Elektra (film 2005)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elektra
Elektra screenshot.jpg
Jennifer Garner nei panni di Elektra.
Titolo originale Elektra
Paese di produzione USA
Anno 2005
Durata 97 min
100 min (director's cut)
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione, thriller, fantastico, drammatico, avventura
Regia Rob Bowman
Soggetto Mark Steven Johnson, basato sul personaggio dei fumetti Marvel Comics creato da Frank Miller
Sceneggiatura Zak Penn, Stuart Zicherman, Raven Metzner
Produttore Avi Arad, Gary Foster, Arnon Milchan
Produttore esecutivo Brent O'Connor, Stan Lee, Mark Steven Johnson, Kevin Feige, Josh McLaglen, Sophie Addie
Casa di produzione 20th Century Fox, Regency Enterprises, Marvel Studios, New Regency Pictures, Horseshoe Bay Productions
Distribuzione (Italia) 20th Century Fox
Fotografia Bill Roe
Montaggio Kevin Stitt
Musiche Christophe Beck
Scenografia Graeme Murray
Costumi Lisa Tomczeszyn
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Elektra è un film del 2005 diretto da Rob Bowman, ispirato all'omonimo personaggio creato da Frank Miller per i fumetti Marvel. La pellicola è uno spin-off del film Daredevil di Mark Steven Johnson, del quale appaiono alcune brevi sequenze.

Nel cast ci sono Jennifer Garner, che interpreta il ruolo di Elektra, e Will Yun Lee in quello di Kirigi, membro della Mano. Kirsten Prout e Goran Višnjić interpretano i Miller, in omaggio al creatore del personaggio Frank Miller.[1] Nella pellicola appare anche Natassia Malthe nel ruolo di Typhoid Mary, Terence Stamp nel ruolo di Stick (che nei fumetti è il mentore di Daredevil) e Jason Isaacs in un piccolo ruolo non accreditato.

Negli Stati Uniti è uscita una director's cut del film che aggiunge tre minuti di scene inedite alla pellicola.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Elektra Natchios, dopo essere stata uccisa dal sadico assassino Bullseye (nel film Daredevil), viene resuscitata da Stick, maestro cieco di arti marziali e capo della setta ninja dei Casti. Stick prende Elektra tra i suoi allievi e la inizia alla via del Kimagure, un'antichissima arte che conferisce a coloro che la sanno usare varie abilità, come la preveggenza e il potere di far risorgere i defunti. Elektra diviene ben presto la più forte tra i discepoli di Stick, ma dopo poco tempo il maestro la caccia via senza alcuna spiegazione. Elektra, rosa dalla rabbia e dall'umiliazione, per vendetta decide di sfruttare le abilità apprese per proprio tornaconto e diviene una letale ed infallibile assassina a pagamento.

Il film si apre con l'ultimo degli omicidi di Elektra: la donna viene ingaggiata per eliminare un potente malavitoso di nome De Marco. Elektra si infiltra nel rifugio e massacra uno dopo l'altro le guardie, per poi concludere la sua missione uccidendo a sangue freddo De Marco con i suoi micidiali sai. Poco tempo dopo, Elektra viene contattata da un ignoto mandante per uccidere due bersagli di cui tuttavia non conosce ancora le identità. Seguendo le istruzioni del mandante, Elektra affitta una villa su un'isola e fa la conoscenza di due abitanti del luogo, Mark Miller e la sua ribelle figlia tredicenne Abby, finendo suo malgrado per affezionarsi a loro. Qualche giorno dopo, McCabe, l'agente di Elektra, fa avere alla donna le informazioni sui bersagli, che si rivelano essere proprio i Miller. Elektra, già oppressa dai sensi di colpa per l'omicidio di De Marco e tormentata da orribili incubi in cui rivive l'assassinio della madre, rifiuta l'incarico.

La potentissima organizzazione criminale ninja nota come la Mano prende di mira Abby, ritenendo che la ragazzina sia ciò che un'antica profezia chiama il "Tesoro": una guerriera destinata a sconvolgere l'equilibrio tra Bene e Male, e quindi di decidere la guerra tra i Casti, eroi del Bene, e la Mano, incarnazione del Male. Lo scopo della Mano è prendere con sé Abby per far volgere la profezia in proprio favore, poiché essa stabilisce che la vittoria finale andrà alla fazione con cui Abby sceglierà di schierarsi. La Mano invia due dei propri guerrieri a rapire la ragazzina; Elektra, grazie al proprio Kimagure che, seppur incompleto, è abbastanza sviluppato da permetterle di prevedere il futuro, percepisce la minaccia e riesce a salvare Mark ed Abby. Elektra si reca poi da Stick per affidargli i Miller, ma l'anziano maestro le spiega che, avendo scelto consapevolmente di salvarli, è compito di Elektra proteggerli.

Il maestro Roshi, capo della Mano, permette suo figlio Kirigi di organizzare una nuova squadra per trovare il "Tesoro"; della squadra di Kirigi fanno parte Stone, un gigante invulnerabile dalla forza smisurata, Tattoo, in grado di materializzare i tatuaggi sul proprio corpo, Typhoid Mary, una pericolosa guerriera dal fiato velenoso, e Kinkou, un ninja dall'agilità sovrumana. Elektra si rifugia con i Miller a casa di McCabe, ma Kirigi e i suoi uomini riescono a rintracciarli ed Elektra e i Miller riescono a scappare appena in tempo, mentre McCabe muore nel vano tentativo di ostacolare la Mano. Kirigi e la sua squadra danno la caccia ad Elektra e ai Miller in una foresta; Abby, svelando il suo potere come "Tesoro", riesce ad eliminare Kinkou ed Elektra, giocando d'astuzia, ha la meglio su Stone. La protagonista viene tuttavia attaccata da Typhoid Mary, che le infligge un terribile bacio avvelenato; la situazione è salvata dall'arrivo di Stick e dei Casti e Kirigi è costretto a fuggire con ciò che rimane della sua squadra.

Al sicuro al campo dei Casti, Elektra, ripresasi dall'attacco di Typhoid Mary, viene messa al corrente da Stick della profezia sul "Tesoro" e scopre che è stato proprio il suo antico maestro ad architettare il finto omicidio dei Miller: lo scopo era che Elektra mettesse finalmente da parte il suo odio e la sua rabbia e si scoprisse per la persona pura e generosa che è realmente. Ciò era necessario perché anche Elektra è stata un "Tesoro", proprio come Abby: la Mano uccise sua madre per indurla a convertirsi al Male, ma Elektra, grazie al suo affetto per i Miller, è riuscita a redimersi e a tornare dalla parte del Bene. Ciò significa che il Male è stato per ora sconfitto, ma anche che l'esito della guerra dipende ora solo da Abby. Elektra, non volendo che Abby debba soffrire com'è accaduto a lei, propone a Kirigi uno scontro finale in cui decidere il destino di Abby; Kirigi accetta.

La battaglia finale avviene nella vecchia villa dei Natchios, ora abbandonata. Elektra sgomina senza difficoltà i semplici guerrieri della Mano e affronta Kirigi; i due si trovano finalmente faccia a faccia ed Elektra ricorda che è stato proprio lui ad uccidere sua madre. Nonostante la furia che ciò scatena in Elektra, Kirigi si rivela troppo abile per lei e la protagonista si ritira con l'aiuto di Abby, che l'ha seguita per aiutarla. Rifugiatesi nel labirinto di siepi nel giardino della villa, Elektra ed Abby si perdono di vista e la ragazzina viene intrappolata da Tattoo. Elektra elimina Tattoo, ma Abby viene trovata da Typhoid Mary, che la uccide per pura gelosia: la stessa Typhoid Mary, infatti, è stata in passato un "Tesoro" che ha scelto di schierarsi con la Mano. Elektra raggiunge Kirigi per concludere il duello: Elektra è nuovamente in difficoltà, ma il ricordo dei suoi genitori e di Abby le dà la forza per continuare e la protagonista riesce a sconfiggere Kirigi.

Elektra uccide Typhoid Mary, l'ultima superstite della squadra di Kirigi, e riesce ad usare il Kimagure per riportare in vita Abby grazie al suo profondo affetto per la ragazzina, che le ha fatto superare la sua rabbia. Elektra saluta Mark ed Abby e fuori dalla villa viene raggiunta da Stick, al quale confessa di essere preoccupata che Abby finisca per diventare come lei. Stick, con un sorriso enigmatico, le ricorda che ciò dipenderà solo da Abby ed Elektra, fiduciosa che la ragazzina saprà prendere la strada giusta, saluta il maestro e si allontana per la sua strada, verso una nuova vita.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

  • Jennifer Garner è Elektra Natchios: assassina a pagamento e protagonista del film. Alla fine del film, è possibile che Elektra torni da Matt Murdock, l'amore della sua vita.[senza fonte]
  • Terence Stamp è Stick: un cieco maestro di arti marziali e praticante del Kimagure, una tecnica che rende abili di prevedere il futuro e controllare la vita e la morte. Egli resuscita Elektra e l'addestra per un periodo abbandonandola quando ella deve ormai fare da sé. Oltre a Elektra addestrò in passato anche Matt Murdock, il fidanzato della ragazza.
  • Goran Višnjić è Mark Miller: il padre di Abby. È stato chiamato così in onore di Frank Miller, creatore del personaggio di Elektra.
  • Kirsten Prout è Abby Miller.
  • Will Yun Lee è Kirigi: un membro del misterioso e malvagio gruppo conosciuto come la Mano, e l'assassino della madre di Elektra.
  • Cary-Hiroyuki Tagawa è Roshi: padre di Kirigi e leader della Mano.
  • Colin Cunningham è McCabe, l'agente di Elektra.
  • Hiro Kanagawa è Meizumi.
  • Natassia Malthe è Typhoid: membra della Mano che ha l'abilità di avvelenare qualsiasi cosa nel suo percorso. Confessa ad Abby di essere stata lei in passato "Il Tesoro".
  • Bob Sapp è Stone: membro della Mano che ha una forza sovrumana e una quasi invulnerabilità fisica.
  • Chris Ackerman è Tattoo: membro della Mano con l'abilità di dare vita agli animali che ha tatuati nel corpo.
  • Edison T. Ribeiro è Kinkou: membro della Mano con incredibili velocità e agilità.
  • Jana Mitsoula è Christina: la madre di Elektra.
  • Kurt Max Runte è Nikolas Natchios: il padre di Elektra.
  • Jason Isaacs (non accreditato) è DeMarco: un personaggio che nella sua carriera si è creato molti nemici assassinato da Elektra nelle prime scene del film.
  • Ben Affleck: ha ripreso il suo ruolo di Matt Murdock in un cameo, voluto dalla protagonista, che è stato eliminato nella versione cinematografica del film ma incluso nell'edizione home video.[3]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Elektra: The Album[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora del film, intitolata Elektra: The Album, è stata distribuita nel 2005 dalla Wind-up Records.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Elektra: Original Motion Picture Score[modifica | modifica wikitesto]

Lo score è composto da Christophe Beck.

  1. Main Title
  2. DeMarco's End
  3. Ferry Crossing
  4. Insomnia
  5. Ninjas
  6. The Hand
  7. Gnarly Gongs
  8. Stick
  9. Just Sit Quietly
  10. The Kiss
  11. Escape from McCabe's
  12. Tattoo
  13. The Forest
  14. Wolf Run
  15. Typhoid
  16. Just A Girl
  17. Homecoming
  18. Candle Trick
  19. Kirigi
  20. Hedge Maze Brawl
  21. Elektra's Second Life

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Con un budget di 43 milioni di dollari, il film è stato un flop,[4][5][6] incassando globalmente 56.681.566 dollari[7] (di cui solo 24.409.722 negli Stati Uniti).

Slogan promozionali[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

« Born to fight. Trained to kill. »

(IT)

« Nata per combattere. Addestrata per uccidere. »

« She's the last thing that stands between good and evil. »
« Looks can kill. »
« She was left for dead. Now she's back with vengeance. »
« Before she can find peace she will wage war. »

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

Il DVD del film è stato distribuito dalla Twentieth Century Fox e contiene i seguenti contenuti speciali:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Movie Reviews: Elektra, Comingsoon.net. URL consultato il 18 agosto 2011.
  2. ^ (EN) Elektra: Unrated Director's Cut, IGN, 18 ottobre 2005. URL consultato il 18 agosto 2011.
  3. ^ (EN) Trivia, Internet Movie Database. URL consultato il 18 agosto 2011.
  4. ^ (EN) Elektra (2005), Rotten Tomatoes. URL consultato il 18 agosto 2011.
  5. ^ (EN) Zak Penn Talks About Writing The Avengers, His Future With Marvel Studios And More!, ComicBookMovie.com, 16 aprile 2011. URL consultato il 18 agosto 2011.
  6. ^ Elektra (2005), ComingSoon.it. URL consultato il 18 agosto 2011.
  7. ^ (EN) Elektra (2005), Box Office Mojo. URL consultato il 18 agosto 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]