Episodi di Daredevil (prima stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Daredevil (serie televisiva).

La prima stagione della serie televisiva Daredevil, composta da 13 episodi,[1] è stata interamente pubblicata dal servizio on demand Netflix il 10 aprile 2015.[2] In Italia è disponibile su Netflix dal 22 ottobre 2015.[3][4]

Titolo originale Titolo italiano Pubblicazione USA Pubblicazione Italia
1 Into the Ring Sul ring 10 aprile 2015 22 ottobre 2015
2 Cut Man Un improbabile alleato
3 Rabbit in a Snow Storm Un coniglio in una tempesta di neve
4 In the Blood Nel sangue
5 World on Fire Un mondo in fiamme
6 Condemned Condannati
7 Stick Stick
8 Shadows in the Glass Nell'ombra
9 Speak of the Devil Parli del diavolo
10 Nelson v. Murdock Nelson contro Murdock
11 The Path of the Righteous Il sentiero dei giusti
12 The Ones We Leave Behind Quelli che ci lasciamo alle spalle
13 Daredevil Daredevil

Sul ring[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Hell's Kitchen, New York. Matt Murdock nel tentativo di impedire a un anziano di venire travolto da un camion carico di sostanze chimiche, finisce investito al suo posto e perde la vista a nove anni. Tempo dopo, ormai adulto, apre uno studio legale assieme al suo migliore amico Foggy Nelson, affittando dei locali rimasti compromessi durante l'invasione aliena di qualche anno prima. Contemporaneamente, grazie ai sensi ipersviluppati ottenuti dopo l'incidente, intraprende in segreto l'attività di vigilante sfoggiando un costume nero artigianale e, nella sua prima notte di ronda, impedisce a un gruppo di trafficanti di esseri umani guidati dal criminale dilettante Turk Barrett di rapire alcune turiste. Il giorno seguente lo studio Nelson & Murdock ha il suo primo cliente: Karen Page, ex-segretaria della Union Allied Construction accusata dell'omicidio di un suo collega; i due avvocati, credendo alla sua innocenza, ne assumono le difese pro bono facendola scarcerare nel momento in cui una delle guardie (minacciato di ritorsione su sua figlia dal misterioso James Wesley) tenta invano di assassinarla. Lasciata sotto la custodia di Matt e Foggy, Karen rivela loro di ritenere che il motivo per cui abbiano tentato prima di incastrarla e poi di ucciderla sia il fatto che avesse scoperto un immenso giro di corruzione nella sua società; non volendo coinvolgere ulteriormente i due, fugge dall'appartamento di Matt in piena notte e torna al suo nel tentativo di recuperare il file compromettente nascostovi; qui viene tuttavia assalita da un secondo sicario e soccorsa dal "vigilante mascherato", che la convince poi a consegnare i file al New York Bulletin rendendo pubblico lo scandalo. Scongiurato il pericolo, Matt e Foggy offrono a Karen di restare al loro studio legale divenendone la segretaria. Wesley nel frattempo fa rapporto al suo misterioso capo ricevendo l'ordine di far uccidere chiunque potesse rivelare delle loro attività, nonché di tenere d'occhio lo studio Nelson & Murdock.

Un improbabile alleato[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sulle tracce di un bambino rapito dagli stessi trafficanti di esseri umani russi cui ha precedentemente rovinato gli affari, Matt cade in una trappola e, scampatovi per un pelo, viene rinvenuto privo di sensi in un vicolo da un ragazzino e portato da Claire Temple, una infermiera con le competenze di un medico che lo cura all'interno del suo appartamento poiché, lavorando al Metro General Hospital, è consapevole dei criminali ricoverativi dopo aver affrontato il "vigilante mascherato" e comprende che questi stia facendo del bene a Hell's Kitchen. Mentre Foggy e Karen passano una serata assieme e legano parecchio; il convalescente Matt rievoca in una serie di flashback come, poco dopo l'incidente che lo accecò, suo padre, il pugile Battlin' Jack Murdock, disperatamente desideroso di offrirgli una vita migliore della sua, ingannò l'allibratore Roscoe Sweeney e, durante un match con "Crusher" Creel con cui avrebbe dovuto perdere, lo mandò invece al tappeto scommettendo tutto su se stesso e depositando i soldi della vincita su un conto bancario intestato a Matt, azione per la quale ha poi pagato con la vita. Ristabilitosi grazie a Claire, Matt rintraccia i criminali russi e li massacra liberando il bambino.

Un coniglio in una tempesta di neve[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il sicario professionista John Healy uccide a mani nude un uomo su una pista da bowling e si fa in seguito arrestare chiedendo un avvocato. Il caso viene affidato allo studio legale Nelson & Murdock da James Wesley: pur sospettando che l'uomo nasconda qualcosa di losco, Matt convince Foggy ad accettare l'incarico scoprendo, poco dopo, che Wesley ha comprato la giuria. Nel frattempo Karen viene contattata dai legali dell'ormai disciolta Union Allied Construction, che le offrono una forte somma di denaro affinché firmi un contratto che la vincolerebbe a non parlar più pubblicamente dello scandalo della società; disgustata, Karen si rivolge al reporter del New York Bulletin Ben Urich, noto per l'impeccabile etica professionale a prescindere dalle ritorsioni subite da lui e dai suoi cari nel corso degli anni. Terminato il processo con la scarcerazione di Healy, questi viene aggredito in un vicolo dal "vigilante" che gli estorce il nome del capo di Wesley: Wilson Fisk. In seguito il sicario si suicida poiché terrorizzato da ciò che capiterà a lui e alla sua famiglia per aver rivelato tale informazione. Vanessa Marianna, titolare di una galleria d'arte, illustra a un cliente un dipinto chiamato "Un coniglio in una tempesta di neve" chiedendogli come lo faccia sentire guardarlo. L'uomo in questione, Wilson Fisk, risponde commosso che lo fa sentire solo.

Nel sangue[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte dell'uomo ucciso al bowling, Fisk assegna ai fratelli moscoviti Anatoly e Vladimir Ranskahov la sua clientela per il traffico di droga cui fa capo la sua associata Madame Gao. Wesley tuttavia redarguisce ai due di aver riportato troppe sconfitte ad opera del "vigilante mascherato" offrendo loro di occuparsene, l'orgoglioso Vladimir decide quindi di dimostrare che può gestire la questione da solo, motivo per il quale rintraccia l'infermiera notturna Claire Temple e la fa rapire dai suoi uomini al fine di farle rivelare la vera identità del vigilante; venuto a sapere della cosa, Matt rintraccia i criminali e li sconfigge uno a uno liberando la ragazza. Dato tale avvenimento, Anatoly decide di recarsi da Fisk per accettare la sua offerta ma, nel farlo, interrompe una cena tra questi e Vanessa, verso cui il criminale prova un forte sentimento. Contemporaneamente Urich consiglia a Karen di accettare l'offerta della Union Allied assicurandole che si occuperà di indagare in merito al segreto che questi si stanno adoperando ad insabbiare con tanto impegno. Furioso per quanto fatto da Anatoly, Fisk lo decapita col solo ausilio della portiera della sua auto.

Un mondo in fiamme[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Claire si trasferisce nell'appartamento di Matt per sfuggire ai criminali russi che le danno la caccia; nel frattempo Fisk fa credere a Vladimir che suo fratello sia stato ucciso dal "vigilante mascherato" portandolo a mobilitare ogni suo uomo affinché gli dia una caccia spietata per tutta Hell's Kitchen. La Nelson & Murdock viene intanto ingaggiata da una donna guatemalteca che, come tutti i suoi coinquilini, sta per venire sfrattata indebitamente dal proprietario dello stabile, desideroso di servirsi dei locali occupati per fini commerciali; a peggiorare le cose è il fatto che i loro avversari nel processo siano lo studio presso cui i due erano stati tirocinanti rifiutando poi l'assunzione: la Landman & Zack, rappresentato nella persona di Marci Stahl, ex-ragazza di Foggy. Turk rivela intanto a Vladimir di aver saputo da fonte certa che il vero assassino di Anatoly sia Fisk. Furioso, il russo organizza una retata facendo convergere tutti i suoi uomini in un magazzino che, poco dopo, viene fatto saltare in aria da uno degli uomini di Madame Gao mentre Fisk, artefice di ogni dettaglio della vicenda, si riconcilia con Vanessa che, consapevole di quale sia la reale attività dell'uomo, si convince del suo ideale di «distruggere la città per farla rinascere» ed osserva con lui il dilagare delle fiamme. Mentre le onde d'urto della detonazione coinvolgono anche lo stabile difeso dalla Nelson & Murdock con Karen e Foggy ancora al suo interno, Vladimir, scampato alla distruzione del magazzino, viene aggredito dal "vigilante" sebbene, pochi istanti dopo, entrambi vengano circondati dalla polizia.

Condannati[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sfuggito all'accerchiamento dei poliziotti, Matt si barrica in un edificio abbandonato assieme a Vladimir realizzando che la maggioranza degli agenti operanti a Hell's Kitchen è corrotta da Fisk. Tramite consigli telefonici da parte di Claire, intanto attiva come infermiera al Metro General per soccorrere i feriti provocati dalla crisi in corso, Matt riesce a stabilizzare le condizioni di Vladimir, che si rifiuta comunque di rivelare al "vigilante" le informazioni da lui desiderate su Fisk arrivando anche a cercare in più occasioni di aggredirlo; nel frattempo Karen e Foggy si recano a loro volta al Metro General per far assistere i feriti causati dal crollo dello stabile, tra cui Foggy stesso, copiosamente sanguinante dal fianco sinistro. Su ordine di un sempre più impaziente Fisk, la polizia circonda e successivamente fa irruzione nella palazzina in cui si rifugiano Matt e Vladimir, mentre i media addossano la responsabilità dei disordini al "vigilante" definendolo un terrorista. Collaborando, Matt e il russo fuggono nelle fogne e quest'ultimo, capendo di non aver più molto da vivere, decide di restare indietro a trattenere gli inseguitori concedendo all'altro il tempo di scappare a patto che vendichi lui e il fratello; dunque gli rivela il nome del contabile di Fisk: Leland Owlsley.

Stick[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Matt si mette sulle tracce di Leland Owlsley ma, nel corso dell'azione, viene avvicinato da Stick, burbero e misterioso esperto di arti marziali non vedente dalla nascita che, vent'anni prima, gli ha fatto da mentore per poi andarsene dopo aver capito che il bambino vedeva in lui una sorta di nuova figura paterna. Nonostante i rapporti tra mentore e discepolo siano tesi e piuttosto discordi, Matt accetta di aiutare Stick ad ostacolare i piani di uno dei collaboratori di Fisk: Nobu, un losco uomo d'affari giapponese che, quella stessa notte, si appresta a ricevere la consegna di un'arma chiamata "Black Sky" (黒空 Kuro sora?). Contemporaneamente Karen rende partecipe Foggy delle indagini sulla Union Allied che sta portando avanti da qualche tempo insieme a Ben Urich. Dopo che al porto, l'arma di Nobu si rivela essere un bambino tenuto in catene e Stick lo uccide andando contro a quanto promesso a Matt, questi si infuria ed affronta il mentore in un violento combattimento corpo a corpo dal quale, a fatica, esce vincitore ordinando poi a Stick di non mettere mai più piede nella sua città; l'uomo commenta sarcastico che forse c'è ancora speranza per Matt dopodiché obbedisce e, tornato a una località ignota, fa il resoconto della missione a un suo alleato: Stone.

Nell'ombra[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Wilson Fisk rievoca alla memoria alcuni frammenti della sua infanzia di bambino obeso e disagiato segnato da un lato dalla dolcezza della madre comprensiva e paziente, e dall'altra dalla figura autoritaria, crudele ed abusiva del padre fallito che sfogava le sue frustrazioni su moglie e figlio. Nel presente i soci in affari di Fisk: il misterioso ninja Nobu, la signora della droga Madame Gao e il contabile Leland Owlsley; iniziano a lamentarsi tutti di lui accusandolo di inefficienza per le costanti intromissioni nelle loro operazioni. Furioso e spaventato all'idea di perdere tutto ciò che ha tanto faticosamente costruito, Fisk si confida con Vanessa svelandole che, da bambino, ha assassinato a sangue freddo suo padre per poi smembrarlo e gettarlo nella baia insieme alla madre conservando per sé i gemelli dell'uomo in modo da potersi sempre ricordare di non essere "un mostro" che fa del male per puro piacere come era suo padre. In Vanessa, Fisk trova la forza e il sostegno di indire una conferenza stampa contro il "Diavolo di Hell's Kitchen" presentandosi come un filantropo intenzionato a far rinascere la città.

Parli del diavolo[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi esposto all'opinione pubblica con la sua attività filantropica Wilson Fisk viene visto dall'opinione pubblica di Hell's Kitchen come una sorta di "messia" vanificando completamente il lavoro d'indagine compiuto da Ben, Karen e Foggy in quanto ora non risulterebbe più credibile associare la figura dell'uomo a quella di un criminale. Contemporaneamente Fisk fa un'offerta al rialzo anche alla donna guatemalteca a rischio sfratto, cliente della Nelson & Murdock e ai suoi condomini, che, tuttavia, rifiuta di troncare gli accordi precedenti e viene assassinata apparentemente in seguito ad un tentativo di scippo. Furioso, Matt rintraccia il presunto colpevole scoprendo che è stato reclutato dagli uomini di Fisk in un magazzino vicino al molo, raggiunto il luogo trova però ad attenderlo Nobu che, a sorpresa, si rivela un esperto di arti marziali al suo pari e gli procura ferite multiple con una lama kyoketsu-shoge finendo tuttavia per prendere accidentalmente fuoco e morire nella colluttazione. Matt viene successivamente raggiunto e selvaggiamente picchiato da Fisk in persona, cui riesce rovinosamente a sfuggire facendo ritorno al suo appartamento e collassando di fronte ad un attonito Foggy.

Nelson contro Murdock[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Non appena Matt si risveglia Foggy lo inizia ad interrogare duramente sulle sue attività di vigilante, sull'origine dei suoi poteri e sul suo addestramento nelle arti marziali accusandolo di avergli sempre mentito. Durante l'acceso dialogo tra i due essi rivivono tramite flashback i momenti più decisivi della loro amicizia: dal primo incontro come compagni di stanza alla Columbia University fino al diploma summa cum laude, dall'apprendistato alla Landman & Zack fino alle dimissioni ed alla conseguente decisione di aprire un loro studio legale. Intanto, dopo averla rintracciata tramite lunghe ricerche, Karen porta Ben a una casa di riposo di lusso ai confini dello Stato per incontrare personalmente Marlene, la madre di Fisk, riuscendo a farle ammettere il delitto compiuto decenni addietro assieme al figlio che, contemporaneamente, sta presenziando ad un gala di beneficenza al termine del quale diversi presenti, tra cui Vanessa, cadono a terra vittima di champagne avvelenato. Terminato il litigio con Matt, infine, Foggy abbandona amareggiato la Nelson & Murdock.

Il sentiero dei giusti[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Contrariamente a quanto voluto da Owlsley, Fisk decide di rimanere al capezzale di Vanessa fino a che questa non si sarà completamente ripresa e disponendo tutti i suoi uomini sul luogo. Contemporaneamente Foggy si allontana da tutti e riaggancia una relazione puramente fisica con la superficiale Marci Stahl, mentre Ben inizia ad indagare approfonditamente sulle vere origini di Fisk e Matt, dopo aver cercato conforto nella fede, viene ispirato a diventare un simbolo dalle parole del suo confessore, padre Lantom; motivo per il quale rintraccia Melvin Potter, un idiot savant costretto da Fisk a costruirgli armature in una speciale lega sottilissima sotto minaccia di ritorsione verso i suoi cari. All'uomo, Matt promette che lo libererà dal suo oppressore se realizzerà per lui una delle sue speciali fabbricazioni. All'ospedale intanto, Vanessa si riprende e Wesley, non volendo disturbare il suo capo ed amico, decide di prendere in mano personalmente la situazione di Karen Page dopo aver saputo che essa ha parlato con la madre di Fisk. Rapita e portata in uno stabile isolato, Karen, minacciata da Wesley di uccidere uno a uno i suoi amici, è spinta da un impeto di rabbia e gli ruba la pistola uccidendolo.

Quelli che ci lasciamo alle spalle[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Karen inizia a bere per convivere con il dolore di aver assassinato Wesley, sebbene ciò inizi comunque a provocarle tremendi incubi. Foggy, ancora amareggiato nei confronti di Matt, decide tuttavia di tornare a dedicarsi allo smascheramento di Fisk, motivo per cui convince Marci a fornirgli informazioni confidenziali sulle attività dell'uomo rubandole allo studio per cui lavora, proposta che essa accetta dimostrando di non aver completamente svenduto la sua coscienza. Nei panni del "Diavolo di Hell's Kitchen", Matt rintraccia ed assale la sede del traffico di droga di Madame Gao, che tuttavia riesce a scappare e decide dunque di fare ritorno in Cina lasciando nel panico Owlsley, che aveva cospirato al suo fianco per avvelenare Vanessa con lo champagne e ora teme di essere scoperto. Ben Urich accusa nel frattempo il suo editore di essersi fatto corrompere da Fisk in quanto non gli ha fatto pubblicare più nulla dallo scandalo della Union Allied, venendo, di conseguenza, licenziato. Non volendo demordere, Urich tenta di pubblicare online quanto scoperto su Fisk, tuttavia quest'ultimo, avendo saputo che il reporter ha parlato con sua madre, si presenta nel suo appartamento e, pur non ritenendolo responsabile della morte di Wesley, lo uccide per averla coinvolta.

Daredevil[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il funerale di Ben Urich, Matt e Foggy si riappacificano e tornano a lavorare assieme a Karen per riuscire a incriminare Fisk che, nel frattempo, scopre della cospirazione di Owlsley contro Vanessa e lo uccide brutalmente, nonostante questi tenti di minacciarlo rivelando di aver nascosto il detective Hoffman, che è disposto a testimoniare contro di lui. Dai documenti della Landman & Zack sottratti da Marci, la Nelson & Murdock scopre a sua volta del detective ed inizia dunque una corsa contro il tempo per trovarlo prima degli uomini di Fisk, che sotto suo ordine stanno passando a setaccio Hell's Kitchen. Matt riesce a rintracciare per primo il detective consegnandolo all'FBI che, con la sua testimonianza, arresta metà della centrale di polizia, vari politici locali, le alte sfere della Landman & Zack, numerosi operatori mediatici, Turk Barrett e tutti i suoi complici, ponendo fine all'impero criminale di Fisk che, tuttavia, al momento dell'arresto dice a Vanessa di aspettarlo in un luogo prestabilito quella sera stessa. Durante il trasporto a Ryker's Island, Fisk riesce a fuggire grazie a un manipolo di suoi uomini infiltratisi nei federali. Saputo della cosa, Matt, con la nuova tuta rossa realizzata da Melvin Potter, intercetta l'uomo prima che possa abbandonare la città e, dopo un brutale corpo a corpo, lo sconfigge portando al suo nuovo arresto e costringendo Vanessa a lasciare la città da sola. Celebrata la vittoria, Matt, Foggy e Karen riprendono l'attività della Nelson & Murdock, mentre il vigilante viene ribattezzato dai media:"Daredevil".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Marvel's Netflix Series to Film in New York City, su Marvel.com, 26 febbraio 2014.
  2. ^ Filmato audio(EN) Marvel Entertainment, Marvel & Netflix Announce Daredevil Release Date - Marvel's Daredevil Motion Poster, su YouTube.
  3. ^ Ufficiale: Netflix arriva in Italia il 22 ottobre, tutte le informazioni!, su BadTv.it, 30 ottobre 2015.
  4. ^ Netflix ad ottobre in Italia con Daredevil, Sense 8 e Bloodline, su tvzap, 6 giugno 2015.
  5. ^ Andrew Dyce, ‘Daredevil’ Easter Eggs, Trivia & Comic References, su ScreenRant.com, 12 aprile 2015. URL consultato il 22 aprile 2015.
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione