Dottor Strange

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dottor Strange
Il Dottor Strange disegnato da Brandon Peterson
Il Dottor Strange disegnato da Brandon Peterson
Universo Universo Marvel
Nome orig. Doctor Strange
Lingua orig. Inglese
Alter ego Stephen Vincent Strange
Soprannome
  • Stregone Supremo
  • Mago Supremo
  • Signore delle Arti Mistiche
  • Maestro delle Arti Mistiche
Autore Steve Ditko
Editore Marvel Comics
1ª app. luglio 1963
1ª app. in Strange Tales (Vol. 1[1]) n. 110
Editore it. Editoriale Corno
app. it. aprile 1970
app. it. in L'Uomo Ragno n. 1
Interpretato da
Voce italiana Alessio Cigliano [3]
Specie umano
Sesso Maschio
Etnia statunitense
Luogo di nascita Filadelfia, Pennsylvania
Data di nascita 18 novembre 1930
Abilità
Affiliazione
Parenti
« Per le venerande schiere di Hoggoth! »
(Tipica esclamazione del Dottor Strange)

Il Dr. Stephen Vincent Strange, o solo Dottor Strange (Doctor Strange), è un personaggio dei fumetti creato da Steve Ditko (testi e disegni) pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione avviene in Strange Tales (Vol. 1[1]) n. 110 (luglio 1963).

Rinomato neurochirurgo la cui carriera viene irreparabilmente distrutta a causa di un incidente d'auto, il Dottor Strange diventa lo "Stregone Supremo", o "Mago Supremo" (Sorcerer Supreme), principale protettore della Terra contro minacce di natura magica e mistica grazie, oltre che alla sua immensa conoscenza di potenti incantesimi e arti occulte, ad un costume equipaggiato con due potenti artefatti magici: la Cappa della Levitazione (Cloak of Levitation) e l'Occhio di Agamotto (Eye of Agamotto). Strange, noto anche come "Signore delle Arti Mistiche" (Master of the Mystic Arts)[4], risiede in un palazzo denominato Sanctum Sanctorum al 177A di Bleecker Street nel Greenwich Village[5] assieme al suo assistente Wong e ad un vasto assortimento di oggetti mistici.

Nella classifica stilata nel 2011 da IGN, si è posizionato al 38º posto come più grande eroe della storia dei fumetti, dopo il Corvo e prima di Ciclope[6].

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Concezione[modifica | modifica wikitesto]

Concepito interamente da Steve Ditko per introdurre un diverso tipo di personaggio nell'Universo Marvel e chiamato "Dr. Strange" in quanto avrebbe dovuto debuttare su Strange Tales, il personaggio è stato presentato con una storia di cinque pagine all'allora redattore capo Stan Lee, che ha quindi scritto una lettera all'esperto di cultura popolare Jerry Bails per chiedere consiglio sul da farsi descrivendolo come un'idea di Ditko[7].

Dopo aver esordito su Strange Tales (Vol. 1[1]) n. 110, datato luglio 1963[8], le avventure del Dottor Strange compaiono anche nell'albo successivo e nel 114 prima che sia narrata la storia delle sue origini sul numero 115 (dicembre 1963). Lee aggiunge inoltre al personaggio elementi narrativi ispirati dal programma radiofonico degli anni trenta Chandu the Magician[9] ed il caratteristico lancio di incantesimi con nomi scioglilingua di cui, per sua stessa ammissione, lo stesso Lee ignora il significato, avendoli composti unicamente per il loro suono "mistico e misterioso"[10].

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal numero 116 di Strange Tales (gennaio 1964)[11] il Dottor Strange compare in tutti gli albi della serie che diviene una delle più popolari tra gli studenti dei college grazie ai surreali paesaggi mistici e alle immagini sempre più allucinogene mostrate da Ditko, tanto che secondo lo storico dei fumetti Mike Benton: «Le storie di Dr. Strange degli anni sessanta hanno costruito una cosmologia coesa che avrebbe entusiasmato qualsiasi teosofo che si rispetti. Gli studenti del college, menti appena aperto a esperienze psichedeliche e misticismo orientale, leggevano le storie del Dr. Strange di Ditko e Lee con la convinzione di un Hare Krishna neo-convertito. Il significato era ovunque, ed i lettori hanno analizzato le storie di Dr. Strange per le loro relazioni con i miti egizi, gli dei sumeri, e gli archetipi junghiani[12]». In merito alle polemiche sul presunto utilizzo di sostanze stupefacenti da parte degli sceneggiatori in quel periodo Roy Thomas ha fermamente negato[13], ad ogni modo la testata ha predetto il fascino della controcultura giovanile del periodo per misticismo e psichedelico[14] venendo tanto apprezzata da far si che lo scrittore George R. R. Martin, notoriamente appassionato di fumetti Marvel Comics, lo abbia definito il suo personaggio preferito elogiando gli archi narrativi del periodo: «Vive ai confini dell'Universo Marvel e protegge il mondo, la nostra dimensione e il nostro piano da pericoli e forze esterne di cui gli altri personaggi come l'Uomo Ragno e i Vendicatori non immaginano nemmeno l’esistenza. È il nostro baluardo contro Cthulhu, i Grandi Antichi e il temibile Dormammu. Quello è il Dottor Strange al suo apice, e Stan Lee e Ditko lo sceneggiavano proprio in questo modo[15]».

Durante la Golden Age Bill Everett succede Ditko come disegnatore di Strange Tales dal numero 147 (agosto 1966) venendo seguito da Marie Severin dal numero 160 (settembre 1967) e Dan Adkins dal 168 (maggio 1968) albo dopo il quale la testata viene ribattezzata Doctor Strange[16] e dedicata interamente al personaggio con storie di 20 pagine per albo[16] sceneggiate da Roy Thomas e disegnate da Gene Colan che, anziché imitare la versione data da Ditko dei mondi ultraterreni in cui sono ambientate le vicende, le altera drasticamente dandone una sua versione costituita per lo più di tenebre e fumo[17]. La serie viene chiusa nel novembre 1969 dopo quindici numeri a causa del relativo calo di vendite[18] ed il personaggio ricompare in seguito sui primi tre numeri di Marvel Feature (dicembre 1971-giugno 1972) che porta alla nascita del gruppo dei Difensori[19], della cui testata Strange diviene comprimario ricevendo nel frattempo anche una serie revival su Marvel Premiere n. 3-14 (luglio 1972-marzo 1974)[20] divenuta celebre poiché, per evita polemiche religiose a causa di un arco narrativo in cui la Creazione viene presentandola come l'opera di uno stregone divenuto onnipotente, Steve Englehart e Frank Brunner hanno scritto una finta lettera di plauso da parte di un pastore texano[21].

Il secondo volume[1] di Doctor Strange, intitolato Doctor Strange: Master of the Mystic Arts è stato pubblicato dal giugno 1974 al febbraio 1987 per un totale di 81 numeri al termine dei quali il personaggio diviene protagonista prima di Strange Tales (Vol. 2) n. 1-19 (aprile 1987-ottobre 1988) e poi di Doctor Strange: Sorcerer Supreme, durata 90 albi (novembre 1988-giugno 1996). Contemporaneamente vengono pubblicate le graphic novel: Doctor Strange: Into Shamballa (1986), Doctor Strange & Doctor Doom: Triumph and Torment (1989), Spider-Man/Dr. Strange: The Way to Dusty Death (1992) e Dr. Strange: What Is It That Disturbs You, Stephen? (1997).

Strange è in seguito protagonista delle miniserie Doctor Strange: The Flight of Bones n. 1-4 (febbraio–maggio 1999), Strange n. 1-6 (novembre 2004-luglio 2005) e Doctor Strange: The Oath n. 1-5 (dicembre 2006-aprile 2007)[22], divenendo inoltre una presenza ricorrente in The Amazing Spider-Man sotto la direzione di J. Michael Straczynski nonché comprimario di New Avengers dal numero 27 della prima serie (aprile 2007) e per tutti i 34 della seconda (agosto 2010-gennaio 2013) per poi divenire una presenza ricorrente nella terza ricoprendo un ruolo centrale nel preludio e durante lo svolgimento del crossover Secret Wars dopodiché, con il rilancio di tutte le testate della casa editrice sotto il marchio All New All Different Marvel, al personaggio viene dedicato un quarto volume[1] omonimo.

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia le avventure del Dottor Strange sono state pubblicate dall'Editoriale Corno a partire dal numero 169 di Doctor Strange (ovvero il primo dopo il cambio di titolo da Strange Tales) sul quattordicinale de L'Uomo Ragno a partire dal numero 1, sebbene talvolta divise in due parti e, anziché completamente a colori, con una pagina a colori e una in bianco e nero. Le storie classiche di Lee e Ditko pubblicate su Strange Tales sono state tradotte solo a partire dal numero 24 de L'Uomo Ragno, serie in cui le storie di Strange continuano ad apparire fino al numero 116 (ottobre 1974). Il secondo volume dedicato al personaggio, così come le sue avventure coi Difensori vengono invece pubblicate prima su Hulk & Difensori e poi su Difensori. Dopo che i diritti editoriali dei personaggi Marvel Comics in Italia passano alla Play Press, le storie del Dottor Strange compaiono sporadicamente in appendice degli albi dal 16 (gennaio 1991) al 32 (maggio 1992) di Silver Surfer e sui numeri 18, 31, 35, 37-49 e 51-60 della serie dedicata a Thor.

Nel momento in cui Panini Comics è diventato il distributore ufficiale della Marvel in Italia, la testata di Doctor Strange, Sorcerer Supreme è stata pubblicata sotto l'etichetta Marvel Italia tra 1994 e 1995 sui numeri 2, 4, 14 e 16 della collana Ghost, su I Fantastici Quattro n. 120 e 122-124 e su Dottor Strange, breve serie di quattro albi più uno speciale edita tra aprile e agosto 1995. Le graphic novel dedicate al personaggio sono state pubblicate sui numeri 34 (agosto 1998), 50 (dicembre 1999) e 52-54 (febbraio-aprile 2000) di Wiz; le successive avventure del personaggio sono state pubblicate sui volumi della collana 100% Marvel finché, nel 2016, per la prima volta nella storia della sua vita editoriale in Italia, gli viene dedicata una serie regolare mensile intitolata Doctor Strange[23].

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Nato il 18 novembre 1930[24][25] a Filadelfia, Pennsylvania, da Eugene e Beverly Strange, nel corso di una vacanza[26]; Stephen cresce in una fattoria nel Nebraska assieme ai genitori, alla sorella Donna e al fratello Victor. A otto anni inizia ad avere violenti incubi causati da incursioni psichiche del Barone Mordo, invidioso poiché consapevole del superiore potenziale magico del bambino rispetto al suo[27], a causa della rigidità paterna e delle umili origini contadine, Stephen determina a nove anni che la sola cosa importante nella vita sia la ricchezza[28] e, incoraggiato dalla sorella, decide di iscriversi alla facoltà di medicina[29] quando però, a diciannove anni, assiste impotente alla morte per annegamento di Donna nel corso di una gita al lago[30], decide di concentrarsi unicamente negli studi laureandosi summa cum laude[28] ma allontanandosi sempre di più dalla famiglia, tanto da non presentarsi al capezzale del padre morente[30] ed avere per questo una brusca discussione col fratello al termine della quale questi muore investito da un'auto davanti ai suoi occhi[31].

Aperta la propria clinica privata a New York[32], negli anni Strange diviene un neurochirurgo assai eminente, ma arrogante, egoista, egocentrico, avido e materialista nonché alcolizzato, donnaiolo[27] e dedito ad un edonismo sfrenato, circondandosi dal lusso grazie alle esorbitanti parcelle che impone ai suoi pazienti[32][30][28][33]. Una notte del 1963[33] tuttavia, guidando ad eccessiva velocità[30] e in stato di ebbrezza[28], Strange rimane vittima di un violento incidente d'auto[32] riportando ferite alle mani tanto gravi che, nonostante l'operazione dell'abile dottor Nicodemus West riesca ad evitare l'amputazione[34], i nervi rimangono irreparabilmente danneggiati[32][35] rendendogli impossibile tornare ad eseguire operazioni chirurgiche. Troppo orgoglioso per accettare una posizione di secondo piano, Strange perde il lavoro e sperpera la propria fortuna tra l'alcol e la vana ricerca di una cura ritrovandosi a vivere in mezzo alla strada[32][28][33].

Dopo aver sentito alcuni marinai parlare di un vecchio eremita noto come l'Antico, apparentemente dotato di poteri taumaturgici soprannaturali, Strange si convince che possa guarirlo e parte dunque per l'Himalaya[32] riuscendo infine a raggiungere il monastero dell'asceta che, tuttavia, dato il suo egoismo, si rifiuta di curarlo offrendogli invece di insegnargli le arti mistiche[32][28][36]. Furioso, Strange si rifiuta ma non riesce a lasciare la montanga a causa di una tempesta e, dunque, si trattiene a sufficienza da scoprire che il Barone Mordo, uno dei discepoli dell'Antico, intende assassinare il maestro e prenderne il posto[32] cosa che lo spinge a tentare di mettere in guardia l'anziano eremita che, pur rivelando di esserne già consapevole, rimane colpito dall'atto disinteressato di Strange cui propone nuovamente di divenire suo apprendista ottenendo, stavolta, una risposta positiva[32][35][37][28][33].

Signore delle Arti Mistiche[modifica | modifica wikitesto]

Sette anni dopo Strange, trovata la serenità interiore e abbracciato uno stile di vita mistico-ascetico[38], fa ritorno negli Stati Uniti per perfezionare la sua padronanza delle arti mistiche[32] e si stabilisce al 177A di Bleecker Street nel Greenwich Village[5], in un vecchio palazzo considerato infestato che decide di chiamare "Sanctum Sanctorum"[37]. Grazie all'aiuto di alcuni artefatti magici donatigli dal suo maestro, come l'Occhio[39] e la Sfera di Agamotto[40] o il Libro dei Vishanti[41], nonché all'aiuto del fedele assistente Wong[39], Strange inizia ad operare come consulente mistico affrontando entità demoniache quali i Possessori[40], Aggamon[42], la Casa delle Ombre[43], Zota di Pergamum[44], KhLΘG[45] nonché l'infido maestro di arti mistiche deciso a fondare la sua setta Kaecilius[46] sebbene i suoi avversari più temibili e ricorrenti siano il signore della Dimensione dei Sogni Incubo[39][41][47], il Barone Mordo, rancoroso ex-discepolo dell'Antico[48][49][50][51] e soprattutto il perfido signore della Dimensione Oscura Dormammu[48][52][53].

Sul finire degli anni settanta incontra Uatu l'Osservatore ed assiste con lui alla disfatta degli eroi dell'epoca, sacrificatisi per respingere un'invasione Skrull, venendo tuttavia rincuorato dall'entità sul fatto che ne sarebbbero presto emersi di nuovi per colmare il vuoto[54]; decenni dopo infatti, Strange ha modo di conoscere e collaborare con i Fantastici Quattro[55], Thor[56][57], l'Uomo Ragno[58][59], i Vendicatori, gli X-Men e Devil[60] partecipando anche al matrimonio tra Mister Fantastic e la Ragazza Invisibile[61].

Contemporaneamente il Dottor Strange incontra entità cosmiche quali Eternità[62] e il Tribunale Vivente[63] iniziando inoltre una complicata relazione sentimentale con la bella nipote di Dormammu, Clea[64][65] che ben presto diviene anche sua discepola. Per sventare la minaccia dell'arma apocalittica nota come Omegatron, Strange riunisce in seguito Namor e Hulk dando origine ai Difensori[66], gruppo non fisso ed eterogeneo di supereroi solitari di cui diviene uno dei membri fondamentali nonché una sorta di leader[67]. Nel frattempo, per salvare il mondo dalla minaccia dell'entità demoniaca Shuma-Gorath, Strange si vede costretto a uccidere il proprio mentore, l'Antico, ereditando da lui la carica di Stregone Supremo (o Mago Supremo) e protettore della Terra[68], ricevendo quindi dalla Morte il dono dell'immortalità che si adatta al suo nuovo ruolo impedendogli di morire per cause naturali[69][30].

Poco tempo dopo la Guerra Kree-Skrull, assieme al Professor X, Mister Fantastic, Freccia Nera, Iron Man e Namor, Strange forma il gruppo segreto degli Illuminati, volto a ideare strategie e prendere decisioni contro minacce di portata cosmica[70].

Stregone Supremo[modifica | modifica wikitesto]

Il peso del suo ruolo di Stregone Supremo, spinge il Dottor Strange a tentare di riportare in vita suo fratello Victor con un incantesimo del Libro dei Vishanti ma, inconsapevolmente, utilizza i Versi Vampirici e, nonostante in un primo momento non sembri ottenere alcun risultato[31], dopo aver collaborato con il gruppo di cacciatori di vampiri noto come Nightstalkers eliminando temporaneamente quasi tutti i vampiri del Pianeta grazie alla Formula di Montesi[71] ironicamente Victor resuscita in forma di vampiro adottando prima i panni di secondo Barone Seangue[72] e poi di Khiron[37] decidendo infine di suicidarsi per non soccombere alla sete di sangue[37], evento che segna profondamente Strange.

Nel frattempo Clea è costretta a far ritorno alla Dimensione Oscura dopo aver guidato una rivolta deponendo sua madre Umar[73], mentre la collezione di artefatti magici del dottore viene apparentemente distrutta assieme al Sanctum Sanctorum in uno scontro con l'entità aliena paradimensionale Urthona[74], evento che spinge il Signore delle Arti Mistiche ad apprendere la magia nera per non trovarsi impreparato contro minacce future[75] sconfiggendo così nuovamente Shuma-Gorath[76], scoprendo che Agamotto ha in realtà salvato tutti i suoi artefatti e ricongiungendosi con Clea, che poco dopo diviene sua moglie[77], sebbene col tempo il loro rapporto si deteriori portandoli a separarsi[78].

Strange manipola inoltre Morbius[79], Ghost Rider[80] e Blaze[81] portando alla formazione dei Figli della Mezzanotte per affrontare Lilith[82][83]. Dopo essersi rifiutato di combattere una guerra cosmica in nome dei Vishanti, le entità che danno potere ai suoi incantesimi, Strange viene spogliato di gran parte dei suoi poteri e della nomina di Stregone Supremo[84] sperimentando tuttavia nuove tipologie di sortilegi[85] e trovando una nuova fonte di potere nella magia del caos, cosa che lo porta a riguadagnare il titolo[86]. Durante questo periodo Strange prende sotto la sua ala un giovane apprendista mago celtico di nome Kyllian[87] che però abbandona i suoi insegnamenti diventando un agente del caos[88].

Successivamente il Dottor Strange si riunisce coi Difensori originali per affrontare Dormammu e Yandroth, evento che provoca il realizzarsi di un'antica maledizione posta sul gruppo dal loro primo avversaio, che li porta a divenire mentalmente instabili ribattezzandosi "L'Ordine" /The Order) e tentando di eradicare il male dalla Terra fino a che Clea e un gruppo di suoi alleati (Valchiria, Hellcat, Nottolone, Namorita, She-Hulk e Ardina) riescono a sconfiggerli riportandoli alla ragione[89]. Segnato da tale esperienza, Strange decide di prendersi un periodo di pausa dalla comunità supereroistica ritirandosi a meditare ma, poco dopo, ritorna in attività[90] tentando perfino di far rinsavire Scarlet dal catastrofico esaurimento nervoso che ha provocato lo scioglimento dei Vendicatori, senza però ottenere risultati e trovandosi intrappolato nella riscrittura della realtà operata dalla donna[91], sebbene poi, come vari altri supereroi, recuperi i ricordi della sua vita precedente grazie alla mutante Layla Miller[92] e si rechi a Genosha per costringere Scarlet a risistemare il mondo dando origine a una battaglia nel corso della quale Magneto uccide Quicksilver e la donna, in preda allo shock, fa tornare il mondo com'era togliendo però i poteri al 90% dei mutanti[93], evento che viene battezzato "M-Day"[94] e considerato da Strange al pari di un fallimento personale in quanto il suo compito consiste proprio nel prevenire simili danni alla struttura della realtà[93].

Civil War[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Civil War (fumetto).

Allo scoppio della guerra civile tra superumani pro e contro l'Atto di Registrazione dei Superumani, il Dottor Strange decide di non schierarsi ritenendo che nessuna delle due parti detenga completamente la ragione e che sia ingiusto utilizzare i suoi immensi poteri per decidere arbitrariamente il destino di tutti gli eroi, motivo per cui si ritira in digiuno e meditazione al polo nord affinché la vittoria arrida "all'umanità"[95].

Terminato il conflitto, nonostante gli venga concessa l'immunità alla Registrazione[96] in quanto la sua identità è da sempre di dominio pubblico, decide di entrare in clandestinità unendosi ai Nuovi Vendicatori, cui offre di usare come quartier generale il suo Sanctum Sanctorum camuffandolo magicamente da Starbucks in costruzione[97]. Nel corso di una missione in Giappone per salvare Maya Lopez dalle grinfie di Elektra e della Mano, Strange viene pugnalato dalla ragazza poiché controllata dalla setta ninja[98], ma riesce a salvarsi e a liberarla[99]. Quando Zia May viene colpita da un proiettile destinato a lui, l'Uomo Ragno chiede aiuto a Strange per salvarle la vita con la magia ma questi dichiara che un simile utilizo dei suoi poteri non è possibile[100].

Durante l'invasione di Hulk a Manhattan, Strange è uno degli obbiettivi del Golia Verde, che dopo aver tentato invano di far ragionare affronta sul piano fisico col potente demone extra-dimensionale Zom[101] venendo sconfitto poiché incapace di controllarne il potere oscuro, imprigionato in un Colosseo e successivamente liberato da Sentry, il quale ingaggia Hulk in una dura lotta dando a Stark il tempo di armare un satellite che, tramite una raffica laser, regredisce il Gigante di Giada alla sua forma umana permettendone l'arresto[102].

Secret Invasion e Dark Reign[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Secret Invasion e Dark Reign.

Dopo aver intuito che la Terra è sotto assedio dagli Skrull, infiltratisi da anni tra gli eroi grazie ai loro poteri mutaforma, gli Illuminati si riuniscono per far fronte al pericolo scoprendo però che anche uno di loro, Freccia Nera, è un impostore alieno; cosa che porta i membri del gruppo a dividersi decidono di trovare ognuno da sé una soluzione alla faccenda[103]. Nonostante l'invasione venga respinta[104], approfittando della tensione generatasi Hood e i suoi uomini attaccano i Nuovi Vendicatori nel Sanctum Sanctorum costringendo il Dottor Strange a servirsi di un quantitativo immenso di magia nera per sconfiggerlo, rischiando quasi di ferire i propri compagni[105] e non riuscendo a scongiurare la distruzione della sua dimora, evento che lo porta a decidere di lasciare il gruppo decretando di aver fallito il suo compito[106] e lasciando la Cappa della Levitazione, l'Occhio di Agamotto e il titolo di Stregone Supremo a Fratello Voodoo[107], che tuttavia muore poco tempo dopo la nomina lasciando il ruolo vacante[108].

In questo periodo Strange viene contattato da Thor affinché lo aiuti a riparare Mjolnir, danneggiato in battaglia, richiesta che riesce a soddisfare infondendo tuttavia l'anima del "Dio del Tuono" nel martello legandoli così indisolubilmente[109].

Mosso dal senso di colpa per la morte di Voodoo, il Dottor Strange torna tra le file dei Nuovi Vendicatori[110] assistendoli in varie missioni finché, nel momento in cui il fantasma di Daniel Drumm attacca gli eroi possedendoli uno alla volta[111] egli riesce a sconfiggerlo utilizzando la magia nera senza tuttavia rimanerne corrotto, cosa che, unita alla sua ferma volontà di combattere per la Terra, lo porta a venire nuovamente insignito del titolo di Stregone Supremo direttamente dall'immagine astrale dell'Antico[112].

Incursioni[modifica | modifica wikitesto]

Quando Pantera Nera assiste a una "incursione", ossia la collisione di due universi, gli Illuminati si riuniscono nuovamente pronosticando che tale fenomeno rappresenti una minaccia imminente anche per il loro mondo[113] e, per poter trovare una soluzione, arrivano a prendere in considerazione l'idea di distruggere altri mondi[114]; contemporaneamente Thanos e il suo Ordine Nero attaccano la Terra per uccidere il suo ultimo discendente e recuperare le Gemme dell'Infinito venendo respinti da Strange e il resto degli Illuminati[115]. Stanco di osservare gli altri prendere decisioni catastrofiche, il Dottor Strange decide di prendere la situazione nelle sue mani stringendo patti con entità demoniache ed attingendo dagli incantesimi più oscuri[116] per poi abbandonare la Terra e recarsi alla "Libreria dei Mondi"[117] dove si imbatte nel Dottor Destino[118], intenzionato a distruggere gli Arcani ed impadronirsi della loro onnipotenza grazie a Molecola[119]. Piano che completa con successo pochi istanti prima dell'incursione finale tra Terra 616 e Terra 1610[120].

Ricreato dalle ceneri del Multivero un enorme planetoide composto da frammenti di altre realtà, "Battleworld", il Dio-Imperatore Destino nomina Strange suo braccio destro e sceriffo[121] ma, quando gli eroi di Terra 616 sopravvissuti alla distruzione grazie ad una speciale capsula di salvataggio vengono liberati dalla stasi e insorgono[122], egli si schiera dalla loro parte venendo pertanto ucciso da Destino[123].

Nuovissimo Universo Marvel[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: All New All Different Marvel.

Con la rinascita del multiverso, il Dottor Strange viene resuscitato[124], completamente immemore di quanto accaduto, e torna a svolgere il suo compito di consulente mistico nel riedificato Sanctum Sanctorum[125] iniziando a servirsi di frequente, durante le battaglie, di un artefatto incantato noto come "Ascia di Angarruumus"[126].

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Il Dottor Strange è considerato il più potente mago della Terra[127] ed Eternità lo ha definito il più potente dei mortali[128]. I suoi poteri derivano principalmente dalla connessione coi Vishanti[129], un trittico di entità mistiche onnipotenti (Agamotto, Oshtur e Hoggoth) che insigniscono il loro campione il titolo di "Stregone Supremo", o "Mago Supremo" (Sorcerer Supreme), consentendogli di attingere al loro potere per manipolare le leggi della natura o della realtà a suo piacimento, diventare intangibile, trasmutare la materia, emettere energia, generare campi di forza, modificare le leggi spaziotemporali, spostarsi tra le dimensioni parallele o bandirvi qualsiasi creatura, comunicare telepaticamente, ipnotizzare qualunque essere vivente, teletrasportarsi, generare illusioni, spostare gli oggetti col pensiero, conferire poteri a persone, animali o cose, proiettare la sua forma astrale e perfino creare corpi celesti; tuttavia è in grado di invocare anche altre entità, quali Cyttorak, Farallah, Ikonn, Krakkan, Raggadorr, Valtorr e Watoomb, utilizzandone gli attributi soprannaturali per dare potere ai suoi incantesimi[130] nonché di servirsi, qualora necessario, sia della magia del caos[86] che della magia nera[75] risultando in grado di padroneggiarla senza lasciarsi consumare[112]. Grazie a un dono fattogli dalla Morte poco dopo la sua nomina a Stregone Supremo inoltre, Strange è virtualmente immortale[69][30].

Oltre ai suoi immensi poteri magici, Strange è un eccellente medico specializzato di neurochirurgia (almeno prima del suo incidente)[32], un grande esperto di combattimento corpo a corpo[131] ed arti marziali quali il judo[132], nonché nell'uso di armi bianche come spade o asce[74].

Il costume del Dottor Strange comprende due artefatti mistici che gli conferiscono poteri aggiuntivi:

  • l'Occhio di Agamotto (Eye of Agamotto)[39][133], incastonato nell'omonimo amuleto sul suo petto, genera la cosiddetta "luce della verità" (all-revealing light) capace di dissipare menzogne e illusioni, inoltre permette di amplificare il potere della mente, rivedere vividamente eventi passati e aprire portali dimensionali.
  • la Cappa della Levitazione (Cloak of Levitation)[134] consente a chi la indossa di volare e può venire utilizzata come "braccio aggiuntivo" in quanto risponde direttamente ai pensieri del suo proprietario.

Nel suo impenetrabile Sanctum Sanctorum, Strange possiede inoltre una vasta collezione di oggetti magici, tra cui i più significativi sono una speciale sfera di cristallo, la Sfera di Agamotto (Orb of Agamotto)[40], uno scettro capace di assorbire ed incrementare l'energia mistica chiamato Asta di Watoomb (Wand of Watoomb)[135], un potente grimorio noto come Libro dei Vishanti (Book of the Vishanti)[41] e l'Ascia di Angarruumus (Axe of Angarruumus)[126].

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

1602[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: 1602 (fumetto).

In 1602, Sir Stephen Strange è contemporaneamente il mago e il medico della corte di Regina Elisabetta I, giustiziato per stregoneria in seguito alla morte della regina, la sua testa viene mantenuta in vita grazie alla moglie Clea. Il suo personaggio è ispirato a John Dee[136].

2099[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Marvel 2099.

Nel futuro di Marvel 2099, lo Stregone Supremo è una giovane donna che si fa chiamare "Strange", la quale tuttavia risulta estremamente inesperta nell'uso dei propri poteri[137].

Age of X[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Age of X.

Nel crossover Age of X, il Dottor Strange si finge un cacciatore di mutanti a pagamento ma, in realtà, lavora per la resistenza al servizio diretto di Magneto[138].

Amalgam[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Amalgam Comics e Personaggi Amalgam Comics.

Nell'universo Amalgam, il Mago Supremo è il Dottor Strangefate (fusione tra il Dottor Strange della Marvel e il Dottor Fate della DC Comics) il cui alter ego è Charles Xavier[139].

Bullet Points[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Bullet Points.

Nella miniserie Bullet Points, in seguito al suo incidente il dottor Stephen Strange va a lavorare per lo S.H.I.E.L.D. chiedendo che gli guariscano le mani, richiesta cui gli scienziati dell'agenzia acconsentono impiantandogli inoltre degli artigli di adamantio tra le nocche[140].

The End[modifica | modifica wikitesto]

In Fantastic Four: The End, Strange e Clea hanno una figlia, chiamata come la madre e che ha ereditato il titolo del padre[141].

Exiles[modifica | modifica wikitesto]

Sulla testata Exiles ha fatto la sua apparizione una versione alternativa del Dottor Strange proveniente dalla Terra-59661 dove è un rinomato neurochirurgo specializzato in superumani[142] che viene ucciso da Deadpool[143].

Guardiani della Galassia[modifica | modifica wikitesto]

Nella linea temporale dei Guardiani della Galassia, Strange ha assunto il titolo di Antico e preso sotto la su ala un discepolo, Krugarr[144]. In seguito viene uccido da Dormammu e vendicato dal pupillo[145].

Marvel Zombi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Marvel Zombi.

In Marvel Zombi Strange è inizialmente uno dei superstiti alla piaga zombie e fa parte della resistenza guidata da Nick Fury[146] ma, in seguito, viene infettato[147] e ucciso da Ultron[148].

MC2[modifica | modifica wikitesto]

Nel futuro alternativo di MC2, il Dottor Strange si è ritirato lasciando il titolo di Stregone Supremo al giovane Doc Magus[149].

Spider-Ham[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Spider-Ham.

Nell'universo di Spider-Ham è presente una parodia del personaggio: Croctor Strange[150].

Terra X[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Terra X (fumetto).

Nella realtà alternativa di Terra X, il Dottor Strange viene ucciso da Clea per ordine di Loki, ma la sua forma astrale continua ad esistere come una sorta di spettro[151].

Ultimate[modifica | modifica wikitesto]

Nell'universo Ultimate il Dottor Strange è misteriosamente e letteralmente scomparso poco tempo dopo aver sposato la sua ex-studentessa Clea, che ha quindi cresciuto loro figlio Stephen Strange, Jr. lontano dal mondo della magia finché, durante il suo ultimo anno di college, il ragazzo viene avvicinato da Wong e messo al corrente della verità divenendo poi un guru new age per gente ricca, potete e famosa, noto al pubblico come "Dr. Strange" nonostante non abbia completato gli studi[152]. Pur comparendo di frequente in svariati talk show, venendo trattato da celebrità ed avendo pubblicato un libro sulla propria vita[153] la sua effettiva conoscenza di magia è oltremodo scarsa tanto che, quando combatte al fianco di qualche supereroe, riesce a salvarsi più per fortuna che per abilità[152][154]. Nel corso dei fatti di Ultimatum, Hulk rade al suolo il Sanctum Sanctorum[155] e il giovane viene brutalmente assassinato da Dormammu[156], sebbene in seguito una figura misteriosa ritrovi il suo cadavere producendo una strana luce magica.

What If?[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio è stato reinventato in due scenari della serie fuori continuity What If?:

  • Nel primo, che immagina cosa sarebbe successo se fosse diventato discepolo di Dormammu, Strange riesce a guarire le sue mani dopo l'incidente grazie al Barone Mordo ma viene poi privato della licenza medica con l'accusa di negligenza a causa del suo comportamento, cosa che lo spinge a giurare fedeltà al Signore della Dimensione Oscura divenendo il suo pupillo nonché l'amante di Umar finché, affrontando l'Antico, realizza i suoi sbagli e diventa suo allievo[157].
  • Nel secondo, che immagina cosa sarebbe successo se il Dottor Strange non fosse mai diventato il Signore delle Arti Mistiche, il titolo di Stregone Supremo viene assegnato a Mordo, che si allea con Dormammu e Incubo per conquistare la Terra[158].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Il Dottor Strange interpretato da Benedict Cumberbatch nell'omonimo film

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  2. ^ Dr. Strange
  3. ^ a b Doctor Strange
  4. ^ Defenders: Strange Heroes (Vol. 1) n. 1, febbraio 2012.
  5. ^ a b (EN) Peter Sanderson, The Marvel Comics Guide to New York City, New York, Pocket Books, 2007, pp. 24–27, ISBN 1-4165-3141-6.
  6. ^ (EN) Dr. Strange - Top 100 Comic Book Heroes, su IGN. URL consultato il 15 agosto 2016.
  7. ^ (EN) Stan Lee letter to Jerry Bails, January 9, 1963 (first paragraph of P.S.), The Comic Reader n. 16, 23 febbraio 1963. URL consultato il 15 agosto 2016.
  8. ^ (EN) Tom DeFalco e Laura Gilbert, 1960s, in Marvel Chronicle A Year by Year History, Dorling Kindersley, 2008, p. 88, ISBN 978-0-7566-4123-8.
  9. ^ (EN) Les Daniels, Marvel: Five Fabulous Decades of the World's Greatest Comics, Harry N. Abrams, 1991, p. 99, ISBN 978-0-8109-3821-2.
  10. ^ (EN) Thomas Roy, Stan Lee's Amazing Marvel Interview!, in Alter Ego, nº 104, New York, TwoMorrows Publishing, agosto 2011, pp. 32.
  11. ^ (EN) Tom Brevoort, Tom DeFalco e Matthew Manning, Marvel Chronicle: A Year by Year History, Dorling Kindersley, 2008, p. 93, ISBN 978-0-7566-4123-8.
  12. ^ (EN) Mike Benton, Superhero Comics of the Silver Age: The Illustrated History, Dallas, Taylor Publishing Company, 1991, pp. 63.
  13. ^ (EN) Robin Green, Face Front! Clap Your Hands, You're on the Winning Team!, in Rolling Stone, nº 91, 16 settembre 1971. URL consultato il 14 settembre 2011.
  14. ^ (EN) Bradford W. Wright, Comic Book Nation: The Transformation of Youth Culture in America, Baltimora, Johns Hopkins University Press, settembre 2003, pp. 213, ISBN 978-0-8018-7450-5.
  15. ^ Fiorenzo Delle Rupi, George R.R. Martin avrebbe potuto scrivere Dottor Strange, su badcomics.it, 23 dicembre 2014.
  16. ^ a b Brevoort, DeFalco & Manning "1960s" Marvel Chronicle: A Year by Year History p. 128
  17. ^ (EN) Tom Field, Secrets in the Shadows: The Art & Life of Gene Colan, Raleigh, Carolina del Nord, TwoMorrows Publishing, 2005, pp. 79–80, ISBN 978-1-893905-45-0.
  18. ^ (EN) Thomas, So You Want a Job, Eh? The Gene Colan Interview, in Alter Ego, nº 6, New York, TwoMorrows Publishing, 2000, pp. 13-14.
  19. ^ Brevoort, DeFalco & Manning "1960s" Marvel Chronicle: A Year by Year History p. 150
  20. ^ Brevoort, DeFalco & Manning "1970s" Marvel Chronicle: A Year by Year History p. 156
  21. ^ (EN) Brian Cronin, Comic Book Urban Legends Revealed #30, su Comic Book Resources, 22 dicembre 2005. URL consultato il 26 dicembre 2008.
  22. ^ Brevoort, DeFalco & Manning "2000s" Marvel Chronicle: A Year by Year History p. 323
  23. ^ (EN) Davide Tessera, Panini, La Nuovissima Marvel: un mensile per Doctor Strange di Aaron e Bachalo, su badcomics.it, 16 maggio 2016. URL consultato il 16 agosto 2016.
  24. ^ Doctor Strange (Vol. 1) n. 176, gennaio 1969.
  25. ^ Official Handbook of the Marvel Universe (Vol. 4) n. 10, febbraio 2005.
  26. ^ Official Handbook of the Marvel Universe (Vol. 1) n. 3, marzo 1983.
  27. ^ a b Doctor Strange, Sorcerer Supreme (Vol. 1) n. 84-85, dicembre 1995-gennaio 1996.
  28. ^ a b c d e f g Uncanny Origins (Vol. 1) n. 12, agosto 1997.
  29. ^ The Order (Vol. 1) n. 6, settembre 2002.
  30. ^ a b c d e f Doctor Strange, Sorcerer Supreme (Vol. 1) n. 45, settembre 1992.
  31. ^ a b Doctor Strange, Sorcerer Supreme (Vol. 1) n. 11, dicembre 1989.
  32. ^ a b c d e f g h i j k Strange Tales (Vol. 1) n. 115, dicembre 1963.
  33. ^ a b c d Doctor Strange: The Oath (Vol. 1) n. 1, dicembre 2006.
  34. ^ Doctor Strange: The Oath (Vol. 1) n. 2, gennaio 2007.
  35. ^ a b Doctor Strange (Vol. 1) n. 169, giugno 1968.
  36. ^ Mystic Hands of Dr. Strange (Vol. 1) n. 1, maggio 2010.
  37. ^ a b c d Doctor Strange, Sorcerer Supreme (Vol. 1) n. 56, agosto 1993.
  38. ^ Defenders (Vol. 1) n. 107, maggio 1982.
  39. ^ a b c d Strange Tales (Vol. 1) n. 110, luglio 1963.
  40. ^ a b c Strange Tales (Vol. 1) n. 118, marzo 1964.
  41. ^ a b c Strange Tales (Vol. 1) n. 116, gennaio 1964.
  42. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 119, aprile 1964.
  43. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 120, maggio 1964.
  44. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 124, settembre 1964.
  45. ^ Strange Tales (Vol. 3) n. 1, novembre 1994.
  46. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 130, marzo 1965.
  47. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 122, luglio 1964.
  48. ^ a b Strange Tales (Vol. 1) n. 111, agosto 1963.
  49. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 114, novembre 1963.
  50. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 117, febbraio 1964.
  51. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 121, giugno 1964.
  52. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 126-127, novembre-dicembre 1964.
  53. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 131-141, aprile 1965-febbraio 1966.
  54. ^ Marvel: The Lost Generation (Vol. 1) n. 12, marzo 2000.
  55. ^ Fantastic Four (Vol. 1) n. 27, giugno 1964.
  56. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 123, agosto 1964.
  57. ^ Journey into Mystery (Vol. 1) n. 108, settembre 1964.
  58. ^ Amazing Spider-Man Annual (Vol. 1) n. 1, ottobre 1964.
  59. ^ Untold Tales of Spider-Man Strange Encounter (Vol. 1) n. 1, giugno 1998.
  60. ^ Untold Tales of Spider-Man Annual (Vol. 1) n. 1997, giugno 1997.
  61. ^ Fantastic Four Annual (Vol. 1) n. 3, ottobre 1965.
  62. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 138, novembre 1965.
  63. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 157, giugno 1967.
  64. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 146, luglio 1966.
  65. ^ Doctor Strange (Vol. 1) n. 180, maggio 1969.
  66. ^ Marvel Feature (Vol. 1) n. 1, dicembre 1971.
  67. ^ Defenders (Vol. 1) n. 1, agosto 1972.
  68. ^ Marvel Premiere (Vol. 1) n. 10, settembre 1973.
  69. ^ a b Doctor Strange (Vol. 2) n. 4, ottobre 1974.
  70. ^ New Avengers: Illuminati (Vol. 1) n. 1, giugno 2006.
  71. ^ Doctor Strange (Vol. 2) n. 56-62, dicembre 1982-1983.
  72. ^ Doctor Strange, Sorcerer Supreme (Vol. 1) n. 13-14, gennaio-febbraio 1990.
  73. ^ Doctor Strange (Vol. 2) n. 73-74, ottobre-dicembre 1985.
  74. ^ a b Doctor Strange (Vol. 2) n. 79, ottobre 1986.
  75. ^ a b Strange Tales (Vol. 2) n. 9-10, dicembre 1987-gennaio 1988.
  76. ^ Strange Tales (Vol. 2) n. 16-17, luglio-agosto 1988.
  77. ^ Doctor Strange, Sorcerer Supreme (Vol. 1) n. 3, marzo 1989.
  78. ^ Doctor Strange, Sorcerer Supreme (Vol. 1) n. 50, febbraio 1993.
  79. ^ Morbius: The Living Vampire (Vol. 1) n. 1, settembre 1992.
  80. ^ Ghost Rider (Vol. 3) n. 28, agosto 1992.
  81. ^ Spirits of Vengeance (Vol. 1) n. 1, agosto 1992.
  82. ^ Darkhold: Pages from the Book of Sins (Vol. 1) n. 1, ottobre 1992.
  83. ^ Nightstalkers (Vol. 1) n. 1, novembre 1992.
  84. ^ Doctor Strange, Sorcerer Supreme (Vol. 1) n. 48-49, dicembre 1992-gennaio 1993.
  85. ^ Doctor Strange, Sorcerer Supreme (Vol. 1) n. 60-75, dicembre 1993-marzo 1995.
  86. ^ a b Doctor Strange, Sorcerer Supreme (Vol. 1) n. 80, agosto 1995.
  87. ^ Doctor Strange, Sorcerer Supreme Annual (Vol. 1) n. 3, giugno 1994.
  88. ^ Doctor Strange, Sorcerer Supreme (Vol. 1) n. 77, maggio 1995.
  89. ^ The Order (Vol. 1) n. 1-6, aprile-settembre 2002.
  90. ^ Witches (Vol. 1) n. 1-4, agosto-settembre 2004.
  91. ^ House of M (Vol. 1) n. 1, agosto 2005.
  92. ^ House of M (Vol. 1) n. 5, ottobre 2005.
  93. ^ a b House of M (Vol. 1) n. 8, novembre 2005.
  94. ^ Decimation: House of M (Vol. 1) n. 1, gennaio 2006.
  95. ^ Civil War (Vol. 1) n. 6, febbraio 2007.
  96. ^ Civil War Files (Vol. 1) n. 1, settembre 2006.
  97. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 26, gennaio 2007.
  98. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 30, luglio 2007.
  99. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 31, agosto 2007.
  100. ^ Friendly Neighborhood Spider-Man (Vol. 1) n. 24, novembre 2007.
  101. ^ World War Hulk (Vol. 1) n. 3, ottobre 2007.
  102. ^ World War Hulk (Vol. 1) n. 7, gennaio 2008.
  103. ^ New Avengers: Illuminati (Vol. 1) n. 5, gennaio 2008.
  104. ^ Secret Invasion (Vol. 1) n. 8, gennaio 2009.
  105. ^ New Avengers Annual (Vol. 1) n. 2, febbraio 2008.
  106. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 51, maggio 2009.
  107. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 53-55, luglio-settembre 2009.
  108. ^ New Avengers (Vol. 2) n. 6, gennaio 2011.
  109. ^ Thor (Vol. 1) n. 602, agosto 2009.
  110. ^ New Avengers (Vol. 2) n. 7, febbraio 2011.
  111. ^ New Avengers (Vol. 2) n. 31-33, dicembre 2012-gennaio 2013.
  112. ^ a b New Avengers (Vol. 2) n. 34, gennaio 2013.
  113. ^ New Avengers (Vol. 3) n. 1, marzo 2013.
  114. ^ New Avengers (Vol. 3) n. 3, aprile 2013.
  115. ^ Infinity (Vol. 1) n. 6, gennaio 2014.
  116. ^ New Avengers (Vol. 3) n. 14, aprile 2014.
  117. ^ New Avengers (Vol. 3) n. 27, gennaio 2015.
  118. ^ New Avengers (Vol. 3) n. 31, maggio 2015.
  119. ^ New Avengers (Vol. 3) n. 33, giugno 2015.
  120. ^ Secret Wars (Vol. 1) n. 1, luglio 2015.
  121. ^ Secret Wars (Vol. 1) n. 2, luglio 2015.
  122. ^ Secret Wars (Vol. 1) n. 3, agosto 2015.
  123. ^ Secret Wars (Vol. 1) n. 4, agosto 2015.
  124. ^ All-New, All-Different Marvel Universe (Vol. 1) n. 1, maggio 2016.
  125. ^ Doctor Strange (Vol. 4) n. 1, dicembre 2015.
  126. ^ a b Doctor Strange (Vol. 4) n. 3, febbraio 2016.
  127. ^ The Defenders (Vol. 1) n. 11, dicembre 1973.
  128. ^ Marvel Fanfare (Vol. 1) n. 41, dicembre 1988.
  129. ^ Marvel Premiere (Vol. 1) n. 5, novembre 1972.
  130. ^ Doctor Strange, Sorcerer Supreme (Vol. 1) n. 36, dicembre 1991.
  131. ^ Dr. Strange: From the Marvel Vault (Vol. 1) n. 1, aprile 2011.
  132. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 141, febbraio 1966.
  133. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 128, gennaio 1965.
  134. ^ Strange Tales (Vol. 1) n. 127, dicembre 1964.
  135. ^ Amazing Spider-Man Annual (Vol. 1) n. 2, ottobre 1965.
  136. ^ Marvel 1602 (Vol. 1) n. 1, novembre 2003.
  137. ^ Spider-Man 2099 (Vol. 1) n. 32, giugno 1995.
  138. ^ Age of X Universe (Vol. 1) n. 2, giugno 2011.
  139. ^ Doctor Strangefate (Vol. 1) n. 1, aprile 1996.
  140. ^ Bullet Points (Vol. 1) n. 4, aprile 2007.
  141. ^ Fantastic Four: The End (Vol. 1) n. 1, novembre 2006.
  142. ^ Exiles (Vol. 1) n. 66, settembre 2005.
  143. ^ Exiles (Vol. 1) n. 67, settembre 2005.
  144. ^ Guardians of the Galaxy (Vol. 1) n. 19, dicembre 1991.
  145. ^ Guardians of the Galaxy (Vol. 1) n. 36-37, maggio-giugno 1993.
  146. ^ Marvel Zombies - Dead Days (Vol. 1) n. 1, luglio 2007.
  147. ^ Marvel Zombies Vs. Army of Darkness (Vol. 1) n. 5, settembre 2007.
  148. ^ Marvel Zombies 3 n. 3, febbraio 2009.
  149. ^ A-Next (Vol. 1) n. 3, dicembre 1998.
  150. ^ Peter Porker, the Spectacular Spider-Ham (Vol. 1) n. 4, novembre 1985.
  151. ^ Earth X (Vol. 1) n. 0, marzo 1999.
  152. ^ a b Ultimate Marvel Team-Up (Vol. 1) n. 12, marzo 2002.
  153. ^ Ultimate Spider-Man (Vol. 1) n. 70, febbraio 2005.
  154. ^ Ultimate Spider-Man (Vol. 1) n. 107, maggio 2007.
  155. ^ Ultimatum: Fantastic Four Requiem (Vol. 1) n. 1, settembre 2009.
  156. ^ Ultimatum (Vol. 1) n. 4, agosto 2009.
  157. ^ What If? (Vol. 1) n. 18, dicembre 1979.
  158. ^ What If? (Vol. 1) n. 40, agosto 1983.
  159. ^ a b (EN) J. B. Pauls, The Rewind: Doctor Mordrid, su Living Myth Magazine. URL consultato il 9 maggio 2014.
  160. ^ (EN) Dennis Fischer, Science Fiction Film Directors, 1895-1998, McFarland & Company, 17 giugno 2011, p. 88, ISBN 978-0-7864-8505-5.
  161. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Doctor Mordrid, in Fantafilm.
  162. ^ (EN) The Doctor is In: Doctor Strange DVD and Blu-Ray in Stores Now, su Marvel Comics, 14 agosto 2007. URL consultato il 3 marzo 2013.
  163. ^ (EN) Benedict Cumberbatch to Play Doctor Strange, su Marvel.com, 4 dicembre 2014. URL consultato l'8 novembre 2015.
  164. ^ (EN) Lucas Siegel, Marvel Announces Black Panther, Captain Marvel, Inhumans, Avengers: Infinity War Films, Cap & Thor 3 Subtitles, su Newsarama, 28 ottobre 2014. URL consultato il 28 ottobre 2014.
  165. ^ (EN) Benedict Cumberbatch Plays Edmund Talbot, su BBC, 19 maggio 2005. URL consultato l'8 novembre 2015.
  166. ^ (EN) Barbara Chai, Benedict Cumberbatch on the Spirituality of Doctor Strange, the Beauty of Alan Turing and the Bile of Richard III, su The Wall Street Journal, 5 gennaio 2015. URL consultato l'8 novembre 2015.
  167. ^ (EN) Clark Collins, This Week's Cover: Benedict Cumberbatch casts a spell as Doctor Strange in EW's First Look issue, su Entertainment Weekly, 28 dicembre 2015.
  168. ^ (EN) Mike Ryan, The Bizarre Case of the 1978 Doctor Strange Movie, screencrush.com, 4 giugno 2014.
  169. ^ (EN) Listings - Marvel's Hulk And The Agents Of S.M.A.S.H. On Disney Xd, su The Futon Critic. URL consultato il 10 marzo 2014.
  170. ^ (EN) Thom Denick, Marvel Ultimate Alliance: Signature Series Guide, Indianapolis, Indiana, Brady Games, 2006, pp. 44–45, ISBN 0-7440-0844-1.
  171. ^ (EN) Brendan Sinclair, Ultimate Marvel vs. Capcom 3 roster leaked, su Gamespot.com, 20 luglio 2011. URL consultato il 3 marzo 2013.
  172. ^ (EN) Robert G. Weiner, Marvel Graphic Novels and Related Publications: An Annotated Guide to Comics, Prose Novels, Children's Books, Articles, Criticism and Reference Works, 1965-2005, McFarland & Company, 2008, p. 280, ISBN 978-0-7864-2500-6.
  173. ^ (EN) Jeff Christiansen, Marvel Novels, su The Appendix to the Handbook of the Marvel Universe.
  174. ^ (EN) Randy Duncan e Matthew J. Smith, Power of Comics: History, Form and Culture, Continuum International Publishing Group, 2009, p. 52, ISBN 978-0-8264-2935-3.
  175. ^ (EN) Brian Cronin, Comic Book Urban Legends Revealed #144, su ComicBookResources.com, 29 febbraio 2008. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  176. ^ (EN) Amy Grant Sues Marvel, in The Comics Journal, nº 136, Fantagraphics Books, luglio 1990.
  177. ^ (EN) Plus Entertainment, Chicago Sun-Times, 9 aprile 1990. URL consultato il 6 dicembre 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]