Kingpin (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kingpin
Kingpin, il re del crimine, disegni di Humberto Ramos
Kingpin, il re del crimine, disegni di Humberto Ramos
Universo Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Alter ego Wilson Grant Fisk[1]
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. luglio 1967
1ª app. in Amazing Spider-Man (Vol. 1[2]) n. 50
Editore it. Editoriale Corno
app. it. dicembre 1971
app. it. in L'Uomo Ragno n. 44
Interpretato da
Voce italiana Alessandro Rossi [4]
Specie umano
Sesso Maschio
Etnia statunitense
Luogo di nascita New York
Abilità
  • intelligenza geniale
  • ottimo leader
  • abilissimo stratega
  • esperto manipolatore
  • enorme forza fisica
  • riflessi e agilità straordinari
  • grande resistenza
  • esperto nel corpo a corpo
  • uso di tutte le armi
Affiliazione
Parenti

Kingpin, il cui vero nome è Wilson Grant Fisk[1], è un personaggio dei fumetti creato da Stan Lee (testi) e John Romita Sr. (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione avviene in Amazing Spider-Man (Vol. 1[2]) n. 50 (luglio 1967).

Tra i più feroci e pericolosi supercriminali dell'Universo Marvel, Kingpin è un leader malavitoso intelligente, subdolo, manipolatore e dotato di una forza immensa, caratterizzato da una personalità quasi duplice che lo rende tanto spietato con gli avversari quanto incredibilmente affettuosissimo con i congiunti, in particolare la moglie Vanessa[6]. Storico avversario dell'Uomo Ragno e di Punisher[7], Kingpin è soprattutto noto in qualità di principale antagonista e nemesi di Devil[8]. L'imponente figura del personaggio è stata modellata su quella di Sydney Greenstreet ne Il mistero del falco[9].

Fisk è stato il primo individuo a fregiarsi del nome di "Kingpin" (in italiano: "perno"), in seguito divenuto un titolo assegnato a chiunque rivesta una posizione di dominio nel mondo del crimine, anche su scena internazionale, sebbene il riferimento sia particolarmente all'area metropolitana di New York.

Nella classifica stilata nel 2009 da IGN, si è posizionato al 10º posto come più grande cattivo nella storia dei fumetti[10].

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel Lower East Side di New York, Wilson Fisk è cresciuto in condizioni di estrema povertà e venendo costantemente preso di mira dai suoi coetanei in quanto obeso. Spinto dalla rabbia e dalla determinazione a essere il migliore in qualunque cosa faccia, Fisk inizia fin da bambino ad allenarsi ossessivamente nella lotta libera, nel sumo, nel bodybuilding e in varie altre forme di combattimento trasformando il suo grasso in muscoli, sebbene all'apparenza sembri comunque obeso. Divenuto una vera e propria macchina da combattimento capace di affrontare perfino individui dotati di superpoteri, Fisk obbliga i bulli che prima lo tormentavano a formare una gang sotto il suo comando con cui eseguire incarichi su commissione di piccoli boss locali; a dodici anni, nel corso di uno dei suddetti lavori, commette il suo primo omicidio dando fuoco a un edificio mentre un uomo è ancora al suo interno[11]. Contemporaneamente inizia la sua educazione da autodidatta rubando testi da varie librerie e concentrandosi in particolare sulle scienze politiche, che a suo parere sono il modo migliore di dominare la malavita[12][11].

Da adulto, Fisk inizia la sua carriera di brutale picchiatore agli ordini del re del crimine dell'epoca, Don Dante Rigoletto, che in seguito uccide[13][14] impossessandosi del suo impero criminale e allargandolo a macchia d'olio fino a controllare le attività criminali dell'intera Costa Orientale divenendo noto come "Kingpin"[12].

Grazie alla sua astuzia, alla corruzione e alle sue immense risorse, nel corso degli anni il re del crimine diviene praticamente intoccabile e ogni qualvolta qualcuno tenti di incriminarli le accuse vengono puntualmente fatte cadere per assenza di prove[15]. Dopo circa dieci anni dalla sua ascesa a re del crimine, alcuni trafficanti di esseri umani tentano di vendergli una senzatetto quindicenne svizzera di nome Vanessa, che lo colpisce tanto profondamente per la grazia e il coraggio dimostrato nonostante la situazione, da far si che incarni in lei l'oggetto di "ogni suo sogno solitario" e, per tanto, le conceda la libertà[16]. Circa tre anni dopo i due si sposano e hanno un figlio: Richard[17].

Kingpin[modifica | modifica wikitesto]

Vent'anni dopo[18], saputo del ritiro dell'Uomo Ragno, Kingpin tenta di formare una coalizione criminale tanto ampia da superare l'unica organizzazione sufficientemente potente da fargli da rivale: il Maggia[12]; tuttavia il suo piano viene sventato dall'Uomo Ragno, tornato in attività[19]. Successivamente Kingpin tenta, senza successo, di fare il lavaggio del cervello al capitano George Stacy[20] e si trova coinvolto in una guerra con la banda del misterioso boss rivale noto solo come Schemer[21], che si rivela essere suo figlio Richard (ufficialmente morto in Europa pochi anni prima[22]) intenzionato a distruggere l'impero paterno dopo aver scoperto le sue reali attività[23]. Tale rivelazione precipita Kingpin in uno stato catatonico, motivo per cui Vanessa convince il figlio, pentitosi, ad aiutarerlo sfruttando i suoi contatti con l'HYDRA e la loro tecnologia[24]. Una volta ripresosi, Kingpin tenta di assumere il controllo dell'organizzazione terrorista[25] dando luogo a uno scontro con Teschio Rosso nel corso del quale Richard viene ferito quasi mortalmente[26], sebbene poi lui e Vanessa riescano a salvarlo assorbendo un po' di energia vitale dall'Uomo Ragno[27].

Dopo tali esperienze, Kingpin riceve da Vanessa un ultimatum: se in 24 ore egli non avesse abbandonato il crimine lei sarebbe uscita per sempre dalla sua vita. Nel tentativo disperato di chiudere ogni suo conto in sospeso, Kingpin sconfigge l'Uomo Ragno ma, poco prima che possa ucciderlo, scocca la mezzanotte ed egli lo risparmia tornando dalla moglie per partire con lei verso il Giappone[28].

Anni dopo, convinto il marito a consegnare alla giustizia americana i documenti necessari per incriminare tutti i suoi ex-sottotenenti, Vanessa si reca a New York per affidare allo studio Nelson & Murdock la delicata trattativa venendo tuttavia rapita[29] e apparentemente uccisa[30] da un'ex-affiliato di Fisk. Furioso, Kingpin si vendica dei responsabili e, in seguito, riassume rapidamente il controllo del suo impero del crimine[31] iniziando una storica faida con Devil, costante ostacolo alle sue attività, che tenta di far assassinare mandandogli contro la Mano e Elektra[32]. Contemporaneamente appoggia la campagna come sindaco di New York del corrotto consigliere Randolph Cherryh[33] finché Devil ritrova Vanessa e lo ricatta offrendogli di riconsegnargliela solo a patto che rimuova il suo gregario dalla corsa alle elezioni[34], Kingpin accetta ma, riavuta la moglie, ordina a Elektra di assassinare Foggy Nelson ma, quando egli la riconosce come l'ex-fidanzata di Matt, essa non trova più la forza di compiere il suo dovere e lo lascia andare[35], cosa che la porta a venire uccisa da Bullseye[36].

Contemporaneamente anche Punisher inizia a intromettersi sempre più di frequente nelle sue attività[37], mentre il Daily Bugle Ben Urich apre un'inchiesta per smascherarlo, cosa che lo porta a divenire il bersaglio di varie ritorsioni da parte del boss criminale[38][39]. Successivamente si offre di fornire alla Gatta Nera superpoteri tramite i suoi scienziati conferendole la capacità di provocare sfortuna ai suoi nemici (in realtà a chiunque si trovi in sua prossimità)[40], cosa che porta alla fine della relazione tra lei e l'Uomo Ragno[41], sebbene il re del crimine avesse in realtà sperato di riuscire in tal modo a ucciderlo indirettamente; incarico per cui crea poi supercriminali quali Answer[42] e la Macchia[43] arrivando infine ad affrontarlo direttamente, sempre senza successo[41].

Devil: Rinascita[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Devil: Rinascita.

Scoperta l'identità segreta di Devil dopo che Karen Page, ex-ragazza dell'eroe divenuta pornostar eroinomane, la rivela a uno spacciatore in cambio di una dose[44], Kingpin decide di spezzare l'odiato nemico colpendo direttamente Matt Murdock bloccandogli il conto in banca, facendolo radiare dall'albo degli avvocati, dando fuoco al suo appartamento[45], ordinando di uccidere chiunque lo conoscesse e riducendolo a vivere come un senzatetto per le fredde strade di Hell's Kitchen[46]. Sul punto d'impazzire, grazie alla ritrovata madre Maggie (fattasi suora) e al rinnovato amore per la pentita Karen, Murdock riesce a reagire e a risollevarsi[47]. Da allora Fisk inizia una sorta di duello psicologico con Devil prendendo la decisione di spezzarne lo spirito prima di ucciderlo definitivamente.

La guerra aperta tra Devil e Kingpin porta quest'ultimo a mandargli contro vari sicari, tra cui Typhoid Mary, che però fallisce a causa delle sue psicosi[48]. Dopo aver vinto faida con Teschio Rosso e Crossbones[49], Kingpin viene preso di mira dall'HYDRA che riesce a infiltrarsi nella sua organizzazione sottraendogli progressivamente territori e risorse ragion per cui Devil, avvertito da Nick Fury, approfitta dell'occasione e porta il nemico a perdere il controllo sia del suo impero che delle sue azioni facendolo infine arrestare dall'FBI[50]. Riuscito a evadere, Fisk entra in latitanza[51] e si rifugia in Giappone, dove entra alle dipendenze del colosso Stark-Fujikawa riuscendo in breve a risalire la scala gerarchica recuperando il suo potere[52] cementificando il suo potere quanto basta da far ritorno a New York e iniziare a ricostituire il suo regno[53].

The Murdock Paper[modifica | modifica wikitesto]

Poco dopo aver fatto ritorno negli Stati Uniti, Kingpin convince Maya Lopez, ragazza non udente dotata di un'incredibile memoria eidetica e mimica, che Devil abbia ucciso suo padre Willie "Cavallo Pazzo" Lincoln, sebbene in realtò sia stato lui ad assassinarlo e, in seguito, abbia cresciuto la ragazza solo per rispetto verso le ultime volontà della sua vittima[11]. Nel momento in cui essa scopre la verità, tuttavia, raggiunge Kingpin in casa sua e gli spara in faccia acciecandolo[54], motivo per il quale i suoi rivali, guidati da suo figlio Richard e dal suo ex-scagnozzo Sammy Silke, gli si rivoltano contro massacrandolo e costringendolo a lasciare nuovamente il paese[55]. Per vendicarlo sua moglie Vanessa torna a New York[56] dopo anni di permanenza in Europa per motivi di salute[16] e, nel giro di una notte, fa assassinare tutti i responsabili del complotto, incluso Richard[57], per poi distribuire il controllo delle attività criminali del marito ai suoi vari luogotenenti e lasciare nuovamente la città[58] mentre Kingpin, all'estero, riceve un trapianto di cornea e recupera la vista[59].

Desideroso di vendetta, Kingpin fa ritorno e tenta di riassumere il controllo del crimine di New York[60] ma viene sconfitto da Devil che, per tenere la criminalità sotto controllo, decide di prendere il posto di Fisk proclamandosi nuovo "Kingpin"[61]. Poco dopo il suo arresto, ad ogni modo, Fisk, tramite ingegnosi raggiri, costringe Ben Urich a consegnare all'FBI importanti documenti che testimonino la doppia identità di Devil, pena l'arresto per occultamento di prove e favoreggiamento. Così facendo il criminale si vendica sia di Devil, conseguentemente arrestato e imprigionato dai federali, che di Urich, reso suo involontario complice tuttavia, nonostante l'accordo prevedesse la sua scarcerazione in cambio di tali informazioni, il governo non mantiene la parola data lasciandolo rinchiuso assieme a Murdock a Riker's Island[62].

Durante una rivolta carceraria, Fisk e Murdock sono costretti a collaborare per respingere l'assalto di alcuni prigionieri determinati a ucciderli entrambi ma, dopo che Kingpin libera Bullseye in un tentativo di evasione, Matt li ostacola fuggendo al posto loro[63].

Civil War[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Civil War (fumetto).

Durante la guerra civile dei superumani Fisk, dando disposizioni dal carcere in cui è detenuto, aiuta indirettamente la fazione di Capitan America: Stark gli offre una riduzione di pena in cambio di informazioni riguardo l'ubicazione della base segreta degli oppositori alla registrazione e Fisk finge di accettare indirizzandolo invece al rifugio del boss rivale Testa di martello, che approfittando dell'assenza di Kingpin sta tentando di impossessarsi dei suoi territori[64].

Terminato il conflitto Kingpin, venuto a conoscenza della vera identità dell'Uomo Ragno, rivelata in mondovisione[65], assolda un killer per uccidere Peter Parker ma questi, per errore colpisce invece Zia May[66]. In preda all'ira, Peter torna a vestire il costume nero e indaga sull'identità del mandante del sicario fino a risalire a Kingpin, affrontandolo in prigione massacrandolo e umiliandolo di fronte a tutti gli altri detenuti per poi informarlo che, qualora sua zia morisse, tornerà per ucciderlo, lasciandolo con la consapevolezza che potrebbe farlo in qualunque momento[67]. Dopo che Mefisto riscrive la storia cancellando il matrimonio di Peter e Mary Jane e ripristinando la salute di Zia May, Kingpin, come chiunque altro, perde ogni ricordo inerente la vera identità dell'Uomo Ragno[68].

Nel frattempo Matt ritorna in patria e, con l'aiuto di Vanessa, malata terminale di cancro, riesce a riabilitare il suo nome, depistare i media e risolvere tutti i suoi problemi legali in cambio della promessa di fare da avvocato a suo marito e scarcerarlo[69]. Murdock tiene fede alla sua promessa facendo rilasciare Fisk che, dopo aver aiutato i Runaways in segno di rispetto verso i loro genitori[70] e aver fatto visita alla tomba della defunta moglie[71], lascia gli Stati Uniti rifugiandosi in Europa in totale solitudine.

Il Ritorno del Re[modifica | modifica wikitesto]

Wilson Fisk passa successivamente un anno sulle spiagge di un piccolo villaggio di pescatori in Spagna assieme alla sua nuova compagna Marta, madre single di due figli, vivendo un'esistenza semplice e felice finchè la setta ninja della Mano, guidata da Lady Bullseye, uccide la donna e i bambini, per spingerlo nuovamente a combattere Devil[72]. In tutta risposta Fisk fa invece ritorno a New York complottando con l'ex-nemico giurato per sgominare la Mano[73], quando però Devil assume la leadership della setta anziché scioglierla[74], desideroso di vendetta Kingpin si allea con Lady Bullseye, Typhoid Mary, Montana e Hobgoblin per tornare a tormentare Murdock e chiunque le persone a lui care, facendo radiare Foggy dall'albo degli avvocati e togliendo la licenza da investigatrice privata a Dakota North[75], nonché convincendo Luke Cage, Pugno d'acciaio e Ghost Rider a attaccarlo[76] riuscendo infine a usurparne il ruolo di capo della setta ninja[77] e recuperando appieno il titolo di re del crimine di New York[78].

Tornato a scontrarsi regolarmente con l'Uomo Ragno e la Gatta Nera[79][80], dopo che il tessiragnatele (nel cui corpo si cela in realtà la mente del Dottor Octopus) si proclama "Superior Spider-Man" iniziando a sfoggiare metodi crudeli e brutali nella lotta al crimine, Kingpin si rende conto che c'è qualcosa di strano nell'arrampicamuri e, quando questi prende d'assalto la sua fortezza, Shadowland, simula la propria morte fuggendo con un piccolo sottomarino e lasciando tra le macerie il corpo di un suo clone[81]

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene non possegga poteri speciali, Kingpin è dotato di una forza fisica immensa e quasi sovrumana, nonché di una resistenza incredibile e, a dispetto della stazza, di riflessi e agilità straordinari. Sebbene il suo aspetto corpulento e apparentemente obeso mimetizzi la sua prestanza fisica, la maggior parte della sua massa corporea sono in realtà muscoli sviluppati fino a dimensioni straordinarie, esattamente come un lottatore peso massimo di sumo, un sollevatore di pesi olimpionico o un powerlifter, ma con un livello di forza ancora maggiore: Kingpin è in grado di scaraventare un uomo da un lato all'altro di una stanza[82], strappare un'arto di un essere usando una sola mano, spappolare un cranio o rompere un collo a mani nude[13] e lasciare l'impronta del proprio pugno sul cemento. Kingpin è maestro in varie arti marziali (tra cui il sumo, il jūjutsu e l'hapkido) ed è perfettamente in grado di affrontare individui dotati di superpoteri, essendo riuscito senza problemi a sconfiggere l'Uomo Ragno[28] e ad affrontare alla pari in un combattimento corpo a corpo perfino Capitan America[25]. Oltre alla sua incredibile forza, Kingpin è intellettualmente straordinario, un maestro di tattica e manipolazione, istruitosi da autodidatta in scienze politiche[12] fino a divenire un leader malavitoso formidabile costantemente capace di raggirare l'opinione pubblica e far cadere ogni accusa a suo carico[15].

I suoi caratteristici vestiti bianchi sono rivestiti di kevlar e, solitamente, sotto di essi porta un giubbotto antiproiettile, mentre il suo bastone da passeggio nasconde un'arma a laser sufficientemente potente da vaporizzare una pistola a breve distanza e la sua spilla da cravatta contiene una microcarica di gas soporifero. Negli anni, tuttavia, passando da nemico dell'Uomo Ragno a nemico di Devil, Kingpin ha fatto un uso sempre meno frequente di armi fantascientifiche divenendo più simile a un vero mafioso.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

1602[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: 1602 (fumetto).

In 1602, Wilson Fisk è un capitano pirata soprannominato "King's Pin" che a bordo della sua nava, la HMS Vanessa, assale il vascello dove viaggiano Peter Parquarh e Sir. Norman Osborne[83].

Crossover Marvel/DC Comics[modifica | modifica wikitesto]

Kingpin compare in numerosi crossover tra Marvel e DC Comics:

  • In Batman & Spider-Man, Ra's Al Ghul infetta Vanessa con un cancro per obbligare Kingpin a collaborare con lui[84]. Il re del crimine si allea tuttavia con Batman e l'Uomo Ragno sconfiggendo l'ecoterrorista, mentre Vanessa viene curata da Talia Al Ghul, identificatasi in lei poiché entrambe innamorate di un uomo che la società considererebbe un "mostro"[84].
  • In Batman/Daredevil – Il re di New York Kingpin si trova a contendere il proprio impero criminale con lo Spaventapasseri, che in realtà sfrutta il re del crimine al solo scopo di creare una distrazione per Devil e Batman mentre lui tenta di diffondere su tutta New York la sua "tossina della paura". Nel corso della storia, Kingpin si rivela in grado di tenere testa perfino al Cavaliere Oscuro[85].
  • In Marvel vs. DC Fisk tenta di acquistare il Daily Planet licenziando Perry White e minacciando di cacciare Lois Lane nel momento in cui questa tenta di esporre le sue attività criminali. I suoi piani vengono però sventati dall'Uomo Ragno e da Superboy.
  • Nell'universo Amalgam, Kingpin viene fuso con l'Enigmista dando vita a Enigma Fisk (Big Question)[86].

Era di Apocalisse[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: L'era di Apocalisse.

Nella realtà alternativa de L'era di Apocalisse, Wilson Fisk (Dirigibile), così come il Gufo, Red e Arcade, fa parte del gruppo di traditori della razza umana noto come Marauders. Viene ucciso da Gwen Stacy[87].

Marvel Zombi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Marvel Zombi.

Nella serie Marvel Zombi, Kingpin è a capo di un'orda di zombie con cui intende dominare il mondo e, sebbene infetto, riesce perfettamente a controllare il desiderio di nutrirsi di sua moglie Vanessa, rimasta al suo fianco pur non essendo stata infettata dal morbo zombie[88]. Tale situazione tuttavia non perdura e, dopo aver perduto la riserva di cloni usati per cibarsi, Kingpin sbrana la moglie[89] e, in seguito, viene divorato dalla versione zombie dell'Uomo Ragno[90].

MAX[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: MAX (fumetto).

Wilson Fisk è stato trasposto da Jason Aaron nella serie Marvel MAX PunisherMAX. In tale versione il personaggio ha discendenze irlandesi, si è reso responsabile dell'omicidio del padre violento facendolo sbranare da un branco di ratti e ha guadagnato la sua reputazione nel mondo del crimine per aver fatto stuprarae e successivamente assassinato la moglie di un boss che aveva ordinato ai suoi uomini di picchiarlo e violentarlo; in seguito ha torturato il boss in questione per un'intera notte prima di ucciderlo[91]. Il matrimonio tra lui e Vanessa collassa nel momento in cui il figlio di otto anni Richard muore a causa di uno scontro a fuoco con una gang rivale[92]. Divenuto il bersaglio di Punisher, Kingpin assolda prima Bullseye[93] e poi Elektra[94] per ucciderlo, decidendo infine di affrontarlo personalmente e morendo per un colpo di pistola alla nuca[95]. In seguito alla sua morte Vanessa lo fa cremare e getta le sue ceneri nel water[95].

MC2[modifica | modifica wikitesto]

Nel futuro alternativo di MC2, Kingpin è riuscito a uccidere Devil (sebbene questi si sia poi reincarnato in Darkdevil)[96] ma è stato in seguito arrestato e, per tanto, ha gestito per anni il suo impero criminale dalla prigione, ottenuta l'appello grazie al suo avvocato, Foggy Nelson, Fisk è prossimo alla scarcerazione ma Kaine rivela a Nelson che il suo cliente ha assassinato Murdock, facendo si che il legale lasci le sue dipendenze condannandolo a rimanere in carcere[97] dove trova la morte nel corso di una rivolta carceraria[98].

Ultimate[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ultimate Spider-Man.

Nell'universo Ultimate, Kingpin è fondamentalmente inalterato; potente signore del crimine di New York a capo di numerosi supercriminali, la sola persona che abbia mai veramente amato, sua moglie Vanessa, è in coma da diverso tempo e, nonostante le sue immense risorse e i vari tentativi (anche antietici) di curarla, le sue condizioni non sembrano migliorare[99]. Dopo essere riuscito a smascherare Spider-Man scoprendo che è solo un ragazzino adolescente[100], Kingpin lo tortura costantemente tramite tale conoscenza, arrivando ad acquistare la GG Enterprises, compagnia che sta producendo un film sul supereroe, di modo da possedere i "diritti su Spider-Man"[101]; inoltre inizia una faida anche con Devil distruggendo il suo studio legale[102] ma, in seguito, Moon Knight lo fa arrestare cstringendolo ad abbandonare il paese[102] e, dopo gli eventi di Ultimatum, privandolo del suoi impero criminale. In seguito a uno scontro con Mysterio, Kingpin viene scaraventato da una finestra e ucciso[103].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Wilson Fisk/Kingpin, interpretato da Michael Clarke Duncan[104] è il principale antagonista del film del 2003 Daredevil. In tale version, contrariamente alla controparte cartacea, il personaggio è di colore[105], fatto in merito del quale l'interprete si è espresso dicendo che: «[i fan] guardano i film per dire, 'Hey, non come il fumetto'. Ma vorrei che ci passassero sopra e vedessero il film per quello che è e me per quello che sono-un attore»[106]. Per prepararsi al ruolo Duncan ha svolto allenamenti intensivi di sollevamento pesi e powerlifting, aumentato di 40 lb (18 Kg) e arrivando pesarne 330 (150 Kg).

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

  • Kingpin è il boss finale della versione NES DI The Punisher.
  • In Spider-Man: The Video Game, Kingpin è il boss finale del terzo stage.
  • Il personaggio è l'avversaio principale di The Amazing Spider-Man vs. The Kingpin
  • Kingpin è il boss finale del videogioco The Punisher, del 1993.
  • Nel videogame Daredevil, tratto dall'omonimo film, Kingpin è il boss finale.
  • Kingpin è un boss intermedio di Spider-Man: Battle for New York.
  • Il personaggio compare nel videogame del 2005 The Punisher con un ruolo marginale.
  • Kingpin compare in Spider-Man 3 come avversario di una missione secondaria.
  • In Spider-Man: Il Regno delle Ombre, Kingpin è il proprietario delle Wilson Fisk Industries che, a causa dell'invasione dei simbionti, si barrica nel suo ufficio blindato venendo in seguito convinto da Spider-Man a collaborare per scongiurare il pericolo.
  • Nell'ending di Chun-Li in Marvel vs. Capcom 3: Fate of Two Worlds, Kingpin fa un breve cameo.
  • Il personaggio compare nel MMORPG Marvel Heroes.
  • In LEGO Marvel Super Heroes il personaggio è presente.
  • Kingpin compare in Marvel: Avengers Alliance.
  • In The Amazing Spider-Man 2, Kingpin è il nemico principale, pur rimanendo dietro le quinte per tutto il gioco.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

