Crossbones (personaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Crossbones
EdBrubakerCollection3.jpg
Crossbones (in alto), disegnato da Mike Perkins
UniversoUniverso Marvel
Lingua orig.Inglese
Alter egoBrock Rumlow
Autori
EditoreMarvel Comics
1ª app.Ottobre 1989
1ª app. inCaptain America (Vol. 1[1]) n. 359
Editore it.Star Comics
app. it.Agosto 1994
app. it. inSpeciale Capitan America Estate
Interpretato daFrank Grillo
Voce italianaSimone Mori
SpecieUmano
SessoMaschio
Etniastatunitense
Luogo di nascitaNew York
Poteri
Affiliazione

Crossbones, il cui vero nome è Brock Rumlow, è un personaggio dei fumetti creato da Mark Gruenwald (testi) e Kieron Dwyer (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione avviene in Captain America (Vol. 1[1]) n. 359 (ottobre 1989), seppur come figura celata dall'ombra e mostrata per intero solamente nel numero successivo, Captain America (Vol. 1[1]) n. 360 (novembre 1989).

Spietato sicario al servizio del principale antagonista di Capitan America, Il Teschio Rosso, Crossbones ne è in assoluto il discepolo più fedele, condividendone appieno gli ideali e credendo ciecamente nel suo sogno di caos, distruzione e morte.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel Lower East Side di New York, Brock Rumlow, spesso definito uno psicopatico[2] diviene noto nel suo quartiere col soprannome di "Bing" e, da ragazzo, si mette a capo di una banda di teppisti chiamata "Savage Crimes" finché, dopo aver brutalizzato e stuprato l'allora quindicenne Rachel Leighton due dei suoi fratelli maggiori, Willy e Ricky, lo affrontano per vendicarla perdendo entrambi la vita sotto la smisurata forza dei suoi colpi[3] e costringendolo a lasciare la città per evitare di venire arrestato con l'accusa di omicidio di primo grado. Fatte perdere le proprie tracce, il giovane si iscrive all'accademia criminale di Taskmaster che, nel giro di tre anni, riconosce in lui il suo miglior studente, tanto da farlo diventare a sua volta un istruttore col nome d'arte di "Bingo Brock".

Divenuto in seguito un mercenario, il suo talento fa sì che venga assoldato dal Teschio Rosso comunista, il quale lo mette a capo di una task force per assaltare il castello in Svizzera di Arnim Zola; il gruppo viene però sopraffatto dalle trappole disseminatevi e Rumlow è il solo a rimanere vivo fino all'ultimo, cosa che impressiona a tal punto il capo di Zola, il vero Teschio Rosso, da far sì che gli risparmi la vita nominandolo suo luogotenente ed assegnandogli il nome in codice di "Crossbones"[4].

Mandato in missione per sorvegliare le manovre del Barone Zemo volte al ritrovamento della "Pietra di Sangue", Crossbones affronta per la prima volta Capitan America[5] riuscendo a sconfiggere facilmente Diamante ma fallendo nel recupero dell'artefatto, che è costretto a distruggere quando l'entità che lo abita tenta di possedere Zemo[6]. Tentando di rimediare, Crossbones rapisce dunque Diamante al fine di attirare in trappola Capitan America e ucciderlo ma questi riesce a sconfiggerlo e a liberare la donna amata costringendo il sicario alla fuga[7].

Sicario di Teschio Rosso[modifica | modifica wikitesto]

Successivamente scopre della scomparsa del Teschio Rosso[8] e, dando prova della sua assoluta fedeltà, assembla la Ciurma degli Scheletri[9] e si mette sulle sue tracce per poi trovarlo sepolto vivo da Magneto e salvargli la vita[10].

In seguito prende parte all'esposizione dell'A.I.M.[11], affronta Devil durante un tentativo fallimentare di assassinare Kingpin[12], ferma Bullseye dal conseguente tentato omicidio di Teschio Rosso[13], affronta nuovamente Capitan America[14] e soccorre il suo capo dagli Schutzheilligruppe assieme alla Ciurma degli Scheletri[15]; quando però tenta di mettere in guardia il Teschio dal fatto che Viper, con cui questi ha una relazione, in realtà si stia solo approfittando di lui viene, per tutta risposta, licenziato[16].

Nel tentativo disperato di riottenere la sua posizione, Crossbones rapisce Diamante e la segrega in un'ala abbandonata della metropolitana per compiere su di lei un lavaggio del cervello volto a spezzarla, renderla un'efficace assassina e usarla contro Capitan America. In questa circostanza la donna riconosce in Crossbones l'uomo che l'ha violentata tempo addietro e solo l'amore provato per Steve le impedisce di impazzire e piegarsi alla volontà del criminale[3]. Nonostante il suo piano fallisca, viene riassunto dal Teschio[17] e si scontra col suo sostituto alla guida della Ciurma degli Scheletri, Tagliagole (Danny Leighton), che uccide con facilità rendendosi dunque responsabile della morte di tutti e tre i fratelli di Diamante[18] senza però venir mai a sapere di tale parentela.

Poco tempo dopo viene arrestato da Capitan America e Falcon ed imprigionato al supercarcere Raft[19] da cui tuttavia riesce ad evadere e, saputo dell'apparente morte di Teschio Rosso, rintraccia Erica Holstein, ragazza apparentemente normale la quale, dopo che questi la decondiziona dal lavaggio del cervello fattole dallo S.H.I.E.L.D., si scopre essere la figlia del Teschio: Sin, che, oltre a ereditare l'impero criminale paterno, diviene l'amante e compagna di carneficine di Crossbones[20].

Civil War[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Civil War (fumetto).

Al termine della guerra civile dei superumani, Capitan America si consegna alle autorità di modo da fermare il conflitto tra la sua fazione e quella di Iron Man[21] e viene dunque portato alla corte federale per essere processato, tuttavia, mentre è sui gradini del palazzo di giustizia, Crossbones gli spara da un palazzo di fronte con un fucile di precisione colpendolo alla spalla e nella confusione che ne consegue Sharon Carter, controllata mentalmente dal Dottor Faustus spara a bruciapelo al Capitano, uccidendolo[22].

Raggiunto da Falcon e dal Soldato d'Inverno (coordinati da Nick Fury) mentre tenta la fuga, Crossbones viene preso in custodia dallo S.H.I.E.L.D.[22] e interrogato sull'accaduto sia da Wolverine che da Charles Xavier, al fine di scoprire il mandante dell'omicidio, ma l'uomo in questione, il redivivo Teschio Rosso, ha in parte cancellato la memoria del sicario affinché nessuno sappia del suo coinvolgimento e, successivamente, incarica sua figlia Sin, in testa alla Squadra dei serpenti[23], di farlo evadere di modo che possa tornare operativo, giusto in tempo per proteggere il suo capo dal Soldato d'Inverno[24].

Capitan America: Rinato[modifica | modifica wikitesto]

Successivamente Bucky, nei panni del nuovo Capitan America, riarresta Crossbones ma, quando Norman Osborn prende il posto di Tony Stark a capo dello S.H.I.E.L.D. ribattezzandolo H.A.M.M.E.R., libera sia lui che Sin affinché rintraccino il Teschio Rosso e lo facciano impossessare del corpo di Capitan America di modo che guidi i Vendicatori di Osborn aumentandone la popolarità[25]. Crossbones accompagna quindi il suo capo a Latveria, dal Dottor Destino per mettere in atto tale piano ma l'intromissione dell'Agente 13 e dei Nuovi Vendicatori permette a Cap di riprendere possesso del proprio corpo portando alla sconfitta del Teschio Rosso e a un nuovo arresto di Crossbones[26].

In seguito scarcerato dal governo su condizione che si unisca ai Thunderbolts[27], durante una delle prime missioni svolte col gruppo viene esposto a una versione corrotta delle Nebbie Terrigene ottenendo la capacità di emettere energia pirocinetica[28]. Successivamente, quando il governo sopprime la nuova formazione dei Thunderbolts, per non tornare in carcere, Crossbones tenta la fuga e si scontra nuovamente con Capitan America[29] ma, nel corso della battaglia, oltre a perdere il neo-acquisito potere, rimane sfigurato e viene nuovamente internato in un carcere[30] da cui comunque evade poco tempo dopo[31] riprendendo la carriera mercenaria[32][33] e unendosi successivamente all'HYDRA[34].

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Crossbones contro Wolverine.

Crossbones non possiede nessuna capacità sovrumana ma è comunque uno dei più letali killer del mondo: dotato di una corporatura massiccia e di una forza erculea possiede comunque un'agilità e una prontezza di riflessi fuori dal comune, oltre a disporre di una competenza nel combattimento corpo a corpo tale da potersi battere ad armi pari con Capitan America e da risultare in grado di assassinare supereroi e supercriminali minori con grande facilità. Considerato uno dei maggiori esperti nella lotta dell'intero pianeta, le sue conoscenze spaziano dalle tecniche militari a quelle da strada passando per varie forme di arti marziali, tanto che Taskmaster lo considera tra i suoi migliori studenti.

È anche un pilota altamente addestrato e un maestro nell'uso di tutte le armi da fuoco e bianche nonché un eccellente tiratore, sebbene prediliga l'uso della balestra e dei suoi guanti (forniti di affilate lame da polso). Si è dimostrato anche esperto torturatore, capace anche di compiere un lavaggio del cervello[3].

Pur non essendo un Inumano, dopo essere stato esposto a delle Nebbie Terrigene corrotte ha sviluppato la capacità di emettere fiamme dalla testa[28]; esso tuttavia svanisce poco dopo[30] e apparentemente non era immune, dato che l'utilizzo prolungato gli provoca delle vistose ustioni al volto[30].

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

House of M[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: House of M.

Nella realtà alternativa di House of M Crossbones è un membro dei Signori del male di Hood[35] ma lascia il gruppo prima che vengano sterminati dallo S.H.I.E.L.D.[36].

Rinascita degli Eroi[modifica | modifica wikitesto]

Nell'universo de La Rinascita degli Eroi, Crossbones è un subordinato di Teschio Rosso e Master Man[37] dotato di superpoteri grazie all'esposizione volontaria ai raggi gamma[38].

Ultimate[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ultimates.

Nell'universo Ultimate, Crossbones è un giovane teppista membro della gang dei Serpent Skull[39].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  2. ^ All-New Captain America (Vol. 1) n. 2, febbraio 2015.
  3. ^ a b c Captain America (Vol. 1) n. 400, maggio 1992.
  4. ^ Captain America (Vol. 1) n. 383, marzo 1991.
  5. ^ Captain America (Vol. 1) n. 359-360, ottobre 1989.
  6. ^ Captain America (Vol. 1) n. 361-362, novembre 1989.
  7. ^ Captain America (Vol. 1) n. 363-364, novembre-dicembre 1989.
  8. ^ Captain America (Vol. 1) n. 368, marzo 1990.
  9. ^ Captain America (Vol. 1) n. 369, aprile 1990.
  10. ^ Captain America (Vol. 1) n. 370, maggio 1990.
  11. ^ Quasar (Vol. 1) n. 9, aprile 1990.
  12. ^ Captain America (Vol. 1) n. 375-376, agosto-settembre 1990.
  13. ^ Captain America (Vol. 1) n. 377, settembre 1990.
  14. ^ Captain America (Vol. 1) n. 378, ottobre 1990.
  15. ^ Captain America (Vol. 1) n. 390-392, agosto-settembre 1991.
  16. ^ Captain America (Vol. 1) n. 394, novembre 1991.
  17. ^ Captain America (Vol. 1) n. 409-410, novembre-dicembre 1992.
  18. ^ Captain America (Vol. 1) n. 408, ottobre 1992.
  19. ^ New Avengers (Vol. 1) n. 1-2, gennaio-febbraio 2005.
  20. ^ Captain America (Vol. 5) n. 21, ottobre 2006.
  21. ^ Civil War (Vol. 1) n. 7, gennaio 2007.
  22. ^ a b Captain America (Vol. 5) n. 25, aprile 2007.
  23. ^ Captain America (Vol. 5) n. 28, settembre 2007.
  24. ^ Captain America (Vol. 5) n. 29, ottobre 2007.
  25. ^ Captain America: Reborn (Vol. 1) n. 2, ottobre 2009.
  26. ^ Captain America: Reborn (Vol. 1) n. 6, marzo 2010.
  27. ^ Thunderbolts (Vol. 1) n. 144, luglio 2010.
  28. ^ a b Thunderbolts (Vol. 1) n. 147, ottobre 2010.
  29. ^ Thunderbolts (Vol. 1) n. 150, gennaio 2011.
  30. ^ a b c Thunderbolts (Vol. 1) n. 151, febbraio 2011.
  31. ^ Thunderbolts (Vol. 1) n. 159, agosto 2011.
  32. ^ Fear Itself: Youth in Revolt (Vol. 1) n. 2, agosto 2011.
  33. ^ Amazing Spider-Man: Ends of the Earth (Vol. 1) n. 1, luglio 2012.
  34. ^ All-New Captain America (Vol. 1) n. 1, gennaio 2015.
  35. ^ House of M: Masters of Evil (Vol. 1) n. 1, ottobre 2009.
  36. ^ House of M: Masters of Evil (Vol. 1) n. 4, gennaio 2010.
  37. ^ Captain America (Vol. 2) n. 3, gennaio 1997.
  38. ^ Captain America (Vol. 2) n. 7, maggio 1997.
  39. ^ All-New Ultimates (Vol. 1) n. 2, luglio 2014.
  40. ^ (EN) Frank Grillo Confirmed To Play Crossbones In CAPTAIN AMERICA: THE WINTER SOLDIER, su comicbookmovie.com, 29 ottobre 2012. URL consultato il 29 ottobre 2012.
  41. ^ (EN) Samantha Highfill, Frank Grillo talks Crossbones' return in 'Captain America: Civil War', su Entertainment Weekly, 24 novembre 2014. URL consultato il 24 novembre 2014.