Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni

Obesità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Obesità
Obesity-waist circumference.svg
Tre sagome raffiguranti i contorni di una persona di dimensioni normali (a sinistra), sovrappeso (centro) e obesa (a destra)
Specialità endocrinologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 278.00
ICD-10 E66
OMIM 601665
MeSH D009765
MedlinePlus 003101
eMedicine 123702

L'obesità è una condizione medica caratterizzata da un eccessivo accumulo di grasso corporeo che può portare effetti negativi sulla salute con una conseguente riduzione dell'aspettativa di vita.[1][2]

Il termine deriva dal latino «obesitas», che indica la condizione di chi è «grasso, grosso o paffuto», a sua volta derivato da «esum», participio passato di «ĕdere» («mangiare»), con l'aggiunta del prefisso «ob» («per, a causa di»).[3] L'uso del vocabolo «obesity» è documentato nella lingua inglese a partire dal 1611.[4]

Si tratta di una patologia tipica, anche se non esclusiva, delle società dette «del benessere». L'Organizzazione mondiale della sanità definisce l'obesità attraverso l'indice di massa corporea (IMC), un dato biometrico che mette a confronto peso e altezza: sono considerati obesi i soggetti con IMC maggiore di 30 kg/m2, mentre gli individui con IMC compreso fra 25 e 30 kg/m2 sono ritenuti in sovrappeso.[5]

Dieta alimentare corretta, esercizio fisico e approccio psicologico sono le basi per la terapia preventiva e curativa dell'obesità; per favorire il trattamento possono essere prescritti farmaci dimagranti che agiscono riducendo l'appetito o inibendo l'assorbimento del grasso. Come stabilito delle linee guida internazionali elaborate nel 1991, qualora l'IMC sia superiore a 40 kg/m2 oppure sia compreso fra 35 e 40 kg/m2 con contemporanea presenza di fattori di rischio, si ricorre alla chirurgia bariatrica, per esempio introducendo un palloncino intragastrico.[6][7]

L'obesità rappresenta la principale causa di morte prevenibile in tutto il mondo, con l'aumento della prevalenza in adulti e bambini, ed è considerata uno dei più gravi problemi di salute pubblica del XXI secolo.[8] Essa è stigmatizzata in gran parte del mondo moderno (in particolare nella civiltà occidentale), anche se in alcuni momenti storici è stata percepita come un simbolo di ricchezza e fertilità, come è tuttora in alcune regioni del globo.[2][9]

Storia e cultura[modifica | modifica wikitesto]

Un uomo obeso. Ritratto di Alessandro dal Borro ad opera di Andrea Sacchi (XVII secolo).

I Greci furono i primi a riconoscere l'obesità come un disturbo medico:[10] Ippocrate scrisse che «la corpulenza non è solo una malattia in sé, ma il presagio di altre».[2] Il chirurgo indiano Susruta collegò l'obesità alle malattie cardiache e al diabete:[11] egli raccomandava il lavoro fisico per curare i suoi effetti collaterali.[11] Nel corso della storia dell'umanità, la maggior parte delle popolazioni ha lottato contro la scarsità di cibo:[12] l'obesità è pertanto rimasta storicamente circoscritta a una minoranza, venendo considerata come un segno di ricchezza e di prosperità. Il sovrappeso era comune tra gli alti funzionari europei nel Medioevo e nel Rinascimento, così come nelle antiche civiltà dell'Asia orientale.[13]

Con l'inizio della rivoluzione industriale, ci si rese conto di come la potenza militare ed economica delle nazioni dipendessero anche dalla dimensione del corpo e dalla forza fisica dei soldati e degli operai.[14] Nel XIX secolo, altezza e peso hanno quindi subìto un netto incremento nel mondo occidentale e l'aumento della media dell'indice di massa corporea ha svolto un ruolo significativo nello sviluppo delle società industrializzate.[14] Nel secolo successivo è stato raggiunto il limite massimo del potenziale genetico di altezza, mentre il peso ha iniziato a crescere molto di più rispetto all'altezza, con il conseguente fenomeno dell'obesità.[14] A partire dagli anni cinquanta, l'aumento della ricchezza nei paesi industrializzati ha condotto a una diminuzione della mortalità infantile, ma con l'aumento del peso corporeo sono diventate più frequenti le patologie a carico dei reni e del cuore.[14][15]

Molte culture nella storia hanno visto l'obesità come il risultato di una debolezza caratteriale dell'individuo. Il personaggio «obesus» della commedia greca era una figura di scherno. I cristiani hanno annoverato il cibo fra le manifestazioni dell'accidia e della lussuria, due dei sette vizi capitali.[9] Nella cultura occidentale contemporanea, l'eccesso di peso è spesso considerato poco attraente e l'obesità è comunemente associata a stereotipi negativi; la grassezza può essere inoltre motivo di discriminazione.[16]

La percezione della società occidentale riguardo al peso corporeo è mutata profondamente dall'inizio del XX secolo. Ciò sarebbe dimostrato dal fatto che l'altezza media delle vincitrici di Miss America è aumentata del 2% dal 1922 al 1999, mentre al contempo il loro peso medio è diminuito del 12%.[17] Per contro, l'opinione comune in merito al valore ottimale di peso corporeo in termini salutistici si è evoluta nella direzione opposta: in Gran Bretagna il valore di peso per cui le persone vengono ritenute essere in sovrappeso era infatti significativamente più alto nel 2007 rispetto al 1999.[18]

L'obesità è ancora vista come un segno di ricchezza e benessere in molte parti dell'Africa; ciò è diventato particolarmente comune da quando ha avuto inizio l'epidemia di HIV.[2]

Arte[modifica | modifica wikitesto]

La Venere di Willendorf, creata intorno al 24 000-22 000 a.C.

Fra le prime riproduzioni scultoree del corpo umano, risalenti a un periodo compreso fra i 35 000 e i 20 000 anni fa, si annoverano le cosiddette Veneri paleolitiche, statuine raffiguranti donne obese che secondo alcuni rappresenterebbero un simbolo idealizzato della fertilità, mentre a parere di altri costituiscono una descrizione realistica della femminilità dell'epoca.[9] La corpulenza è invece del tutto assente nell'arte greca e romana, in ossequio al canone di bellezza classico.

Durante il Rinascimento, alcuni esponenti delle classi sociali più elevate iniziarono a ostentare le loro imponenti dimensioni, come si può constatare per esempio nei ritratti di Enrico VIII e di Alessandro dal Borro.[9] Il pittore Pieter Paul Rubens ha regolarmente raffigurato donne pingui, da cui l'aggettivo «rubensiana»; queste figure femminili, tuttavia, mantengono ancora la forma «a clessidra», indice di fertilità.[19] Nel mondo occidentale, le opinioni sulla grassezza sono mutate rapidamente nel corso dell'Ottocento: dopo secoli in cui l'obesità fu segno di ricchezza e prestigio sociale, la magrezza cominciò ad affermarsi come canone desiderabile.[9]

Accettazione dell'obesità[modifica | modifica wikitesto]

Le organizzazioni che promuovono l'accettazione dell'obesità hanno conosciuto una crescita considerevole nel corso della seconda metà del XX secolo.[20] Lo scopo precipuo di tali associazioni consiste nel combattere le discriminazioni contro le persone grasse;[21][22] alcuni esponenti del movimento tendono altresì a minimizzare gli effetti negativi dell'obesità sulla salute.[23]

L'attivismo di questi gruppi resta tuttavia un fenomeno marginale. La statunitense National Association to Advance Fat Acceptance (NAAFA), costituitasi nel 1969, si descrive come un'organizzazione per i diritti civili che si propone di porre fine alle discriminazioni basate sul peso corporeo.[24] L'International Size Acceptance Association (ISAA) è un'organizzazione non governativa fondata nel 1997 che promuove l'accettazione della grassezza.[23]

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

World map of Male Obesity, 2008.svg World map of Female Obesity, 2008.svg
Prevalenza dell'obesità maschile (sinistra) e femminile (destra) nel mondo, nel 2011[25] (fonte: International Association for the Study of Obesity, IASO[26])

██ < 5%

██ 5–10%

██ 10–15%

██ 15–20%

██ 20–25%

██ 25–30%

██ 30–35%

██ 35–40%

██ 40–45%

██ 45–50%

██ 50–55%

██ > 55%

Prima del XX secolo, l'eccesso di peso era una condizione rara. Nel 1997, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha riconosciuto ufficialmente l'obesità come un'epidemia globale.[14] Nel 2005 l'OMS stimava che almeno 400 milioni di adulti – pari al 9,8% della popolazione mondiale – fossero obesi, con tassi più alti tra le donne rispetto agli uomini.[27] La frequenza dell'obesità subisce un incremento con l'età, almeno fino ai 50 o ai 60 anni,[28] e i casi registrati sono rapidamente aumentati soprattutto negli Stati Uniti, in Australia e in Canada.[29][30][31]

Se fino alla fine del XX secolo l'obesità era ritenuta un problema circoscritto alle comunità ad alto reddito, a partire dal XXI secolo la condizione è in aumento in tutto il mondo, tanto nelle nazioni industrializzate quanto nei paesi in via di sviluppo;[32] gli incrementi maggiori si sono registrati nei contesti urbani.[27] L'unica regione del mondo dove l'obesità non è frequente è l'Africa subsahariana.[2]

Il problema di salute pubblica[modifica | modifica wikitesto]

L'Organizzazione mondiale della sanità prevede che il sovrappeso e l'obesità potrebbero presto sostituire i più tradizionali problemi di salute pubblica come la denutrizione e le malattie infettive.[33] Gli sforzi degli organismi della sanità pubblica tendono a combattere il problema cercando di studiare e di correggere i fattori ambientali responsabili della crescita del fenomeno: in molti paesi, per esempio, si è cercato di incentivare l'uso delle mense scolastiche – dove vengono proposti cibi selezionati – e di promuovere l'attività motoria, creando parchi pubblici, percorsi pedonali e piste ciclabili.[34][35][36]

Fra 1998 e il 2006, gli Stati Uniti e il Canada hanno pubblicato delle linee guida federali per prevenire e contrastare l'obesità negli adulti e nei bambini.[37] Nel 2004 il Royal College of Physicians, la Faculty of Public Health e il Royal College of Paediatrics and Child Health del Regno Unito hanno presentato una relazione che ha evidenziato il crescente problema dell'obesità nel paese.[38] Nello stesso anno, una commissione della Camera dei Comuni ha pubblicato un'indagine più completa sull'impatto dell'obesità sulla società e sul suo trattamento.[39]

È allo studio una strategia di approccio globale finalizzata ad affrontare i crescenti tassi di obesità. Le ricerche effettuate sono pervenute a definire tre contesti su cui è possibile intervenire: «a monte» del problema con l'osservazione dei mutamenti nella società; «nel mezzo» con progetti volti a modificare il comportamento degli individui e a migliorare il loro stile di vita; «a valle» con il trattamento delle persone colpite dall'obesità.[40]

Impatto economico[modifica | modifica wikitesto]

Per poter accogliere le persone obese, gli uffici e i servizi pubblici debbono dotarsi di attrezzature speciali, come sedie molto più ampie[41]

Oltre alle sue conseguenze negative sulla salute, l'obesità conduce a numerosi problemi in materia di occupazione e di costi aumentati per la collettività;[42][43] questi effetti sfavorevoli insistono su tutti i livelli della società, a partire dai singoli individui fino alle imprese e ai governi.

Si presume che nei soli Stati Uniti la spesa per i prodotti dietetici si attesti fra i 40 e i 100 miliardi di dollari all'anno.[44] Nel 1998, i costi sanitari attribuibili all'obesità negli USA sono stati di 78,5 miliardi dollari, pari al 9,1% di tutte le spese mediche,[45][46] mentre il costo dell'obesità in Canada è stato stimato in 2 miliardi di dollari canadesi nel 1997 (2,4% dei costi sanitari totali).[47]

È stato dimostrato che i programmi di prevenzione dell'obesità hanno ridotto il costo del trattamento delle malattie correlate; tuttavia, a causa dell'allungamento medio della durata della vita, le spese mediche complessive hanno subìto un incremento. I ricercatori concludono pertanto che, malgrado i successi nell'ambito della prevenzione dell'obesità, è improbabile che si registri una riduzione delle spese sanitarie globali.[48]

La grassezza può portare anche alla stigmatizzazione sociale e a forti svantaggi in materia di occupazione.[42] Rispetto ai loro colleghi di peso normale, i lavoratori obesi hanno in media tassi di assenteismo più elevati: di conseguenza, i costi per i datori di lavoro si innalzano, andando a detrimento della produttività.[49] I lavoratori con un IMC superiore a 40 kg/m2 richiedono il doppio di domande di indennità rispetto a quelli con un IMC nella norma: l'eccesso ponderale causa infatti un rischio superiore di infortuni alle mani e alla schiena, dovuti a cadute e al sollevamento di oggetti pesanti.

Alcune ricerche dimostrano inoltre che le persone obese hanno minori probabilità di essere assunte e di conseguire una promozione.[16] I lavoratori grassi hanno anche retribuzioni inferiori rispetto ai loro omologhi più magri; le donne obese, in media, rendono il 6% in meno e gli uomini obesi circa il 3% in meno.[50]

Settori specifici, quali le compagnie aeree, hanno preoccupazioni particolari: a causa dei tassi crescenti di obesità, sono aumentati i costi per il carburante e le richieste di posti a sedere più larghi, con conseguente calo degli introiti.[51] Nel 2000, il maggior peso dei passeggeri obesi è costato alle compagnie circa 275 milioni di dollari.[52]

Effetti sulla salute[modifica | modifica wikitesto]

Il peso corporeo eccessivo è associato a diverse patologie, in particolare a malattie cardiovascolari, al diabete mellito di tipo 2, alla sindrome delle apnee ostruttive nel sonno, ad alcuni tipi di cancro e alla osteoartrosi.[2] Pertanto l'obesità è causa di una riduzione dell'aspettativa di vita.[2]

Mortalità[modifica | modifica wikitesto]

MenBMIMort.png WomenBMIMort.png
Rischio relativo di morte a 10 anni per uomini (a sinistra) e donne (a destra) statunitensi di etnia caucasica, che non siano mai stati fumatori, ripartiti per indice di massa corporea[53]

L'obesità è una delle principali cause di morte prevenibile a livello mondiale.[8][54][55] Alcuni studi statunitensi ed europei, effettuati su un campione a larga scala, hanno dimostrato che il rischio di mortalità è più basso nei non fumatori con IMC compreso tra i 20 e i 25 kg/m2,[53][56] così come nei fumatori con IMC compreso fra i 24 e i 27 kg/m2.[57][58] Fra le donne, a un IMC superiore a 32 kg/m2 è stato associato un tasso di mortalità raddoppiato nell'arco di un periodo di 16 anni.[59] Negli Stati Uniti l'obesità è stimata come causa di un numero di decessi compreso fra gli 111 909 e i 365 000 all'anno,[2][55] mentre nell'Unione europea un milione di decessi (pari al 7,7% del totale) sono attribuiti al peso in eccesso.[32][60] In media, l'obesità abbassa l'aspettativa di vita di circa sei-sette anni:[2][61] in particolare, l'aspettativa di vita diminuisce di due-quattro anni in caso di obesità moderata (corrispondente a un IMC compreso fra 30 e 35 kg/m2),[56] mentre l'obesità grave (IMC maggiore di 40 kg/m2) riduce l'aspettativa di vita di dieci anni.[56]

Morbosità[modifica | modifica wikitesto]

L'obesità aumenta il rischio di molte patologie fisiche e mentali. Queste sono comunemente indicate come sindromi metaboliche[2], combinazioni di disturbi medici che comprendono diabete mellito di tipo 2, ipertensione, ipercolesterolemia e ipertrigliceridemia.[62]

Esistono malattie causate direttamente dall'obesità e disturbi connessi indirettamente a essa, attraverso meccanismi di condivisione di una causa comune, come una cattiva alimentazione o uno stile di vita sedentario. La correlazione fra obesità e condizioni specifiche varia; una delle più elevate riguarda il diabete di tipo 2: l'eccesso di grasso corporeo è infatti alla base del 64% dei casi di diabete negli uomini e il 77% dei casi nelle donne.[63] L'aumento della massa grassa altera la risposta del corpo all'insulina, portando una resistenza a essa; l'incremento del tessuto adiposo genera anche uno stato proinfiammatorio[64][65] e protrombotico.[66][67]

In generale, le conseguenze sanitarie dell'obesità rientrano in due grandi categorie: le patologie ascrivibili agli effetti di un aumento della massa grassa (come l'osteoartrosi, l'apnea ostruttiva del sonno, la stigmatizzazione sociale) e quelle dovute all'incremento numerico delle cellule adipose (diabete, cancro, malattie cardiovascolari, steatosi epatica non alcolica).[2][66]

Campo medico Condizione
Cardiologia Ischemia miocardica:[68] angina e infarto miocardico acuto

Insufficienza cardiaca[2]
Ipertensione[2]
Elevati livelli di colesterolo[2]
Trombosi venosa profonda e embolia polmonare[69]

Dermatologia Smagliature[70]

Acantosi nigricans[70]
Linfedema[70]
Irsutismo[70]
Intertrigine[71]

Endocrinologia e medicina riproduttiva Diabete mellito[2]

Sindrome dell'ovaio policistico[2]
Disordini mestruali[2]
Infertilità[2][72]
Difetti nella nascita[2]
Morte del feto[72]

Gastroenterologia Malattia da reflusso gastroesofageo[2][73]

Steatosi epatica non alcolica[2]
Colelitiasi[2]

Neurologia Ictus[2]

Meralgia parestesica[74]
Emicrania[75]
Sindrome del tunnel carpale[76]
Demenza[77]
Ipertensione endocranica[78]
Sclerosi multipla[79]

Oncologia[80] Tumore al seno, ovaio

Esofago, colon-retto
Fegato, pancreas
Tumore dell'utero
Cistifellea, stomaco
Prostata, Rene
Linfoma non-Hodgkin, Mieloma multiplo

Psichiatria Depressione nelle donne[2]

Stigmatizzazione sociale[2]

Pneumologia Sindrome delle apnee nel sonno[2][81]

Sindrome obesità-ipoventilazione[2][81]
Asma[2][81]
Incremento di complicanze durante l'anestesia generale[2]

Reumatologia e ortopedia Gotta[82]

Scarsa mobilità[83]
Artrite[2]
Lombalgia[84]

Urologia e nefrologia Disfunzione erettile[85]

Incontinenza urinaria[86]
Insufficienza renale cronica[87]
Ipogonadismo[88]

Il paradosso della sopravvivenza[modifica | modifica wikitesto]

Benché le conseguenze negative dell'obesità nella popolazione generale siano ben documentate grazie alle numerose prove disponibili, in alcuni sottogruppi le condizioni di salute sembrano migliorare con un aumento dell'IMC, un fenomeno noto come paradosso della sopravvivenza negli obesi.[89] Il paradosso è stato descritto per la prima volta nel 1999 su persone in sovrappeso e obesi sottoposti a emodialisi,[89] ed è stato successivamente individuato anche in pazienti con insufficienza cardiaca e con arteriopatia obliterante periferica.

In uno studio del 2006 si valutarono alcuni soggetti con scompenso cardiaco obesi (con IMC compreso tra 30,0 e 34,9), i quali mostrarono un tasso di mortalità inferiore rispetto ai pazienti di peso normale; ciò è stato attribuito al fatto che spesso i soggetti scompensati perdono peso man mano che peggiorano le condizioni di salute e in tal caso il peso in eccesso allungò la comparsa della cachessia, stato spesso presente nei malati terminali.[90] Sono stati rilevati risultati analoghi in riferimento ad altri tipi di malattie cardiache. Le persone con obesità di classe I e con problemi cardiaci non hanno maggiori tassi di andare incontro a nuove patologie cardiache rispetto a chi ha un peso normale e con disturbi cardiaci già presenti. Nelle persone con maggiori gradi di obesità, tuttavia, il rischio di ulteriori peggioramenti è aumentato.[91][92] Anche dopo l'intervento di bypass cardiaco, nessun aumento della mortalità si è registrato in pazienti sovrappeso o obesi.[93] Uno studio ha evidenziato che il miglioramento della sopravvivenza potrebbe essere spiegato dal fatto che le persone con una grave obesità ricevono un trattamento medico più aggressivo in seguito a un problema cardiaco.[94] Nei pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva e da malattia arteriosa periferica, i benefici portati dall'obesità non si verificano.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

A livello individuale, la causa della maggior parte dei casi di obesità consiste in una combinazione di eccessivo apporto calorico e di scarsa attività fisica.[47] Un numero limitato di casi sono invece dovuti principalmente alla genetica, a motivi di salute o a malattie psichiatriche.[95] Più in generale, l'incremento del tasso di obesità nella popolazione è attribuito a una dieta facilmente accessibile e appetibile,[96] alla maggior dipendenza dalle automobili e alla produzione meccanizzata.[97][98]

Uno studio del 2006 ha individuato dieci fattori che verosimilmente hanno contribuito alla diffusione dell'obesità:[99]

  1. mancanza di sonno;
  2. interferenti endocrini (inquinanti ambientali che interferiscono sul metabolismo dei lipidi);
  3. diminuzione della variabilità della temperatura ambientale;
  4. riduzione del tabagismo, dal momento che il fumo sopprime l'appetito;
  5. maggior uso di farmaci che possono causare aumento di peso (per esempio, antipsicotici atipici);
  6. un incremento proporzionale dei gruppi etnici che tendono a essere più pesanti;
  7. gravidanza in una fase più tarda dell'età;
  8. fattori di rischio epigenetici delle passate generazioni;
  9. selezione naturale per il più alto indice di massa corporea;
  10. accoppiamento selettivo che porta a un maggiore concentrazione di fattori di rischio dell'obesità (il che non necessariamente aumenta il numero di persone obese, ma aumenterebbe il peso medio della popolazione).

Sebbene vi siano evidenze concrete a sostegno dell'influenza di questi elementi sulla crescente diffusione dell'obesità, le prove sono ancora insufficienti e gli autori affermano che probabilmente i suddetti fattori esercitano un peso inferiore rispetto alla dieta e all'attività fisica.

Dieta[modifica | modifica wikitesto]

World map of Energy consumption 1961,2.svg World map of Energy consumption 2001-2003.svg
Mappa della disponibilità di energia alimentare per persona al giorno nel 1961 (sinistra) e nel 2001-2003 (destra) in kcal/persona/giorno[100]

██ no data

██ <1600

██ 1600–1800

██ 1800–2000

██ 2000–2200

██ 2200–2400

██ 2400–2600

██ 2600–2800

██ 2800–3000

██ 3000–3200

██ 3200–3400

██ 3400–3600

██ >3600

Il consumo calorico totale è stato messo in relazione con l'obesità.[101] La disponibilità di energia alimentare pro capite varia sensibilmente tra le diverse regioni del mondo ed è anche cambiata significativamente nel corso del tempo.[100] Fra gli inizi degli anni settanta e la fine degli anni novanta, le calorie mediamente disponibili per persona al giorno (ovvero l'apporto calorico degli alimenti acquistati) sono aumentate ovunque, fatta eccezione per l'Europa dell'Est. Nel 1996 gli Stati Uniti possedevano la massima disponibilità con 3 654 calorie per persona, diventate 3 754 nel 2003.[100] Alla fine degli anni novanta gli europei godevano di 3 394 calorie per persona, nelle aree in via di sviluppo dell'Asia c'erano 2 648 calorie per persona, mentre nell'Africa sub-sahariana gli abitanti potevano disporre di 2 176 calorie ciascuno.[100][102]

La diffusa disponibilità di linee guida nutrizionali[103] non è risultata sufficiente per combattere i problemi legati all'eccesso di calorie e agli errori nella scelta della dieta:[104] dal 1971 al 2000, per esempio, il tasso di obesità negli Stati Uniti è aumentato dal 14,5% al 30,9%.[105] Nel corso dello stesso periodo si è verificato un aumento nella quantità media di energia alimentare consumata: per le donne, l'aumento medio è stato di 335 calorie al giorno (dalle 1 542 calorie del 1971 alle 1 877 calorie del 2004), mentre per gli uomini l'aumento medio si è attestato a 168 calorie al giorno (dalle 2 450 calorie del 1971 alle 2 618 calorie del 2004). La maggior parte di questa energia alimentare in eccesso è dovuta all'aumento del consumo di carboidrati piuttosto che al consumo di grassi.[106] Le fonti primarie dell'apporto extra di carboidrati sono le bevande edulcorate, che ormai coprono quasi il 25% dell'energia alimentare quotidiana nei giovani statunitensi;[14] il consumo di bevande zuccherate è ritenuto uno dei fattori che hanno contribuito maggiormente al crescente tasso di obesità.[107][108]

Consumo medio pro capite di energia alimentare per persona al giorno tra il 1961 e il 2002[100]

Anche i pasti fast food hanno concorso in misura considerevole alla diffusione dell'obesità.[109] Negli Stati Uniti il consumo di questi pasti è triplicato tra il 1977 e il 1995, mentre l'energia assunta è quadruplicata.[110]

Le politiche agricole e le tecnologie disponibili nel mondo occidentale hanno portato a una diminuzione dei prezzi degli alimenti. Negli Stati Uniti, le sovvenzioni ai coltivatori di mais, soia, grano e riso hanno penalizzato il consumo di frutta e verdura.[111]

Stile di vita sedentario[modifica | modifica wikitesto]

Uno stile di vita sedentario gioca un ruolo significativo nell'obesità.[6] Nel mondo si è verificata una grande diminuzione del lavoro fisicamente impegnativo:[112][113][114] conseguentemente almeno il 60% della popolazione mondiale compie attività motorie insufficienti.[113] Ciò è dovuto principalmente al crescente uso di mezzi di trasporto meccanizzati e alla maggior disponibilità di elettrodomestici.[112][113][114] Anche nei bambini è stato documentato un calo nei livelli di attività fisica.[115] L'Organizzazione mondiale della sanità ha registrato una netta diminuzione del numero di persone che nel tempo libero si dedicano ad attività fisiche, mentre uno studio finlandese[116] è pervenuto a conclusioni sostanzialmente opposte.[117]

Tanto nei bambini quanto negli adulti è emersa una correlazione fra il tempo dedicato all'uso della televisione e il rischio di obesità.[118][119][120]

Genetica[modifica | modifica wikitesto]

Un dipinto del 1680 di Juan Carreño de Miranda, raffigurante una ragazza che si presume soffrisse della sindrome di Prader-Willi[121]

Come per molte altre condizioni mediche, l'obesità è il risultato di un'interazione tra fattori genetici e ambientali. Polimorfismi nei geni diversi che controllano l'appetito e il metabolismo predispongono all'obesità; a partire dal 2006, oltre 41 di questi geni sono stati collegati allo sviluppo di obesità se contestualizzati in un ambiente favorevole.[122] Le persone con due copie del gene FTO (gene associato alla massa grassa e all'obesità) sono state trovate, in media, pesanti 3-4 kg di più e con un rischio 1,67 volte maggiore di obesità rispetto a quelli senza l'allele di rischio.[123] La percentuale di obesità che può essere attribuita a fattori genetici varia, a seconda della popolazione esaminata, dal 6% all'85%.[124]

L'obesità è una caratteristica peculiare in diverse sindromi, quali la sindrome di Prader-Willi, la sindrome di Bardet-Biedl, la sindrome di Cohen e la sindrome di MOMO (la locuzione «obesità non sindromica» è talvolta usata per escludere queste condizioni).[125] Nelle persone con obesità grave a esordio precoce, definita da un esordio prima dei 10 anni di età e con un indice di massa corporea oltre tre deviazioni standard al di sopra del normale, il 7% presenta una mutazione del DNA.[126]

Gli studi che si sono concentrati su modelli di eredità, anziché su geni specifici, hanno rilevato che l'80% dei figli di due genitori obesi sono obesi, a fronte del 10% circa dei figli di due genitori di peso normale.[127]

L'ipotesi del gene risparmiatore postula che, a parità di condizioni ambientali, alcuni gruppi etnici sono più inclini all'obesità. La loro capacità di approfittare dei rari periodi di abbondanza di cibo, da immagazzinare sotto forma di grasso, sarebbe vantaggiosa durante i periodi di carestia e le persone con riserve adipose maggiori avrebbero maggiori probabilità di sopravvivenza; questa tendenza a conservare il grasso, però, è dannosa in una società caratterizzata uno stile di vita sedentario.[128] Sarebbe questo il motivo per cui gli indiani Pima, che si sono evoluti in un ecosistema desertico, avrebbero sviluppato un alto tasso di obesità dopo essere stati esposti a uno stile di vita di matrice occidentale.[129]

Farmaci e malattie psichiatriche[modifica | modifica wikitesto]

Le patologie mediche che aumentano il rischio di obesità includono le già menzionate sindromi genetiche rare, così come alcune patologie congenite o acquisite, tra cui l'ipotiroidismo, la sindrome di Cushing, il deficit dell'ormone della crescita[130] e – quanto ai disturbi del comportamento alimentare – la sindrome del disturbo da alimentazione incontrollata e la sindrome da alimentazione notturna.[2] L'obesità non è considerata un disturbo mentale e quindi non è elencata nel DSM come una malattia psichiatrica;[131] il rischio di sovrappeso e obesità è tuttavia maggiore nei pazienti con disturbi psichiatrici rispetto ai soggetti che non presentano sintomi.[132]

Alcuni farmaci possono causare aumento di peso o cambiamenti nella struttura corporea: tra questi si annoverano l'insulina, le sulfaniluree, i tiazolidinedioni, gli antipsicotici atipici, gli antidepressivi, gli steroidi, alcuni anticonvulsivanti (fenitoina e valproato), il pizotifene e alcuni contraccettivi ormonali.[2]

Fattori di carattere sociale[modifica | modifica wikitesto]

I fattori genetici non sono sufficienti a spiegare la diffusione dell'obesità a livello globale.[133] Per la spiegazione di questo fenomeno sono state elaborate numerose congetture.

La correlazione tra classe sociale e indice di massa corporea varia in ragione del contesto geografico. Uno studio del 1989 ha rilevato come nei paesi industrializzati le donne più facoltose avessero minori probabilità di essere obese; nessuna differenza significativa, al contrario, è stata osservata fra gli uomini appartenenti a diverse classi sociali. Nei paesi in via di sviluppo, invece, gli individui appartenenti ai ceti più elevati – comprese donne e bambini – presentavano un maggior tasso di obesità.[134] Un aggiornamento di questo studio, effettuato nel 2007, è pervenuto alle medesime conclusioni con l'unica differenza di una correlazione più debole, dovuta verosimilmente agli effetti della globalizzazione.[135] Nei paesi sviluppati, i maggiori livelli di obesità e sovrappeso fra adulti e adolescenti risultano correlati allo scarso reddito.[136]

Sono state proposte differenti spiegazioni per i suddetti fenomeni. Si ritiene, per esempio, che nei paesi industrializzati i ricchi possano permettersi cibi più sani e siano sottoposti a una maggiore pressione sociale a rimanere snelli; si pensa inoltre che essi abbiano più tempo da dedicare alla propria forma fisica. Lo stress e la percezione di un basso prestigio sociale, per contro, potrebbero concorrere ad aumentare il rischio di obesità.[133][136][137]

Il fumo ha un effetto significativo sul peso di un individuo: coloro che smettono di fumare guadagnano in media 4,4 kg per gli uomini e 5 kg per le donne in circa dieci anni.[138] Questi incrementi di peso hanno tuttavia influito poco sui tassi globali di obesità.[139]

Anche il numero di figli può costituire un fattore di rischio: per una donna con figli la probabilità di diventare obesa aumenta di circa il 7%, mentre per un uomo del 4%.[140] Ciò potrebbe essere in parte spiegato dal fatto che avere figli a carico comporta una riduzione dell'attività fisica, perlomeno nel mondo occidentale.[141]

Nei paesi in via di sviluppo l'urbanizzazione sta svolgendo un ruolo determinante nella diffusione della grassezza: in Cina i tassi complessivi di obesità sono al di sotto del 5%, ma in alcune città superano il 20%.[142] Nella prima infanzia, l'obesità può spesso essere addebitata alla malnutrizione:[143] i cambiamenti endocrini che si verificano durante i periodi di malnutrizione, infatti, possono favorire gli accumuli di grasso.[143]

Agenti infettivi[modifica | modifica wikitesto]

Lo studio degli effetti degli agenti infettivi sul metabolismo è ancora nelle sue fasi iniziali. È stato dimostrato che la flora intestinale differisce tra soggetti magri e obesi; non vi è tuttavia un'indicazione precisa che la tipologia di flora intestinale possa influenzare il potenziale metabolico. Questa alterazione può però essere determinante per la capacità di assorbimento dei nutrienti del cibo. Se tali differenze sono la causa diretta o il risultato dell'obesità, deve ancora essere determinata in modo inequivocabile.[144]

Un'associazione tra virus e obesità è stata studiata negli esseri umani e in numerose specie animali diverse; anche questa correlazione è ancora da determinare con precisione.[145]

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Vista frontale e laterale di un grande obeso con smagliature della pelle e ginecomastia. Il suo peso è di 146 kg e la sua altezza è di 177 cm, per un IMC di 47 kg/m².

L'obesità è una condizione medica in cui si è accumulato del tessuto adiposo in eccesso nella misura in cui può portare a un effetto negativo sulla salute dell'individuo.[1] Essa è definita tramite l'indice di massa corporea (IMC) e attraverso ulteriori valutazioni relative alla distribuzione del grasso e ai fattori di rischio cardiovascolare;[146][6] l'IMC è strettamente correlato alla percentuale di grasso corporeo e alla sua massa complessiva.[147]

Nei bambini e negli adolescenti, il peso forma varia con l'età e il sesso. Di conseguenza, in queste categorie l'obesità non è definita come un valore assoluto ma in relazione a un gruppo storico normale: un soggetto è ritenuto obeso se il suo IMC supera il 95º percentile.[148] Si conviene di fare riferimento ai dati risalenti al periodo compreso fra il 1963 e il 1994, che non hanno risentito dei successivi incrementi di peso registrati nella popolazione mondiale.[149]

L'indice di massa corporea[modifica | modifica wikitesto]

IMC/BMI Classificazione
< 18.5 sottopeso
18.5–24.9 peso normale
25.0–29.9 sovrappeso
30.0–34.9 obesità di classe I
35.0–39.9 obesità di classe II
≥ 40.0 obesità di classe III

L'indice di massa corporea (IMC o BMI, dall'inglese «body mass index») si calcola dividendo il peso del soggetto (espresso in chilogrammi) per il quadrato della sua altezza (espressa in metri).

Le definizioni di obesità e sovrappeso più comunemente utilizzate, elaborate dall'Organizzazione mondiale della sanità nel 1997 e pubblicate nel 2000, sono riportate nella tabella a fianco.[5]

In alcuni contesti sono state apportate delle modifiche alle definizione dell'OMS. La letteratura chirurgica divide la «classe III» in ulteriori categorie i cui esatti valori sono ancora in discussione.[29] Dal momento che le popolazioni asiatiche sviluppano conseguenze negative per la salute con un IMC inferiore rispetto ai caucasici, alcune nazioni hanno ridefinito l'obesità: i giapponesi definiscono l'obesità come un valore di IMC superiore a 25[150], mentre la Cina stabilisce un IMC maggiore di 28 per la diagnosi.[151]

L'obesità nei bambini[modifica | modifica wikitesto]

I valori di un sano IMC variano con l'età e il sesso del bambino. L'obesità nei bambini e negli adolescenti è definita come un IMC maggiore rispetto al 95º percentile;[148] i dati di riferimento sono stati elaborati tra il 1963 e il 1994 e non sono stati influenzati dalla successiva diffusione globale dell'obesità.[149] Nel XXI secolo, l'obesità infantile ha raggiunto proporzioni epidemiche in tutto il mondo. Il tasso di obesità nei ragazzi canadesi è aumentato dall'11% del 1980 a oltre il 30% del 1990, mentre nei bambini brasiliani l'incremento è stato dal 4 al 14%.[152] Per quanto riguarda l'Italia, i bambini dai 6 ai 12 anni nel 1976-1980 presentavano un tasso di obesità del 7%, mentre – nella stessa fascia d'età – si passò al 12% del 1988-1994 e al 15% nel 2000. Le regioni più interessate da questo problema sono prevalentemente quelle dell'Italia Meridionale, tant'è che a Napoli si registra un tasso del 16,6%. In Campania, Puglia e Sicilia la popolazione infantile in sovrappeso raggiunge il 23,6% e quella obesa il 13,5%.

Come per la grassezza nell'età adulta, l'obesità nei bambini e negli adolescenti può essere determinata da molteplici fattori: si ritiene che la cattiva alimentazione e la scarsa attività fisica siano le cause principali.[153] Dal momento che l'obesità infantile spesso persiste in età adulta ed è associata a numerose malattie croniche, i bambini obesi sono spesso controllati per l'ipertensione, per il diabete, per l'iperlipidemia e per la steatosi epatica.[47] I trattamenti utilizzati nei bambini mirano eminentemente a modificare lo stile di vita, giacché il ricorso ai farmaci non è consentito (negli Stati Uniti, per esempio, la FDA non ha approvato l'utilizzo di farmaci dimagranti per questa fascia di età).[152]

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Chirurgia bariatrica.
L'Orlistat (Xenical), il farmaco più comunemente usato per trattare l'obesità, e la Sibutramina (Meridia), un farmaco ritirato a causa di effetti cardiovascolari indesiderati

Il principale trattamento contro l'obesità consiste nell'associazione di dieta ed esercizio fisico.[47] Una dieta accurata può causare perdita di peso nel breve periodo;[154] tuttavia il mantenimento è spesso difficile e richiede un impegno costante nell'esercizio fisico oltre a una corretta alimentazione.[155][156] La percentuale di successo del mantenimento del peso a lungo termine con il cambiamento dello stile di vita varia dal 2 al 20%.[157]

Un farmaco, l'Orlistat (Xenical), è disponibile dal 2006 ed è stato approvato per l'utilizzo a lungo termine sia dall'AIFA sia dall'FDA. I risultati sono tuttavia modesti, con una perdita di peso media pari a 2,9 kg da 1 a 4 anni, e vi sono scarse informazioni su come il farmaco agisca contro le complicanze a lungo termine dell'obesità.[158] Il suo utilizzo è inoltre associato a disturbi gastrointestinali e sono state espresse delle preoccupazioni circa alcuni effetti negativi sui reni.[159]

Vi sono inoltre dei prodotti di libera vendita che non sono sempre riconosciuti nella loro efficacia, ma che sono stati sottoposti a studi controllati, quali il chitosano, la N-oleil-fosfatidil-etanolamina in associazione all'epigallocatechin-3-gallato, il fucus vesiculosus, l'iperico e l'efedra.[160] Sono in uso anche dei farmaci che non hanno un'indicazione specifica nell'obesità (off-label) e che fanno capo alle più disparate classi di farmaci come gli antidepressivi serotoninergici (fluoxetina e sertralina), gli antidiabetici (metformina), il bupropione e gli antiepilettici (topiramato e zonisamide).[160] Altre sostanze utilizzate dal 1990 in poi (la fenilpropanolamina, la gonadotropina corionica e l'acido triiodotiracetico) sono state valutate in diversi studi che ne hanno decretato la scarsa efficacia; solo l'efedrina e la caffeina sono impiegate nella terapia dell'eccesso ponderale sin dal 1995 con risultati altalenanti.[160]

Il trattamento più efficace per l'obesità è comunque la chirurgia bariatrica, che comprende diverse componenti d'azione[161][162]:

L'obiettivo della chirurgia bariatrica sarebbe quello di ottenere una perdita di peso significativa e a lungo termine, possibilmente associata a ridotta mortalità e morbidità. Il confronto tra le varie tecniche favorisce in genere gli interventi malassorbitivi piuttosto che quelli puramente restrittivi.[161] Tuttavia, in presenza di indicazioni corrette, ogni tipo di intervento ha possibili effetti duraturi sul peso con percentuali di perdita di eccesso ponderale comprese tra il 50% e l'90% a 5 anni.[162] Per ogni trattamento si possono riconoscere complicanze talora rischiose e anche mortali, ma la loro individuazione e la conoscenza dei mezzi a disposizione per trattarle ha progressivamente ridotto la mortalità post-operatoria rendendo più accettabile il rapporto fra rischio e beneficio.[161]

La chirurgia per l'obesità grave porta, come è noto, a perdita di peso a lungo termine e una diminuzione della mortalità complessiva. Uno studio del 2007 evidenzia che una perdita di peso compresa tra il 14% e 25% (a seconda del tipo di procedura eseguita) a 10 anni comporta una riduzione del 29% di tutte le cause di mortalità rispetto alle misure standard di perdita di peso.[163] Tuttavia, a causa del suo costo e il rischio di complicanze, i ricercatori stanno studiando altri trattamenti efficaci ma meno invasivi.

Negli animali[modifica | modifica wikitesto]

L'obesità negli animali domestici è comune in molti paesi. I tassi di sovrappeso e obesità nei cani negli Stati Uniti variano dal 23% al 41% con circa il 5,1% che risulta obeso.[164] Il tasso di obesità nei gatti è leggermente superiore al 6,4%.[164] In Australia il tasso di obesità tra i cani è pari al 7,6%.[165] Il rischio di obesità nei cani è aumentato se anche i loro proprietari sono obesi, mentre non è stata dimostrata una correlazione simile fra i gatti e i loro padroni.[166]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b WHO 2000, p. 6.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af (EN) Haslam DW e James WP, Obesity in Lancet, vol. 366, nº 9492, 2005, pp. 1197–209, DOI:10.1016/S0140-6736(05)67483-1, PMID 16198769.
  3. ^ (EN) Online Etymology Dictionary: Obesity su Douglas Harper. URL consultato il 31 dicembre 2008.
  4. ^ (EN) Obesity, n su Oxford English Dictionary 2008. URL consultato il 21 marzo 2009.
  5. ^ a b WHO 2000, p. 9.
  6. ^ a b c (EN) National Institute for Health and Care Excellence (UK), Obesity: Identification, Assessment and Management of Overweight and Obesity in Children, Young People and Adults: Partial Update of CG43. in PubMed Health, novembre 2014, PMID 25535639. URL consultato il 7 marzo 2015.
  7. ^ (EN) Imaz I et al., Safety and effectiveness of the intragastric balloon for obesity. A meta-analysis in Obes Surg, vol. 18, nº 7, luglio 2008, pp. 841–6, DOI:10.1007/s11695-007-9331-8, PMID 18459025.
  8. ^ a b (EN) Barness LA et al., Obesity: genetic, molecular, and environmental aspects in Am. J. Med. Genet. A, 143A, nº 24, dicembre 2007, pp. 3016–34, DOI:10.1002/ajmg.a.32035, PMID 18000969.
  9. ^ a b c d e (EN) Woodhouse R, Obesity in art: A brief overview in Front Horm Res, vol. 36, 2008, pp. 271–86, DOI:10.1159/000115370, ISBN 978-3-8055-8429-6, PMID 18230908.
  10. ^ (EN) Haslam D, Obesity: a medical history in Obes Rev, 8 Suppl 1, marzo 2007, pp. 31–6, DOI:10.1111/j.1467-789X.2007.00314.x, PMID 17316298.
  11. ^ a b (EN) History of Medicine: Sushruta – the Clinician – Teacher par Excellence (PDF) su Dwivedi, Girish & Dwivedi, Shridhar, 2007. URL consultato il 19 settembre 2008.
  12. ^ Theodore Mazzone e Giamila Fantuzzi, Adipose Tissue And Adipokines in Health And Disease (Nutrition and Health), Totowa, NJ, Humana Press, 2006, p. 222, ISBN 1-58829-721-7.
  13. ^ Sovrappeso e obesità: implicazioni etiche, pp. 47-74. URL consultato il 7 marzo 2015.
  14. ^ a b c d e f (EN) Caballero B, The global epidemic of obesity: An overview in Epidemiol Rev, vol. 29, 2007, pp. 1–5, DOI:10.1093/epirev/mxm012, PMID 17569676.
  15. ^ (EN) Breslow L, Public health aspects of weight control in Am J Public Health Nations Health, vol. 42, nº 9, settembre 1952, pp. 1116–20, DOI:10.2105/AJPH.42.9.1116, PMC 1526346, PMID 12976585.
  16. ^ a b (EN) Puhl R e Brownell KD, Bias, discrimination, and obesity in Obes. Res., vol. 9, nº 12, dicembre 2001, pp. 788–805, DOI:10.1038/oby.2001.108, PMID 11743063.
  17. ^ (EN) Rubinstein S e Caballero B, Is Miss America an undernourished role model? in JAMA, vol. 283, nº 12, 2000, p. 1569, DOI:10.1001/jama.283.12.1569, PMID 10735392.
  18. ^ (EN) Johnson F et al., Changing perceptions of weight in Great Britain: comparison of two population surveys in BMJ, vol. 337, 2008, pp. a494, DOI:10.1136/bmj.a494, PMC 2500200, PMID 18617488.
  19. ^ Fumento, Michael, The Fat of the Land: Our Health Crisis and How Overweight Americans Can Help Themselves, Penguin (Non-Classics), 1997, p. 126, ISBN 0-14-026144-3.
  20. ^ (EN) Neumark-Sztainer D, The weight dilemma: a range of philosophical perspectives in Int. J. Obes. Relat. Metab. Disord., 23 Suppl 2, marzo 1999, pp. S31–7, DOI:10.1038/sj.ijo.0800857, PMID 10340803.
  21. ^ (EN) What is NAAFA su National Association to Advance Fat Acceptance. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  22. ^ (EN) ISAA Mission Statement su International Size Acceptance Association. URL consultato il 17 febbraio 2009.
  23. ^ a b Pulver, Adam, An Imperfect Fit: Obesity, Public Health, and Disability Anti-Discrimination Law, Social Science Electronic Publishing, 2007. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  24. ^ (EN) National Association to Advance Fat Acceptance, We come in all sizes, NAAFA, 2008. URL consultato il 29 luglio 2008.
  25. ^ I dati contenuti nelle mappe sono tratti da uno studio epidemiologico del 2008 dell'International Obesity Taskforce; una successiva ricerca compiuta nel 2011 dall'International Association for the Study of Obesity non ha mostrato variazioni significative rispetto alle rilevazioni del 2008.
  26. ^ (EN) Global Prevalence of Adult Obesity (PDF) su International Association for the Study of Obesity, London – January 2011. URL consultato il 14 marzo 2015.
  27. ^ a b (EN) Obesity and overweight su World Health Organization. URL consultato l'8 aprile 2009.
  28. ^ Epidemiologia dell'obesità - Il quadro internazionale ed europeo. URL consultato il 7 marzo 2015.
  29. ^ a b (EN) Sturm R, Increases in morbid obesity in the USA: 2000–2005 in Public Health, vol. 121, nº 7, luglio 2007, pp. 492–6, DOI:10.1016/j.puhe.2007.01.006, PMC 2864630, PMID 17399752.
  30. ^ (EN) Howard, Natasha J., A Taylor, T Gill e C Chittleborough, Severe obesity: Investigating the socio-demographics within the extremes of body mass index in Obesity Research &Clinical Practice, vol. 2, nº 1, marzo 2008, pp. 51–59, DOI:10.1016/j.orcp.2008.01.001, PMID 24351678.
  31. ^ Tjepkema M, Measured Obesity–Adult obesity in Canada: Measured height and weight in Nutrition: Findings from the Canadian Community Health Survey, Ottawa, Ontario, Statistics Canada, 6 luglio 2005.
  32. ^ a b (EN) Tsigosa Constantine et al., Management of Obesity in Adults: European Clinical Practice Guidelines in The European Journal of Obesity, vol. 1, aprile 2008, DOI:10.1159/000126822, PMID 20054170.
  33. ^ Loscalzo, Joseph; Fauci, Anthony S.; Braunwald, Eugene; Dennis L. Kasper; Hauser, Stephen L; Longo, Dan L., Harrison's principles of internal medicine, McGraw-Hill Medical, 2008, ISBN 0-07-146633-9.
  34. ^ Brook Barnes, Limiting Ads of Junk Food to Children in New York Times, 18 luglio 2007. URL consultato il 24 luglio 2008.
  35. ^ (EN) Fewer Sugary Drinks Key to Weight Loss - healthfinder.gov su U.S. Department of Health and Human Services. URL consultato il 18 ottobre 2009.
  36. ^ (EN) Brennan Ramirez LK et al., Indicators of activity-friendly communities: An evidence-based consensus process in Am J Prev Med, vol. 31, nº 6, dicembre 2006, pp. 530–32, DOI:10.1016/j.amepre.2006.07.026, PMID 17169714.
  37. ^ (EN) Lau DC et al., 2006 Canadian clinical practice guidelines on the management and prevention of obesity in adults and children [summary] in CMAJ, vol. 176, nº 8, aprile 2007, pp. S1–13, DOI:10.1503/cmaj.061409, PMC 1839777, PMID 17420481.
  38. ^ Storing up problems; the medical case for a slimmer nation (PDF), London, Royal College of Physicians, 11 febbraio 2004, ISBN 1-86016-200-2.
  39. ^ Great Britain Parliament House of Commons Health Committee, Obesity – Volume 1 – HCP 23-I, Third Report of session 2003–04. Report, together with formal minutes, London, UK, TSO (The Stationery Office), maggio 2004, ISBN 978-0-215-01737-6. URL consultato il 17 dicembre 2007.
  40. ^ (EN) Sacks G, Swinburn B e Lawrence M, Obesity Policy Action framework and analysis grids for a comprehensive policy approach to reducing obesity in Obes Rev, vol. 10, nº 1, gennaio 2009, pp. 76–86, DOI:10.1111/j.1467-789X.2008.00524.x, PMID 18761640.
  41. ^ (EN) Bakewell J, Bariatric furniture: Considerations for use. in Int J Ther Rehabil, nº 7, 2007, pp. 329–33.
  42. ^ a b Puhl R., Henderson K., and Brownell K. Social consequences of obesity In: Kopelman, pp. 29–45.
  43. ^ (EN) Johansson E et al., Obesity and labour market success in Finland: The difference between having a high BMI and being fat. in Economics and Human Biology, vol. 7, nº 1, 2009, pp. 36–45, DOI:10.1016/j.ehb.2009.01.008, PMID 19249259.
  44. ^ Laura Cummings, The diet business: Banking on failure, BBC News, 5 febbraio 2003. URL consultato il 25 febbraio 2009.
  45. ^ (EN) Finkelstein EA, Fiebelkorn IA e Wang G, National medical spending attributable to overweight and obesity: How much, and who's paying in Health Affairs, Online, May, 1º gennaio 2003.
  46. ^ (EN) Obesity and overweight: Economic consequences, Centers for Disease Control and Prevention, 22 maggio 2007. URL consultato il 5 settembre 2007.
  47. ^ a b c d (EN) Lau DC et al., 2006 Canadian clinical practice guidelines on the management and prevention of obesity in adults and children [summary] in CMAJ, vol. 176, nº 8, aprile 2007, pp. S1–13, DOI:10.1503/cmaj.061409, PMC 1839777, PMID 17420481.
  48. ^ (EN) van Baal PH et al., Lifetime medical costs of obesity: Prevention no cure for increasing health expenditure in PLoS Med., vol. 5, nº 2, febbraio 2008, pp. e29, DOI:10.1371/journal.pmed.0050029, PMC 2225430, PMID 18254654.
  49. ^ (EN) Neovius K et al., Obesity status and sick leave: a systematic review in Obes Rev, vol. 10, nº 1, gennaio 2009, pp. 17–27, DOI:10.1111/j.1467-789X.2008.00521.x, PMID 18778315.
  50. ^ Puhl R., Henderson K., and Brownell K. Social consequences of obesity In: Kopelman, p. 29–45.
  51. ^ (EN) Lisa DiCarlo, Why Airlines Can't Cut The Fat su Forbes.com, 24 ottobre 2002. URL consultato il 23 luglio 2008.
  52. ^ (EN) Dannenberg AL, Burton DC e Jackson RJ, Economic and environmental costs of obesity: The impact on airlines in American journal of preventive medicine, vol. 27, nº 3, 2004, p. 264, DOI:10.1016/j.amepre.2004.06.004, PMID 15450642.
  53. ^ a b (EN) Berrington de Gonzalez A et al., Body-mass index and mortality among 1.46 million white adults in N. Engl. J. Med., vol. 363, nº 23, dicembre 2010, pp. 2211–9, DOI:10.1056/NEJMoa1000367, PMID 21121834.
  54. ^ (EN) Mokdad AH et al., Actual causes of death in the United States, 2000 in JAMA, vol. 291, nº 10, marzo 2004, pp. 1238–45, DOI:10.1001/jama.291.10.1238, PMID 15010446.
  55. ^ a b (EN) Allison DB et al., Annual deaths attributable to obesity in the United States in JAMA, vol. 282, nº 16, ottobre 1999, pp. 1530–8, DOI:10.1001/jama.282.16.1530, PMID 10546692.
  56. ^ a b c (EN) Whitlock G et al., Body-mass index and cause-specific mortality in 900 000 adults: collaborative analyses of 57 prospective studies in Lancet, vol. 373, nº 9669, marzo 2009, pp. 1083–96, DOI:10.1016/S0140-6736(09)60318-4, PMC 2662372, PMID 19299006.
  57. ^ (EN) Calle EE et al., Body-mass index and mortality in a prospective cohort of U.S. adults in N. Engl. J. Med., vol. 341, nº 15, ottobre 1999, pp. 1097–105, DOI:10.1056/NEJM199910073411501, PMID 10511607.
  58. ^ (EN) Pischon T et al., General and abdominal adiposity and risk of death in Europe in N. Engl. J. Med., vol. 359, nº 20, novembre 2008, pp. 2105–20, DOI:10.1056/NEJMoa0801891, PMID 19005195.
  59. ^ (EN) Manson JE et al., Body weight and mortality among women in N. Engl. J. Med., vol. 333, nº 11, 1995, pp. 677–85, DOI:10.1056/NEJM199509143331101, PMID 7637744.
  60. ^ (EN) Fried M, Hainer V, Basdevant A, et al., Inter-disciplinary European guidelines on surgery of severe obesity in Int J Obes (Lond), vol. 31, nº 4, aprile 2007, pp. 569–77, DOI:10.1038/sj.ijo.0803560, PMID 17325689.
  61. ^ (EN) Peeters A et al., Obesity in adulthood and its consequences for life expectancy: A life-table analysis in Ann. Intern. Med., vol. 138, nº 1, gennaio 2003, pp. 24–32, PMID 12513041.
  62. ^ (EN) Grundy SM, Obesity, metabolic syndrome, and cardiovascular disease in J. Clin. Endocrinol. Metab., vol. 89, nº 6, 2004, pp. 2595–600, DOI:10.1210/jc.2004-0372, PMID 15181029.
  63. ^ Seidell 2005, p. 9.
  64. ^ (EN) Shoelson SE, Herrero L, Naaz A, Obesity, inflammation, and insulin resistance in Gastroenterology, vol. 132, nº 6, maggio 2007, pp. 2169–80, DOI:10.1053/j.gastro.2007.03.059, PMID 17498510.
  65. ^ (EN) Shoelson SE, Lee J, Goldfine AB, Inflammation and insulin resistance in J. Clin. Invest., vol. 116, nº 7, luglio 2006, pp. 1793–801, DOI:10.1172/JCI29069, PMC 1483173, PMID 16823477.
  66. ^ a b (EN) Bray GA, Medical consequences of obesity in J. Clin. Endocrinol. Metab., vol. 89, nº 6, 2004, pp. 2583–9, DOI:10.1210/jc.2004-0535, PMID 15181027.
  67. ^ (EN) Dentali F, Squizzato A, Ageno W, The metabolic syndrome as a risk factor for venous and arterial thrombosis in Semin. Thromb. Hemost., vol. 35, nº 5, luglio 2009, pp. 451–7, DOI:10.1055/s-0029-1234140, PMID 19739035.
  68. ^ (EN) Yusuf S.,INTERHEART Study Investigators et al., Effect of potentially modifiable risk factors associated with myocardial infarction in 52 countries (the INTERHEART study): Case-control study in Lancet, vol. 364, nº 9438, 2004, pp. 937–52, DOI:10.1016/S0140-6736(04)17018-9, PMID 15364185.
  69. ^ (EN) Darvall KA, Sam RC, Silverman SH, Bradbury AW, Adam DJ, Obesity and thrombosis in Eur J Vasc Endovasc Surg, vol. 33, nº 2, febbraio 2007, pp. 223–33, DOI:10.1016/j.ejvs.2006.10.006, PMID 17185009.
  70. ^ a b c d (EN) Yosipovitch G, DeVore A, Dawn A, Obesity and the skin: skin physiology and skin manifestations of obesity in J. Am. Acad. Dermatol., vol. 56, nº 6, giugno 2007, pp. 901–16; quiz 917–20, DOI:10.1016/j.jaad.2006.12.004, PMID 17504714.
  71. ^ (EN) Hahler B, An overview of dermatological conditions commonly associated with the obese patient in Ostomy Wound Manage, vol. 52, nº 6, giugno 2006, pp. 34–6, 38, 40 passim, PMID 16799182.
  72. ^ a b (EN) Arendas K, Qiu Q, Gruslin A, Obesity in pregnancy: pre-conceptional to postpartum consequences in J Obstet Gynaecol Can, vol. 30, nº 6, giugno 2008, pp. 477–88, PMID 18611299.
  73. ^ (EN) Anand G, Katz PO, Gastroesophageal reflux disease and obesity in Rev Gastroenterol Disord, vol. 8, nº 4, 2008, pp. 233–9, PMID 19107097.
  74. ^ (EN) Harney D, Patijn J, Meralgia paresthetica: diagnosis and management strategies in Pain Med, vol. 8, nº 8, 2007, pp. 669–77, DOI:10.1111/j.1526-4637.2006.00227.x, PMID 18028045.
  75. ^ (EN) Bigal ME, Lipton RB, Obesity and chronic daily headache in Curr Pain Headache Rep, vol. 12, nº 1, gennaio 2008, pp. 56–61, DOI:10.1007/s11916-008-0011-8, PMID 18417025.
  76. ^ (EN) Sharifi-Mollayousefi A et al., Assessment of body mass index and hand anthropometric measurements as independent risk factors for carpal tunnel syndrome in Folia Morphol. (Warsz), vol. 67, nº 1, febbraio 2008, pp. 36–42, PMID 18335412.
  77. ^ (EN) Beydoun MA, Beydoun HA, Wang Y, Obesity and central obesity as risk factors for incident dementia and its subtypes: A systematic review and meta-analysis in Obes Rev, vol. 9, nº 3, maggio 2008, pp. 204–18, DOI:10.1111/j.1467-789X.2008.00473.x, PMID 18331422.
  78. ^ (EN) Wall M, Idiopathic intracranial hypertension (pseudotumor cerebri) in Curr Neurol Neurosci Rep, vol. 8, nº 2, marzo 2008, pp. 87–93, DOI:10.1007/s11910-008-0015-0, PMID 18460275.
  79. ^ (EN) KL Munger, T Chitnis e A. Ascherio, Body size and risk of MS in two cohorts of US women in Neurology, vol. 73, nº 19, 2009, pp. 1543–50, DOI:10.1212/WNL.0b013e3181c0d6e0, PMC 2777074, PMID 19901245.
  80. ^ (EN) Calle EE, Rodriguez C, Walker-Thurmond K, Thun MJ, Overweight, obesity, and mortality from cancer in a prospectively studied cohort of U.S. adults in N. Engl. J. Med., vol. 348, nº 17, aprile 2003, pp. 1625–38, DOI:10.1056/NEJMoa021423, PMID 12711737.
  81. ^ a b c (EN) Poulain M et al., The effect of obesity on chronic respiratory diseases: pathophysiology and therapeutic strategies in CMAJ, vol. 174, nº 9, aprile 2006, pp. 1293–9, DOI:10.1503/cmaj.051299, PMC 1435949, PMID 16636330.
  82. ^ (EN) Choi HK et al., Obesity, weight change, hypertension, diuretic use, and risk of gout in men: the health professionals follow-up study in Arch. Intern. Med., vol. 165, nº 7, aprile 2005, pp. 742–8, DOI:10.1001/archinte.165.7.742, PMID 15824292.
  83. ^ (EN) Tukker A, Visscher T e Picavet H, Overweight and health problems of the lower extremities: osteoarthritis, pain and disability in Public Health Nutr, vol. 12, nº 3, aprile 2008, pp. 1–10, DOI:10.1017/S1368980008002103, PMID 18426630.
  84. ^ (NL) Molenaar EA et al., [Considerable comorbidity in overweight adults: results from the Utrecht Health Project] in Ned Tijdschr Geneeskd, vol. 152, nº 45, novembre 2008, pp. 2457–63, PMID 19051798.
  85. ^ (EN) Esposito K et al., Effect of lifestyle changes on erectile dysfunction in obese men: A randomized controlled trial in JAMA, vol. 291, nº 24, 2004, pp. 2978–84, DOI:10.1001/jama.291.24.2978, PMID 15213209.
  86. ^ (EN) Hunskaar S, A systematic review of overweight and obesity as risk factors and targets for clinical intervention for urinary incontinence in women in Neurourol. Urodyn., vol. 27, nº 8, 2008, pp. 749–57, DOI:10.1002/nau.20635, PMID 18951445.
  87. ^ (EN) Ejerblad E et al., Obesity and risk for chronic renal failure in J. Am. Soc. Nephrol., vol. 17, nº 6, 2006, pp. 1695–702, DOI:10.1681/ASN.2005060638, PMID 16641153.
  88. ^ (EN) Makhsida N et al., Hypogonadism and metabolic syndrome: Implications for testosterone therapy in J. Urol., vol. 174, nº 3, settembre 2005, pp. 827–34, DOI:10.1097/01.ju.0000169490.78443.59, PMID 16093964.
  89. ^ a b (EN) Schmidt DS e Salahudeen AK, Obesity-survival paradox-still a controversy? in Semin Dial, vol. 20, nº 6, 2007, pp. 486–92, DOI:10.1111/j.1525-139X.2007.00349.x, PMID 17991192.
  90. ^ (EN) Habbu A, Lakkis NM e Dokainish H, The obesity paradox: Fact or fiction? in Am. J. Cardiol., vol. 98, nº 7, ottobre 2006, pp. 944–8, DOI:10.1016/j.amjcard.2006.04.039, PMID 16996880.
  91. ^ (EN) Romero-Corral A et al., Association of bodyweight with total mortality and with cardiovascular events in coronary artery disease: A systematic review of cohort studies in Lancet, vol. 368, nº 9536, 2006, pp. 666–78, DOI:10.1016/S0140-6736(06)69251-9, PMID 16920472.
  92. ^ (EN) Oreopoulos A et al., Body mass index and mortality in heart failure: A meta-analysis in Am. Heart J., vol. 156, nº 1, luglio 2008, pp. 13–22, DOI:10.1016/j.ahj.2008.02.014, PMID 18585492.
  93. ^ (EN) Oreopoulos A et al., Effect of obesity on short- and long-term mortality postcoronary revascularization: A meta-analysis in Obesity (Silver Spring), vol. 16, nº 2, febbraio 2008, pp. 442–50, DOI:10.1038/oby.2007.36, PMID 18239657.
  94. ^ (EN) Diercks DB et al., The obesity paradox in non-ST-segment elevation acute coronary syndromes: Results from the Can Rapid risk stratification of Unstable angina patients Suppress ADverse outcomes with Early implementation of the American College of Cardiology/American Heart Association Guidelines Quality Improvement Initiative in Am Heart J, vol. 152, nº 1, luglio 2006, pp. 140–8, DOI:10.1016/j.ahj.2005.09.024, PMID 16824844.
  95. ^ (EN) Bleich S et al., Why is the developed world obese? in Annu Rev Public Health, vol. 29, 2008, pp. 273–95, DOI:10.1146/annurev.publhealth.29.020907.090954, PMID 18173389.
  96. ^ (EN) Drewnowski A e Specter SE, Poverty and obesity: the role of energy density and energy costs in Am. J. Clin. Nutr., vol. 79, nº 1, gennaio 2004, pp. 6–16, PMID 14684391.
  97. ^ (EN) Nestle M e Jacobson MF, Halting the obesity epidemic: A public health policy approach in Public Health Rep, vol. 115, nº 1, 2000, pp. 12–24, DOI:10.1093/phr/115.1.12, PMC 1308552, PMID 10968581.
  98. ^ (EN) James WP, The fundamental drivers of the obesity epidemic in Obes Rev, 9 Suppl 1, marzo 2008, pp. 6–13, DOI:10.1111/j.1467-789X.2007.00432.x, PMID 18307693.
  99. ^ (EN) Keith SW et al., Putative contributors to the secular increase in obesity: Exploring the roads less traveled in Int J Obes (Lond), vol. 30, nº 11, 2006, pp. 1585–94, DOI:10.1038/sj.ijo.0803326, PMID 16801930.
  100. ^ a b c d e (EN) EarthTrends: Nutrition: Calorie supply per capita su World Resources Institute. URL consultato il 18 ottobre 2009.
  101. ^ (EN) Diet composition and obesity among Canadian adults su Statistics Canada. URL consultato il 10 gennaio 2009.
  102. ^ Ann Gibbons, L'evoluzione della dieta, National Geographic Society. URL consultato il 12 marzo 2015.
  103. ^ (EN) National Control for Health Statistics, Nutrition For Everyone, Centers for Disease Control and Prevention. URL consultato il 12 marzo 2015.
  104. ^ (EN) Marantz PR, Bird ED, Alderman MH, A call for higher standards of evidence for dietary guidelines in Am J Prev Med, vol. 34, nº 3, marzo 2008, pp. 234–40, DOI:10.1016/j.amepre.2007.11.017, PMID 18312812.
  105. ^ (EN) Flegal KM et al., Prevalence and trends in obesity among US adults, 1999–2000 in JAMA, vol. 288, nº 14, ottobre 2002, pp. 1723–1727, DOI:10.1001/jama.288.14.1723, PMID 12365955.
  106. ^ (EN) Wright JD et al., Trends in intake of energy and macronutrients—United States, 1971–2000 in MMWR Morb Mortal Wkly Rep, vol. 53, nº 4, febbraio 2004, pp. 80–2, PMID 14762332.
  107. ^ (EN) Malik VS, Schulze MB, Hu FB, Intake of sugar-sweetened beverages and weight gain: a systematic review in Am. J. Clin. Nutr., vol. 84, nº 2, agosto 2006, pp. 274–88, PMID 16895873.
  108. ^ (EN) Olsen NJ, Heitmann BL, Intake of calorically sweetened beverages and obesity in Obes Rev, vol. 10, nº 1, gennaio 2009, pp. 68–75, DOI:10.1111/j.1467-789X.2008.00523.x, PMID 18764885.
  109. ^ (EN) Rosenheck R, Fast food consumption and increased caloric intake: a systematic review of a trajectory towards weight gain and obesity risk in Obes Rev, vol. 9, nº 6, novembre 2008, pp. 535–47, DOI:10.1111/j.1467-789X.2008.00477.x, PMID 18346099.
  110. ^ Lin BH, Guthrie J e Frazao E, Nutrient contribution of food away from home in Frazão E (a cura di), Agriculture Information Bulletin No. 750: America's Eating Habits: Changes and Consequences, Washington, DC, US Department of Agriculture, Economic Research Service, 1999, pp. 213–239.
  111. ^ Pollan, Michael, You Are What You Grow in New York Times, 22 aprile 2007. URL consultato il 12 marzo 2005.
  112. ^ a b (EN) WHO: Obesity and overweight su World Health Organization. URL consultato il 12 marzo 2015.
  113. ^ a b c (EN) WHO | Physical Inactivity: A Global Public Health Problem su World Health Organization. URL consultato il 12 marzo 2015.
  114. ^ a b (EN) Ness-Abramof R e Apovian CM, Diet modification for treatment and prevention of obesity in Endocrine, vol. 29, nº 1, febbraio 2006, pp. 5–9, DOI:10.1385/ENDO:29:1:135, PMID 16622287.
  115. ^ (EN) Salmon J e Timperio A, Prevalence, trends and environmental influences on child and youth physical activity in Med Sport Sci, vol. 50, 2007, pp. 183–99, DOI:10.1159/000101391, PMID 17387258.
  116. ^ (EN) Borodulin K et al., Thirty-year trends of physical activity in relation to age, calendar time and birth cohort in Finnish adults in Eur J Public Health, vol. 18, nº 3, giugno 2008, pp. 339–44, DOI:10.1093/eurpub/ckm092, PMID 17875578.
  117. ^ (EN) Brownson RC, Boehmer TK e Luke DA, Declining rates of physical activity in the United States: what are the contributors? in Annu Rev Public Health, vol. 26, 2005, pp. 421–43, DOI:10.1146/annurev.publhealth.26.021304.144437, PMID 15760296.
  118. ^ (EN) Gortmaker SL et al., Television viewing as a cause of increasing obesity among children in the United States, 1986–1990 in Arch Pediatr Adolesc Med, vol. 150, nº 4, aprile 1996, pp. 356–62, PMID 8634729.
  119. ^ (EN) Vioque J, Torres A e Quiles J, Time spent watching television, sleep duration and obesity in adults living in Valencia, Spain in Int. J. Obes. Relat. Metab. Disord., vol. 24, nº 12, dicembre 2000, pp. 1683–8, DOI:10.1038/sj.ijo.0801434, PMID 11126224.
  120. ^ (EN) Tucker LA e Bagwell M, Television viewing and obesity in adult females in Am J Public Health, vol. 81, nº 7, luglio 1991, pp. 908–11, DOI:10.2105/AJPH.81.7.908, PMC 1405200, PMID 2053671.
  121. ^ (EN) Mary Jones, Case Study: Cataplexy and SOREMPs Without Excessive Daytime Sleepiness in Prader Willi Syndrome. Is This the Beginning of Narcolepsy in a Five Year Old?, European Society of Sleep Technologists. URL consultato il 12 marzo 2015.
  122. ^ (EN) Poirier P et al., Obesity and cardiovascular disease: pathophysiology, evaluation, and effect of weight loss in Arterioscler. Thromb. Vasc. Biol., vol. 26, nº 5, maggio 2006, pp. 968–76, DOI:10.1161/01.ATV.0000216787.85457.f3, PMID 16627822.
  123. ^ (EN) Loos RJ e Bouchard C, FTO: the first gene contributing to common forms of human obesity in Obes Rev, vol. 9, nº 3, maggio 2008, pp. 246–50, DOI:10.1111/j.1467-789X.2008.00481.x, PMID 18373508.
  124. ^ (EN) Yang W, Kelly T e He J, Genetic epidemiology of obesity in Epidemiol Rev, vol. 29, 2007, pp. 49–61, DOI:10.1093/epirev/mxm004, PMID 17566051.
  125. ^ (EN) Walley AJ, Asher JE e Froguel P, The genetic contribution to non-syndromic human obesity in Nat. Rev. Genet., vol. 10, nº 7, giugno 2009, pp. 431–42, DOI:10.1038/nrg2594, PMID 19506576.
  126. ^ (EN) Farooqi S, O'Rahilly S, Genetics of obesity in humans in Endocr. Rev., vol. 27, nº 7, dicembre 2006, pp. 710–18, DOI:10.1210/er.2006-0040, PMID 17122358.
  127. ^ (EN) Kolata,Gina, Rethinking thin: The new science of weight loss – and the myths and realities of dieting, Picador, 2007, p. 122, ISBN 0-312-42785-9.
  128. ^ (EN) Chakravarthy MV, Booth FW, Eating, exercise, and "thrifty" genotypes: Connecting the dots toward an evolutionary understanding of modern chronic diseases in J. Appl. Physiol., vol. 96, nº 1, 2004, pp. 3–10, DOI:10.1152/japplphysiol.00757.2003, PMID 14660491.
  129. ^ (EN) Wells JC, Ethnic variability in adiposity and cardiovascular risk: the variable disease selection hypothesis in Int J Epidemiol, vol. 38, nº 1, febbraio 2009, pp. 63–71, DOI:10.1093/ije/dyn183, PMID 18820320.
  130. ^ (EN) Rosén T et al., Increased body fat mass and decreased extracellular fluid volume in adults with growth hormone deficiency in Clin. Endocrinol. (Oxf), vol. 38, nº 1, 1993, pp. 63–71, DOI:10.1111/j.1365-2265.1993.tb00974.x, PMID 8435887.
  131. ^ (EN) Zametkin AJ et al., Psychiatric aspects of child and adolescent obesity: a review of the past 10 years in J Am Acad Child Adolesc Psychiatry, vol. 43, nº 2, febbraio 2004, pp. 134–50, DOI:10.1097/00004583-200402000-00008, PMID 14726719.
  132. ^ (EN) Chiles C, van Wattum PJ, Psychiatric aspects of the obesity crisis in Psychiatr Times, vol. 27, nº 4, 2010, pp. 47–51.
  133. ^ a b (EN) Bjornstop P, Do stress reactions cause abdominal obesity and comorbidities? in Obesity Reviews, vol. 2, nº 2, 2001, pp. 73–86, DOI:10.1046/j.1467-789x.2001.00027.x, PMID 12119665.
  134. ^ (EN) Sobal J, Stunkard AJ, Socioeconomic status and obesity: A review of the literature in Psychol Bull, vol. 105, nº 2, marzo 1989, pp. 260–75, DOI:10.1037/0033-2909.105.2.260, PMID 2648443.
  135. ^ (EN) McLaren L, Socioeconomic status and obesity in Epidemiol Rev, vol. 29, 2007, pp. 29–48, DOI:10.1093/epirev/mxm001, PMID 17478442.
  136. ^ a b (EN) Richard Wilkinson e Kate Pickett, The Spirit Level: Why More Equal Societies Almost Always Do Better, London, Allen Lane, 2009, pp. 91–101, ISBN 978-1-84614-039-6.
  137. ^ (EN) Goodman E. et al., Impact of objective and subjective social status on obesity in a biracial cohort of adolescents in Obesity Reviews, vol. 11, nº 8, 2003, pp. 1018–26, DOI:10.1038/oby.2003.140, PMID 12917508.
  138. ^ (EN) Flegal KM et al., The influence of smoking cessation on the prevalence of overweight in the United States in N. Engl. J. Med., vol. 333, nº 18, novembre 1995, pp. 1165–70, DOI:10.1056/NEJM199511023331801, PMID 7565970.
  139. ^ (EN) Chiolero A et al., Consequences of smoking for body weight, body fat distribution, and insulin resistance in Am. J. Clin. Nutr., vol. 87, nº 4, 1º aprile 2008, pp. 801–9, PMID 18400700.
  140. ^ (EN) Weng HH et al., Number of children associated with obesity in middle-aged women and men: results from the health and retirement study in J Women's Health (Larchmt), vol. 13, nº 1, 2004, pp. 85–91, DOI:10.1089/154099904322836492, PMID 15006281.
  141. ^ (EN) Bellows-Riecken KH e Rhodes RE, A birth of inactivity? A review of physical activity and parenthood in Prev Med, vol. 46, nº 2, febbraio 2008, pp. 99–110, DOI:10.1016/j.ypmed.2007.08.003, PMID 17919713.
  142. ^ (EN) Obesity and Overweight (PDF), World Health Organization. URL consultato il 12 marzo 2015.
  143. ^ a b (EN) Caballero B, Introduction. Symposium: Obesity in developing countries: biological and ecological factors in J. Nutr., vol. 131, nº 3, marzo 2001, pp. 866S–870S, PMID 11238776.
  144. ^ (EN) DiBaise JK et al., Gut microbiota and its possible relationship with obesity in Mayo Clinic proceedings. Mayo Clinic, vol. 83, nº 4, aprile 2008, pp. 460–9, DOI:10.4065/83.4.460, PMID 18380992.
  145. ^ (EN) Falagas ME e Kompoti M, Obesity and infection in Lancet Infect Dis, vol. 6, nº 7, luglio 2006, pp. 438–46, DOI:10.1016/S1473-3099(06)70523-0, PMID 16790384.
  146. ^ (EN) Sweeting HN, Measurement and definitions of obesity in childhood and adolescence: A field guide for the uninitiated in Nutr J, vol. 6, 2007, p. 32, DOI:10.1186/1475-2891-6-32, PMC 2164947, PMID 17963490.
  147. ^ (EN) Gray DS, Fujioka K, Use of relative weight and Body Mass Index for the determination of adiposity in J Clin Epidemiol, vol. 44, nº 6, 1991, pp. 545–50, DOI:10.1016/0895-4356(91)90218-X, PMID 2037859.
  148. ^ a b (EN) Healthy Weight: Assessing Your Weight: BMI: About BMI for Children and Teens, Centers for disease control and prevention. URL consultato il 12 marzo 2015.
  149. ^ a b (EN) Flegal KM et al., Prevalence of overweight in US children: comparison of US growth charts from the Centers for Disease Control and Prevention with other reference values for body mass index in Am. J. Clin. Nutr., vol. 73, nº 6, giugno 2001, pp. 1086–93, PMID 11382664.
  150. ^ (EN) Kanazawa M et al., Criteria and classification of obesity in Japan and Asia-Oceania in Asia Pac J Clin Nutr, 11 Suppl 8, dicembre 2002, pp. S732–S737, DOI:10.1046/j.1440-6047.11.s8.19.x, PMID 12534701.
  151. ^ (EN) Bei-Fan Z e Cooperative Meta-Analysis Group of Working Group on Obesity in China, Predictive values of body mass index and waist circumference for risk factors of certain related diseases in Chinese adults: study on optimal cut-off points of body mass index and waist circumference in Chinese adults in Asia Pac J Clin Nutr, 11 Suppl 8, dicembre 2002, pp. S685–93, DOI:10.1046/j.1440-6047.11.s8.9.x, PMID 12534691.
  152. ^ a b (EN) Flynn MA et al., Reducing obesity and related chronic disease risk in children and youth: a synthesis of evidence with 'best practice' recommendations in Obes Rev, 7 Suppl 1, febbraio 2006, pp. 7–66, DOI:10.1111/j.1467-789X.2006.00242.x, PMID 16371076.
  153. ^ (EN) Dollman J et al., Evidence for secular trends in children's physical activity behaviour in Br J Sports Med, vol. 39, nº 12, dicembre 2005, pp. 892–7; discussion 897, DOI:10.1136/bjsm.2004.016675, PMC 1725088, PMID 16306494.
  154. ^ (EN) Strychar I, Diet in the management of weight loss in CMAJ, vol. 174, nº 1, gennaio 2006, pp. 56–63, DOI:10.1503/cmaj.045037, PMC 1319349, PMID 16389240.
  155. ^ (EN) Shick SM et al., Persons successful at long-term weight loss and maintenance continue to consume a low-energy, low-fat diet in J Am Diet Assoc, vol. 98, nº 4, aprile 1998, pp. 408–13, DOI:10.1016/S0002-8223(98)00093-5, PMID 9550162.
  156. ^ (EN) Tate DF et al., Long-term weight losses associated with prescription of higher physical activity goals. Are higher levels of physical activity protective against weight regain? in Am. J. Clin. Nutr., vol. 85, nº 4, 1º aprile 2007, pp. 954–9, PMID 17413092.
  157. ^ (EN) Wing, Rena R e Phelan, Suzanne, Science-Based Solutions to Obesity: What are the Roles of Academia, Government, Industry, and Health Care? Proceedings of a symposium, Boston, Massachusetts, USA, 10–11 March 2004 and Anaheim, California, USA, 2 October 2004 in Am. J. Clin. Nutr., vol. 82, 1 Suppl, 1º luglio 2005, pp. 207S–273S, PMID 16002825.
  158. ^ (EN) Rucker D et al., Long term pharmacotherapy for obesity and overweight: Updated meta-analysis in BMJ, vol. 335, nº 7631, 2007, pp. 1194–99, DOI:10.1136/bmj.39385.413113.25, PMC 2128668, PMID 18006966.
  159. ^ (EN) Shelley Wood, Diet Drug Orlistat Linked to Kidney, Pancreas Injuries su Medscape, Medscape News. URL consultato il 26 aprile 2011.
  160. ^ a b c Terapia farmacologica dell'obesità. URL consultato il 12 marzo 2015.
  161. ^ a b c Marco Anselmino, Terapia chirurgica dell'obesità. URL consultato il 01 marzo 2015.
  162. ^ a b Luca Busetto, Terapia chirurgica dell’obesità: indicazioni e controindicazioni (PDF). URL consultato il 01 marzo 2015.
  163. ^ (EN) Sjöström L et al., Effects of bariatric surgery on mortality in Swedish obese subjects in N. Engl. J. Med., vol. 357, nº 8, agosto 2007, pp. 741–52, DOI:10.1056/NEJMoa066254, PMID 17715408.
  164. ^ a b Lund Elizabeth M., Prevalence and Risk Factors for Obesity in Adult Dogs from Private US Veterinary Practices (PDF) in Intern J Appl Res Vet Med, vol. 4, nº 2, 2006, pp. 177–86.
  165. ^ (EN) McGreevy PD et al., Prevalence of obesity in dogs examined by Australian veterinary practices and the risk factors involved in Vet. Rec., vol. 156, nº 22, maggio 2005, pp. 695–702, PMID 15923551.
  166. ^ (EN) Nijland ML, Stam F e Seidell JC, Overweight in dogs, but not in cats, is related to overweight in their owners in Public Health Nutr, vol. 13, nº 1, giugno 2009, pp. 1–5, DOI:10.1017/S136898000999022X, PMID 19545467.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4016953-4
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 23 marzo 2015 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci di qualità in altre lingue