  • La band britannica degli Wilson Fisk si chiama così in omaggio al vero nome di Kingpin[110].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Official Handbook of the Marvel Universe (Vol. 4) n. 5 (settembre 2004)
  2. ^ a b Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  3. ^ Processo all'incredibile Hulk
  4. ^ a b Daredevil (film)
  5. ^ Daredevil (serie televisiva)
  6. ^ La “costruzione” di Wilson Fisk nel Daredevil Netflix su Lo Spazio Bianco, 15 maggio 2015. URL consultato il 15 agosto 2015.
  7. ^ (EN) Pierre Comtois e John Byrne, Marvel Comics In The 1980s: An Issue-By-Issue Field Guide To A Pop Culture Phenomenon, TwoMorrows Publishing, 2015, p. 30, ISBN 978-1605490595.
  8. ^ (EN) Nick Furious, The Top 5 enemies of Daredevil. URL consultato il 1 settembre 2015.
  9. ^ (EN) Matthew K. Manning e Laura Gilbert, 1960s in Spider-Man Chronicle Celebrating 50 Years of Web-Slinging, Dorling Kindersley, 2012, p. 40, ISBN 978-0756692360.
  10. ^ (EN) Kingpin is Number 10 su IGN. URL consultato il 31 agosto 2015.
  11. ^ a b c Daredevil (Vol. 2) n. 10 (marzo 2000)
  12. ^ a b c d Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 50 (luglio 1967)
  13. ^ a b Daredevil: The Man Without Fear (Vol. 1) n. 3 (dicembre 1993)
  14. ^ Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. -1 (luglio 1997)
  15. ^ a b Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 68-69 (gennaio-febbraio 1969)
  16. ^ a b Marvel Graphic Novel (Vol. 1) n. 24 (dicembre 1986)
  17. ^ Official Handbook of the Marvel Universe (Vol. 2) n. 7 (giugno 1986)
  18. ^ Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 70 (marzo 1969)
  19. ^ Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 51-52 (agosto-settembre 1967)
  20. ^ Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 59-61 (aprile-giugno 1968)
  21. ^ Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 84 (maggio 1970)
  22. ^ Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 83 (aprile 1970)
  23. ^ Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 85 (giugno 1970)
  24. ^ Captain America (Vol. 1) n. 146 (febbraio 1972)
  25. ^ a b Captain America (Vol. 1) n. 147 (marzo 1972)
  26. ^ Captain America (Vol. 1) n. 148 (aprile 1972)
  27. ^ Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 164 (gennaio 1977)
  28. ^ a b Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 197 (ottobre 1979)
  29. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 170 (maggio 1981)
  30. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 171 (giugno 1981)
  31. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 172 (luglio 1981)
  32. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 174-175 (settembre-ottobre 1981)
  33. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 177 (dicembre 1981)
  34. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 179 (febbraio 1982)
  35. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 180 (marzo 1982)
  36. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 181 (aprile 1982)
  37. ^ Peter Parker, The Spectacular Spider-Man (Vol. 1) n. 82 (settembre 1983)
  38. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 192 (marzo 1983)
  39. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 232-233 (luglio-agosto 1986)
  40. ^ Peter Parker, The Spectacular Spider-Man (Vol. 1) n. 89 (aprile 1984)
  41. ^ a b Peter Parker, The Spectacular Spider-Man (Vol. 1) n. 100 (marzo 1985)
  42. ^ Peter Parker, the Spectacular Spider-Man (Vol. 1) n. 91 (giugno 1984)
  43. ^ Peter Parker, the Spectacular Spider-Man (Vol. 1) n. 97-98 (dicembre 1984-gennaio 1985)
  44. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 227 (febbraio 1986)
  45. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 228 (marzo 1986)
  46. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 229 (aprile 1986)
  47. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 230-233 (maggio-agosto 1986)
  48. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 254-257 (maggio-agosto 1988)
  49. ^ Captain America (Vol. 1) n. 376-378 (settembre-ottobre 1990)
  50. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 297-299 (ottobre-dicembre 1991)
  51. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 300 (gennaio 1992)
  52. ^ X-Men (Vol. 2) n. 64 (maggio 1997)
  53. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 339 (aprile 1995)
  54. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 14-15 (marzo-aprile 2001)
  55. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 30 (aprile 2002)
  56. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 29 (marzo 2002)
  57. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 31 (maggio 2002)
  58. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 36 (ottobre 2002)
  59. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 46 (giugno 2003)
  60. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 45-49 (giugno-settembre 2003)
  61. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 50 (ottobre 2003)
  62. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 76-81 (ottobre 2005-marzo 2006)
  63. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 86-87 (settembre.ottobre 2006)
  64. ^ Civil War: War Crimes (Vol. 1) n. 1 (febbraio 2007)
  65. ^ Civil War (Vol. 1) n. 2 (agosto 2006)
  66. ^ Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 538 (gennaio 2007)
  67. ^ Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 539-542 (aprile-agosto 2007)
  68. ^ Spider-Man: One More Day (novembre 2007-gennaio 2008)
  69. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 92 (febbraio 2007)
  70. ^ Runaways (Vol. 2) n. 25-39 (giugno 2007-agosto 2008)
  71. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 93 (marzo 2007)
  72. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 116 (aprile 2009)
  73. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 118-119 (giugno-agosto 2009)
  74. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 500 (ottobre 2009)
  75. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 502-504 (gennaio-marzo 2010)
  76. ^ Shadowland (Vol. 1) n. 2 (ottobre 2010)
  77. ^ Shadowland (Vol. 1) n. 5 (gennaio 2011)
  78. ^ Daredevil (Vol. 1) n. 512 (febbraio 2011)
  79. ^ The Amazing Spider-Man (Vol. 1) n. 648-651 (gennaio-marzo 2011)
  80. ^ Spider-Island: The Amazing Spider-Girl (Vol. 1) n. 1 (ottobre 2011)
  81. ^ Superior Spider-Man (Vol. 1) n. 14 (settembre 2013)
  82. ^ Captain America (Vol. 1) n. 378 (ottobre 1990)
  83. ^ Spider-Man 1602 (Vol. 1) n. 2 (gennaio 2010)
  84. ^ a b Batman & Spider-Man (Vol. 1) n. 1 (ottobre 1997)
  85. ^ Batman/Daredevil: King of New York (Vol. 1) n. 1 (dicembre 2000); edizione italiana: Le battaglie del secolo n. 20 (gennaio 2001), Panini Comics
  86. ^ Assassins (Vol. 1) n. 1 (aprile 1996)
  87. ^ X-Universe (Vol. 1) n. 1 (maggio 1995)
  88. ^ Marvel Zombies 3 n. 2 (gennaio 2008)
  89. ^ Marvel Zombies 3 n. 4 (marzo 2008)
  90. ^ Marvel Zombies Return (Vol. 1) n. 1 (novembre 2009)
  91. ^ PunisherMAX (Vol. 1) n. 5 (maggio 2010)
  92. ^ PunisherMAX (Vol. 1) n. 6 (giugno 2010)
  93. ^ PunisherMAX (Vol. 1) n. 7-11 (luglio 2010-maggio 2011)
  94. ^ PunisherMAX (Vol. 1) n. 17-20 (dicembre 2011-febbraio 2012)
  95. ^ a b PunisherMAX (Vol. 1) n. 21 (marzo 2012)
  96. ^ Darkdevil (Vol. 1) n. 2 (dicembre 2000)
  97. ^ Spider-Girl (Vol. 1) n. 17 (febbraio 2000)
  98. ^ Spider-Girl (Vol. 1) n. 63 (ottobre 2003)
  99. ^ Ultimate Spider-Man (Vol. 1) n. 50-53 (febbraio-aprile 2004)
  100. ^ Ultimate Spider-Man (Vol. 1) n. 9-12 (luglio-ottobre 2001)
  101. ^ Ultimate Spider-Man (Vol. 1) n. 106 (maggio 2007)
  102. ^ a b Ultimate Spider-Man (Vol. 1) n. 110 (agosto 2007)
  103. ^ Ultimate Comics Spider-Man (Vol. 1) n. 1 (ottobre 2009)
  104. ^ (EN) Dave McNary, Duncan takes on Daredevil, Variety, 9 gennaio 2002. URL consultato il 23 febbraio 2008.
  105. ^ (EN) Daniel Robert Epstein, Michael Clarke Duncan Interview su UGO. URL consultato il 23 febbraio 2008.
  106. ^ (EN) Ryan J. Downey, Ben Affleck Dares to Dream Daredevil su MTV, 6 febbraio 2003. URL consultato il 23 febbraio 2008.
  107. ^ (EN) Vincent D'Onofrio Is Wilson Fisk on Marvel's Daredevil on Netflix su Marvel.com, 10 giugno 2014.
  108. ^ (EN) Nick Romano, Exclusive: 'Daredevil' Star Vincent D'Onofrio Talks Kingpin, Marvel Fans and 'Defenders' Crossover su ScreenCrush, 20 agosto 2014. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  109. ^ (EN) Sadie Gennis, 9 Secrets the Cast of Netflix's Daredevil Revealed at New York Comic-Con su tvguide.com, 11 ottobre 2014.
  110. ^ (EN) Wilson Fisk. What the Fisk? Wilson Fisk! su Wilsonfiskband.wordpress.com. URL consultato il 6 febbraio 2011.
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics