Stark Industries

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Stark Industries, nota anche come Stark International, Innovations Stark, Stark-Fujikawa Industries, Stark Enterprises e Stark Resilient, è una immaginaria multinazionale miliardaria di proprietà e gestita dall'uomo d'affari Anthony Edward "Tony" Stark, noto anche come Iron Man. La società appare in racconti pubblicati dalla Marvel Comics.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La società nasce durante l'adolescenza di Howard Stark (padre di Tony Stark), fondata proprio dallo stesso Howard, come piccola compagnia. Col tempo che passa, l'industria tende a ingrandirsi, e coloro che ci stanno dentro, ad arricchirsi. Tanto che, già negli anni sessanta, la Stark Industries è una delle più grandi compagnie e fabbriche del mondo. Howard è ovviamente ricchissimo grazie a questa attività. Ne è inoltre il presidente, CEO e proprietario.

Nel 1974 nasce la EXPO, meglio conosciuta come STARK EXPO, ossia una forma di merchandising della Stark Industries, che avrebbe permesso ulteriormente all'azienda di ingrandirsi e svilupparsi. In quest'anno, Howard Stark completa il suo progetto più significativo della sua vita, ossia Flushing, in New York, la cosiddetta "Città del Futuro". Questo progetto, secondo Howard, sarebbe dovuto terminare con il figlio Tony, successore del padre, che con la tecnologia dei suoi tempi avrebbe potuto fare tutto e cambiare il mondo.

Nel 1990 Howard e la moglie Maria, coinvolti in un incidente, muoiono.

Tony, il successore, era troppo giovane (21 anni) per prendere le redini dell'azienda, così ne rimase solo proprietario, e come presidente e amministratore delegato subentrò il socio di una vita di Howard, Obadiah Stane.

Nel 1996, a 27 anni, dopo un anno dal debutto, Tony Stark diventa presidente e amministratore delegato normale e esecutivo delle Stark Industries, lasciando Obadiah CEO e Vice Presidente Senior. Con Tony, sia lui, che Obadiah, che le Stark Industries, si arricchirono e si raggiunse una potenza e un'espansione mai vista.

Nel 2008, durante una presentazione del nuovo missile intelligente Jericho in Afganistan, Tony viene fatto prigioniero e la sua società si blocca temporaneamente.

Al suo ritorno la divisione fabbricazione armi dell'azienda viene bloccata e chiusa per volere dello stesso Tony. Dopo la morte di Obadiah, tutto riprende come prima e si progetta la nuova EXPO che avrà luogo proprio nella città del futuro 6 mesi dopo. Volendosi concentrare su altro Tony Stark, alias Iron Man, nomina la sua segretaria Pepper Potts presidente e amministratrice delegata delle Stark Industries.

Nel 2099 (Marvel 2099) le Stark Industries hanno firmato un accordo con un'impresa giapponese, divenendo le Stark-Fujikawa Industries.

Direzione dell'azienda[modifica | modifica wikitesto]

  • Howard Stark - proprietario, CEO, Presidente (1934-1990)
  • Obadiah Stane - presidente e Amministratore Delegato, CEO (1990-1996)
  • Tony Stark - proprietario (1990-tuttora) CEO, Presidente e Amministratore Delegato (1995-2009, ancora dal 2010 a oggi)
  • Virginia "Pepper" Potts - presidente ed amministratore delegato, CEO (2008 [con Tony) dal 2009 al 2010 dopo Tony)
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics