Avarizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Avidità" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Avidità (disambigua).
Avarizia, opera dell' artista del Rinascimento Jacopo Ligozzi

L'avarizia, o avidità, o cupidigia, è la scarsa disponibilità a spendere e a donare ciò che si possiede.

Per meglio specificare, avaro è chi prova un attaccamento morboso verso quel che già possiede;[1] l'avidità è il desiderio di accrescere indefinitamente, nel senso più generale possibile del termine, un qualche bene o circostanza.

Sociologia[modifica | modifica wikitesto]

L'avarizia può essere ritenuta dannosa per la società, poiché mostra di ignorare il benessere degli altri, a vantaggio esclusivamente del proprio. È diventata più accettabile (e l'uso del termine meno frequente) nella cultura occidentale, dove il desiderio di acquisire ricchezze è componente costitutiva del capitalismo.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

L'avarizia è elencata tra i sette vizi capitali secondo la Chiesa cattolica.

Quando l'avarizia comprende la cupidigia nei confronti delle proprietà di un'altra persona, viene usato il termine invidia. Quando l'avarizia riguarda un soggetto che fa un eccessivo accumulo e consumo di cibo, si usa spesso il termine gola, un altro dei sette vizi capitali.

I Buddhisti ritengono che l'avarizia sia basata su un'erronea associazione tra benessere materiale e felicità. Essa è provocata da una visione illusoria che esagera gli aspetti positivi di un oggetto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Avarizia, su treccani.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 49513 · LCCN (ENsh85010500 · GND (DE4156377-3