Madame Web

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Madame Web
UniversoUniverso Marvel
Lingua orig.Inglese
Alter egoCassandra Webb
Autori
EditoreMarvel Comics
1ª app.novembre 1980
1ª app. inAmazing Spider-Man n. 210 – I serie
Editore it.Editoriale Corno
app. it. inL'Uomo Ragno n. 26 - II serie
Specieumana
SessoFemmina
Etniacaucasica
Abilità

Madame Web, il cui vero nome è Cassandra Webb, è un personaggio immaginario dei fumetti creato da Denny O'Neil (testi) e John Romita Jr. (disegni), pubblicato negli Stati Uniti d'America dalla Marvel Comics. Esordì nella serie The Amazing Spider-Man (vol. 1) n. 210.[1][2]

È stata la leader del gruppo delle donna ragno e, scoperta l'identità dell'Uomo Ragno grazie ai suoi poteri psichici, lo ha aiutato a superare diverse difficoltà.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Cassandra Webb, oltre a essere cieca, soffriva di un deterioramento neurologico dovuti alla miastenia ma riusciva a compensare questi handicap con delle abilità psichiche che le permettevano di vivere come medium. Riuscì a scoprire che l'Uomo Ragno era in realtà Peter Parker quando questi salvò uno dei suoi studenti e lo aiutò a impedire un assassinio di un candidato politico. Quando Black Tom Cassidy inviò il Fenomeno per rapirla in modo da poterne usare i poteri per le sue attività criminali, ma lei previde l'attacco e chiamò in aiuto Spider-Man ma l'aggressione le causò comunque un grave shock e finì in coma coma dal quale si riprese ma con la perdita della memoria a breve termine, e quindi anche la vera identità di Spider-Man.

Successivamente contattò nuovamente Spider-Man per chiederne l'aiuto in quanto aveva avuto una precognizione che ne annunciava la morte. Credendo che unirsi a Norman Osborn in un rituale chiamato la Riunione dei Cinque le avrebbe permesso di salvarsi la vita, chiese a Spider-Man di recuperare uno dei cinque frammenti di artefatti necessari. Ciascuno dei cinque partecipanti avrebbe ricevuto conoscenza, potere, immortalità, follia o morte. A seguito della cerimonia, Madame Web apparentemente ricevette la morte ma in realtà aveva ricevuto l'immortalità oltre a essere ringiovanita e risanata.

Poco dopo, il dottor Octopus creò una nuova donna ragno usando la nipote di Cassandra, Charlotte Witter, che assorbì le abilità di ognuna delle altre versioni della donna ragno, Jessica Drew, Julia Carpenter e Mattie Franklin. Per catturare Charlotte, Madame Web riunì le donne ragno in una squadra che riuscì a sconfiggerla che in seguito sottrasse la telepatia a Madame Web facendola invecchiare nel processo. Con l'aiuto di Spider-Man e Franklin, Madame Web riuscì a neutralizzare Charlotte lasciandola in uno stato dormiente e, di nuovo ringiovanita, recise il suo legame con Charlotte e rimosse dai ricordi di Charlotte e Mattie la verità sull'identità di Spider-Man. Madame Web continuò ad assistere Mattie durante il resto del suo tempo come Spider-Woman. La squadra delle donne ragno alla fine si sciolse. Da allora è apparsa di nuovo anziana, tuttavia presumibilmente ha conservato la sua immortalità.[2]

Prima di Civil War ha aiutato l'Uomo Ragno a trovare il dottor Vincent Stegron nei numeri 453-454[senza fonte]. Dopo l'adunata dei Cinque sembra essere diventata immortale.

Tetra caccia[modifica | modifica wikitesto]

Madame Web viene attaccata e rapita da due persone, madre e figlia di Kraven Ana e Sasha Kravinoff e quest'ultima la ferisce mortalmente; in fin di vita dona i suoi poteri psichici a Julia Carpenter.[3][4]

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Possiede abilità psichiche, preveggenti e chiaroveggenti, ed è in grado di apparire in forma astrale come uno spirito alle persone.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Amazing Spider-Man (1963) #210 - Comic Book DB, su comicbookdb.com. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  2. ^ a b Madame Web (Marvel)(01 - Cassandra Webb) - Comic Book DB, su comicbookdb.com. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  3. ^ The Amazing Spider-Man n. 637
  4. ^ Madame Web (Marvel)(02 - Julia Carpenter) - Comic Book DB, su comicbookdb.com. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  5. ^ Madame Web (Marvel)(Ultimate) - Comic Book DB, su comicbookdb.com. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  6. ^ Madame Web (Marvel)(Mangaverse) - Comic Book DB, su comicbookdb.com. URL consultato il 25 gennaio 2018.
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics