Wasp (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wasp
Universo Universo Marvel
Nome orig. Wasp
Lingua orig. Inglese
Alter ego
  • Janet Van Dyne
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. giugno 1963
1ª app. in Tales to Astonish Vol. 1, n. 44
Editore it. Editoriale Corno
app. it. in L'Uomo Ragnon.28 - Il ritorno di Kraven 1971 – I serie
Interpretata da Hayley Lovitt
Sesso Femmina
Abilità
  • Riesce a rimpicciolirsi alla statura di una vespa e a diventare grandissima
  • Se rimpicciolita vola grazie a ali d'insetto impiantate chirurgicamente
  • Discreta abilità nella lotta corpo a corpo
  • Emette scariche elettriche
  • forza sovrumana
Parenti
  • Vernon Van Dyne (padre, deceduto)
  • Madre innominata (deceduta)
  • Henry Pym (Ant-Man, ex-marito)
  • Nadia Pym (figlioccia con Hank Pym)
  • Katie Summers (figlia con Havok, deceduta)
  • Henry Pym Jr. (figlio, in Next Avengers - Gli eroi di domani)

Wasp, il cui vero nome è Janet Van Dyne, è un personaggio dei fumetti, creato da Stan Lee e Ernie Hart (testi), Jack Kirby e Don Heck (disegni) nel 1963, pubblicato dalla Marvel Comics. È apparsa per la prima volta in Tales to Astonish Vol.[1] 1, n. 44.

Janet Van Dyne è una delle supereroine più importanti dell'Universo Marvel, avendo fondato assieme al marito Henry Pym gli Avengers. Il personaggio ha anche ottenuto una versione cinematografica nel film Ant-Man, interpretata da Hayley Lovitt.

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio di Janet Van Dyne viene inventato da Stan Lee, Jack Kirby e Don Heck nel 1963 per movimentare le storie di Ant-Man, che col passare del tempo, persero di ascolti. Wasp riceve la giusta attenzione dal pubblico, ed il suo albo d'esordio, Tales to Astonish (Vol. 1) n. 44 ottiene un enorme successo, sufficiente a rendere l'eroina una dei membri fondatori degli Avengers nello stesso anno.

Le avventure da solista della meravigliosa Wasp proseguono sul serial Tales to Astonish assieme ad Ant-Man fino al 1965. Il personaggio diviene dunque un'attrazione della testata the Avengers assieme a Henry Pym, almeno fino agli inizi degli anni settanta.

Nel 1972, Henry Pym diventa il protagonista del serial Marvel Feature a partire dal numero 4. Anche le avventure di Wasp vengono allora spostate su quella collana, ma lo scarso successo, costringe la Marvel a rimuovere i due personaggi, per farli ricomparire su the Avengers e, verso gli anni ottanta, anche su West Coast Avengers (poi ribattezzata Avengers West Coast).

Nel 2000, Wasp diventa la co-protagonista, assieme ad Ant-Man, dello one-shot Ant-Man's Big Christmas. Le sue storie proseguono sempre sulla testata principale dei Vendicatori, fino all'evento Secret Invasion di Brian Bendis. Nel 2012, vista l'uscita del film di Ant-Man (poi rimandato), Wasp diventa la protagonista dello speciale Avengers Origins: Ant-Man & the Wasp. Nel 2013, Janet Van Dyne è una dei membri più importanti degli Uncanny Avengers.

Successivamente, viene confermato Scott Lang come protagonista del film su Ant-Man. Wasp tuttavia effettua un cameo nella pellicola, interpretata da Hayley Lovitt. Il personaggio scompare dalla circolazione, per poi tornare nel 2016 nei panni di Wasp su Uncanny Avengers Vol. 3 di Gerry Duggan e All-New All-Different Avengers Vol. 1 di Mark Waid.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Janet Van Dyne è la figlia dello scienziato Vernon Van Dyne. Quando il padre venne ucciso si gettò fra le braccia del socio del padre, Hank Pym. Hank, che in realtà era il neo supereroe Ant-Man, le rivelò la sua identità e la modificò geneticamente, dandole il potere di tramutarsi in una minuscola donna con i poteri di una vespa (Wasp, appunto) e diede istruzioni su come usare le particelle Pym, così facendo riuscì assieme a Hank a consegnare il colpevole alla giustizia.

Janet era l'unica donna tra i fondatori dei Vendicatori e fu proprio lei a dare il nome alla squadra; la sua presenza fu fondamentale nello stemperare gli animi, infatti Iron Man, Thor e Hank avevano tre personalità molto forti e spesso erano in disaccordo tra loro. Fortunatamente questo problema venne accantonato dall'arrivo di Capitan America: fu proprio Janet a riconoscere la gloriosa uniforme a stelle e strisce sotto la lacera divisa da soldato che Rogers indossava il giorno del suo ritrovamento.

All'inizio della sua carriera Janet usava un costume, dotato di maschera, molto simile a quello di Ant-Man, ma in seguito cominciò lei stessa a disegnarsi i costumi, tutti sgargianti e che le lasciavano il volto scoperto, diventando così un personaggio pubblico di fama internazionale, capace di influenzare la moda al pari di attrici famose. Ideò anche varie uniformi per Hank Pym, in particolare, quella del nuovo Giant-Man. Dopo diverse avventure assieme ai Vendicatori, sconfigge assieme a Hank l'Uomo Trottola ma decide in seguito di abbandonare momentaneamente la carriera da eroina per concentrarsi sul suo rapporto con Ant-Man. I due in seguito ritornano nel team col ruolo di capitani (dopo l'abbandono di Capitan America). La ragazza riesce poi ad incassare l'eredità del padre, investendola nei progetti del fidanzato, acquiestando Jet e permettendosi un autista, Dave Cannon, in gran segreto l'Uomo Trottola. Dopo l'appatente morte di Hank Pym per mano del Calabrone, un nuovo supereroe, inizia ad innamorarsi di quest'ultimo, decidendo di sposarlo, con la disapprovazione degli altri Avengers. Il matrimonio viene però interrotto dal Circo del Crimine, ma la gang viene sconfitta dal Calabrone, che si rivelerà essere lo stesso Golia. I due, dopo la luna di miele ritornano in pianta stabile nel gruppo, sconfiggendo vari nemici quali il nuovo alter ego di David Cannon Whirlwind, Ultron, i Signori del Male, Kang e tanti altri. Quando Hank decide di rivestire i panni di Ant-Man, Wasp lo supporta nelle sue avventure solitarie, sconfiggendo diversi nemici, tra cui Whirlwind: i due scoprono infatti che è l'autista di Janet e lo licenziano, sconfiggendolo. Tornati nei Vendicatori, Wasp viene rapita da Ant-Man (controllato da Ultron). Quest'ultimo vuole trasferire la coscienza della donna nel robot Jocasta, ma viene fermato dagli Avengers. In seguito, Jocasta si riattiverà, ma avendo i tracciati cerebrali di Wasp, tradisce Ultron, entrando negli Avengers.

Nonostante atteggiamenti frivoli, e malgrado gli espliciti apprezzamenti a parecchi dei suoi colleghi (fra i quali Thor era il prediletto), Janet è sempre stata un'eroina molto motivata e una compagna fedele per Hank Pym, fino a quando questi, a causa dello stress accumulato e di alcuni problemi d'instabilità mentale, non cominciò a diventare sempre più violento. Il cattivo comportamento dell'eroe, porterà gli Avengers ad una amara conclusione: sottoporlo alla corte marziale. Pym però decide di creare un robot che metta in pericolo il gruppo, Salvation-01, per sconfiggerlo davanti ai loro occhi, riguadagnandosi così la loro fiducia, ma Janet lo scopre e viene percossa da Pym, il quale, dopo aver capito i propri errori (e dopo aver quasi sconfitto gli Avengers con Salvation-01) abbandona il gruppo. Il divorzio fu inevitabile, ma questa brutta esperienza fece maturare notevolmente Janet, tanto da spingerla ad assumere il ruolo di capo dei Vendicatori (davanti a personalità forti come Capitan America e Iron Man), rivelandosi uno dei migliori leader nella storia della squadra. Il team da lei guidato rifronteggia in seguito il Calabrone, divenuto un criminale a causa delle manipolazioni di Testa d'Uovo, sua storica nemesi. Dopo essere finito in prigione, Hank scopre che Janet si è legata sentimentalmente a Tony Stark (Wasp non sapeva che lui era Iron Man, uno dei migliori amici di Pym) e grazie agli psicologi del carcere, riesce a guarire. Dopo la morte di Testa d'Uovo per mano di Occhio di Falco, Hank Pym lascia definitivamente la sua carriera da Vendicatore, per poi ritornare in seguito nella filiale della Costa Ovest capeggiata da Clint Barton. La relazione tra Wasp e Stark termina, per rispetto nei confronti di Pym, quando lei scopre la doppia vita di Tony come Iron Man ma i due restano comunque in buoni rapporti.

La sua leadership negli Avengers fu determinante in modo particolare quando i Signori del male, comandati dal Barone Helmut Zemo riuscirono ad occupare la base dei Vendicatori. Sotto la guida di Janet, gli eroi riuscirono a venir fuori da uno dei momenti più neri della loro storia.

Dopo parecchio tempo (durante il quale entrambi ebbero alcuni flirt) Calabrone e Wasp tornarono insieme, ma senza risposarsi. I due sconfiggono insieme anche Whirlwind. Le cose sembravano funzionare tra loro fino a quando lei non tradì Hank con l'arciere Occhio di Falco; la loro storia però non proseguì perché poco tempo dopo Clint morì in seguito agli eventi narrati in Vendicatori divisi, che portarono allo scioglimento dei Vendicatori. Dopo questa faccenda, Janet cadde in coma e dopo aver ritrovato Hank al suo capezzale, decide di dargli un'altra opportunità, trasferendosi con lui ad Oxford. Wasp prende im seguito parte alla Guerra Civile dei supereroi, appoggiando l'atto di registrazione di Iron Man, ma dopo la morte di Bill Foster inizia ad avere dubbi sulla sua fazione. La sua relazione con Calabrone non dura molto, nonostante i continui sforzi dei due, e lei lo lascia poco prima della Guerra Civile e dell'Invasione Skrull. Entra in seguito nei Potenti Vendicatori, sconfiggendo Ultron. Pym, a sua insaputa, viene sostituito da uno Skrull, Criti Noll, poco prima dell'inizio dell'invasione segreta.

Wasp prende poi parte alla spedizione a Genosha con i Vendicatori e gli X-Men per decidere il fato di Scarlet, che ha precedentemente portato alla rovina gli Avengers, uccidendone alcuni dei membri più storici, tra cui il secondo Ant-Man. Wanda Maximoff, con i suoi poteri, riesce ad creare una nuova linea temporale dove tutti sono fedeli servitori di suo padre, Magneto. Janet Van Dyne, viene dunque alterata dalla magia, diventando una stilista di moda molto famosa, i cui vestiti vengono indossati perfino dai reali di Genosha e del Wakanda. Tutto ritorna poi alla normalità.

Secret Invasion[modifica | modifica wikitesto]

La premura di Hank Pym, purtroppo, aveva un perché: la formula per trasformarsi in gigante che il falso Hank (uno skrull di nome Criti Noll) le aveva donato era un composto chimico che, durante la battaglia finale con gli alieni nel centro di Ney York, ha trasformato Janet in una enorme arma biologica in grado di uccidere gli esseri umani. Con enorme rammarico, Thor viene costretto a ucciderla, scagliando contro di lei Mjolnir, giurando tuttavia sul suo onore di vendicarla. Dopo la morte di Criti Noll, il vero Hank Pym viene liberato dai compagni Vendicatori dalla sua cella Skrull e, dopo aver appreso della morte di Janet, incolpa Iron Man per tutto l'accaduto. Dopo aver sfogato la sua rabbia nei confronti del suo vecchio amico, Hank decide di onorare la memoria della sua defunta moglie prendendone il manto, divenendo il secondo Wasp, subito dopo aver ricordato i loro momenti più importanti.

Hank Pym, come Wasp, fonda anche la Accademia Vendicatori, iniziando una relazione con la mutante Tigra, senza dimenticarsi però di Janet. Lo scienziato infatti, tenterà in più di un'occasione di riportarla in vita attraverso i suoi esperimenti, senza però riuscirci. Pym decide allora di istituire una fondazione a nome di Janet Van Dyne dedita ad aiutare tutte le donne in pericolo.

Dopo diverso tempo, Hank Pym abbandona l'identità di Wasp, ritornando a vestire i panni di Giant-Man. Nel frattempo, Tony Stark scopre che Janet Van Dyne è in realtà ancora viva: poco prima di venire uccisa da Thor, l'originale Wasp è infatti riuscita a rimpicciolirsi così tanto da schivare l'attacco del tonante, finendo intrappolata nel Microverso. Tony riporta la notizia a Pym, che ritorna per l'occasione al fianco dei Vendicatori per intraprendere la missione di entrare nello spazio interno e salvare la ex moglie. Per salvare la vita a Wasp, però, gli Avengers sono costretti a lottare contro un nemico di Janet, Lord Gouzar, un tiranno del microverso che, dopo aver scoperto dell'esistenza di un universo più grande, decide di conquistarlo. Il gruppo riesce a sconfiggerlo e a riportare Wasp a casa sana e salva. Dopo quest'avventura, viene anche organizzata una festa di benvenuto in onore a Janet. Il suo rapporto con Hank Pym pare però essere ormai chiuso.

Incredibili Avengers[modifica | modifica wikitesto]

Successivamente, Janet Van Dyne accetta l'invito di Havok di entrare in una nuova formazione dei Vendicatori: la squadra unione, che unisce umani e mutanti con la speranza di portare avanti il sogno del defunto Charles Xavier. Wasp, si rivela un membro utile in più di un'occasione, ed instaura anche una relazione col capo del gruppo, Alex Summers. Janet, assieme ai Vendicatori, è costretta a fronteggiare la minaccia dei Gemelli di Apocalisse, Uriel ed Eimin, i quali hanno riportato in vita quattro nuovi cavalieri della Morte: Daken, il figlio di Wolverine, Banshee, vecchio membro degli X-Men, Sentry, membro dei Dark Avengers e il Sinistro Mietitore, il fratello di Wonder Man, con l'intento di dividere la Squadra Unione.

Janet riesce a fronteggiare senza problemi Sentry, sconfiggendolo grazie all'utilizzo delle particelle Pym. Tuttavia, due dei Vendicatori più potenti, Wonder Man e Scarlet, vengono catturati da Eimin ed Uriel che, utilizzando i loro poteri, decidono di voler trasferire tutti i mutanti in un nuovo mondo, chiamato Pianeta X, lasciando la Terra in balia degli umani. Scarlet Witch decide di aiutarli, ma con l'intento di tradirli. Nonostante i buoni propositi, la strega viene uccisa da Rogue. Gli Incredibili Avengers subiscono diverse perdite e l'unico modo per sconfiggere la minaccia imbattibile dei Gemelli d'Apocalisse è rompere una diga ai tachioni. Spetta a Wasp il suddetto compito, che non riesce però a portarlo a compimento per merito dell'interferenza del Sinistro Mietitore. Dopo diverse sconfitte, il pianeta Terra viene distrutto dallo Sterminatore, manipolato da Uriel e Eimin, e gli unici membri dei Vendicatori a salvarsi sono Thor, Havok, Wolverine, Sole Ardente e Wasp.

Sei anni dopo, i cinque Avengers rimasti vivono da fuggitivi nel Pianeta X dei gemelli d'Apocalisse, abitato solo da mutanti. Janet, durante questo periodo, ha sposato Havok, oltre ad aver avuto da lui una figlia, Katie Summers. L'intento della Squadra Unione restante è sempre quello di rompere la diga ai tachioni, ma ciò non è possibile per merito della Confraternita dei Mutanti malvagi di Magneto, che sventano i piani di Havok e Wasp. Dopo diverse avventure però, gli eroi riescono a stringere un'alleanza con Kang il Conquistatore. Il viaggiatore del tempo, riesce a rapire Katie Summers, bloccandola nello spazio temporale, costringendo Havok e Janet a ritornare indietro nel tempo per evitare tutto ciò che le catastrofiche azioni dei gemelli hanno causato.

L'azione va a buon fine, ma tutto va a favore di Kang il Conquistatore, che riesce ad ottenere un potere illimitato e a fronteggiare tutti i Vendicatori, che riescono a sconfiggerlo a un caro prezzo: Wasp e Havok perdono la figlia. Janet, ritornata sulla Terra, elabora il lutto assieme ad Havok, ed i due si legano maggiormente. Assieme, fronteggiano col resto degli Avengers la minaccia dell'Onslaught Rosso. Per tentare di fermarlo, Scarlet Witch decide di lanciare un incantesimo per invertire la personalità di Teschio Rosso, facendolo diventare buono.

Il piano va a monte e vengono invertite le personalità di tutti i presenti, incluso Havok, che abbandona la Squadra Unione per entrare negli X-Men del fratello Ciclope, chiudendo i rapporti con Janet. Dopo diversi avvenimenti, Wasp riesce ad avere un faccia a faccia con Alex, che, ancora invertito, scappa durante la battaglia finale. Gli altri eroi e criminali riescono a ritornare alla normalità.

Tempo dopo, Wasp si unisce agli Avengers originali assieme a Giant-Man per sconfiggere ancora una volta Ultron, rivelatosi essere vivo. L'intelligenza artificiale questa volta ha il compito di dominare Titano, pianeta degli Eterni. Durante quest'avventura, Janet confessa all'ex marito d'aver avuto una figlia con Alex Summers. Durante la battaglia finale, Hank Pym si sacrifica per salvare il team, unendosi ad Ultron: i due diventano un essere dal corpo condiviso. Tornata sulla Terra, Janet e i Vendicatori decidono di consierare tutto ciò come un vero e proprio sacrificio, tenendo una conferenza a nome di Giant-Man e eregendo una statua in suo nome nella villa degli Avengers.

Incontra, poco dopo, il secondo Ant-Man, Scott Lang. Dopo una lunga chiacchierata, Lang ha in regalo da Jan tutti i laboratori dell'ex marito, oltre al costume da Giant-Man, che Scott decide di donare ad una vecchia conoscenza di Pym, Raz Malhotra. Intanto, una ragazza di nome Nadia rivela di essere la figlia di Henry Pym, ma non avendolo trovato a casa, riesce ad intrufolarsi nel suo laboratorio per costruirsi un costume da Ant-Man, adottando l'identità di Wasp ed entrando negli Avengers di Iron Man. La ragazza, con l'aiuto di Edwin Jarvis, riesce ad incontrare la matrigna, Janet Van Dyne.

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Janet Van Dyne ritorna a vestire i panni di Wasp quando, il maggiordomo degli Avengers, Edwin Jarvis, la contatta per incontrare la sua figlioccia: Nadia Pym. Jan, incontrandola, scopre che è la figlia di Henry Pym e della sua prima moglie, Maria Trovaya. Wasp decide di prenderla nella sua ala, passando del tempo con lei.

Dopo il suo lungo rapporto con Havok, Janet Van Dyne ritorna sempre come Wasp per incontrare Henry Pym, il suo vecchio marito morto precedentemente, rivelatosi essere ancora vivo assieme ad Ultron. Ingaggiata da Capitan America per indagare sulla faccenda, Janet scopre che in realtà l'intelligenza artificiale è riuscita ad uccidere Giant-Man e ad indossarne il volto.

Utilizzando una bomba E.M.P., Janet riesce a bloccare il corpo di Ultron, dando a Deadpool l'opportunità di ucciderlo. Wade Wilson, però, si lascia scappare l'occasione, mancandolo. La squadra unione viene fortunatamente raggiunta da Visione, che riesce a tener testa ad Ultron, il quale si trova poi costretto ad affrontare la Hulkbuster.

Wasp[modifica | modifica wikitesto]

Wasp è un nome di battaglia che, nei fumetti, è stato utilizzato da altri personaggi dell'universo Marvel:

  • Il secondo Wasp è Henry "Hank" Pym, marito di Janet Van Dyne che, per onorare la morte della moglie avvenuta per mano di Thor durante un'invasione segreta di Skrull, decide di indossarne il costume divenendo un suo successore. Tuttavia, dopo essere riuscito ad aver affrontato la morte della moglie, Pym decide di ritornare a vestire i panni di Giant-Man;
  • La terza Wasp è Nadia, una ragazza dotata di uno straordinario quoziente intellettivo, che si è rivela essere la figlia di Henry Pym e della sua prima moglie, Maria Trovaya. Dopo aver utilizzato l'attrezzatura da Ant-Man per costruirsi una propria armatura, ha assunto l'identità di Wasp, unendosi agli Avengers.

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Janet è capace di rimpicciolirsi, diventare gigantesca ed emettere energia bioelettrica grazie alle particelle Pym, inoltre può comandare le formiche e le vespe. Le sue ali impiantate all'altezza delle scapole le permettono di volare, se ridotta alla grandezza di una formica, e di raggiungere i 40 chilometri orari. Durante un certo periodo della sua vita, è diventata una vera e propria vespa grazie all'aiuto di Henry Pym, divenendo allora più letale che mai. I costumi che indossa sono stati inventati quasi tutti da lei, tranne l'originale, costruito dal primo Ant-Man, divenuto poi suo futuro marito. Wasp ha anche creato il design di diversi costumi per Hank Pym, tra cui quello del nuovo Giant-Man. Una delle sue abilità migliori è la sua esperienza strategica, che l'ha aiutata a comandare i Vendicatori ed a salvarli in diverse occasioni: è infatti ritenuta uno dei migliori leader degli Avengers.

Pubblicazioni editoriali[modifica | modifica wikitesto]

  • Marvel Feature - The Astonishing Ant-Man (1973): serie regolare dedicata al primo Ant-Man e alla moglie Wasp. In uno dei numeri della testata vengono narrate anche le origini di Janet Van Dyne, precedentemente pubblicate su Tales to Astonish n. 44 (Pubblicato in Italia su L'Uomo Ragno Corno (II serie));
  • Marvel Masterworks - Ant-Man & Giant-Man (1963): ristampa di vecchie storie pubblicate su Tales to Astonish che vedono tra i protagonisti Giant-Man e Wasp (Pubblicato in Italia su Marvel Masterworks - Ant-Man e Giant-Man 1);
  • Ant-Man & the Wasp (2010): miniserie di tre numeri scritta e disegnata da Tim Seeley che mostra Henry Pym come nuovo Wasp dopo la morte apparente di Janet Van Dyne. Pur non essendo una dei protagonisti, Janet Van Dyne è il fulcro della miniserie (Pubblicato in Italia su Io Sono Ant-Man);
  • Avengers Origins: Ant-Man & the Wasp (2012): one shot che narra le origini rivisitate di Ant-Man e Wasp, scritto da Roberto Aguirre-Sacasa e disegnato da Stephanie Hans (Pubblicato in Italia su Avengers e su Io Sono Ant-Man);
  • Ant-Man Annual (2015): numero speciale dedicato al secondo Ant-Man che vedono tra i co-protagonisti Henry Pym e Janet Van Dyne (Pubblicato in Italia su Marvel Heroes - Ant-Man 3);
  • The Astonishing Ant-Man (2015): pur non essendo una dei protagonisti della testata, Wasp compare diverse volte in alcuni numeri (Pubblicato in Italia su Marvel Heroes - Lo Stupefacente Ant-Man).
  • The Unstoppable Wasp (2016): serie regolare dedicata alla terza Wasp, Nadia Pym, che decide di seguire le orme del primo Ant-Man e di Janet Van Dyne (In Italia inedito).

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Ultimate[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ultimates.

Wasp appare anche nell'universo Ultimate, con alcune caratteristiche differenti rispetto alla Wasp dell'Universo Classico: infatti, qui è una mutante di origini asiatiche e fu grazie ad alcuni esperimenti eseguiti su un campione del suo sangue che suo marito Hank Pym sviluppò la formula per accrescere le proprie dimensioni; tuttavia solo Hank e Nick Fury sono a conoscenza di quest'informazione, per i media i suoi poteri sono, al pari di quelli di Giant-Man, di natura scientifica.

Anche in questa realtà Janet viene picchiata da Hank e, a seguito della violenza subita, i due divorziano e lei comincia una relazione con Capitan America: vi è una notevole differenza di età e di abitudini tra i due (Jan, frivola ed indipendente, ritiene Steve in alcune occasioni noioso e retrogrado) e riprende a frequentare in segreto il suo ex marito.

In seguito alla terza stagione degli Ultimates, durante il crossover Ultimatum, viene trovata morta a causa dell'onda distruttiva di Magneto e Blob ne approfitta per mangiarne le interiora. Successivamente Ant-Man afferma che esiste un progetto, chiamato "Jocasta", che potrebbe riportarla in vita rendendola robotica, prima di suicidarsi con le copie suicida di Madrox.

MC2[modifica | modifica wikitesto]

In questa linea temporale, Wasp è sposata con Henry Pym. I due hanno avuto due figli: Henry Pym Jr. e Hope Pym, entrambi divenuti dei criminali: il primo adotta l'alter ego di Big Man, la seconda quello di Red Queen. Entrambi hanno continuamente tentato di uccidere i Vendicatori, senza mai spuntarla, per vendicare le morti dei genitori, avvenute proprio durante una missione con gli stessi Avengers.

Marvel Zombi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Marvel Zombi.

Nell'universo Marvel Zombi Janet, infettata dal virus, diviene un'assassina ingorda, incapace di dividere il proprio pasto con nessuno. Viene decapitata da Hank Pym quando scopre che quest'ultimo teneva prigioniero T'Challa la Pantera Nera nel suo laboratorio; tuttavia la sua testa sopravvive e dopo aver liberato il re del Wakanda vengono entrambi contattati dagli Accoliti di Magneto, unici umani non infetti dal virus zombie. Janet verrà dotata di un corpo meccanico dal mutante Forge.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ant-Man (film).
  • Janet Van Dyne, malgrado la sua importanza nei fumetti, appare soltanto brevemente nel film Ant-Man del 2015, interpretata da Hayley Lovitt. Nella pellicola, lei è la supereroina Wasp, madre di Hope Van Dyne e moglie di Hank Pym. Muore tuttavia durante una missione col marito, spegnendo il suo regolatore ed entrando nel Regno Quantico.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il termine volume è usato nei paesi di lingua inglese per indicare le serie, pertanto vol. 1 sta per prima serie, vol. 2 per seconda serie e così via.
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics

jl