Civil War (fumetto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Civil War
fumetto
Civil War volume 1.jpg
Marvel Omnibus: Civil War vol.1, copertina di Michael Turner
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Testi Mark Millar
Disegni Steve McNiven
Editore Marvel Comics
1ª edizione maggio 2006 – febbraio 2007
Albi 7 (completa)
Editore it. Panini Comics - Marvel Italia
Collana 1ª ed. it. Marvel Miniserie nn. 76-82
1ª edizione it. marzo 2007 – settembre 2007
Albi it. 7 (completa)
Testi it. Pier Paolo Ronchetti traduzione, Max Brighel adattamento
(EN)

« Whose Side Are You On? »

(IT)

« Tu da che parte stai? »

(Slogan della serie)

Civil War è una miniserie a fumetti scritta da Mark Millar e disegnata da Steve McNiven, pubblicata dalla Marvel Comics da maggio 2006 a febbraio 2007.[1] La miniserie è un crossover composto da di sette albi che ha coinvolto tutte le testate della Marvel e, insieme a Planet Hulk e Annihilation, fa parte di un trittico di grandi eventi del 2006 della Marvel[senza fonte][non è chiaro]. Gli albi coinvolti dalla saga sono contraddistinti dalla grafica di copertina, che prevede una larga banda nella sua metà inferiore.[1] La miniserie ha avuto un ottimo riscontro di pubblico e il primo numero della serie e tutti i tie-in, ovvero le opere derivate, sono andati esauriti[2] e hanno avuto una ristampa con una variant cover, che presenta una differente grafica di copertina.

La serie è stata sostenuta da una importante campagna pubblicitaria anche al di fuori dall'ambiente fumettistico, soprattutto per quanto riguarda il personaggio dell'Uomo Ragno che, a seguito della rivelazione pubblica della propria identità, ha fatto guadagnare alla miniserie molte prime pagine di giornali, anche italiani, oltre a numerose critiche.[3]

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

In origine doveva essere una miniserie di sei numeri ideata da Mark Millar e disegnata da Bryan Hitch (i creatori degli Ultimates), che nulla avrebbe avuto a che vedere con ciò che si è realmente sviluppato. Durante una riunione degli autori sull'evento editoriale del 2006, Millar ha proposto la sua idea modificando la bozza iniziale che vedeva un fronte unico di eroi combattere i soldati dello S.H.I.E.L.D. dopo la morte di Dum Dum Dugan, braccio destro di Nick Fury; secondo Millar, l'idea di vedere due differenti fronti di eroi lottare tra loro sarebbe stata più accattivante.

L'Atto di Registrazione dei Superumani sulla cui premessa si basa Civil War ha dei precedenti simili in altri fumetti di genere supereroistico quali Uncanny X-Men, DC: The New Frontier, Powers, Watchmen e Astro City. Mark Millar in proposito disse: «Ho deciso di fare del dilemma supereroico qualcosa di un po' diverso. La gente pensava fossero pericolosi, ma non volevano un divieto. Quello che volevano erano supereroi pagati dal governo federale come poliziotti e aperti allo stesso tipo di controllo. Era la soluzione perfetta e nessuno, per quanto ne sono a conoscenza, lo hai mai fatto prima.»[4] Rispetto agli eventi degli anni precedenti, Civil War presenta una maggior interazione tra le serie coinvolte. Infatti, mentre ad esempio in House of M i tie-in furono abbastanza slegati e fini a sé stessi, in questo caso approfondiscono e completano la storia della miniserie.[senza fonte]

Prima della miniserie, sono stati pubblicati degli albi pubblicati all'interno di varie collane, che hanno fatto da prologo alla trama principale; queste storie sono identificate dalla scritta Road to Civil War in copertina.[5] Successivamente prese via la miniserie Civil War vera e propria che venne edita da maggio 2006 a febbraio 2007.[6] Contemporaneamente alla miniserie principale ne venne pubblicata un'altra di 11 numeri usciti con periodicità variabile da luglio 2006 ad aprile 2007, Civil War: Front Line, scritta da Paul Jenkins e disegnati da vari artisti.[7] Oltre a queste tre, sono state realizzate altre miniserie legate in qualche modo agli eventi della principale: Civil War: X-Men[8] e Civil War: Young Avengers & Runaways[9]. Dalla fine del 2006 al 2007 vennero poi pubblicati una serie di sette numeri unici legati alla vicenda principale:

  • Civil war: choosing sides
  • Civil war: battle damage report
  • Civil war: the confession
  • Civil war: the return
  • Civil war: war crimes
  • Civil war: the initiative

Nel 2008 a conclusione del ciclo, venne pubblicato il volume What if? Civil war, dedicato agli ipotetici futuri alternativi[10] e da una nuova miniserie, House of M: Civil War, che vede Magneto e il suo esercito di mutanti invadere gli Stati Uniti[11].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Prologo: Road To Civil War[modifica | modifica wikitesto]

  • New Avengers: The Illuminati (one-shot - scritto da Brian Michael Bendis e disegnato da Alex Maleev): racconta la genesi di un gruppo di eroi, gli Illuminati, che si è formato dopo la prima guerra tra Kree e Skrull e che per anni ha vigilato sulle azioni degli altri eroi restando sempre nell'ombra. Il gruppo è formato dal Professor X, da Dottor Strange, Mister Fantastic, Namor, Iron Man e Freccia Nera. Al primo incontro era presente anche Pantera Nera, il quale ha però rifiutato di unirsi al gruppo. Nonostante i rapporti instabili tra i membri, il gruppo è sopravvissuto per molti anni, fino a che la decisione di spedire l'incredibile Hulk fuori del pianeta e di appoggiare l'Atto di Registrazione dei Superumani, ha rotto gli equilibri, lasciando solo Reed Richards e Tony Stark a farne parte.

Civil War[modifica | modifica wikitesto]

A causa di un'esplosione causata dal supercriminale Nitro, un intero paese venne spazzato via e centinaia di persone muoiono. Il governo degli Stati Uniti e lo S.H.I.E.L.D., decidono di introdurre il cosiddetto "Atto di Registrazione dei Superumani"[12] al fine di permettere al governo di registrare le identità civili degli individui dotati di superpoteri. La comunità dei supereroi si spacca in due di fronte a questa decisione: i contrari, capeggiati da Capitan America, e i favorevoli, con a capo Iron Man. Lo scontro viene vinto dai favorevoli e Capitan America si arrende togliendosi la maschera. Tony Stark viene messo a capo dello SHIELD dando vita all'Iniziativa dei cinquanta stati, ovvero il progetto di dotare ogni stato della nazione di un gruppo di supereroi.[13][14][15][16][17][18][19][20]

La trama riprende elementi già affrontati dalle saghe Vendicatori Divisi, House of M e Guerra segreta, nonché elementi di Son Of M e The 198 e riporta in scena molti personaggi secondari e da tempo non utilizzati.[senza fonte]

Civil War: Front Line[modifica | modifica wikitesto]

La storia presenta la prospettiva sulla vicenda di due reporter di fronti opposti: Ben Urich e Sally Floyd oltre alla storia dell'unico sopravvissuto del massacro di Stamford: Speedball dei New Warriors.[7]

Miniserie legate a Civil War[modifica | modifica wikitesto]

Civil War: X-Men[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni membri della X-Force - Domino, Shatterstar e Calibano - penetrano nella zona dello Xavier Institute e cogliendo di sorpresa le sentinelle riescono a liberare i 198 mutanti costretti dal governo a rimanere all'interno della villa. Alcuni X-Men intervengono per impedirne la liberazione ma alla fine Ciclope preferisce lasciarli fuggire. Arrabbiato per la decisione del capo degli X-Men, Alfiere contatta Iron Man chiedendogli di rintracciare i 198 e con loro altri due mutanti: Sabra e Micromax. Intanto allo Xavier Institute i quattro X-Men originali ancora in vita, Ciclope, l'Uomo Ghiaccio, la Bestia e Arcangelo, si mettono sulle tracce dei mutanti fuggiaschi. Emma Frost li accompagna all'uscita della tenuta Xavier, e appena i suoi compagni scompaiono in lontananza una nuova versione di Sentinella afferra la donna accusandola di aver violato i confini dello Xavier Institute.[21]

Civil War: Giovani Vendicatori/Runaways[modifica | modifica wikitesto]

Copertina di Giovani Vendicatori/Runaways

A Santa Monica scoppia uno scontro tra il criminale Spezzabandiera e alcuni agenti S.H.I.E.L.D.. I Runaways intervengono e sconfiggono con facilità il nemico, ma gli agenti S.H.I.E.L.D. li arrestano perché non registrati. I ragazzi riescono a fuggire, ma il cyborg Victor è colpito dall'esplosione di una granata. Contemporaneamente, un altro gruppo di adolescenti, i Giovani Vendicatori, osserva gli eventi su uno schermo nel rifugio segreto dei ribelli, e chiedono a Capitan America di poter intervenire ma questi nega il permesso alla squadra che disubbidisce e raggiunge i Runaways, i quali li scambiano però per assalitori. Ne segue uno scontro che ha fine solo quando Visione si interfaccia casualmente con Victor.[22]

Tie in[modifica | modifica wikitesto]

New Avengers Disassembled[modifica | modifica wikitesto]

In questa serie Brian Michael Bendis dedica ogni numero a un singolo membro del gruppo.[23]

La squadra speciale dello S.H.I.E.L.D. preposta alla cattura dei superumani ribelli fa irruzione nel bunker segreto di Capitan America, il quale riesce però a fuggire nelle fogne di Manhattan. Successivamente, Cap è contattato dal suo amico Sam Wilson, alias Falcon, che gli offre il suo aiuto per cercare membri per una squadra di ribelli. Il primo eroe che cercano di avvicinare è Hank Pym, non sapendo che questi sta dalla parte di Iron Man, che li attira in una trappola, facendo arrivare sul luogo una squadra governativa anti-supereroi, con a capo Maria Hill. Cap e Falcon riescono comunque a fuggire, lasciando Pym stupito dalla considerazione che i due avevano di lui.[24]

A poche ore dall'entrata in vigore della Legge di Registrazione dei Superumani, Iron Man e Ms. Marvel fanno visita a Luke Cage e alla sua compagna Jessica Jones per cercare di convincerli a sostenere la causa della registrazione, ma Cage rifiuta perché ritiene l'RSA paragonabile alle tensioni razziali degli anni cinquanta. Cage e la Jones pensano allora di fuggire in Canada con la loro figlia, ma mentre la sua compagna si reca a Toronto Luke non se la sente di abbandonare il suo quartiere. Ma quando arriva la mezzanotte e l'RSA entra in vigore, una squadra di agenti governativi fa irruzione nel suo appartamento, e lui riesce a fuggire solo grazie all'intervento prima dei suoi vicini e poi di Capitan America, Devil e Falcon.[25]

Spider-Man[modifica | modifica wikitesto]

Il Presidente degli Stati Uniti annuncia ad Iron Man e all'Uomo Ragno che la Legge di Registrazione dei Superumani sarà discussa dal Congresso al più presto. Tony Stark rivela allora al Capo di Stato la sua identità segreta e chiede all'Uomo Ragno di fare lo stesso. Peter ne discute con sua moglie Mary Jane, che è scettica, e con zia May, che vorrebbe invece che tutto il mondo sapesse quanto è speciale Peter. E alla fine, Peter decide di dar retta a sua zia.[26]

Dopo l'annuncio in conferenza stampa, la vita di Peter Parker è completamente sconvolta. Il suo direttore J. Jonah Jameson, che riteneva Peter l'ultima persona onesta della città, gli intenta una causa milionaria con diverse accuse. Iron Man decide senza consultarlo di inserirlo in una task force preposta alla cattura dei supereroi ribelli, di cui fanno parte anche i Thunderbolts, Doc Samson e i Fantastici Quattro.[27]

In seguito alla cruenta battaglia tra il gruppo di Iron Man e quello di Capitan America, molti ribelli sono stati catturati e stanno per essere trasferiti in un luogo più sicuro. Temendo che Cap possa tentare di liberare i propri alleati, Iron Man chiede al suo super-team di proteggere il trasferimento dei prigionieri. Peter viene messo da Stark a fare la guardia per meglio sfruttare il suo senso di ragno, ma quella era una cosa di cui non aveva parlato mai a nessuno... Peter, dopo aver visto lo stato in cui versano i prigionieri, decide di unirsi a Cap e si scontra con Iron Man; i due hanno un breve scontro, tuttavia il ragno riesce ad avere la meglio su Stark prendendolo di sorpresa.[28]

Elenco dei supereroi[modifica | modifica wikitesto]

Contro la registrazione
(Leader: Capitan America)
A favore della registrazione
(Leader: Iron Man)
Neutrali

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Civil War :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 05 ottobre 2017.
  2. ^ Le vendite del primo numero di Civil War da ComicUs, comicus.it. URL consultato il 19 luglio 2007.
  3. ^ L'Uomo Ragno si toglie la maschera - Il Corriere della Sera, 16 giugno 2006, corriere.it. URL consultato il 19 luglio 2007.
  4. ^ Civil War & Peace of Mind with Mark Millar (Part 2) - CINECHEW, su cinechew.com. URL consultato il 23 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2017).
  5. ^ Queste storie sono identificate dalla scritta Road to Civil War in copertina.
  6. ^ Civil War :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 05 ottobre 2017.
  7. ^ a b Civil War: Front Line :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 05 ottobre 2017.
  8. ^ Civil War: X-Men :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 05 ottobre 2017.
  9. ^ Civil War: Young Avengers & Runaways :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 05 ottobre 2017.
  10. ^ What If? Civil War :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 05 ottobre 2017.
  11. ^ House of M: Civil War :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 05 ottobre 2017.
  12. ^ Traduzione ufficiale di Superhuman Registration Act; cfr. ad esempio Entry di Luca Scatasta, in Wolverine n. 212, Panini Comics, settembre 2007.
  13. ^ Civil War: Sondaggio, civilwar.it. URL consultato il 6 settembre 2007.
  14. ^ Civil War # 1 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 05 ottobre 2017.
  15. ^ Civil War # 2 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 05 ottobre 2017.
  16. ^ Civil War # 3 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 05 ottobre 2017.
  17. ^ Civil War # 4 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 05 ottobre 2017.
  18. ^ Civil War # 5 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 05 ottobre 2017.
  19. ^ Civil War # 6 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 05 ottobre 2017.
  20. ^ Civil War # 7 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 05 ottobre 2017.
  21. ^ Civil War: X-Men n. 1 di 4 (settembre 2006, ed. it. Gli Incredibili X-Men n. 203, Panini Comics, maggio 2007)
  22. ^ Zeb Wells (testi) e Stefano Caselli (disegni), Marvel Mega n.39 - I Giovani Vendicatori/Runaways, giugno 2007
  23. ^ New Avengers nn. 21-25
  24. ^ New Avengers 21 "Nuovi Vendicatori Divisi" 1 (New Avengers Disassembled, Part One, del giugno 2006).
  25. ^ New Avengers 22 "Nuovi Vendicatori Divisi" 2 (New Avengers Disassembled, Part Two, del luglio 2006).
  26. ^ Amazing Spider-Man 532 "La Guerra a Casa" 1 (The War at Home, Part One, del maggio 2006).
  27. ^ Amazing Spider-Man 533 "La guerra a Casa" 2 - "La notte in cui la guerra arrivò a Casa" (The night when the war came home, del giugno 2006).
  28. ^ Amazing Spider-Man 534 "La guerra a Casa" 3 (The War at Home, Part Three, del luglio 2006).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics