J. Michael Straczynski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
J. M. Straczynski nel 2008

Joseph Michael Straczynski, noto anche come J. M. Straczynski (Paterson, 17 luglio 1954), è un fumettista, sceneggiatore e scrittore statunitense.

Straczynski è divenuto famoso per essere l'autore della serie televisiva Babylon 5 e per aver scritto quasi trecento albi a fumetti tra i quali diversi numeri delle serie I Fantastici Quattro, Uomo Ragno (Amazing Spiderman 471-545) Supreme Power, Silver Surfer e Thor[1]. Ha lavorato anche per serie animate molto note come He-Man e i dominatori dell'universo e The Real Ghostbusters e ha avuto ruolo di sceneggiatore principale sulla versione degli anni ottanta di Ai confini della realtà. Inoltre ha lavorato alla produzione di 5 film cinematografici quali Changeling, Thor, Ninja Assassin, Underworld: Awakening e World War Z[1]. Le sue opere gli hanno valso diversi premi tra cui Eisner Award, premio Hugo (due volte), Inkpot Award, Ray Bradbury Award, Saturn Award, Emmy Award (due per Babylon 5) e Icon Award al San Diego Comic-Con del 2013[1].

Ha scritto anche Bullet Points (2007), The Twelve, Dream Police e Book of the Last Soul pubblicati con l'etichetta Icon Comics della Marvel Comics. Sempre Marvel è il suo lavoro, insieme a John Romita Jr., sull'albo Spider-Man 11 settembre 2001, dove affronta il tema degli attentati dell'11 settembre 2001 insieme agli eroi della "Casa delle idee".[2]

All'inizio del 2008 ha deciso di non rinnovare l'esclusiva con la Marvel,[3] che però non abbandona completamente, e firma un contratto con la DC Comics, che gli affida la serie antologica The Brave and the Bold.[4] e ha scritto uno story arc per la testata Superman/Batman.

È inoltre al lavoro su due serie per la Image Comics, di cui egli stesso ha comunicato i titoli alla Emerald City Comicon: The Grand e Final Justice.[5]

È l'autore della sceneggiatura di Changeling, di Clint Eastwood, in concorso al festival di Cannes 2008, e sta ultimando la sceneggiatura tratta dal libro World War Z. Si è occupato della sceneggiatura del film Thor, diretto da Kenneth Branagh.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Soggetto[modifica | modifica wikitesto]

Opere parziali[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • La notte del demonio (Demon Night, 1988); traduzione di Vittorio Curtoni, Pandora 514, Sperling & Kupfer, 1990; Club degli Editori, 1991
  • Sul filo del terrore (Otherside, 1990); traduzione di Maria Barbara Piccioli, Pandora 611, Sperling & Kupfer, 1992; Superbestseller 688, Sperling Paperback, 1998

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c AA.VV., Indie Edge: J.Michael Straczynski, in Previews n.301, Diamond Comic Distributors, Hunt Valley MD, ottobre 2013, p.14
  2. ^ Tonio Troiani, Due grandi torri sono state abbattute: Spider-Man e l’11 settembre, in Fumettologica, 11 settembre 2016. URL consultato il 19 ottobre 2018.
  3. ^ Luigi Siviero, J. Michael Straczynski alla DC, House of Mystery, 26 febbraio 2008. URL consultato il 14 maggio 2008.
  4. ^ Luigi Siviero, Straczynski scrive The Brave and the Bold, House of Mystery, 8 maggio 2008. URL consultato il 14 maggio 2008.
  5. ^ Straczynski parla dei progetti DC e Image[collegamento interrotto], ComicUS, 14 maggio 2008. URL consultato il 14 maggio 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN111413170 · ISNI (EN0000 0001 1032 8163 · LCCN (ENn82012606 · GND (DE120909820 · BNF (FRcb13341651q (data) · NDL (ENJA00457876 · WorldCat Identities (ENn82-012606