Riparatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riparatore
UomoRagnoClassic47.jpg
Il Riparatore (in penombra) contro l'Uomo Ragno, disegni di Gil Kane
Universo Universo Marvel
Nome orig. Tinkerer
Lingua orig. Inglese
Alter ego Phineas T. Mason
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. Aprile 1963
1ª app. in The Amazing Spider-Man (Vol. 1[1]) n. 2
Editore it. Editoriale Corno
app. it. 12 maggio 1970
app. it. in L'Uomo Ragno n. 2
Interpretato da Michael Chernus
Voce italiana Roberto Stocchi
Specie Umano
Sesso Maschio
Etnia statunitense
Luogo di nascita New York
Abilità
Affiliazione Signori del male

Il Riparatore (Tinkerer), il cui vero nome è Phineas T. Mason, è un personaggio dei fumetti, creato da Stan Lee (testi) e Steve Ditko (testi e disegni), pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione avviene in The Amazing Spider-Man (Vol. 1[1]) n. 2 (aprile 1963).

Inventore dotato di intelletto e capacità ingegneristiche quasi sovrumane, il Riparatore è in grado di inventare gadget incredibili anche servendosi di materiali di scarto e rottami, doti di cui si serve per fornire armi alla maggior parte dei supercriminali, in particolare gli avversari dell'Uomo Ragno.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Nato a New York, Phineas Mason diviene noto nell'ambiente criminale col soprannome di "Riparatore" per la sua abilità nel costruire ed aggiustare qualsiasi tipo di macchinario, operando in una rivendita e centro di riparazione d'armi clandestino camuffato da negozio di radio[2]. In gioventù ha sposato una donna di nome Deborah Watts dalla quale ha avuto un filio, Rick, ma in seguito rimane vedovo e il ragazzo si unisce allo S.H.I.E.L.D. mantenendo i rapporti con lui nonostante sia al corrente delle sue attività criminali[3].

Occasionalmente il Riparatore svolge crimini per conto proprio rimanendo dietro le quinte e facendosi passare per un alieno grazie alle sue apparecchiature fantascientifiche, oppure ricattando politici dopo aver fatto mettere delle cimici in casa loro da uomini assunti su commissione[2][4]; tuttavia la sua attività principale è creare congegni e costumi per gli altri criminali, ad esempio: la coda dello Scorpione[5], il costume di Mysterio[6], una nuova versione della Ragno-Mobile per uccidere l'Uomo Ragno su ordine di Kingpin[7], lo skateboard volante di Rocket Racer[8], la gigantesca ruota corazzata di Jackson Weele[9], la nave volante dello Scarabeo d'oro[10], l'armatura di Whirlwind[11], i dardi di Diamante[12], la falce del Sinistro Mietitore[13] e l'esoscheletro di Grizzly[14].

Nel corso degli anni, grazie alle proprie invenzioni, il Riparatore ha inoltre lavorato per criminali quali Testa di martello[15], lo Scarabeo[16], la Gatta Nera[17], Jack Lanterna, il Gufo[18], gli Ani-Uomini, Jester e il Costrittore.

Dopo aver collaborato con l'Avvoltoio per far evadere Nitro, il Riparatore viene arrestato[19] ma in seguito torna in libertà e collabora col figlio fornendogli informazioni durante una missione in Sudamerica[3]. Nel corso della guerra segreta di Fury a Latveria, il Riparatore diviene il principale fornitore bellico di Lucia von Bardas[20] e, terminato il conflitto, entra brevemente in latitanza per poi fare ritorno in patria ed organizzare la vendita all'asta del simbionte[21]. Nel momento in cui suo figlio e i suoi nipoti muoiono nell'esplosione a Stamford, Connecticut, che dà origine alla guerra civile dei superumani, il Riparatore cade in una profonda depressione e si lascia rintracciare dal Punitore implorando di essere ucciso sebbene questi, non volendo dare soddisfazione a un criminale, si limita a pugnalarlo alla schiena[22].

Il Riparatore realizza successivamente un nuovo rivestimento epidermico in adamantio[23] ed un pacemaker in carbonadio[24] per il nuovo corpo di Cyber e tre proiettili di carbonadio per Wolverine[25], dopodiché viene arrestato da Iron Man e l'Uomo Ragno[26] e imprigionato nella Zona Negativa, da cui qualche tempo dopo viene brevemente liberato per aiutare i Fantastici Quattro a respingere l'invasione segreta degli Skrull[27].

Durante il regno oscuro di Norman Osborn, Rick, rivelatosi ancora vivo, riesce ad ottenere l'indulto presidenziale per il padre[28], che successivamente potenzia gli artigli di Daken infondendovi il metallo della spada di Muramasa, rendendolo in grado di uccidere anche gli esseri dotati di poteri rigeneranti[29], ripara il costume di Hypno-Hustler[30] e realizza un nuovo costume da Hobgoblin per Phil Urich[31].

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Il Riparatore è un genio dotato di immensa conoscenza in una vasta gamma di discipline scientifiche, sebbene la sua specialità siano la meccanica e la fabbricazione di armi e dispositivi balistici di genere, che è in grado di ideare e sviluppare anche sulla base di tecnologie preesistenti. Il Riparatore inserisce inoltre in tutte le armi da lui ideate un dispositivo che impedisce il loro utilizzo contro di lui[32] come contromisura per assicurarsi di non essere ingannato dai suoi acquirenti.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ultimate Spider-Man.

Nell'universo Ultimate il Riparatore è un'ex-dipendente della Roxxon reclutato da Nick Fury nello S.H.I.E.L.D.[33] ed il suo vero nome è Elijah Stern (basato sulle fattezze di Paul Giamatti[34]). Durante la Saga del clone, su ordine di Fury, il Riparatore crea gli Ammazzaragni e attacca Peter Parker, trovandosi però impreparato di fronte all'attacco di Gwen Stacy trasformata in Carnage, che riesce comunque a sconfiggere[35]. In seguito il Riparatore collabora con I Sei potenziando le loro armi affinché uccidano Spider-Man[36] dopodiché viene ucciso da Prowler[37].

La versione Ultimate di Phineas Mason è invece un giovane professore a capo di un think tank governativo che viene rapito dall'Uomo Talpa assieme ai suoi studenti decidendo, dopo essere stato soccorso dagli UFF, di rimanere nel sottosuolo per iniziare una nuova civiltà[38].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  2. ^ a b The Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 2, aprile 1963.
  3. ^ a b Marvel Graphic Novel (Vol. 1) n. 57, dicembre 1989.
  4. ^ Peter Parker, The Spectacular Spider-Man (Vol. 1) n. 53, aprile 1981.
  5. ^ The Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 20, gennaio 1965.
  6. ^ Peter Parker, The Spectacular Spider-Man (Vol. 1) n. 51, febbraio 1981.
  7. ^ The Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 159-160, agosto-settembre 1976.
  8. ^ The Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 182, luglio 1978.
  9. ^ The Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 183, agosto 1978.
  10. ^ Incredible Hulk (Vol. 1) n. 238, agosto 1979.
  11. ^ Captain America (Vol. 1) n. 324, dicembre 1989.
  12. ^ Captain America (Vol. 1) n. 369, aprile 1990.
  13. ^ Avengers (Vol. 1) n. 52, maggio 1968.
  14. ^ Web of Spider-Man (Vol. 1) n. 58, dicembre 1989.
  15. ^ Fantastic Four (Vol. 1) n. 233, agosto 1981.
  16. ^ Deadly Foes of Spider-Man (Vol. 1) n. 1, maggio 1991.
  17. ^ The Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 369-370, novembre-dicembre 1992.
  18. ^ Marvel Team-Up (Vol. 1) n. 98, ottobre 1980.
  19. ^ New Mutants (Vol. 1) n. 86, febbraio 1990.
  20. ^ Secret War (Vol. 1) n. 1-2, aprile-luglio 2004.
  21. ^ Marvel Knights: Spider-Man (Vol. 1) n. 7, dicembre 2004.
  22. ^ Punisher War Journal (Vol. 2) n. 1, gennaio 2007.
  23. ^ Wolverine: Origins (Vol. 1) n. 12, maggio 2007.
  24. ^ Wolverine: Origins (Vol. 1) n. 15, agosto 2007.
  25. ^ Wolverine: Origins (Vol. 1) n. 25, luglio 2008.
  26. ^ The Invincible Iron Man (Vol. 1) n. 7, gennaio 2009.
  27. ^ Secret Invasion: Fantastic Four (Vol. 1) n. 3, settembre 2008.
  28. ^ Ms. Marvel (Vol. 2) n. 37, maggio 2009.
  29. ^ Wolverine: Origins (Vol. 1) n. 36, luglio 2009.
  30. ^ Avenging Spider-Man (Vol. 1) n. 13, dicembre 2012.
  31. ^ Superior Spider-Man (Vol. 1) n. 15, ottobre 2013.
  32. ^ The Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 310, dicembre 1988.
  33. ^ Ultimate Spider-Man (Vol. 1) n. 90, aprile 2006.
  34. ^ (EN) Brucie Dylan, Ultimate Spider-Man, in Wizard Xtra!, New York, Wizard, marzo 2007, pp. 117.
  35. ^ Ultimate Spider-Man (Vol. 1) n. 97-105, settembre 2006-aprile 2007.
  36. ^ Ultimate Spider-Man (Vol. 1) n. 158, luglio 2011.
  37. ^ Ultimate Comics Spider-Man (Vol. 2) n. 7, aprile 2012.
  38. ^ Ultimate Fantastic Four Annual (Vol. 1) n. 2, ottobre 2006.
  39. ^ (EN) Michael Chernus Joins ‘Spider-Man: Homecoming’ As The Tinkerer, su Deadline.com, 10 agosto 2016.