Sindrome di Bardet-Biedl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà garanzia di validità dei contenuti: leggi le avvertenze.
Sindrome di Bardet-Biedl
Specialità genetica clinica
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 759.89
OMIM 209900
MeSH D020788
Eponimi
Arthur Biedl

La sindrome di Bardet-Biedl (BBS) è una ciliopatia e una malattia genetica umana che può colpire molti organi. Essa è caratterizzata principalmente da obesità, retinite pigmentosa, polidattilia, ipogonadismo e in alcuni casi insufficienza renale.[1] Precedentemente, il ritardo mentale è stato considerato un sintomo principale, ma non è ora non lo è più.

Quadro clinico[modifica | modifica wikitesto]

la sindrome di Bardet-Biedl è una malattia pleiotropica con espressività variabile e ha una vasta gamma di variabilità sia all'interno che tra le famiglie. Le principali caratteristiche cliniche sono una distrofia retinica da anomalia dei coni e dei bastoncelli con perdita della vista ad esordio infantile preceduto da cecità notturna; polidattilia postassiale; obesità del tronco che si manifesta durante l'infanzia e rimane problematica in età adulta; specifiche difficoltà di apprendimento in alcuni, ma non in tutti gli individui; ipogenitalismo maschile e complesse malformazioni urogenitali femminili; disfunzione renale, una delle principali cause di morbilità e mortalità. Vi è un'ampia gamma di funzioni secondarie che sono talvolta associati a BBS [2] compresi[3]

  • Disturbo del linguaggio
  • Strabismo, cataratta e astigmatismo
  • Brachidattilia e sindattilia di entrambe le mani e piedi, come la sindattilia parziale (più generalmente tra il secondo e il terzo dito)
  • Il ritardo dello sviluppo: molti bambini con BBS sono in ritardo nel raggiungimento di importanti traguardi di sviluppo tra cui abilità e capacità motorie, competenze psicosociali (gioco interattivo e capacità di riconoscere segnali sociali). Tuttavia questi ritardi sono curabili con la terapia.
  • Poliuria e polidipsia (diabete insipido nefrogenico)
  • Atassia e scarso coordinamento
  • Ipertonia moderata (soprattutto agli arti inferiori)
  • Diabete mellito
  • Denti sovrannumerari o ipodonzia, piccole radici dentali, palato ogivale
  • Anomalie cardiovascolari
  • Coinvolgimento epatico
  • Anosmia
  • Ipoacusia
  • Malattia di Hirschsprung

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Beales P, Elcioglu N, Woolf A, Parker D, Flinter F, New criteria for improved diagnosis of Bardet–Biedl syndrome: results of a population survey, in J. Med. Genet., vol. 36, nº 6, 1º giugno 1999, pp. 437–46, DOI:10.1136/jmg.36.6.437, PMC 1734378, PMID 10874630.
  2. ^ Allison Ross, PL Beales e J Hill, The Clinical, Molecular, and Functional Genetics of Bardet–Biedl Syndrome, in Genetics of Obesity Syndromes, Oxford University Press, 2008, pp. 147–148, ISBN 978-0-19-530016-1. URL consultato il 1º luglio 2009.
  3. ^ Allison Ross, PL Beales e J Hill, The Clinical, Molecular, and Functional Genetics of Bardet–Biedl Syndrome, in Genetics of Obesity Syndrome, Oxford University Press, 2008, pp. 153–154, ISBN 978-0-19-530016-1. URL consultato il 1º luglio 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]