Candidatura per il miglior film tratto da un fumetto
  • 2008Teen Choice Award[128]
    • Candidatura per il miglior film estivo - Azione o Avventura

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Quando si seppe del rimpiazzo di Norton con Ruffalo, Kevin Feige sostenne che la decisione era basata sulla necessità di un attore che incarnasse la creatività e lo spirito collaborativo degli altri membri del cast[129]

Il personaggio di Samuel Sterns, interpretato da Tim Blake Nelson, fu inserito nel film per sviluppare un potenziale sequel con il Capo come nuovo nemico;[130] l'attore aveva effettivamente firmato per ulteriori pellicole.[131] Anche Ty Burrell, interprete di Leonard Samson, aveva sottoscritto un contratto per ulteriori seguiti ed espresse il desiderio di vedere il personaggio tramutato come nel fumetto.[131] Nel giugno del 2008 Louis Leterrier dichiarò che lui, Tim Roth e altri membri del cast, eccetto Edward Norton, avevano firmato per interpretare ulteriori seguiti.[132] Norton venne in seguito sostituito da Mark Ruffalo in The Avengers (2012), Iron Man 3 (2013), Avengers: Age of Ultron (2015), Thor: Ragnarok (2017), Avengers: Infinity War (2018) e in Avengers: Endgame (2019).[133] Nell'aprile 2015 Ruffalo spiegò che uno degli ostacoli alla realizzazione di un nuova opera cinematografica su Hulk è il fatto che gli Universal Studios detengono i diritti di distribuzione del personaggio, cosa che impedisce alla Disney di produrre la pellicola.[134][135][136]

Nell'ottobre 2019 in un'intervista con il New York Times, Edward Norton rilasciò delle dichiarazioni a proposito del progetto che lo avrebbe visto tornare nei panni del dottor Bruce Banner, ma che non fu mai realizzato. La sua intenzione era quella di proporre sul grande schermo un eroe verde molto più cupo, che in qualche modo ricordasse lo stile della trilogia del cavaliere oscuro diretto da Christopher Nolan. "Ciò che ha fatto Nolan con Batman si muove lungo un percorso che apprezzavo: lungo, dark e serio. Pensavo che il personaggio di Hulk fosse perfetto per lo stesso percorso... Avevo proposto un progetto costituito da due film: le origini e poi l'idea del Golia verde come di un sognatore cosciente..."[137] L'idea era piaciuta allo studio, ma non si avverò mai. Ha poi spiegato che quando discusse dei suoi piani con la Marvel, non era disposto a dedicare tutto il tempo necessario per realizzare questa visione creativa e che il budget non corrispondeva alle richieste avanzate.[138] Inoltre James Gunn (regista di Guardiani della Galassia e Guardiani della Galassia Vol. 2[139]) espresse interesse per la creazione di un film con Hulk e Hulk Rosso, ma il progetto non entrò mai in sviluppo a causa dei conflitti con la Universal.[140] Al D23 Expo, i Marvel Studios confermarono invece di aver dato avvio alla produzione di una serie su Jennifer Walters/She-Hulk, in esclusiva per la piattaforma Disney+.[141]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hulk, Edward Norton ha scritto la sceneggiatura!, su cineblog.it, 30 luglio 2007. URL consultato il 14 agosto 2019.
  2. ^ (EN) Michael Curley, 'The Incredible Hulk' Is the Black Sheep of the Marvel Cinematic Universe, su PopMatters, 9 agosto 2018. URL consultato il 14 agosto 2019.
  3. ^ Silvia Nicoletti, «Non volevo mi si cucisse addosso»: ecco perché Edward Norton non ha continuato ad interpretare Hulk, su Best Movie, 22 ottobre 2014. URL consultato il 14 agosto 2019.
  4. ^ (EN) Caffinated Clint, Exclusive Interview : Christina Cabot, su Movie Hole, 16 maggio 2008. URL consultato il 10 agosto 2019.
  5. ^ (EN) Linda Craddock, Slice of SciFi Interview With “The Hulk’s” Peter Mensah, su sliceofscifi.com, 12 giugno 2008. URL consultato il 14 agosto 2019.
  6. ^ (EN) William Keck, Busting out: 'Hulk' stars aglow for the premiere, su USA Today, 18 giugno 2003. URL consultato il 24 maggio 2019.
  7. ^ a b c Diventare Abominio, DVD de L'incredibile Hulk.
  8. ^ (EN) Harry Knowles, HULK 2 story BS!, su Ain't It Cool News, 18 gennaio 2006. URL consultato il 24 maggio 2019.
  9. ^ a b (EN) Steven Zeitchik, Marvel stock soars on rev outlook, su Variety, 23 febbraio 2006. URL consultato il 24 maggio 2019.
  10. ^ a b c d e f Nick de Semlyen (giugno 2008). "Fight Club". Empire. pp. 66–72.
  11. ^ a b c d e (EN) Edward Douglas, Exclusive: Letterier, Feige and Hurd on Hulk’s Return, su SuperheroHype.com, 20 aprile 2008. URL consultato il 1º giugno 2019.
  12. ^ a b c d (EN) Bryan Cairns, Leterrier: Captain America in Hulk film, su Newsarama, 3 ottobre 2011. URL consultato il 1º giugno 2019.
  13. ^ (EN) COMIC-CON 2006: THE INCREDIBLE HULK PANEL, su IGN, 23 luglio 2006. URL consultato il 1º giugno 2019.
  14. ^ (EN) Feige on Silver Surfer, Iron Man and Hulk, su SuperheroHype.com, 10 febbraio 2007. URL consultato il 1º giugno 2019.
  15. ^ Make Ours Marvel. Empire. 26 maggio 2006. p. 66
  16. ^ (EN) THE INCREDIBLE HULK TO SMASH INTO THEATERS JUNE 13, 2008, su Marvel.com, 6 novembre 2006. URL consultato il 6 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2016).
  17. ^ (EN) Scott Huver, The Incredible Hulk: A Smashing Sampling of Scenes, su SuperheroHype.com, 26 maggio 2008. URL consultato il 27 maggio 2008.
  18. ^ (EN) Jim Vejvoda, MARVEL STUDIOS BOSS KEVIN FEIGE TALKS CAPTAIN AMERICA: THE WINTER SOLDIER SPOILERS AND WHAT'S IN STORE FOR THE MARVEL CINEMATIC UNIVERSE, su IGN, 7 aprile 2014. URL consultato il 21 luglio 2017.
  19. ^ (EN) Charlie Jane Anders, The Hulk Almost Trashed Times Square, Designer Tells io9, su io9.com, 20 giugno 2008. URL consultato il 21 giugno 2008.
  20. ^ a b c (EN) Edward Douglas, EXCL: Zak Penn on Norton as Hulk!, su SuperheroHype.com, 16 aprile 2007. URL consultato il 1º giugno 2019.
  21. ^ a b c (EN) Anne Thompson, Incredible Hulk: Setting the Record Straight, su indiewire.com, 13 giugno 2008. URL consultato il 1º giugno 2019.
  22. ^ a b (EN) Jay A. Fernandez, Signing on to a writing co-op, su Los Angeles Times, 15 agosto 2007. URL consultato il 1º giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  23. ^ a b c (EN) Edward Douglas, Live from Comic-Con: The Marvel Studios Panel!, su SuperheroHype.com, 28 giugno 2007. URL consultato il 29 giugno 2007.
  24. ^ a b (EN) Edward Norton talks Incredible Hulk, su Total Film, 7 marzo 2008. URL consultato il 1º giugno 2019.
  25. ^ (EN) Cal Kemp, Kevin Feige Interview – The Incredible Hulk, su Collider.com, 17 giugno 2008. URL consultato il 17 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  26. ^ a b (EN) Jake Rossen, Q&A: Tim Roth, su Wizard, 27 marzo 2008. URL consultato il 30 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2008).
  27. ^ (EN) Jim Harvey, 'Zak Penn to receive sole writing credit for 'Incredible Hulk', su Mania.com, 5 giugno 2008. URL consultato il 23 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  28. ^ (EN) Vanessa Juarez, Comic-Con: 'Incredible Hulk' screenwriter Zak Penn discusses strife with Edward Norton, su Entertainment Weekly, 26 luglio 2008. URL consultato il 21 febbraio 2013.
  29. ^ (EN) Kal Kemp, Gale Anne Hurd Interview – The Incredible Hulk, su Collider.com, 16 giugno 2008. URL consultato il 17 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  30. ^ (EN) Mike Ryan, Louis Leterrier, ‘Now You See Me’ Director, On The Problems With ‘The Incredible Hulk’ And ‘Clash Of The Titans’, su HuffPost, 28 maggio 2013. URL consultato il 21 agosto 2019.
  31. ^ (EN) The Hulk's Incredible Return, su IGN, 14 maggio 2012. URL consultato il 21 agosto 2019.
  32. ^ (EN) Shawn Adler, LOU FERRIGNO SAYS HULK CAMEO A 'SMASH', su MTV, 23 ottobre 2007. URL consultato il 21 agosto 2019.
  33. ^ a b c News Etc. Empire. April 2008. pp. 15–16
  34. ^ (EN) Jeff Otto, Special Report: Hulk Edit Bay Visit, su darkhorizons.com, 27 maggio 2008. URL consultato il 26 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  35. ^ (EN) Eric Moro, Exclusive: Hulk Director Speaks, su IGN, 13 maggio 2012. URL consultato il 26 agosto 2019.
  36. ^ (EN) Will Lawrence, Liv Tyler on why there’s life after the Lord of the Rings, su The Times, 16 agosto 2008. URL consultato il 21 agosto 2019.
  37. ^ (EN) Donna Freydkin, Liv Tyler loves being the Givenchy girl, su USA Today, 29 novembre 2007. URL consultato il 21 agosto 2019.
  38. ^ (EN) Josh Baggins, Marvel Cinematic Universe actors: William Hurt, su bamsmackpow.com, 18 aprile 2019. URL consultato il 21 agosto 2019.
  39. ^ (EN) Jake Rossen, WIZARD Q&A;: TIM ROTH, su Wizard, 27 marzo 2008. URL consultato il 21 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2008).
  40. ^ a b c (EN) Scott Collura & Eric Moro, THE INCREDIBLE BLONSKY, su IGN, 10 giugno 2008. URL consultato il 1º giugno 2019.
  41. ^ a b c (EN) Louis Leterrier Talks Hulk Secrets, su Empire, 13 marzo 2008. URL consultato il 2 giugno 2019.
  42. ^ (EN) Eric Alt, Punisher: War Zone's Ray Stevenson Brings the Pain, su Maxim. URL consultato il 21 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  43. ^ a b c d Anatomia di una trasformazione, DVD de L'incredibile Hulk
  44. ^ (EN) Larry Carroll, WILLIAM HURT SAYS NEW HULK IS MORE HEROIC, REVEALS IRON MAN CROSSOVER SCENE, su MTV, 19 gennaio 2008. URL consultato il 21 agosto 2019.
  45. ^ (EN) The Calgary Herald, Putting Hurt on Hulk, su canada.com, 5 marzo 2008. URL consultato il 21 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  46. ^ (EN) Meredith Woerber, William Hurt promises a new version of General Ross in ‘Captain America: Civil War’, su Los Angeles Time, 24 giugno 2015. URL consultato il 21 agosto 2019.
  47. ^ (EN) Jennifer Vineyard, 'HULK' STARS GIVE THUMBS-UP FOR SEQUEL COUNTERPARTS; MARVEL GOES RED, su MTV, 11 febbraio 2007. URL consultato il 21 agosto 2019.
  48. ^ Rickson Gracie, l’imbattuto “anestesista” delle MMA, su badliteratureinc.it. URL consultato il 22 settembre 2019.
  49. ^ Max Borg, Excelsior! Alla ricerca dei camei di Stan Lee nei film e nelle serie Marvel, movieplayer.it, 23 febbraio 2018. URL consultato il 10 agosto 2019.
  50. ^ (EN) Victoria Ahearn, Toronto's Paul Soles recalls starring in original 'Spider-Man' animated series, 14 novembre 2018. URL consultato il 14 agosto 2019.
  51. ^ (EN) Robert Sanchez, Edit Bay Visit Part 1: Incredible New Footage from The Incredible Hulk!, IESB.net, 27 maggio 2008. URL consultato il 10 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2009).
  52. ^ Cecilia Strazza, Kevin Feige conferma il legame tra L'incredibile Hulk e Spider-Man: Homecoming, su cinefilos.it, 17 maggio 2019. URL consultato il 25 agosto 2019.
  53. ^ (EN) Marvel Cinematic Universe: 79 Geeky Spots and Easter Eggs, su denofgeek.com, 23 novembre 2016. URL consultato il 22 settembre 2019.
  54. ^ (EN) Wire Star Hulks Out, su IGN, 12 maggio 2012. URL consultato il 22 settembre 2019.
  55. ^ Andrea Francesco Berni, William Hurt svela il cameo di Iron Man in Hulk, BadTaste.it, 21 gennaio 2008. URL consultato il 16 aprile 2019.
  56. ^ a b The Making of, DVD de L'incredibile Hulk
  57. ^ a b c d e f g (EN) THE INCREDIBLE HULK Production Notes, su SciFi Japan, 1º giugno 2008. URL consultato il 1º giugno 2019.
  58. ^ a b Dal Fumetto al Grande Schermo, Blu-ray de L'incredibile Hulk
  59. ^ (EN) Hulk Filming at CFB Trenton, su SuperheroHype.com, 31 luglio 2007. URL consultato il 1º giugno 2019.
  60. ^ (EN) Tim Lai, City's film industry aim to be eco-friendly, Toronto Star, 11 settembre 2007. URL consultato il 12 agosto 2019.
  61. ^ (EN) Libby McCarthy, Hurd helping to green Hollywood, su Variety, 12 giugno 2019. URL consultato il 12 agosto 2019.
  62. ^ a b (EN) Tom Russo, Making 2008's 'The Incredible Hulk' more than a shade better, su New York Times, 15 giugno 2008. URL consultato il 1º giugno 2019.
  63. ^ a b Diventare Hulk, DVD de L'incredibile Hulk
  64. ^ (EN) Marke Andrews, Vancouver's visual effects makers bulk up, su The Vancouver Sun, 11 aprile 2008. URL consultato il 1º giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  65. ^ a b c (EN) Tom McLean, SFX Whizzes Make the Incredible Hulk a Credible Hulk, su Newsarama, 9 ottobre 2008. URL consultato il 1º giugno 2019.
  66. ^ (EN) Drew McWeeny, AICN EXCLUSIVE! Moriarty Visits The Editing Room For THE INCREDIBLE HULK!, su Ain't It Cool News, 26 maggio 2008. URL consultato il 2 giugno 2019.
  67. ^ (EN) Shawn Adler, 'INCREDIBLE HULK' TRAILER: SHOT-BY-SHOT ANALYSIS SHOWS GREEN GUY HAS CONTROL ISSUES, su MTV, 12 marzo 2008. URL consultato il 2 giugno 2019.
  68. ^ (EN) Rob Worley, Louis Leterrier on 'The Incredible Hulk' controversies, su Mania.com, 13 giugno 2008. URL consultato il 2 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  69. ^ (EN) Director Louis Leterrier on The Incredible Hulk!, su SuperheroHype.com, 15 settembre 2006. URL consultato il 2 giugno 2019.
  70. ^ (EN) Scott Collura, HULK VILLAIN TALK, su IGN, 3 maggio 2007. URL consultato il 2 giugno 2019.
  71. ^ (EN) Martin Anderson, The Den Of Geek interview: Tom Woodruff Jr., su DenOfGeek.com, 23 luglio 2008. URL consultato il 2 giugno 2019.
  72. ^ Stefano Dell'Unto, L'Incredibile Hulk: Edward Norton incolpa la Marvel per la pessima sceneggiatura, su nerdplanet.it, 16 luglio 2018. URL consultato il 2 agosto 2019.
  73. ^ a b c (EN) Director Louis Leterrier Interview – The Incredible Hulk, su Collider.com, 16 giugno 2008. URL consultato il 1º giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  74. ^ a b (EN) Robert Sanchez, Edit Bay Visit Part 1: Incredible New Footage from The Incredible Hulk!, su Iesb.net, 27 maggio 2008. URL consultato il 1º giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2009).
  75. ^ (EN) Brooks Barners, What’s Big and Green, and Desperate to Be a Hit All Over?, su New York Times, 10 aprile 2008. URL consultato il 1º giugno 2019.
  76. ^ (EN) Gregory Kirshiling, 'The Incredible Hulk': Behind-the-Scenes Drama', su Entertainment Weekly, 17 aprile 2008. URL consultato il 1º giugno 2019.
  77. ^ (EN) Rudy Koppl, Director Louis Leterrier – Opening the Mind's Eye, MusicFromTheMovies.com, 9 luglio 2008. URL consultato il 9 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2008).
  78. ^ (EN) Rudy Koppl, The Incredible Hulk – Dr. Bruce Banner's Hidden Secrets, MusicFromTheMovies.com, 9 luglio 2008. URL consultato il 9 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2008).
  79. ^ (EN) The Incredible Hulk: Music From the Television Pilot Movies, su joeharnell.com. URL consultato il 9 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2014).
  80. ^ a b (EN) T.L. Stanley, BK, 7-Eleven Adding Bulk to Hulk Redux, su Brandweek, 20 aprile 2008. URL consultato il 23 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2008).
  81. ^ (EN) Edward Douglas, Hasbro Previews G.I. Joe, Hulk, Iron Man, Indy & Clone Wars, su SuperheroHype.com, 16 febbraio 2008. URL consultato il 23 giugno 2019.
  82. ^ (EN) Advanced Dark, The Incredible Hulk Trailer Coming Early March, su SuperheroHype.com, 19 febbraio 2008. URL consultato il 23 giugno 2019.
  83. ^ (EN) James Hibberd, 'Gladiators' Hulks up, su The Hollywood Reporter, 23 maggio 2008. URL consultato il 23 giugno 2019.
  84. ^ (EN) Chris Lee, A history of flexing his muscles, su Los Angeles Times, 13 giugno 2008. URL consultato il 23 giugno 2019.
  85. ^ (EN) Nikki Finke, Ed Norton And Marvel In 'Hulk'-ing Feud, su deadline.com, 11 marzo 2008. URL consultato il 14 agosto 2019.
  86. ^ Filmato audio (EN) Movieclips Classic Trailers, The Incredible Hulk (2008) Official Trailer - Edward Norton, Liv Tyler Movie HD, su YouTube, 15 novembre 2013. URL consultato il 12 aprile 2019. Modifica su Wikidata
  87. ^ Filmato audio (EN) MOVIE PREDICTOR, THE INCREDIBLE HULK (2008) - Trailer - 1080p, su YouTube, 4 giugno 2018. URL consultato il 12 aprile 2019. Modifica su Wikidata
  88. ^ a b c d (EN) L'incredibile Hulk (2008) - Taglines, su imdb.com. URL consultato il 4 febbraio 2019.
  89. ^ (EN) World Premiere of “The Incredible Hulk”, hollywood.com. URL consultato l'11 aprile 2019.
  90. ^ a b c (EN) The Incredible Hulk - Release Info, imdb.com. URL consultato l'8 aprile 2019.
  91. ^ (EN) The Incredible Hulk - Weekend Box Office Results, boxofficemojo.com. URL consultato l'11 aprile 2019.
  92. ^ (EN) Devan Coggan, All 20 Marvel Cinematic Universe movies are returning to theaters in IMAX, ew.com, 10 agosto 2018. URL consultato l'11 aprile 2019.
  93. ^ (EN) The Incredible Hulk - Parents Guide, IMDb. URL consultato il 15 maggio 2019.
  94. ^ L'incredibile Hulk (2008), su antoniogenna.net. URL consultato il 4 agosto 2019.
  95. ^ (EN) Dave Foster, The Incredible Hulk (R1) in October, su film.thedigitalfix.com, 27 agosto 2008. URL consultato il 5 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  96. ^ (EN) Dave Foster, The Incredible Hulk (US BD) in October, su film.thedigitalfix.com, 26 agosto 2008. URL consultato il 5 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  97. ^ (EN) Anthony Breznican, Briefcase lawsuit delays Marvel's 'Phase 1' box set until next spring, su ew.com, 6 settembre 2012. URL consultato il 5 agosto 2019.
  98. ^ (EN) Jason Lee, ‘Marvel Cinematic Universe’ 10-disc Blu-ray set announced, su hd-report.com, 6 giugno 2012. URL consultato il 5 agosto 2019.
  99. ^ (EN) The Incredible Hulk 4K Blu-ray, su blu-ray.com. URL consultato il 5 agosto 2019.
  100. ^ a b (EN) L'incredibile Hulk, su Box Office Mojo. URL consultato il 3 agosto 2019. Modifica su Wikidata
  101. ^ (EN) L'incredibile Hulk - Daily Box Office Results, su Box Office Mojo. URL consultato il 14 agosto 2019.
  102. ^ (EN) Weekend Box Office (June 13-15, 2008), su Box Office Mojo. URL consultato il 14 agosto 2019.
  103. ^ (EN) L'incredibile Hulk - Weekly Box Office Results, su Box Office Mojo. URL consultato il 14 agosto 2019.
  104. ^ (EN) Weekend Box Office (June 20-22, 2008), su Box Office Mojo. URL consultato il 14 agosto 2019.
  105. ^ (EN) Weekend Box Office (June 27-29, 2008), su Box Office Mojo. URL consultato il 14 agosto 2019.
  106. ^ (EN) Weekend Box Office (July 4-6, 2008), su Box Office Mojo. URL consultato il 14 agosto 2019.
  107. ^ (EN) L'incredibile Hulk (film) - International Box Office Results, su Box Office Mojo. URL consultato il 25 ottobre 2019.
  108. ^ (EN) L'incredibile Hulk, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 15 luglio 2019. Modifica su Wikidata
  109. ^ (EN) L'incredibile Hulk, su Metacritic, CBS Interactive Inc.. URL consultato il 15 luglio 2019. Modifica su Wikidata
  110. ^ a b c d Marco Lucio Papaleo, Recensione The incredible Hulk, su Everyeye.it, 24 giugno 2008. URL consultato il 17 agosto 2019.
  111. ^ a b c Marianna Cappi e Stefano Lo Verme, Hulk spacca! Leterrier, invece, non buca lo schermo, su MYmovies.it, 16 giugno 2008. URL consultato il 17 agosto 2008.
  112. ^ a b c d Federico Gironi, L'incredibile Hulk - la nostra recensione, su Comingsoon.it, 17 giugno 2008. URL consultato il 18 agosto 2019.
  113. ^ a b Massimo Borriello, Recensione L'incredibile Hulk (2008), su Movieplayer.it, 16 giugno 2008. URL consultato il 18 agosto 2019.
  114. ^ a b (EN) Simon Crook, The Incredible Hulk Review, Empire, 12 giugno 2008. URL consultato il 19 agosto 2019.
  115. ^ Marco Spagnoli, L'incredibile Hulk, su Fantascienza.com, 15 giugno 2008. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  116. ^ (EN) Eric Moro, The Incredible Hulk Review, IGN, 13 maggio 2012. URL consultato il 19 agosto 2019.
  117. ^ (EN) Dani Di Placido, The Hulk Should Never Get Another Solo Film, Forbes, 24 ottobre 2017. URL consultato il 19 agosto 2019.
  118. ^ (EN) Peter Bradshaw, The Incredible Hulk, The Guardian, 13 giugno 2008. URL consultato il 19 agosto 2019.
  119. ^ (EN) Rene Rodriguez, Incredible Hulk (PG-13) ** ½, su The Miami Herald, 13 giugno 2008. URL consultato il 9 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  120. ^ (EN) Todd McCarthy, The Incredible Hulk, Variety, 11 giugno 2008. URL consultato il 10 ottobre 2019 (archiviato il 23 febbraio 2013).
  121. ^ (EN) Mark Rahner, "The Incredible Hulk" brings out the best — and the beast — in Edward Norton, su The Seattle Times, 12 giugno 2008. URL consultato il 9 ottobre 2019.
  122. ^ Valutazione Pastorale, p.105.
  123. ^ (EN) 2009 ASCAP Film and Television Music Awards, su IMDb. URL consultato il 4 agosto 2019.
  124. ^ (EN) 2008 Golden Schmoes Awards, su IMDb. URL consultato il 4 agosto 2019.
  125. ^ (EN) 2008 National Movie Awards, UK, su IMDb. URL consultato il 4 agosto 2019.
  126. ^ Diego Odello, Saturn Awards 2009, tutte le nomination: 11 per Il cavaliere oscuro, ilcinemaniaco.com, 11 marzo 2009. URL consultato il 4 agosto 2019.
  127. ^ (EN) Casey Seijas, Comics Take Over '2008 Scream Awards' As Nominees Announced, su MTV News, 15 settembre 2008. URL consultato il 6 agosto 2019.
  128. ^ (EN) 2008 Teen Choice Awards winners and nominees, su Los Angeles Times, 17 giugno 2008. URL consultato il 4 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2008).
  129. ^ Davide Sica, Edward Norton: le divergenze creative su Hulk e sul sequel più oscuro con la Marvel, su cinema.everyeye.it, 8 ottobre 2019. URL consultato il 9 ottobre 2019.
  130. ^ (EN) Larry Carroll, Tim Blake Nelson Will Battle Hulk As 'The Leader' In 'Incredible Hulk 2’ -- With Or Without Ed Norton, MTV, 21 novembre 2008. URL consultato il 16 aprile 2019.
  131. ^ a b (EN) Shawn Adler, 'Incredible Hulk' Stars, Director Already Have Wish List For 'Hulk 2': Iron Man, Samson, The Leader And More, MTV, 12 giugno 2008. URL consultato il 26 agosto 2011.
  132. ^ (EN) Paul Fischer, Exclusive Interview: Louis Letterier for "The Incredible Hulk", su darkhorizons.com, 14 giugno 2008. URL consultato il 14 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2013).
  133. ^ (EN) Nikki Finke, TOLDJA! Marvel & Ruffalo Reach Hulk Deal, su Deadline Hollywood, 23 luglio 2010. URL consultato il 10 ottobre 2019 (archiviato il 23 febbraio 2013).
  134. ^ (EN) Matt Goldberg, New HULK Solo Movie: Mark Ruffalo Reveals Universal Owns the Rights, collider.com, 13 aprile 2015. URL consultato il 20 agosto 2015.
  135. ^ (EN) Eric Eisenberg, Marvel President Kevin Feige Talks Iron Man 3 and the Future, su Cinema Blend, 1º maggio 2012. URL consultato il 10 ottobre 2019 (archiviato il 23 febbraio 2013).
  136. ^ (EN) Tom Butler, Mark Ruffalo Promises Epic Arc For Hulk Across Thor 3 and Infinity War, su Yahoo!, 25 gennaio 2016. URL consultato il 10 ottobre 2019 (archiviato il 28 gennaio 2016).
  137. ^ Mirko D'Alessio, Hulk, Edward Norton voleva un film cupo sulla scia del Batman di Christopher Nolan, su badtaste.it, 8 ottobre 2019. URL consultato il 9 ottobre 2019.
  138. ^ Mauro Donzelli, Edward Norton parla della sua esperienza con Hulk e la Marvel, su Comingsoon.it, 8 ottobre 2019. URL consultato il 9 ottobre 2019.
  139. ^ Francesco Perrino, Guardiani della Galassia – Guida ai personaggi della saga Marvel, su Cinematographe.it, 30 settembre 2019. URL consultato il 10 ottobre 2019.
  140. ^ (EN) Nicole Sobon, James Gunn Wanted to Helm a Hulk/Red Hulk Film, su Comic Book Resources, 1º luglio 2017. URL consultato il 10 ottobre 2019 (archiviato il 18 maggio 2019).
  141. ^ (EN) Aaron Couch, Marvel Unveils 3 New Disney+ Shows Including 'She-Hulk' and 'Moon Knight, su The Hollywood Reporter, 23 agosto 2019. URL consultato il 10 ottobre 2019 (archiviato il 4 settembre 2019).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Segnalazioni cinematografiche 2008 secondo semestre, vol. 146, Cantalupa, Effatà, 2009, ISBN 9788874025053.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN176485088 · LCCN (ENno2008152506 · WorldCat Identities (ENno2008-152506
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 26 ottobre 2019 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci di qualità in altre lingue