Camaleonte (Marvel Comics)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Camaleonte
UniversoUniverso Marvel
Nome orig.Chameleon
Lingua orig.Inglese
Alter egoDmitri Smerdyakov
Autori
EditoreMarvel Comics
1ª app.marzo 1963
1ª app. inThe Amazing Spider-Man Vol. 1[1], n. 1
Editore it.Editoriale Corno
app. it.30 aprile 1970
app. it. inL'Uomo Ragno n.1 – I serie
SpecieUmana
SessoMaschio
EtniaRusso
PoteriPuò assumere le fattezze di chiunque (grazie al suo congegno)

Camaleonte (Chameleon), il cui vero nome è Dmitri Smerdyakov, è un personaggio dei fumetti creato su soggetti di Stan Lee e dal disegnatore, Steve Ditko, pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione è in The Amazing Spider-Man, Vol. 1[1], n. 1 del marzo 1963. È un supercriminale, tra i principali avversari dell'Uomo Ragno. Si tratta inoltre del primo nemico che Spiderman combatte.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Dmitri possiede la capacità di assumere le sembianze di chiunque, attraverso svariati mezzi, a partire da semplici maschere di lattice arrivando a modifiche genetiche della sua fisiologia. Grazie ad un dispositivo è in grado di imitare la voce di chiunque. Ex spia del KGB, Dmitri si trasferì negli Stati Uniti utilizzando sue abilità nei travestimenti per compiere furti e rapine, ma venne più volte sconfitto dall'Uomo Ragno. Un giorno scoprì la vera identità dell'eroe costruendo dei robot con le sembianze dei genitori di Peter solo per farlo soffrire, in quanto lo riteneva responsabile della morte del fratellastro Kraven. In seguito rapì Mary Jane Watson attirando Peter sul ponte di Brooklyn dove gli disse che non voleva fargli del male e che lo amava[2]; Peter gli rise in faccia e lui, dopo aver fatto la stessa cosa, si gettò dal ponte inscenando il suicidio. Riappare ancora in diverse occasioni cercando di dare ancora del filo da torcere all'Uomo Ragno, ma venne sempre sconfitto.

La sfida[modifica | modifica wikitesto]

Il Camaleonte, senza conoscere la sua identità, rapisce Peter, impersonandolo per un intero giorno. Il Camaleonte è infatti al soldo di un ente terroristico e il suo lavoro consiste nel piazzare una bomba nell'ufficio del sindaco della Grande Mela, dove Peter lavora. Verrà di nuovo fermato da Spidey ma non definitivamente. Il Camaleonte verrà poi avvicinato dalla moglie di Kraven, desiderosa di vendetta nei confronti dell'Uomo Ragno, che lo ritiene responsabile della morte del marito.

Fino alla fine del mondo[modifica | modifica wikitesto]

Dmitri si unisce ai Sinistri Sei guidati dal Dottor Octpus aiutandolo sia nel furto di tecnologia dal Baxter Building che del Cannone Zero all'Intelligencia.

In seguito impersona Al Gore, all'assemblea delle Nazioni Unite, ma viene scoperto da Spider-Man, che fa irruzione sulla scena con i Vendicatori.

Superior Spider-Man[modifica | modifica wikitesto]

Il Camaleonte poi combatte Superior Spider-Man[3] e i Vendicatori Segreti sull'Helicarrier dello SHIELD. Venne poi intrappolato da Otto e posto sotto il suo controllo mentale.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie animata Spider-Man: The Animated Series lavora per Kingpin, e trasforma apparenza e abiti con una speciale cintura, in grado di catturare le sembianze di chiunque. In questa versione si rivela essere il figlio adottivo di Teschio Rosso, storico nemico di Capitan America.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: I Sinistri Sei (film).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  2. ^ In realtà era solo un disperato tentativo del supercriminale di chiedere aiuto.
  3. ^ Il Dottor Octopus nel corpo di Spider-Man.
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics