Dr. Strange (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dr. Strange
Titolo originaleDr. Strange
PaeseStati Uniti d'America
Anno1978
Formatofilm TV
Generefantascienza, azione, supereroi
Durata93 min
Lingua originaleinglese
Crediti
RegiaPhilip DeGuere
Soggettodai fumetti Marvel Comics
SceneggiaturaPhilip DeGuere
Interpreti e personaggi
FotografiaEnzo A. Martinelli
MontaggioChristopher Nelson
MusichePaul Chihara
ScenografiaWilliam H. Tuntke
CostumiYvonne Wood
ProduttoreAlex Beaton
Produttore esecutivoPhilip DeGuere, Gregory Hoblit
Casa di produzioneUniversal Television
Prima visione
Data6 settembre 1978
Rete televisivaCBS

Dr. Strange è un film per la televisione scritto e diretto da Philip DeGuere e basato sull'omonimo personaggio dei fumetti della Marvel Comics, co-creato da Steve Ditko e Stan Lee. Il film fu trasmesso il 6 settembre 1978, in un blocco di due ore dalle 20 alle 22 dalla CBS, la stessa rete che, a quel tempo, andò in onda The Amazing Spider-Man e L'incredibile Hulk e avrebbe dovuto essere l'episodio pilota di una possibile serie televisiva, ma il responso non fu positivo e l'idea di una serie fu presto abbandonata.

Il personaggio di Dr. Strange è interpretato da Peter Hooten al quale si affiancano Jessica Walter, Clyde Kusatsu (che interpreta Wong), Phylip Sterling, June Barrett e Eddie Benton. Nel film appare anche Sir John Mills nel ruolo del mentore del protagonista mentre Ted Cassidy dona la voce al personaggio del demone Balzaroth, vagamente ispirato al vero demone dei fumetti Dormammu.

Nel film appare in un cameo anche il famoso mago Larry Anderson. Il creatore del fumetto Stan Lee si è dissociato dal film.[senza fonte]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una giovane donna di nome Clea Lake diventa una pedina della strega Morgan le Fay. Il principale difensore del nostro mondo contro le minacce di una natura magica, il Supremo Stregone, è attualmente un uomo di nome Thomas Lindmer. Lui con il suo amico e discepolo, Wong, contattano uno psichiatra di nome Stephen Strange, che è l'erede del potenziale di suo padre per diventare il discepolo di Lindmer e il prossimo Supremo Stregone. Strange prende l'anello magico di suo padre come un segno di ciò, e ha già percepito che qualcosa è sbagliato, ma non riconosce l'importanza di questi sentimenti di apprensione. Lindmer deve convincere Strange della realtà del mondo mistico in cui la battaglia tra il bene e il male si sviluppa a un livello magico, il tutto senza conoscere il mondo terreno, per salvare Clea e frustrare i piani di Morgan.

Trama dettaggliata[modifica | modifica wikitesto]

Da qualche parte, un'entità malvagia dice a Morgan le Fay che le è stato impedito di penetrare nel regno terreno da un grande mago, e che ha tre giorni per sconfiggere o uccidere il mago e conquistare il suo successore dalla parte del suo padrone.

La Fata possiede una giovane donna di nome Clea Lake e la usa come arma contro Thomas Lindmer, il "Mago Supremo". Lei lo spinge giù da un ponte fino alla sua morte, ma invece di morire, si alza lentamente e guarisce magicaente. Il suo amico, Wong, si prende cura di lui e localizza Lake per lui. Soffrendo di effetti collaterali psichici del possesso e dei sogni ossessivi di Fay, Lake è sotto la cura dello psichiatra Dr. Stephen Strange in un ospedale psichiatrico. Strange ha il potenziale per diventare il successore di Lindmer in virtù di abilità e oggetti ereditati da suo padre, incluso un anello con sigillo . Strange intuisce qualcosa di molto sbagliato, condividendo l'incubo di Lake sugli eventi del giorno precedente, ma non capisce cosa sta succedendo.

Lindmer contatta Strange in ospedale e gli dice che Lake ha bisogno di più aiuto di quello che può essere offerto dalla scienza della medicina. Strange prende la carta di Lindmer ed è incuriosito dal fatto che la carta di Lindmer porta lo stesso simbolo del suo anello. Nel frattempo, le Fay possiede un gatto e cerca di farlo entrare nella casa di Lindmer, ma le barriere magiche lo respingono.

All'ospedale, il Capo del dipartimento di Strange seda Lake contro la sua volantà, e lei sembra scivolare in un coma da cui Strange non è in grado di rianimarla, Strange va a visitare Lindmer. Le Fay vede un'opportunità per uccidere Strange, ma esita, e sopravvive.

Lindmer dice a Strange che la sua ignoranza è una forma di protezione e gli chiede se vuole conoscere la verità o rimanere ignorante. Strange pretende di sapere la verità, e Lindmer dice che sa come i genitori di Strange sono morti quando aveva diciotto anni. Dice che Strange è speciale e che i suoi genitori sono morti proteggendolo. Dice che ci sono diversi reami e che Lake è intrappolata in loro e solo Strange può salvarla. Strange viene inviata sul piano astrale e affronta e sconfigge il demone Balzaroth, che era stato inviato da Le Fay per impedire a Strange di salvare Lake. Strange e Lake ritornano nel mondo fisico.

L'entità malvagia chiede a Fay perché ha risparmiato Strange. Confessa di essere attratta da lui, e il demone minaccia di farla soffrire per l'eternità come una vecchia. Lei giura che non fallirà. Strange controlla Lake, e accetta di cenare con lei più tardi. Va a vedere Lindmer e rifiuta la realtà della magia nonostante le sue recenti esperienze. Mentre se ne va, cerca di levarsi l'anello di suo padre e scopre che non può. Senza volerlo, lascia entrare il gatto posseduto in casa. Il gatto si trasforma in le Fay e sconfigge Wong, apparentemente uccidendolo. Poi sconfigge Lindmer, ma lei non può ucciderlo in questo mondo, quindi evoca Asmodeus per trasportare Lindmer nei reami dei demoni.

Strane visita Lake, ma le Fay lo interrompe, promettendogli di non fare del male a Lake finché lui viene con lei nel regno dei demoni. Lui è d'accordo. Una volta lì, sembra essere sotto il suo comando. Lei gli offre amore, ricchezza, potere e conoscenza. Lei tenta di sedurlo e, sull'orlo del successo, gli chiede di togliere il suo anello. Protesta che solo Lindmer può rimuoverlo, ma lei contesta che può farlo se ci prova. Lui rifiuta, sfidandola. Lei lo attacca, ma lui la sconfigge, salva Lindmer e li restituisce entrambi nel regno terreno dove fa rivivere anche Wong. L'entità malvagia trasforma le Fay in una vecchia strega.

Lindmer spiega che Strange deve scegliere se rimanere mortale, o diventare lo Stregone Supremo, rinunciare all'ignoranza, alla prole e alla morte facile, ma promette che, almeno, avrà amore. Strange sceglie di proteggere l'umanità, e il potere di Lindmer viene trasferito a lui. Lindmer sviene. Wong poi lo avverte che, mentre ora ha i poteri di Lindmer, non ha ancora la conoscenza o la saggezza per usarli correttamente, e che, se non è estremamente attento, può danneggiare se stesso o gli altri. Strange quindi porta Lindmer tra le sue braccia e lo mette a letto per riprendersi.

Strano viene poi mostrato all'ospedale, dove molti pazienti sono stati dimessi. Parte con Lake, che sembra non avere memoria di quello che è successo, se non come un brutto sogno. Le Fay viene mostrato in televisione, di nuovo giovane, in posa come un guru di auto-aiuto. Lake non riesce a riconoscerla. Strange accetta di incontrare Lake più tardi, e il film si chiude con lui mentre gioca a un trucco su un mago di strada, trasformando i fiori che il mago stava per produrre usando il gioco di prestigio in una colomba.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Philip DeGuere ha avuto un ampio budget per il Dr. Strange, che ha scritto, diretto e prodotto. Il film è stato girato sui set della Universal di Los Angeles, superando di diversi giorni il programma a causa degli effetti speciali, che includevano molti green screen dell'epoca. L'amico e compositore Paul Chiraha è stato incoraggiato a produrre una partitura elettronica. Chirara, intervistato nel 2016, ha detto che DeGuere nutriva grandi speranze per il film, ed è stato schiacciato quando ha "affondato".[2]

Nel gennaio del 1985, Stan Lee raccontò l'esperienza ampiamente positiva del lavoro sul Dr. Strange, rispetto agli altri adattamenti live-action della Marvel Comics sotto l'accordo di sviluppo dell'editore con CBS e Universal alla fine degli anni '70, dicendo: "Probabilmente ho avuto più input in quello. Sono diventato un buon amico dello scrittore / produttore Phil DeGuere. Ero soddisfatto del dottor Strange e L'incredibile Hulk. Penso che il dottor Strange avrebbe fatto molto meglio di quanto non fosse nelle valutazioni, tranne che è andato in onda di fronte a Roots . Quelle sono le uniche esperienze che ho avuto con la televisione live action. Il Dr Strange e L'incredibile Hulk andavano bene. Capitan America fu un po' una delusione e Spider-Man era un incubo totale"[3]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il dottor Strange ha ottenuto voti molto bassi. Kieran Shiach e Elle Collins lo definiscono un brutto film e suggeriscono che questa sia la ragione per cui la CBS non ha preso la serie, dicendo "combatte con le sue origini, e non succede molto nel corso di novanta minuti".[4] Mike Ryan trova il film "noioso", lamentandosi del fatto che i primi due terzi del film risultino come una procedura medica.[5] Scott Beggs difende il film, ma ammette che è lento, privo di senso di urgenza, o anzi molto sta andando per il personaggio titolare, come Strange è un po' di un Gary Stu: "È immediatamente bravo in tutto senza allenamento, fallisce solo la prima volta, subito dopo miracolosamente è stato fantastico, ed è generalmente un idiota. È anche a malapena lì come una figura. "[6] Aaron Couch definisce il film un "tiro ambizioso" i cui effetti sono "campy secondo gli standard odierni", ma descrive la recitazione come "Performance meravigliosamente impegnate".[2]

Home media[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato pubblicato due volte su VHS negli Stati Uniti, nel 1987 e nel 1995, e ha avuto anche diverse uscite in altri paesi.[7] Il Dr. Strange è stato rilasciato in DVD per la prima volta negli Stati Uniti e in Canada il 1º novembre 2016.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i Dr. Strange, Shout! Factory. URL consultato il September 6, 2016 (archiviato il September 7, 2016).
  2. ^ a b Aaron Couch, 'Dr. Strange': The Untold Story of the 1978 TV Movie Everyone "Had Great Hopes For", in The Hollywood Reporter, November 1, 2016.
  3. ^ A Talk With The Man, Stan Lee, in Comics Feature, 33A, January 1985, p. 40.
  4. ^ Kieran Shiach, Strange Visions: ComicsAlliance Reviews The 1978 Made-For-TV ‘Doctor Strange’ Movie, su Comics Alliance. URL consultato il December 22, 2016.
  5. ^ Mike Ryan, The Bizarre Case of the 1978 'Doctor Strange' Movie, su Screen Crush. URL consultato il December 22, 2016.
  6. ^ Scott Beggs, DR. STRANGE, the 1978 TV Pilot, Was a Camp Treat Ahead of Its Time, su The Nerdist. URL consultato il December 22, 2016 (archiviato dall'url originale il dicembre 22, 2016).
  7. ^ The "Magic" of Video - Part I-A: DR. STRANGE - the 1978 TV Movie Promos, Design Art and Swag, Sanctum Sanctorum Comix, January 25, 2009. URL consultato il January 9, 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione