Jessica Walter (attrice)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jessica Walter nel 2019
JessicaWalter.png

Jessica Walter (New York, 31 gennaio 1941New York, 24 marzo 2021) è stata un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomata presso la High School of the Performing Arts di New York, esordisce inizialmente come attrice teatrale. Dopo una prima apparizione anche al cinema con una parte in Lilith - La dea dell'amore (1964) di Robert Rossen, la Walter ottiene maggiore visibilità ne Il gruppo (1966) di Sidney Lumet e il primo successo con Brivido nella notte (1971), diretto e interpretato da Clint Eastwood, per il quale nel 1972 è candidata ai Golden Globe per la categoria miglior attrice protagonista.

Nel frattempo viene diretta anche da John Frankenheimer in Grand Prix (1966), ancora da Sidney Lumet in Addio Braverman (1968), e da Tom Gries in Number One (1969). Dalla metà degli anni settanta dirada le sue apparizioni al cinema per dedicarsi maggiormente alla televisione e al doppiaggio. Più di recente è stata coprotagonista della serie televisiva Arrested Development - Ti presento i miei per le 3 stagioni della serie dal 2003 al 2006, riprendendo il suo ruolo anche nel 2013.

È morta nel sonno nella sua casa di New York il 24 marzo 2021, all'età di 80 anni.[1]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi lavori, Jessica Walter è stata doppiata da:

Da doppiatrice è sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Beatrice Pagan, Jessica Walter, interprete di Lucille Bluth in Arrested Development, è morta a 80 anni, su TV - BadTaste.it, 25 marzo 2021. URL consultato il 25 marzo 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN39588836 · ISNI (EN0000 0000 7973 8542 · LCCN (ENn87921588 · GND (DE141619627 · BNF (FRcb14237683j (data) · BNE (ESXX1517345 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n87921588