Gola (ingordigia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il peccato di gola nella teologia cristiana è uno dei sette Vizi capitali e si ha quando l'essere umano eccede la giusta misura nel dedicarsi ai piaceri del cibo e delle bevande[1]. L'ingordigia di cibi e bevande è condannata sia in quanto esempio di sfrenatezza e di lascivia al posto della modestia e del controllo di sé, sia come ingiustizia sociale in contrapposizione ai poveri che soffrono la fame e la povertà. In particolare nel medioevo era particolarmente malvista in quanto la miseria e la fame erano molto diffuse, tanto che per la Chiesa cattolica è uno dei sette peccati capitali.

I simboli che rappresentano la gola sono il maiale e il colore arancione.

Riferimenti culturali[modifica | modifica wikitesto]

  • Similmente agli altri peccati capitali, anche la gola compare nel film Seven.
  • Nel sesto canto della Divina Commedia, Dante Alighieri posiziona nella terza cerchia dell'Inferno i peccatori di gola, costretti ad ingoiare la fanghiglia generata da una incessante pioggia fredda e nera. Mentre i golosi del purgatorio sono ridotti a corpi scheletrici, camminando sotto alberi rivolti sotto sopra carichi di frutta e acqua soffrendo la fame e la sete.
  • Il nome di Gluttony, personaggio delle serie anime e manga Fullmetal Alchemist, deriva proprio da questo peccato, ed il personaggio è infatti estremamente vorace.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tommaso d'Aquino, Summa teologica citato in gola, in Enciclopedia dantesca, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1970.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4335551-1