Fondazione Umberto Veronesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fondazione Umberto Veronesi
Logo fondazione veronesi.jpg
Attiva2003-
StatoItalia Italia
ServizioBorse di ricerca per medici e ricercatori
TipoONP
Sede/QGMilano
MottoSostieni la ricerca, sostieni la vita
Sito webfondazioneveronesi.it
Presidente
PresidentePaolo Veronesi

La Fondazione Umberto Veronesi è un ente nato nel 2003[1] per volontà di Umberto Veronesi, con la finalità di promuovere il progresso scientifico attraverso l'erogazione di borse di ricerca per medici e ricercatori e il sostegno a progetti di altissimo profilo.[2][3] Tale ente ha la propria sede a Milano[4] ed è presieduto da Paolo Veronesi[2], figlio del fondatore. Il 9 marzo 2010 è stata inaugurata la sede di Roma.[4]

La fondazione è attiva in due aree operative: la ricerca e la divulgazione scientifica.[2][5] Nell'ambito della divulgazione scientifica, la Fondazione Veronesi, è attiva affinché i risultati e le scoperte della scienza diventino patrimonio di tutti, attraverso grandi conferenze con relatori internazionali, progetti per le scuole, campagne di sensibilizzazione e pubblicazioni.[6] Nel 2006 ha proposto un modello da compilare per il testamento biologico[7]. Nel corso del 2015 eroga 179 borse di ricerca in ambito oncologico, cardiologico, delle neuroscienze e della nutrigenomica. La Fondazione Veronesi sostiene anche la Scuola europea di medicina molecolare. Tra i maggiori promotori di tale fondazione, vi sono scienziati e ricercatori (tra cui cinque premi Nobel che hanno formato il comitato d'onore).[4]

Il 24 settembre 2013 viene pubblicata per la Sony Music la compilation Pink Is Good con 16 voci femminili: (Fiorella Mannoia, Noemi, Patti Smith, Carole King, Giorgia, Alicia Keys, Christina Aguilera, Des'ree, Whitney Houston, Arianna, Fiona Apple, Sara Bareilles, Jennifer Lopez, Alessandra Amoroso, Jennifer Hudson e Francesca Michielin). Il ricavato viene devoluto alla Fondazione Umberto Veronesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN134694725 · ISNI (EN0000 0000 9193 5936 · WorldCat Identities (ENviaf-134694725