Status sociale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lo status sociale identifica la posizione di un individuo nei confronti di altri soggetti nell'ambito di una comunità organizzata.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Le norme sociali di attribuzione dello status dipendono dal gruppo sociale e possono essere molto variegate: possesso di beni materiali (auto, vestiti, accessori o/e denaro) posizione lavorativa, cultura, posizioni di potere e così via. Queste disuguaglianze generano quella che viene chiamata la stratificazione sociale. Si colloca su una "dimensione orizzontale" della stratificazione sociale, quella delle "relazioni tra pari", mentre il potere è indicativo del posizionamento sulla "dimensione verticale".[1]

Lo status si differenzia dal potere in quanto quest'ultimo consiste nel costringere le persone ad agire coattivamente, anche in dispregio del libero arbitrio; quando invece a un individuo viene tributato un particolare rispetto si parla di attribuzione di prestigio o di status.

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

Status ascritto[modifica | modifica wikitesto]

Si parla di status ascritto quando questo è assegnato in base alle proprie caratteristiche naturali, fisiche o psichiche quali l'età, il sesso, la salute fisica e il genere.

Status acquisito[modifica | modifica wikitesto]

Uno status acquisito è invece una condizione sociale che si acquisisce e modifica nel corso della vita attraverso capacità e volontà personali, come quando persona acquisisca un titolo di studio (come ad esempio una laurea in medicina) oppure consegua determinati risultati o riesca a ritagliarsi un ruolo importante nel mondo del lavoro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Randall Collins, Teorie sociologiche, Il Mulino, 1992, pagg. 264-266.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]