Gran Maestro (Marvel Comics)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gran Maestro
GrandmasterGoldblum.png
Gran Maestro interpretato da Jeff Goldblum nel film Thor: Ragnarok
UniversoUniverso Marvel
Nome orig.Grandmaster
Lingua orig.Inglese
Alter egoEn Dwi Gast
Autori
EditoreMarvel Comics
1ª app.ottobre 1969
1ª app. inAvengers (Vol. 1[1]) n. 69
Editore it.Editoriale Corno
app. it.luglio 1974
app. it. inIl mitico Thor n. 84
Interpretato daJeff Goldblum
Voce italianaMario Cordova
SessoMaschio
Abilità
  • Intelligenza sovrumana estrema (di livello 12)
  • Abilissimo stratega
  • Capacità di emettere, assorbire e manipolare colossali quantità di energia cosmica
  • Immune ad ogni veleno, droga, virus, tossina e malattia
  • Capacità di sopravvivere senza ossigeno,nutrimento e sonno
  • Resurrezione altrui
  • Capacità di controllare la materia e trasmutazione
  • Percezione extrasensoriale
  • Possibilità di viaggiare nel tempo
  • Capacità di tecno-interfacciarsi con ogni dispositivo informatico
  • Teletrasporto dimensionale e interdimensionale
  • Omicidio tramite volontà
  • Immune all'invecchiamento
  • Levitazione
  • Consapevolezza cosmica
  • Immortalità
AffiliazioneAntichi dell'Universo

Il Gran Maestro (Grandmaster), il cui vero nome è En Dwi Gast, è un personaggio dei fumetti creato da Roy Thomas (testi) e Sal Buscema (disegni) pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione avviene in Avengers (Vol. 1[1]) n. 69 (ottobre 1969).

Potente alieno membro degli Antichi dell'Universo, il Gran Maestro è ossessionato da tutti i giochi di abilità e di fortuna concepiti nel corso della storia da ogni forma di civiltà ed utilizza di frequente supereroi e supercriminali come pedine nelle proprie partite[2].

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Nato in una delle prime forme di civiltà sviluppatesi in seguito al Big Bang, dopo la distruzione del suo pianeta En Dwi Gast rimane l'unico superstite della sua specie e si unisce ad un gruppo di creature andate incontro allo stesso destino ed autobattezzatesi "Antichi dell'Universo"[3] decidendo di passare il resto della sua esistenza dedicandosi alla ricerca di nuove forme di divertimento tramite la pratica dei giochi più vari. Divenuto noto come il "Gran Maestro" per aver studiato milioni di mondi e le molte forme di giochi svoltivisi padroneggiandoli con tanta maestria da far sì che nessun altro giocatore possa essergli pari, tramite il suo grande potere, nel corso dei millenni, l'essere ha organizzato tornei con partecipanti volontari ed obbligati, mettendo in palio i premi più ambiti dell'Universo e mantenendo sempre la parola nei rari casi di sconfitta[4].

Dopo aver visitato Terra-712[5], il Gran Maestro decide di formare una sua versione dello Squadrone Supremo su Terra-616, lo Squadrone Sinistro[6], sfidando Kang il Conquistatore ad eleggere una squadra in sua rappresentanza con la promessa che, se avessero sconfitto i suoi campioni, egli avrebbe resuscitato la sua amata Ravonna[6]. Kang sceglie in sua rappresentanza i Vendicatori che, tuttavia, vincono solo grazie all'intervento dell'ufficialmente non affiliato Cavaliere Nero, portando il Gran Maestro a invalidare tale risultato[7]. Successivamente usa i Difensori come pedine in una partita contro il Primo Giocatore[8] e compete con la Morte in un gioco di strategia che gli consente di riportare in vita il Collezionista[9].

Tempo dopo il Gran Maestro sfida nuovamente la Morte coinvolgendo i Vendicatori, i Vendicatori della Costa Ovest e la Legione dei non-vivi; nonostante venga sconfitto grazie ad uno stratagemma di Occhio di Falco riesce comunque ad ottenenere la vita eterna per se e tutti gli altri Antichi dell'Universo in quanto pur di allontanarlo la Morte è costretta a bandirlo permanentemente dal suo regno[10].

Assieme ad altri dieci Antichi, il Gran Maestro cospira per assassinare Galactus e riplasmare l'Universo[11] ma, dopo aver affrontato Silver Surfer[12], viene ingerito dal "Divoratore di Mondi" assieme a quattro dei suoi confratelli[13] provocandogli una "indigestione cosmica" che mette a rischio gli equilibri universali portando dunque Lord Caos e Padron Ordine a estrarli tutti e cinque dall'essere[14].

In The Thanos Quest, Thanos sfida il Granmaestro per il possesso della Gemma della Mente. I due personaggi si combattono in un pericoloso gioco di realtà virtuale. All'inizio sembra che il Granmaestro abbia vinto la partita, ma il Thanos sconfitto si rivela essere soltanto una copia robotica mentre il vero Thanos prese la Gemma indisturbato.

Il Gran Maestro assiste successivamente alla Maratona Galattica scommettendo sul suo confratello Gilpetperdon (il Corridore), che tuttavia perde[15], ed orchestra gli eventi che portano i Vendicatori ad affrontare la JLA[16]. Non molto tempo dopo istituisce una nuova formazione dello Squadrone Sinistro e se ne serve per affrontare i Thunderbolts del Barone Zemo[17], dopodiché sfida Hulk e i Difensori a sconfiggere gli Aggressori (Rulk, il Barone Mordo, Terrax e lo Squalo Tigre) promettendogli che, in caso di vittoria da parte della sua squadra, avrebbe resuscitato Jarella[18]; la partita viene però invalidata nel momento in cui Rulk sembra uccidere il Gran Maestro[19] che tuttavia fa poco dopo ritorno tentando, senza successo, di conquistare la supereroina Dazzler, verso cui ha sviluppato una forte attrazione[20].

In seguito alla distruzione e rinascita del multiverso il Gran Maestro e il Collezionista danno luogo ad una nuova edizione della Sfida dei Campioni su quanto rimasto di Battleworld[21].

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Il Gran Maestro, come tutti gli Antichi dell'Universo, trae energia da una forza generatasi subito dopo il Big Bang e nota come "Potere Primordiale" (Power Primordial)[22] che lo rende immune da invecchiamento, malattie o tossine, capace di sopravvivere nello spazio cosmico senza bisogno di respirare, bere, mangiare o dormire, in grado di emettere e manipolare energia cosmica, trasformare o rimodellare la materia[6], levitare e teleportarsi nello spazio, nel tempo[6] o tra le dimensioni[5]. Nonostante i suoi poteri non siano nemmeno lontanamente paragonabili a quelli di Galactus o dell'Intermediario[19][23], il Gran Maestro è uno degli Antichi più potenti, essendo capace di uccidere qualcuno semplicemente desiderandone la morte e di resuscitare i morti[6] a patto che questi siano deceduti da un giorno al massimo e che non siano esseri immortali come lui[24].

Le sue funzioni cerebrali sono largamente superumane, tanto che può calcolare diverse probabilità, raccogliere innumerevoli dati e risolvere problemi nel giro di pochi decimi di secondo, nonché memorizzare milioni di regole di tutti i giochi esistenti nell'Universo. Il Gran Maestro possiede inoltre capacità di percezione extrasensoriale ed un legame psichico con ogni computer del pianeta che gli fa da base.

Grazie a varie macchinazioni contro la Morte gli altri Antichi dell'Universo sono inoltre completamente immortali[10].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  2. ^ (EN) Grandmaster, su Comic Book DB. URL consultato il 21 luglio 2016.
  3. ^ All-New Official Handbook of the Marvel Universe (Vol. 1) n. 5, maggio 2006.
  4. ^ Official Handbook of the Marvel Universe (Vol. 2) n. 5, aprile 1986,
  5. ^ a b Squadron Supreme (Vol. 1) n. 9, maggio 1986.
  6. ^ a b c d e Avengers (Vol. 1) n. 69, ottobre 1969.
  7. ^ Avengers (Vol. 1) n. 70-71, novembre-dicembre 1969.
  8. ^ Giant-Size Defenders (Vol. 1) n. 3, gennaio 1975.
  9. ^ Marvel Super Hero Contest of Champions (Vol. 1) n. 1-3, giugno-agosto 1982.
  10. ^ a b Avengers Annual (Vol. 1) n. 16, ottobre 1987.
  11. ^ Silver Surfer (Vol. 3) n. 4, ottobre 1987.
  12. ^ Silver Surfer (Vol. 3) n. 9, marzo 1988.
  13. ^ Silver Surfer (Vol. 3) n. 10, marzo 1988.
  14. ^ Silver Surfer (Vol. 3) n. 17, novembre 1988.
  15. ^ Quasar (Vol. 1) n. 58, maggio 1994.
  16. ^ JLA/Avengers (Vol. 1) n. 1-4, settembre 2003–aprile 2004.
  17. ^ Thunderbolts (Vol. 1) n. 102-107, luglio-dicembre 2006.
  18. ^ Hulk (Vol. 2) n. 10, aprile 2009.
  19. ^ a b Hulk (Vol. 2) n. 12, luglio 2009.
  20. ^ X-Men: To Serve and Protect (Vol. 1) n. 4, aprile 2011.
  21. ^ Contest of Champions (Vol. 2) n. 1, dicembre 2015.
  22. ^ Silver Surfer (Vol. 3) n. 5, novembre 1987.
  23. ^ Silver Surfer (Vol. 3) n. 18, dicembre 1988.
  24. ^ Marvel Super Hero Contest of Champions (Vol. 1) n. 1, giugno 1982.
  25. ^ http://www.radiotimes.com/news/2017-04-30/the-11-best-easter-eggs-in-guardians-of-the-galaxy-vol-2
  26. ^ https://www.flickeringmyth.com/2017/04/there-are-two-fun-cameos-in-the-credits-of-guardians-of-the-galaxy-vol-2-to-keep-an-eye-out-for/
  27. ^ (EN) Marc Strom, Marvel Studios Confirms Stellar New Cast Members of the Highly Anticipated 'Thor: Ragnarok', su Marvel.com, 20 maggio 2016. URL consultato il 21 maggio 2016.
  28. ^ (EN) Borys Kit, Jeff Goldblum, Karl Urban Join Marvel's 'Thor: Ragnarok', su The Hollywood Reporter, 20 maggio 2016. URL consultato il 15 luglio 2016.
  29. ^ a b (EN) Phil De Semlyen, Jeff Goldblum talks Thor: Ragnarok’s Grandmaster, su Empire, 7 giugno 2016. URL consultato il 15 luglio 2016.
  30. ^ (EN) DisneyXDUK, Ultimate Spider-Man - Contest of Champions! - Official Disney XD UK HD, su You Tube.