The Amazing Spider-Man

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Amazing Spider-Man)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Amazing Spider-Man (disambigua).
The Amazing Spider-Man
fumetto
Amazing Spider-Man (Kirby-Ditko).jpg
The Amazing Spider-Man n. 1 nella versione italiana
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
TestiStan Lee, Gerry Conway, Archie Goodwin, Len Wein, Bill Mantlo, David Michelinie, J.M. DeMatteis, Tom DeFalco, Dan Slott
DisegniSteve Ditko
EditoreMarvel Comics
1ª edizionemarzo 1963 – dicembre 2012
Periodicitàvariabile, prevalentemente mensile
Albi700 (completa)

The Amazing Spider-Man è una serie a fumetti edita negli Stati uniti dalla Marvel Comics in cui vengono pubblicate le storie dell'Uomo Ragno; ha esordito nel marzo del 1963 presentando nel primo numero la seconda storia in assoluto del personaggio.[1][2] Nonostante negli anni siano nate altre collane dedicate al personaggio, è considerata la testata principale sulla quale sono stati pubblicati eventi fondamentali della saga del personaggio.[1] La collana è stata pubblicata ininterrottamente fino al 1998 per 442 numeri e negli anni è stata ripresa più volte ed è tuttora pubblicata[1][3][4][5]. È una delle serie a fumetti più vendute di sempre avendo alcuni numeri superato tirature di 500.000 copie[6]. La copia originale del primo numero ha raggiunto quotazioni di 60.000 $ nel 2017[7]. Oltre alla serie ufficiale, il personaggio è comparso come protagonista o comprimario in molte altre testate come Spectacular Spider-Man, Web of Spider-Man o Marvel Team-Up.[8]

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Volume 1, 2 e ripresa del volume 1[9][modifica | modifica wikitesto]

The Amazing Spider-Man è la continuazione della collana Amazing Fantasy in cui nel nº 15 venne pubblicata la prima storia dell'Uomo Ragno[10] che riscosse un successo tale da convincere l'editore a dedicargli una propria testata[11] ma per poterlo fare la Marvel fu costretta a chiudere Amazing Fantasy a causa di alcune limitazioni imposte dal distributore che vincolava la Marvel a produrre solo un dato numero di serie e quindi per pubblicarne una nuova era necessario chiuderne un'altra[senza fonte]. Quindi nel primo numero della nuova serie, The Amazing Spider-Man (Vol. 1[9]), venne pubblicata la seconda storia in assoluto del personaggio che fu scritta da Stan Lee e disegnata da Steve Ditko[2] con la copertina realizzata da Jack Kirby e inchiostrata sempre da Ditko che fu anche il creatore grafico del costume del personaggio[12]. Vi compaiono come comprimari i Fantastici Quattro e fa il suo ingresso il criminale noto come Camaleonte[2]. Ditko collaborò alla serie fino al nº 38 quando venne sostituito da John Romita Sr. Tra i molti scrittori e disegnatori che si sono susseguiti su Amazing vanno ricordati Gil Kane, Roy Thomas, Gerry Conway, Ross Andru, Roger Stern, John Romita Jr., Tom DeFalco, Ron Frenz, Todd McFarlane, Erik Larsen, Mark Bagley, J.M. DeMatteis, Howard Mackie, J. Michael Straczynski, Mike Deodato jr., Ron Garney e Joe Quesada[10].

La testata, esordita nel marzo 1963, per anni è stata l'unica testata a presentare regolarmente le storie del personaggio; venne pubblicata fino al 1998 quando venne interrotta con il n. 442 per riprendere da capo la numerazione dal gennaio del 1999 con una nuova serie, The Amazing Spider-Man (Vol. 2[9]); nel 2003 dopo 58 numeri, la serie ha ripreso la vecchia numerazione, considerando nel computo anche i 58 della seconda serie, per poi chiudere definitivamente con il n. 700 nel 2012.[13][14][15][16][17] La serie venne sostituita dalla nuova testata Superior Spider-Man che venne edita dal 2013 fino al 2014 per 33 numeri;[18]

.I numeri 544 e 545 presentarono la prima e l'ultima parte di Soltanto un altro giorno di Staczynski e Quesada (mentre il secondo e il terzo furono pubblicati sull'ultimo numero di Friendly Neighborhood Spider-Man e sull'ultimo numero di Sensational Spider-Man).

Volume 3 - All New Marvel NOW![modifica | modifica wikitesto]

The Amazing Spider-Man (vol. 3)
fumetto
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
EditoreMarvel Comics
1ª edizioneaprile 2014 – novembre 2015
Periodicitàmensile
Albi28 (completa)
Preceduto daThe Amazing Spider-Man (vol. 1)
Seguito daThe Amazing Spider-Man (vol. 4)

A seguito degli eventi narrati nel cross-over Infinity la Marvel diede il via a una nuova iniziativa editoriale definita All New Marvel NOW! volta a rilanciare molte serie fumettistiche con una nuova numerazione e cambiamento dei formati e nel design. I cambiamenti riguardano anche i team creativi per la maggior parte dei titoli[4]. Nel 2014 esordì la terza serie di la terza serie di The Amazing Spider-Man (Vol. 3[9]) che venne pubblicata fino al 2015 per 28 numeri;[21] nell'aprile 2014 la testata ritorna ancora una volta sotto la gestione di Dan Slott e Humberto Ramos, poi proseguita con i disegni di Ramon Perez[22] per raccontare lo story-arc Learning to Crawl, con le origini rivisitate dell'Uomo Ragno. La testata ha poi raccontato l'evento Spider-Verse, che ha coinvolto numerose altre testate come Scarlet Spiders, Spider-Man 2099 o lo spin off Silk[senza fonte]. Nel 2014 la collana prosegue tranquillamente la sua pubblicazione fino all'uscita dell'evento Secret Wars, che ne determina la cancellazione.

Volume 4 - All-New, All-Different Marvel[modifica | modifica wikitesto]

The Amazing Spider-Man (vol .4)
fumetto
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
EditoreMarvel Comics
1ª edizionedicembre 2015
Periodicitàmensile
Albi30 (in corso) settembre 2017
Preceduto daThe Amazing Spider-Man (vol. 3)

Nel 2015 esordì la quarta serie, The Amazing Spider-Man (Vol. 4[9]) all'interno della rilancio editoriale noto come All New All Different Marvel.[23] A seguito degli eventi narrati nella miniserie cross-over Secret Wars la Marvel decise di rilanciare il proprio universo narrativo preservando la continuity ripartendo dall'ultimo numero della serie dal momento prima degli eventi che diedero il via alle Guerre Segrete. Questo fa parte dell'iniziativa editoriale definita All New All Different Marvel che era volta a rilanciare molte serie fumettistiche con una nuova numerazione. In particolare, il protagonista di Amazing Spider Man è ora a capo di una multinazionale. Il nuovo corso della serie ha debuttato a ottobre 2015 negli Stati Uniti[3] riprendendo da capo la numerazione la quarta volta con storie scritte da Dan Slott e disegnata da Giuseppe Camuncoli[24]. The Amazing Spider-Man (Volume 4) ottiene anche degli episodi speciali curati da Jose Molina e dà vita all'evento The Clone Conspiracy[senza fonte]. Dopo i cinque albi speciali de Il Complotto dei Cloni, la testata ammiraglia prosegue la sua numerazione dal numero 25, uscita speciale che vede il subentro di Stuart Immonen alle matite.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

Copertina di un numero dell'edizione Panini Comics di Amazing Spider-Man

Storie inedite

Le storie dell'Uomo Ragno comparse su Amazing Spider-Man sono state pubblicate tradotte in italiano a partire dal 1970 da diversi editori fra i quali i principali sono stati l'Editoriale Corno (anni settanta - anni ottanta), la Star Comics (anni ottanta - anni novanta) e la Marvel Italia/Panini Comics (dagli anni novanta in poi) che hanno pubblicato varie testate incentrate sul personaggio[1]. La Marvel Italia subentrò alla Star Comics nella pubblicazione della sua collana della quale continuò la numerazione dal nº 141[25] fino al nº 600[26] contenente il nº700 della serie americana[1] diventando anche la testata italiana più longeva dedicata al personaggio. Dal nº 499 la testata cambia titolo in Spider-Man mantenendo la numerazione originale[27]. A partire dal nº 650 la serie pubblica Amazing Spider-Man volume 4 ricominciando la numerazione da capo[28]. Col nº 675, la collana festeggia i suoi trenta anni proponendo ai lettori la saga The Clone Conspiracy.

Ristampe

Sono state pubblicate molte ristampe delle storie principali. Di particolare pregio sono i Marvel Masterworks la cui prima edizione italiana fu della Comic Art (con il titolo Grandi Eroi Marvel) nei primi anni novanta, mentre è a cura della Panini Comics una nuova edizione (più fedele all'originale) incominciata nel 2007. Dal settembre 2004 all'aprile 2010 la Panini Comics ha ristampato le storie di Amazing Spider-Man dal nº1 sino al nº 128 nella collana Spider-Man Collection; nel 2016 esordisce una seconda serie omonima che ripropone una selezione delle migliori storie del personaggio[29].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Amazing Spider-Man vol 1 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  2. ^ a b c Amazing Spider-Man (1963) #1 | Comics | Marvel.com, su marvel.com. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  3. ^ a b Panini, La Nuovissima Marvel: il rilancio di Amazing Spider-Man arriva in Italia - BadComics.it, in BadComics.it, 4 aprile 2016. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  4. ^ a b Carmine De Cicco, Napoli Comicon, dettagli sulla All-New Marvel Now, in MangaForever.net, 2 maggio 2014. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  5. ^ Amazing Spider-Man (2015 - Present) | Comic Books | Comics | Marvel.com, su marvel.com. URL consultato l'8 febbraio 2017.
  6. ^ USA, The Amazing Spider-man #1 è il fumetto più venduto del 21mo secolo!, in Comicsblog.it. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  7. ^ (EN) The Amazing Spider-Man #1 (Marvel, 1963) CGC NM 9.4 | Lot #91115 | Heritage Auctions, su Heritage Auctions. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  8. ^ Spider-Man | Characters | Marvel.com, su marvel.com. URL consultato l'8 febbraio 2017.
  9. ^ a b c d e Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  10. ^ a b Uomo Ragno, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  11. ^ l’uomo ragno, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 19 gennaio 2017.
  12. ^ "Steve Ditko - A Portrait of the Master." Archiviato il 28 febbraio 2012 in WebCite Comic Fan n. 2, Estate 1965. Pubblicato da Larry Herndon
  13. ^ l’uomo ragno, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 19 gennaio 2017.
  14. ^ Spider-Man :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 24 ottobre 2017.
  15. ^ Amazing Spider-Man vol 1 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 24 ottobre 2017.
  16. ^ Amazing Spider-Man vol 2 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 24 ottobre 2017.
  17. ^ Amazing Spider-Man vol 1 # 700 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 10 febbraio 2017.
  18. ^ Superior Spider-Man :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 24 ottobre 2017.
  19. ^ Superior Spider-Man :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 10 febbraio 2017.
  20. ^ Amazing Spider-Man (1999 - 2013) | Comic Books | Comics | Marvel.com, su marvel.com. URL consultato l'8 febbraio 2017.
  21. ^ Amazing Spider-Man (2014 - Present) | Comic Books | Comics | Marvel.com, su marvel.com. URL consultato l'8 febbraio 2017.
  22. ^ Marco Rubertelli, Anteprima: The Amazing Spider-Man #1 – C4 Comic, su c4comic.it. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  23. ^ Amazing Spider-Man vol 4 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 24 ottobre 2017.
  24. ^ Marvel, Dan Slott: Spider-Man sarà un eroe globale ma imperfetto - BadComics.it, in BadComics.it, 14 ottobre 2015. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  25. ^ L'Uomo Ragno (III) / Spider-Man # 141 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 10 febbraio 2017.
  26. ^ L'Uomo Ragno (III) / Spider-Man # 600 - The Amazing Spider-Man 600 :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 10 febbraio 2017.
  27. ^ L'Uomo Ragno (III) / Spider-Man :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 10 febbraio 2017.
  28. ^ L'Uomo Ragno (III) / Spider-Man :: ComicsBox, su www.comicsbox.it. URL consultato il 10 febbraio 2017.
  29. ^ Marvel: Panini annuncia Spider-Man Collection, la collana delle migliori storie dell'Uomo Ragno - BadComics.it, in BadComics.it, 15 luglio 2016. URL consultato il 10 febbraio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics