J. Jonah Jameson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
J. Jonah Jameson
Jameson Spider-Man 2002.jpg
J.Jonah Jameson interpretato da J. K. Simmons nel film Spider-Man
UniversoUniverso Marvel
Lingua orig.Inglese
Autori
EditoreMarvel Comics
1ª app.marzo 1963
1ª app. inThe Amazing Spider-Man n. 1
Editore it.Editoriale Corno
app. it.30 aprile 1970
app. it. inL'Uomo Ragno n. 1
Interpretato da
Voci orig.
Voci italiane
Specieumana
SessoMaschio
Etniastatunitense
Professionedirettore di giornale

John Jonah Jameson, Jr. più conosciuto come J. Jonah Jameson, detto anche J.J.J., è un personaggio dei fumetti creato da Stan Lee (testi) e Steve Ditko (disegni), pubblicata dalla Marvel Comics. Appare fin dal primo numero di The Amazing Spider-Man (1963). Stan Lee, nel creare il personaggio si è ispirato a se stesso, o meglio a come credeva di essere visto dai suoi collaboratori.

Jameson è raffigurato come l'editore o il caporedattore del Daily Bugle, un giornale fittizio di New York City. Riconoscibile dai baffi a spazzolino, dal taglio di capelli piatto e dal sigaro sempre presente, conduce una campagna diffamatoria contro Spider-Man, riferendosi spesso a lui come una "minaccia" e un criminale per vari motivi, ma occasionalmente e con riluttanza alleandosi con lui. Nei primi fumetti impiega il fotoreporter Peter Parker per scattare foto di Spider-Man nella speranza di coglierlo nel mezzo di un'azione illecita, ignaro che Peter sia il supereroe stesso. Nel corso dei fumetti, Jameson ha svolto vari altri lavori, in particolare quello di sindaco di New York per diversi anni prima di dimettersi.

Le rappresentazioni di Jameson sono cambiate nel corso degli anni. A volte viene mostrato come uno spilorcio stupidamente scontroso, testardo e pomposo che gestisce i suoi dipendenti e si risente con Spider-Man per invidia. Altri scrittori lo hanno ritratto più umanamente, come un capo e un uomo di famiglia umoristicamente odioso ma premuroso che tuttavia ha mostrato grande coraggio e integrità di fronte ai vari cattivi con cui il Bugle entra in contatto e la cui campagna contro Spider-Man arriva più da precise motivazioni politiche. In entrambi i casi, è rimasto una parte importante del mito di Spider-Man, apparendo anche come personaggio secondario principale di Silk.

Il figlio di Jameson, John Jameson, è un personaggio di supporto dell'Universo Marvel che, oltre al suo lavoro come famoso astronauta, è diventato Man-Wolf e Star-God e ha anche sposato She-Hulk, rendendo Jonah a quel punto suo suocero.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Poco si conosce del passato di J.J. Jameson. Parte della sua vita viene spiegato nella storia Dietro i baffi in Spider-man's Tangled Web n. 20 (gennaio 2003).[3] J.J. Jameson nacque da J. Jonah Jameson Sr. (veterano di guerra) e Betsy Jameson. Già da bambino il padre lo trattava molto male, arrivando a toglierli un dente usando dello spago (legato al dente) e tirandolo con la porta. Quella fu la prima volta che si oppose al padre, che gli propose un sigaro: la madre gli urlò contro e Jonah si mise a piangere; venne picchiato dal padre perché, secondo lui, non avrebbe dovuto farlo. Crebbe così odiando il padre e detestando chiunque facesse riferimento a lui. Al liceo conobbe la sua prima fidanzata, che sarebbe poi diventata sua moglie; lui la sposò quando lei chiamò suo padre con un insulto. Sua moglie poi morì quando Jameson era in Corea come reporter, causandogli un grande dispiacere. Jameson odia per questo tutti i supereroi (tranne Capitan America), perché gli ricordano molto suo padre. Jameson ha avuto un figlio, John, dalla prima moglie e si è quindi risposato.

Divenne poi l'editore del quotidiano Daily Bugle. È ancora oggi uno strenuo oppositore dei supereroi, soprattutto dell'Uomo Ragno, nonostante le sue evidenti azioni eroiche: è solito accusarlo di varie azioni nefaste senza prove o illustrare le sue battaglie in modo tale da far ricadere la colpa su di lui, sebbene non sia mai arrivato al punto da mentire volutamente sul suo giornale per rovinare la sua reputazione. Non tollera soprattutto che i "mostri in costume", come li chiama, si prendano l'ammirazione della gente al posto di quelli che considera veri eroi, come suo figlio John, astronauta. L'unico supereroe mascherato che rispetta è Capitan America. Jameson finanziò la creazione dello Scorpione (guadagnandosi il rancore di quest'ultimo, che lo incolpa per la sua condizione), oltre a quella dei vari Ammazzaragni.

Civil War[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Civil War (fumetto).

Durante Civil War, il Daily Bugle è un grande sostenitore dell'Atto di registrazione. Dopo aver appreso che Peter Parker è l'Uomo Ragno, gli fa causa.

Un nuovo giorno[modifica | modifica wikitesto]

Quando la realtà viene modificata dal patto tra Peter Parker, MJ e Mefisto, J.J. tornò a non conoscere l'alter ego dell'Uomo Ragno, proprio com'era in epoca pre-Civil War. Jameson è stato a lungo sotto stress perché il Daily Bugle era sull'orlo del fallimento; dopodiché è bastato un litigio con Peter a causargli un infarto. Jonah è stato ricoverato in ospedale, mentre sua moglie Marla decide di vendere la proprietà del giornale al rivale Dexter Bennet. In seguito, con una mossa a sorpresa, riesce a diventare sindaco di New York e quindi promuove campagne e squadre anti-Ragno. In seguito rincontrerà suo padre che, da piccolo, lo aveva abbandonato. Jameson lo ripudiò, per poi riappacificarsi con lui durante il suo matrimonio con May Reilly Parker, la zia di Spider-Man. Tempo dopo sua moglie verrà uccisa dall'Ammazzaragni.

Spider-Island[modifica | modifica wikitesto]

Quando il virus dello Sciacallo ha fatto sì che molti newyorkesi ottenessero ragno-poteri e provocassero il caos nella città Jameson è stato infettato. È arrivato a chiedere l'aiuto dell'Ammazzaragni, ma poi l'ha attaccato un attimo prima di trasformarsi in un ragno gigante.

Superior Spider-Man[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver rubato il corpo di Peter Parker, Otto Octavius salva la Horizon Labs dai Sinistri Sei. Jameson finalmente prese a trattare Spider-Man come un eroe, sconvolgendo il fantasma di Peter.

Si è poi offerto di aiutare Superior Spider-Man nella sua guerra contro il crimine, e gli ha chiesto di sorvegliare l'esecuzione di Alistair Smythe, la persona che ha ucciso sua moglie. Smythe, ha cercato di scappare, ma Otto lo ha ucciso per volere di Jameson, poi lo ha costretto a cedergli il Raft portandolo a odiarlo ancora una volta.

Goblin Nation[modifica | modifica wikitesto]

Jameson ha creato un nuovo esercito di Ammazzaragni  per annientare Spider-Man. Questo fece infuriare Glory Grant perché il sindaco era ancora intento nelle sue vendette invece di tentare di salvare New York dalla nazione Goblin. Osborn ha poi assunto il controllo dei robot usandoli contro Spider-Man, Spider-Man 2099 e i Vendicatori. Questa debacle ha causato uno scandalo che ha portato Jameson a dimettersi, anche se Peter Parker, ora tornato nel suo corpo, gli ha consegnato la registrazione con cui Otto lo ricattava.

Ritorno al giornalismo[modifica | modifica wikitesto]

Jameson ha pensato di tornare al Bugle, ma quando ha visto un articolo che parla della sua caduta si è sentito tradito e ha rinunciato. In seguito ha cominciato a lavorare al Fact Channel. La sua prima apparizione è stata spostata, con suo grande dispiacere, per dare spazio a un'intervista che ha lo scopo di promuovere l'idea delle Parker Industries di una nuova super-prigione. L'intervista viene interrotta dalla Gatta Nera e da Electro. Mentre Spider-Man e Silk li affrontano, Jameson costringe il cameraman a filmare l'azione; Felicia riesce a togliere la maschera a Peter ma Jonah copre inavvertitamente l'inquadratura. Successivamente legherà con Cindy Moon, alter ego di Silk.

Il complotto del clone[modifica | modifica wikitesto]

Qualche tempo dopo suo padre Jay morirà a causa di una malattia genetica, e Jonah incolperà Peter per non aver voluto usare i trattamenti dell'azienda New U Technolgies. In realtà Peter ha fatto più che bene, visto che a capo dell'azienda c'è il nuovo Sciacallo, Ben Reilly che per far sì che Jonah gli faccia buona pubblicità gli fa clonare la moglie Marla. L'uomo pertanto si mette a parlar bene della New U a oltranza, sperando che lo Sciacallo gli riporti in vita il padre. A un certo punto Reilly decise di causare un'epidemia di virus Carrion a livello globale, con l'intenzione di estinguere il genere umano e riportare in vita ogni singolo individuo come clone. L'Uomo Ragno riuscirà a fermarlo, ma la storia verrà a galla e a causa di tutta la buona pubblicità fatta alla New U, Jonah perde il lavoro a Fact Channel. Privo di qualunque prospettiva, comincerà a curare un blog diffamatorio sull'Uomo Ragno, ottenendo solo di coprirsi di ridicolo.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Marvel contro DC[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Marvel contro DC.

Durante la saga Marvel contro DC, Jameson viene trasferito a Metropolis e quindi mandato a dirigere il più grande quotidiano locale e il più importante dell'universo DC: il Daily Planet. Ha così a che fare con Clark Kent e Lois Lane. Dall'universo Marvel arriva come nuovo fotografo Peter Parker. Nel corso della storia, il Daily Planet verrà comprato da Kingpin e Jameson avrà una breve alleanza con il direttore del Daily Planet, Perry White.

Ultimate[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ultimate Spider-Man.

La versione Ultimate di Jameson è molto simile a quella originale, sia nell'aspetto che nel carattere. Qui nutre una avversione verso gli eroi mascherati dovuta al fatto che suo figlio, John Jameson, è morto in una spedizione nello spazio e secondo lui, solo suo figlio dovrebbe essere considerato un eroe. Durante Ultimatum, il Daily Bugle viene distrutto dall'onda di Ultimate Magneto; mentre fugge, Jonah vede Spider-Man soccorrere le persone e si convince che è un vero eroe e lo elogia nel suo ultimo articolo.

Marvel Zombi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Marvel Zombi.

Nell'universo in cui tutti gli eroi sono stati contagiati da un virus che li rende affamati di carne umana, Jonah viene divorato dall'Uomo Ragno, diventato ormai un essere incapace di controllare la sua fame insaziabile.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Animazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Jameson è apparso nelle serie animate L'Uomo Ragno, doppiato in italiano da Erasmo Lo Presto (1° doppiaggio), da Carlo Bonomi (2° doppiaggio) e in alcune puntate mandate in onda nel 2004 da Pierluigi Astore.
  • Nelle serie animata degli anni 80 L'Uomo Ragno, Jameson (doppiato in originale da William Woodson) è un personaggio ricorrente e ha un nipote che si chiama Mortimer, anche lui impiegato al Bugle. In italiano il personaggio è stato doppiato da Carlo Bonomi (primo doppiaggio) e Marco Bonetti (secondo doppiaggio)[4]. Nella successiva serie L'Uomo Ragno e i suoi fantastici amici, Jameson appare unicamente negli episodi "Il mostro elettronico", "La tempesta dell'Uomo Sabbia", e "Una bella amicizia", doppiato in originale sempre da William Woodson.
  • Nella serie Spider-Man - L'Uomo Ragno del 1995 Jameson è doppiato in originale da Edward Eisner e in italiano da Marco Bonetti e poi da Gino Pagani. In questa versione il suo disprezzo per l'Uomo Ragno deriva dal fatto che l'eroe porti una maschera, essendo stata la sua prima moglie uccisa da un sicario mascherato[5]. La serie mostra anche la sua integrità giornalistica, mostrandolo rifiutarsi di coprire la verità anche se ciò gioverebbe ai suoi interessi e a quelli dei suoi impiegati[6].
  • In Spider-Man Unlimited Jameson (doppiato in originale da Richard Newman e in italiano da Antonio Paiola[7]) appare solo nel primo episodio, dove accusa l'Uomo Ragno della sparizione del figlio.
  • Nella serie animata Spider-Man: The New Animated Series Jameson è doppiato da Keith Carradine. Questa versione è ritratta molto più avara del solito, e il suo odio per l'Uomo Ragno è particolarmente evidente nel finale della serie.
  • In The Spectacular Spider-Man Jameson viene rappresentato con una mosca oltre che con i caratteristici baffi.
  • In Avengers - I più potenti eroi della Terra (2012) Jameson appare solamente nell'episodio della seconda stagione "E poi venne un ragno" dov'è convinto che sia stato effettivamente Capitan America a tradire la Terra e non uno Skrull con il suo aspetto.
  • Nelle serie animate del blocco Marvel Universe di Disney XD (comprendente Ultimate Spider-Man, Avengers Assemble e Hulk e gli agenti S.M.A.S.H.), Jameson è il capo della Daily Bugle Communication. Non ricopre un ruolo fondamentale, salvo quello di ricordare tramite i suoi editoriali e apparizioni televisive che "Spider-Man è una minaccia". Sia J.K. Simmons nella versione originale che Mario Zucca in quella italiana, prestano la voce a lui e alle varie versioni alternative di Jameson apparsi nella saga "Lo Spider-universo" di Ultimate Spider-Man e "Giorni di spaccaggi futuri" di Hulk e gli agenti S.M.A.S.H.
  • Appare anche a partire dalla seconda stagione di Spider-Man.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella trilogia cinematografica di Spider-Man diretta da Sam Raimi (composta da Spider-Man, Spider-Man 2 e Spider-Man 3) è stato interpretato da J. K. Simmons. Qui si presenta come il cinico e burbero direttore del Daily Bugle, che tramite il suo quotidiano lancia una campagna diffamatoria contro Spider-Man. Nonostante i suoi tratti negativi, si è rifiutato di rivelare al Goblin chi era colui che scattava foto a Spider-Man per non mettere in pericolo Peter, benché il più delle volte discutano per la sua campagna scandalistica sull'eroe, e mantiene anche una certa onestà editoriale. È lui a inventare gli alias del Goblin e del Dottor Octopus (sebbene con il secondo abbia ricevuto un aiuto da un suo dipendente). Sua moglie è viva in questa trilogia (proprio come nella serie animata The Spectacular Spider-Man), a differenza dei fumetti in cui era morta da tempo.
  • Nel film The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro (2014), diretto da Marc Webb, non compare, ma Peter Parker lo nomina mentre parla con zia May in una breve scena, e durante l'inizio di un'altra sequenza sul computer di Peter, in cui compare un'e-mail di J. J. J.

Marvel Cinematic Universe[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Marvel Cinematic Universe.

Nel Marvel Cinematic Universe J. Jonah Jameson è interpretato nuovamente da J. K. Simmons. Qui, a differenza della trilogia di Sam Raimi, non indossa il parrucchino per imitare la pettinatura a spazzola di Jameson nei fumetti e appare perciò calvo, in modo da differenziarlo dalla sua precedente interpretazione.[8] In questa versione non è il direttore, ma il presentatore di TheDaily Bugle.net, un controverso sito d'informazione ispirato a InfoWars[9], con lo stesso Jameson ispirato ad Alex Jones, gestore del suddetto sito e noto sostenitore di molte teorie del complotto.[10]

  • In Spider-Man: Far from Home (2019) Jameson appare brevemente nella scena durante i titoli di coda, dove trasmette filmati ricevuti da una fonte anonima per accusare Spider-Man di aver ucciso Mysterio, e rivelare in diretta l'identità dell'Arrampicamuri attraverso le ultime parole di Quentin Beck.
  • Jameson ha un ruolo più ricorrente nel film Spider-Man: No Way Home (2021), dove, dopo aver esposto l'identità di Peter Parker, cerca di scoprire delle verità scottanti sul suo conto, il che lo porta ad assistere allo scontro tra Spider-Man e i supercriminali del Multiverso, ritenendolo responsabile della distruzione lasciata nonostante sapesse che fra le vittime vi era anche la zia del ragazzo. Viene in seguito contattato da Peter come modo per attirare i cattivi e alla fine, come il resto del mondo, Jameson dimentica l'identità civile di Spider-Man a causa dell'incantesimo del Dottor Strange, pur continuando a denigrare il supereroe.
  • Per la promozione dell'uscita del film Spider Man: Far from Home è stato creato un sito della webserie televisiva, intitolata The Daily Bugle, per cui Simmons ha ripreso il ruolo di Jameson in alcuni articoli video.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Presente in Spider-Man: Far from Home, The Daily Bugle, Spider-Man: No Way Home
  2. ^ Presente in Venom - La furia di Carnage
  3. ^ Prima ed. it. L'Uomo Ragno n. 368, Panini Comics, 26 giugno 2003.
  4. ^ "Spiderman, l'Uomo Ragno" (1981), su Il Mondo dei doppiatori.
  5. ^ Spider-Man - L'Uomo Ragno: episodio 1x6, Il pungiglione dello scorpione [The Sting of the Scorpion], 11 marzo 1995.
  6. ^ Spider-Man - L'Uomo Ragno: episodio 1x9, Il costume alieno - Seconda parte [The Alien Costume, Part Two], 6 maggio 1995.
  7. ^ Spider-Man Unilimited, su antoniogenna.net.
  8. ^ (EN) Gregory Lawrence, J.K. Simmons' 'Spider-Man: Far from Home' Cameo Led to Some Creative Disputes, su Collider, 21 settembre 2020. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  9. ^ (EN) Ryan Britt, The Spider-Man: Far From Home Mid- and Post-Credits Scenes, Explained, su Vulture, 8 luglio 2019.
  10. ^ (EN) Watch J.K. Simmons’ J. Jonah Jameson Tear Into Spider-Man In Far From Home, su cinemablend.com, Cinemablend, 25 settembre 2019. URL consultato l'8 novembre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics