Maya Lopez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maya Lopez
Maya Lopez nei panni di Echo, disegni di David Mack.
Maya Lopez nei panni di Echo, disegni di David Mack.
Universo Universo Marvel
Lingua orig. Inglese
Alter ego
  • Echo
  • Ronin (I)
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. dicembre 1999
1ª app. in Daredevil (Vol. 2[1]) n. 9
Editore it. Panini Comics
app. it. aprile 2000
app. it. in Devil & Hulk n. 72
Specie umana
Sesso Femmina
Etnia nativo americana
Luogo di nascita Queens, New York
Abilità
Affiliazione Nuovi Vendicatori
Parenti

Maya Lopez, nota anche come Echo o Ronin, è un personaggio dei fumetti, creato da David Mack (testi) e Joe Quesada (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione come Echo avviene in Daredevil (Vol. 2[1]) n. 9 (dicembre 1999), mentre come Ronin in New Avengers (Vol. 1[1]) n. 11 (novembre 2005).

È una supereroina nativo americana tra i pochi personaggi non udenti dei fumetti, nel corso della sua vita editoriale Echo è stata, oltre che un membro di spicco dei Nuovi Vendicatori, anche alleata ed interesse sentimentale di Devil. La caratteristica distintiva del personaggio è la pittura facciale bianca a forma di mano che porta per ricordare l'impronta di sangue lasciatale sul viso dal padre morente[2].

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Nata nel Queens, New York, dall'assassino della mafia nativo americano Willie "Cavallo Pazzo" Lincoln e da una donna messicana di cui ha il cognome ma che non ha mai conosciuto poiché è morta quand'era ancora in fasce[3], motivo per cui il padre l'ha cresciuta da solo[2], Maya Lopez è sorda fin dalla nascita; motivo per il quale, da bambina, viene erroneamente considerata ritardata e incapace di relazionarsi[2]. Quando "Cavallo Pazzo" viene ucciso da Kingpin gli chiede, come ultimo desiderio, di crescere la bambina come fosse figlia sua[2], promessa che il leader criminale onora mandando Maya in un costoso centro di rieducazione per non udenti dove emerge la sua straordinaria abilità di imitare perfettamente qualsiasi azione veda compiere anche solo una volta[4][2].

Successivamente Wilson Fisk (Kingpin) le fa frequentare le migliori scuole per enfant prodige. Crescendo, Maya diventa una donna di spiccata intelligenza, grande fascino e profonda sensibilità artistica, che esprime attraverso spettacoli di teatrodanza e performance art che le conferiscono fama a livello mondiale[2].

Vari anni dopo, ormai adulta, Maya chiede al padre putativo di rivelarle come è morto quello biologico: Fisk le mente dicendo che a ucciderlo sia stato Devil[2].

Echo[modifica | modifica wikitesto]

Recatasi a New York per farsi giustizia, Maya incontra Matt Murdock e, poco tempo dopo, i due s'innamorano[5]. Contemporaneamente si allena osservando registrazioni di combattimenti tra Devil e Bullseye al fine di memorizzarne le mosse[2][5] dopodiché, creatasi l'alter ego di "Echo", affronta il Diavolo Rosso in battaglia riducendolo in fin di vita[5][6][7] quando però, desiderosa di vederlo in faccia prima di ucciderlo, lo smaschera scoprendo che si tratta dell'uomo amato[8] capisce di essere stata ingannata e, raggiunto Kingpin in casa sua, gli spara in faccia acciecandolo[8] e dando il via alla catena di eventi che lo porta a perdere il suo impero criminale[9].

Percependo la propria vita come un cumulo di bugie e inganni, Maya abbandona gli Stati Uniti per iniziare un viaggio alla ricerca della sua pace interiore[10]. Fatto ritorno in patria solo diverso tempo dopo[11], Maya scopre che Matt ha nel frattempo sposato una donna di nome Milla Donovan[11] e si reca al carcere di Ryker's Island a trovare Kingpin scoprendo che questi, nonostante tutto, la considera ancora come una figlia[3].

Più confusa e disorientata che mai, la ragazza contatta un anziano capo indiano amico del defunto padre, che le fa compiere una Hanblecheya, rito di passaggio grazie al quale recupera la serenità e l'equilibrio interiore[3] e durante il quale si imbatte in Wolverine[12] che l'aiuta a ritrovare sé stessa grazie alla sua conoscenza per il misticismo e la cultura giapponese[13], paese in cui Maya si stabilisce brevemente e che inizia a considerare la sua seconda patria.

Ronin e i Nuovi Vendicatori[modifica | modifica wikitesto]

Maya Lopez nei panni di Ronin, disegni di David Finch.

Quando Devil si rifiuta di entrare nei Nuovi Vendicatori suggerisce a Capitan America di reclutare Maya al suo posto, richiesca cui Cap acconsente facendo entrare la ragazza nel supergruppo durante lo svolgimento di una missione in Giappone volta a rintracciare Silver Samurai, rapito dalla Mano[14]. Maya tuttavia, assume il nuovo alter ego supereroistico di "Ronin" (浪人 Rōnin?)[15] e indossa una pesante armatura che ne cela il sesso, motivo per il quale il solo a conoscerne la vera identità è Capitan America; cosa che ha portato a numerose speculazioni da parte dei fan su chi fosse in realtà il personaggio[16] prima che il mistero fosse svelato a personaggi e lettori[17].

Durante la guerra civile dei superumani, Maya non prende posizione in quanto è impegnata in una missione in Giappone per tenere d'occhio Silver Samurai e impedire a Elektra Natchios di riprendere il controllo della Mano[18]. Tuttavia viene scoperta, sconfitta, uccisa e resuscitata tramite un processo mistico che consente alla Mano di manipolarne la volontà, motivo per il quale, quando il resto dei Nuovi Vendicatori giunge in suo soccorso, essa li aggredisce pugnalando il Dottor Strange[19] che riesce però a farla ritornare in sé[20]. Furiosa, Maya trafigge Elektra uccidendola[20], sebbene poi si scopra che in realtà la ninja greca era stata sostituita da uno Skrull[20][21].

Fatto ritorno negli States, Maya entra a far parte dei Nuovi Vendicatori a pieno titolo e torna a vestire i panni di Echo lasciando ruolo e costume di Ronin a Clint Barton[22] (che ha ceduto l'identità di Occhio di Falco a Kate Bishop[23]). Qualche tempo dopo, Echo e il nuovo Ronin passano anche una notte insieme dopo essersi confessati la reciproca attrazione fisica[24].

Assieme al team di eroi, Echo affronta un'invasione di simbionti[25], il demone D'Spayre[26], l'attacco a Manhattan di Hulk[27] e il sindacato del crimine di Hood[28].

Secret Invasion [modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Secret Invasion.

Quando nella Terra Selvaggia viene rinvenuta un'astronave Skrull, Echo vi si reca assieme al resto dei Nuovi Vendicatori per liberare gli eroi imprigionativi (ignara che in realtà siano tutti impostori alieni)[21]. Divisa dal resto del gruppo dal sopraggiungere di un enorme dinosauro[29], Echo viene avvicinata dalla Donna Ragno, che si rivela essere la Regina Skrull dietro l'intera invasione e, dopo averla paralizzata con del veleno, se ne sbarazza gettandola in un tronco d'albero[30]. Soccorsa dai compagni, Echo contribuisce a sconfiggere gli impostori alieni e l'armata di Super Skrull mandata a invadere New York[31].

Tali esperienze la segnano fino al punto da lasciare il supergruppo e sparire per diverso tempo dalla circolazione[32].

Età degli eroi[modifica | modifica wikitesto]

Ricontattata diverso tempo dopo da Luke Cage e Jessica Jones per fare da babysitter a loro figlia Danielle, Echo rifiuta dicendosi oltremodo offesa che questa sia la sola considerazione avuta nei suoi riguardi dalla comunità supereroistica dopo tanti anni[33]. Tornata a operare come giustiziera solitaria, la sua strada si incrocia con quella di Marc Spector (Moon Knight)[34], con il quale unisce le forze per sconfiggere il Kingpin della Costa Occidentale[35] instaurando una sorta di riluttante attrazione-intesa sentimentale reciproca[36]. Nel momento in cui i due scoprono l'identità dello zar del crimine di Los Angeles, ossia il Conte Nefaria, Echo viene assassinata dal supercriminale[37].

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Echo è dotata fin da bambina di un'intelligenza straordinaria e di una memoria eidetica che le permette non solo di ricordare tutto ciò che vede, ma anche di riprodurlo perfettamente per una sorta di innata abilità mimica[4][2] simile ai "riflessi fotografici" di Taskmaster; a prescindere dal grado di difficoltà, purché sia un'azione motoria, Echo è in grado di copiare perfettamente qualsiasi cosa veda. Tramite tale capacità, nel corso degli anni Maya è diventata: una talentuosa pianista, un'eccellente acrobata, una dotata ballerina, un'ottima pilota[38], una ginnasta di livelli olimpici e, soprattutto, una delle migliori combattenti corpo a corpo dell'Universo Marvel, dotata sia delle capacità combattive di Devil che della mira infallibile di Bullseye[2][5][6] dimostrandosi in grado di affrontare da sola un intero gruppo di ninja della Mano[38][18] e perfino Elektra[20].

Essendo sorda, in combattimento Echo fa affidamento soprattutto sulla vista, motivo per il quale in condizioni di totale oscurità risulta in netto svantaggio. Sebbene sia capace di leggere pressoché perfettamente le labbra delle persone quando parlano, Maya si trova in grande difficoltà qualora questi indossino delle maschere[34] o non siano nel suo campo visivo; tanto che durante il suo primo incontro coi Nuovi Vendicatori Capitan America doveva ripeterle tutte le domande di Iron Man[38]. Ad ogni modo, dato che non sempre gli autori hanno rispettato tali limitazioni (in alcuni fumetti ha perfino parlato con persone alle sue spalle) è stato stabilito che la ragazza sia in realtà capace di legere istantaneamente le labbra con la coda dell'occhio, a distanza e perfino attraverso una maschera a viso intero se è abbastanza sottile (come quella dell'Uomo Ragno o del secondo Ronin[22]) mentre ne è completamente incapace qualora il tessuto della maschera sia troppo spesso[39].

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Daredevil: End of Days[modifica | modifica wikitesto]

Nella miniserie Daredevil: End of Days, Maya Lopez, ritiratasi e divenuta professoressa in un college, viene intervistata da Ben Urich sulla recente morte di Devil[40].

Ultimate[modifica | modifica wikitesto]

Nell'universo Ultimate, una donna vestita come Maya Lopez (inclusa la pittura facciale) viene brevemente vista in una stazione di polizia mentre grida: «Di chi ti puoi fidare?» (Who Can You Trust?) riferimento alla tagline di Secret Invasion e all'uso frequente del personaggio fatto da Brian Michael Bendis nel suddetto crossover[41].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  2. ^ a b c d e f g h i j Daredevil (Vol. 2) n. 10 (marzo 2000)
  3. ^ a b c Daredevil (Vol. 2) n. 53 (dicembre 2003)
  4. ^ a b Daredevil (Vol. 2) n. 9 (dicembre 1999)
  5. ^ a b c d Daredevil (Vol. 2) n. 11 (maggio 2000)
  6. ^ a b Daredevil (Vol. 2) n. 12 (giugno 2000)
  7. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 14 (marzo 2001)
  8. ^ a b Daredevil (Vol. 2) n. 15 (aprile 2001)
  9. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 26-30 (dicembre 2001-aprile 2002)
  10. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 51 (novembre 2003)
  11. ^ a b Daredevil (Vol. 2) n. 51 (novembre 2003)
  12. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 54 (gennaio 2004)
  13. ^ Daredevil (Vol. 2) n. 55 (febbraio 2004)
  14. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 11 (novembre 2005)
  15. ^ In giapponese: samurai senza padrone.
  16. ^ Rich Johnston, Lying in the gutters Vol 2 Column 28 su comicbookresources.com, 28 novembre 2005. URL consultato il 23 giugno 2015.
  17. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 13 (gennaio 2006)
  18. ^ a b New Avengers (Vol. 1) n. 27 (aprile 2007)
  19. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 30 (luglio 2007)
  20. ^ a b c d New Avengers (Vol. 1) n. 31 (agosto 2007)
  21. ^ a b Secret Invasion (Vol. 1) n. 1 (aprile 2008)
  22. ^ a b New Avengers (Vol. 1) n. 32-33 (settembre-ottobre 2007)
  23. ^ Young Avengers Presents (Vol. 1) n. 6 (agosto 2008)
  24. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 39 (maggio 2008)
  25. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 34-35 (novembre-dicembre 2007)
  26. ^ Avengers/Invaders (Vol. 1) n. 1-8 (luglio 2008-agosto 2009)
  27. ^ World War Hulk (Vol. 1) n. 3 (ottobre 2007)
  28. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 37-38 (febbraio-aprile 2007)
  29. ^ Secret Invasion (Vol. 1) n. 2 (luglio 2008)
  30. ^ Secret Invasion (Vol. 1) n. 3 (agosto 2008)
  31. ^ Secret Invasion (Vol. 1) n. 5-8 (ottobre 2008-gennaio 2009)
  32. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 50 (aprile 2009)
  33. ^ New Avengers (Vol. 2) n. 7 (febbraio 2011)
  34. ^ a b Moon Knight (Vol. 4) n. 2 (agosto 2011)
  35. ^ Moon Knight (Vol. 4) n. 3 (settembre 2011)
  36. ^ Moon Knight (Vol. 4) n. 5-6 (novembre-dicembre 2011)
  37. ^ Moon Knight (Vol. 4) n. 9 (marzo 2012)
  38. ^ a b c New Avengers (Vol. 1) n. 11-13 (novembre 2005-gennaio 2006)
  39. ^ Avengers/Invaders (Vol. 1) n. 5 (dicembre 2008)
  40. ^ Daredevil: End of Days (Vol. 1) n. 3 (febbraio 2013)
  41. ^ Ultimate Spider-Man (vol. 1) n. 122 (luglio 2008)
Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics