Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Fullmetal Alchemist

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fullmetal Alchemist
鋼の錬金術師
(Hagane no renkinjutsushi)
Fma01.jpg
Copertina del primo numero dell'edizione italiana
manga
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Hiromu Arakawa
Editore Square Enix
Rivista Monthly Shōnen Gangan
1ª edizione 12 luglio 2001 – 12 giugno 2010
Periodicità quadrimestrale
Tankōbon 27 (completa)
Editore it. Panini Comics - Planet Manga
1ª edizione it. 13 luglio 2006 – 3 settembre 2011
Periodicità it. quadrimestrale
Volumi it. 27 (completa)
Genere steampunk
Fullmetal Alchemist
鋼の錬金術師
(Hagane no renkinjutsushi)
Fullmetal Alchemist.png
serie TV anime
Autore Hiromu Arakawa
Regia Seiji Mizushima
Soggetto Jun Ishikawa, Shou Aikawa
Char. design Yoshiyuki Ito
Dir. artistica Kazuyuki Hashimoto
Musiche Michiru Oshima, Aniplex (studio)
Studio Bones
Reti Animax, Bandai Channel, MBS, TBS
1ª TV 4 ottobre 2003 – 2 ottobre 2004
Episodi 51 (completa)
Aspect ratio 4:3
Rete it. MTV Italia
1ª TV it. 11 aprile 2006 – 22 maggio 2007
Episodi it. 51 (completa)
Fullmetal Alchemist: Brotherhood
鋼の錬金術師 FULLMETAL ALCHEMIST
(Hagane no renkinjutsushi - FULLMETAL ALCHEMIST)
Fma Brotherhood logo.png
serie TV anime
Regia Yasuhiro Irie
Soggetto Hiroshi Ōnogi
Musiche Akira Senju
Studio Bones
Reti MBS, TBS
1ª TV 5 aprile 2009 – 4 luglio 2010
Episodi 64 (completa)
Aspect ratio 16:9
Reti it. MTV Italia (prima visione episodi 1-63), Man-ga (prima visione episodio 64)
1ª TV it. 13 ottobre 2009 – 4 agosto 2014
Episodi it. 64 (completa)
« Una lezione priva di dolore non ha valore. Perché, senza sacrificio, l'uomo non può ottenere nulla. »
(Fullmetal Alchemist volume 1)

Fullmetal Alchemist (鋼の錬金術師 Hagane no renkinjutsushi?, lett. "L'alchimista d'acciaio") è uno shōnen manga scritto e disegnato da Hiromu Arakawa, pubblicato sulla rivista di Square Enix Monthly Shōnen Gangan dal 2001 al 2010 con 108 capitoli più un capitolo speciale, raccolti in 27 volumi sotto l'etichetta Gangan Comics. Il manga è stato tradotto e pubblicato in diverse lingue, tra cui in inglese da Viz Media, in italiano da Planet Manga, in francese da Kurokawa, in spagnolo da Norma Editorial ed in coreano da Haksan Publishing.

La storia segue i giovani alchimisti Edward e Alphonse Elric, due fratelli in viaggio nella nazione di Amestris alla ricerca della leggendaria pietra filosofale con lo scopo di riottenere i loro corpi originari persi in una trasmutazione finita male. Durante il loro viaggio scopriranno un piano orchestrato da sette esseri chiamati homunculus che potrebbe distruggere il paese se non fermati in tempo.

Dal manga sono state tratte due serie televisive anime prodotte dallo studio d'animazione Bones: Fullmetal Alchemist (鋼の錬金術師 Hagane no renkinjutsushi?), è la prima serie animata ed i 51 episodi da cui è composta sono stati mandati in onda tra il 2003 ed il 2004 ed è un adattamento che traspone fedelmente il manga solo per i primi volumi, narrando poi una storia originale; la seconda, Fullmetal Alchemist: Brotherhood (鋼の錬金術師 FULLMETAL ALCHEMIST Hagane no renkinjutsushi - FULLMETAL ALCHEMIST?), è un adattamento fedele dei 27 volumi del manga ed i cui 64 episodi sono stati mandati in onda tra il 2009 ed il 2010. La serie ha avuto anche altri adattamenti, tra cui film animati, romanzi e videogiochi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Capitoli di Fullmetal Alchemist.

Edward e Alphonse Elric sono due giovani fratelli che vivono nel paese di Amestris. Il loro padre, Hohenheim, ha lasciato la casa quando erano ancora piccoli, mentre alcuni anni più tardi la loro madre Trisha muore in seguito ad una malattia, lasciando i due orfani. I fratelli tentano allora, tramite un'arte chiamata alchimia, di riportarla in vita, ma la trasmutazione alchemica non procede come previsto e i due devono affrontare terribili conseguenze: Edward perde una gamba mentre Alphonse l'intero corpo. Per riportare l'anima di Alphonse nel mondo umano, Edward sacrifica il suo braccio destro per legare l'anima del fratello ad un'armatura e facendosi poi rimpiazzare gli arti perduti con delle protesi meccaniche chiamate automail.

Dopo la nomina di Edward ad Alchimista di Stato, i due fratelli iniziano un viaggio attraverso Amestris per cercare la pietra filosofale, un oggetto alchemico capace di annullare il principio dello scambio equivalente, e riottenere così i loro corpi originari. Durante il loro cammino, i fratelli Elric devono affrontare diversi avversari, tutti in qualche modo interessati alla pietra filosofale; tra di essi Scar, un sopravvissuto della guerra di Ishbar che trama vendetta contro gli alchimisti di stato per aver sterminato il suo popolo, e gli homunculi, un gruppo di creature dall'aspetto umano con forti capacità combattive e l'abilità di rigenerare le loro ferite grazie all'uso delle pietre filosofali.

Con il prosieguo delle loro indagini, Edward e Alphonse scoprono che Amestris è stata fondata proprio dagli homunculi e dal loro creatore, un essere conosciuto come Padre, i quali controllano in segreto l'esercito e hanno in progetto di utilizzare l'intera nazione come un cerchio alchemico e trasmutare Amestris in una pietra filosofale gigante. Scoperto il piano del Padre, i fratelli Elric, insieme ad alcuni membri dell'esercito e ad altri alleati incontrati durante il cammino, decidono di contrastarlo. Durante la battaglia finale, Alphonse si sacrifica per far riottenere ad Edward il braccio mancante, grazie al quale il ragazzo distrugge la pietra filosofale del Padre. Rinunciando per sempre all'uso dell'alchimia, Edward riesce a recuperare il fratello e i due riprendono la loro vita, decidendo di viaggiare per vedere il mondo e ottenere nuove conoscenze. Nell'epilogo, i due tornano infine a vivere a Resembool con Winry e May.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Fullmetal Alchemist.

Le vicende presentate nella storia ruotano intorno ai due fratelli alchimisti Edward e Alphonse Elric. Edward è il maggiore dei due ed ha un carattere deciso e impetuoso oltre ad un complesso di inferiorità a causa della sua scarsa altezza; Alphonse, più piccolo del fratello di un anno, è invece molto più calmo e tenta sempre di frenare il comportamento impulsivo del fratello. I due vengono spesso aiutati da Winry Rockbell, una loro amica d'infanzia e riparatrice di auto-mail, del colonnello Roy Mustang, un alchimista di stato chiamato anche Alchimista di Fuoco, e dal maggiore Armstrong, un alchimista dotato di un fisico eccellente ed enorme.

Durante il loro viaggio per il paese, i due fratelli incontrano diversi alleati e nemici come il criminale ishvariano Scar, i militari Maes Hughes, Riza Hawkeye, Danny Brosh e Maria Ross, altri alchimisti come Zolf J. Kimbly e la loro maestra di alchimia Izumi Curtis, oltre ai sette homunculi, ognuno incarnante uno dei sette peccati capitali, che tentano di ricreare la Pietra Filosofale utilizzando il popolo di Amestris sotto ordine del Padre, un antico homunculus che causò secoli prima la strage nel paese di Xerxes.

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Terminologia di Fullmetal Alchemist e Geografia di Fullmetal Alchemist.
Esempio di cerchio alchemico

L'universo di Fullmetal Alchemist, ambientato nei primi anni del 1900[1], diverge dal nostro principalmente per la presenza dell'alchimia: questa è una scienza che utilizza l'energia scaturita dai movimenti della crosta terrestre[1] e la incanala tramite un cerchio alchemico per compiere un processo chiamato trasmutazione, ovvero la modifica delle proprietà di un oggetto. La trasmutazione si divide in tre fasi principali: la comprensione della struttura della materia, la scomposizione e la ricomposizione[2]. Inoltre l'alchimia è governata da una legge che si pone come caposaldo di questa scienza: il principio dello scambio equivalente, il quale impone che, durante una trasmutazione, la massa dell'oggetto di base e quello trasmutato debbano essere identici e che le proprietà dei due oggetti siano identiche[3]. Coloro che riescono ad utilizzare l'alchimia assumono la denominazione di alchimisti.

La nazione in cui si svolgono le vicende è Amestris, un paese governato da un regime militare il cui capo è chiamato "comandante supremo"[4], il quale è in guerra con i diversi paesi circostanti e con guerre civili nel proprio territorio fin dalla nascita del paese[1]. Il paese viene diviso essenzialmente in cinque regioni, ognuno corrispondente ad un punto cardinale più il centro ed ognuna con una città come capoluogo, dove la capitale è Central City. Oltre che ai soldati, i quali sono divisi in gradi da recluta a generale, l'ingresso nell'esercito è aperto anche agli alchimisti che, dopo aver superato un test, ottengono il titolo di Alchimista di Stato, un grado equivalente a quello di maggiore e fondi illimitati per le loro ricerche, ma con l'obbligo di scendere in guerra e di seguire tre regole principali: non trasmutare l'oro, non effettuare trasmutazioni umane e giurare fedeltà all'esercito[5].

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La pietra filosofale e l'alchimia, i concetti che diedero il via alla concezione della serie

Giovane artista giunta a Tokyo dall'isola di Hokkaidō, Hiromu Arakawa iniziò la sua carriera nel mondo del fumetto nel 1999 come assistente di Hiroyuki Etō in Guru Guru - Il girotondo della magia, realizzando al tempo stesso brevi manga autoconclusivi, come Stray Dog, Totsugeki tonari no enikkusu e Shanghai yōmakikai. Nel 2001 le venne commissionato un nuovo manga one-shot e, vedendo il buon livello qualitativo del lavoro prodotto e la relativa novità del tema trattato, il suo editore decise di serializzare l'opera, che sarebbe poi diventata Fullmetal Alchemist[6][7]. Arakawa passò dunque due settimane a riplasmare la trama in modo che fosse adatta ad una serializzazione prolungata, abbozzando per prima cosa il finale della storia, in modo da avere un'idea generale di dove volesse arrivare e poter quindi strutturare i singoli capitoli di conseguenza[7][8]. Il 12 luglio 2001, sulle pagine del numero di agosto della rivista Monthly Shōnen Gangan, venne infine pubblicato il primo capitolo dell'opera.

Arakawa decise di incentrare il one-shot, e successivamente il manga, sull'alchimia dopo aver letto della pietra filosofale. L'argomento le piacque talmente tanto che cominciò a leggere libri sull'argomento, anche se le risultò piuttosto complicato, poiché si contraddicevano spesso a vicenda[9]. Per il principio dello scambio equivalente, basato sul fatto che «senza sacrificio, l'uomo non può ottenere nulla. Per ottenere qualcosa, è necessario dare in cambio qualcos'altro che abbia il medesimo valore», Arakawa si ispirò al lavoro dei suoi genitori, che, proprietari di una fattoria a Hokkaidō, dovevano faticare duramente per guadagnare il denaro sufficiente a sostenere la loro famiglia[7].

Arakawa voleva integrare nella storia alcune problematiche sociali del mondo reale e si informò guardando programmi di attualità e intervistando profughi, veterani di guerra ed ex membri della yakuza. Numerosi elementi della trama, come Pinako Rockbell che accudisce i fratelli Elric dopo la morte della loro madre o Edward e Alphonse che aiutano le persone a capire il significato della famiglia sono basati su questi temi[9]. La storia di Scar, infine, e il suo risentimento nei contronti del regime militare sono un riferimento al popolo Ainu, che si vide espropriato il suo territorio da parte di altre genti. Alcuni popoli che si insediarono nelle terre degli Ainu erano originariamente Ainu; questa ironia viene rappresentata dall'uso dell'alchimia da parte di Scar per uccidere altri alchimisti, nonostante ciò fosse proibito dalla sua religione[9]. Nonostante la presenza di svariate scene dramatiche, la Arakawa cercò di lasciare sempre uno spiraglio di speranza e di mantenere la trattazione il più possibile divertente, secondo la sua idea di intrattenimento[7]. I nomi di Edward ed Alphonse furono ispirati rispettivamente dal protagonista del film Edward mani di forbice e dal conte Alphonse de Toulouse-Lautrec, mentre il cognome è un omaggio a Il Ciclo di Elric[10]. Nel creare il mondo fittizio di Fullmetal Alchemist, Arakawa si è basata su uno stile steampunk, simile a quello inglese successivo alla rivoluzione industriale, perché fu sorpresa nel constatare le differenze nella cultura, architettura e abbigliamento del tempo rispetto all'epoca moderna, «aggiungendo il suo tocco personale per convertirlo in un mondo di fantasia»[9].

Dopo la pubblicazione dei primi quaranta capitoli, Arakawa annunciò che il manga stava raggiungendo la sua conclusione e che avrebbe accelerato il ritmo della narrazione. Per evitare di rendere alcuni capitoli meno divertenti di altri, rimosse da essi tutti i dettagli minori e costruì un climax. La rimozione dei dettagli superflui si rese necessaria anche perché lo spazio che l'autrice aveva su Monthly Shōnen Gangan non le permetteva di includere tutto il contenuto che avrebbe voluto[11]. Inizialmente Arakawa prevedeva che la serie sarebbe durata 21 volumi, ma gli albi finali salirono a 27, per un totale di nove anni di serializzazione. Arakawa si disse soddisfatta del suo lavoro, perché era riuscita a raccontare tutto quello che si era prefissata[7].

Durante la produzione della prima serie anime, Arakawa permise allo staff dell'adattamento di lavorare in modo indipendente e richiese un finale differente da quello del manga, che non era ancora stato pubblicato. La scrittrice infatti non voleva ripetere la stessa conclusione in entrambi i media e desiderava continuare a lavorare al manga per sviluppare ulteriormente i suoi personaggi. Vedendo il finale della serie televisiva, si sorprese nel constatare come gli homunculi fossero molto diversi dalla versione cartacea e quello che gli sviluppatori avevano immaginato per l'origine dei cattivi[9].

Media[modifica | modifica wikitesto]

Manga[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Capitoli di Fullmetal Alchemist.
Copertina dell'edizione Gold del secondo volume

Il manga è stato pubblicato sulla rivista Monthly Shōnen Gangan di Square Enix tra il 12 luglio 2001 e l'11 giugno 2010[12][13] con 108 capitoli più un ulteriore capitolo speciale denominato 108.5, pubblicato sulla stessa rivista l'11 settembre 2010[14], raccolti in 27 volumi pubblicati tra il 22 gennaio 2002[15] ed il 22 novembre 2010[16]. La serie è stata poi ristampata in una edizione kanzenban di 18 volumi a partire dal 22 giugno 2011 fino al 22 settembre 2012[17] che include pagine a colori e bonus inediti nell'edizione tankōbon originale[18]. Sempre su Monthly Shōnen Gangan, per celebrare il ventennio della rivista, è stato pubblicato l'11 giugno 2011 il capitolo autoconclusivo Fullmetal Alchemist Prototype, capitolo pilota della storia disegnato da Arakawa prima dell'inizio della serializzazione[19][20]. È stato inoltre pubblicato un volume speciale contenente una storia originale disegnata dalla stessa Arakawa in occasione dell'uscita del film Fullmetal Alchemist - La sacra stella di Milos denominato Fullmetal Alchemist volume 11.5 – Tabidachi no Mae ni distribuito a tutti gli spettatori del film[21]. Sono stati inoltre pubblicati online sul proprio sito da Square Enix gli yonkoma scritti ed illustrati dall'autrice dal 9 aprile 2009[22][23] mentre la serie è stata pubblicata in formato digitale a partire da aprile 2014 tramite una collaborazione tra Yen Press e Square Enix[24].

All'estero il manga è stato tradotto in diversi paesi tra cui in Francia da Kurokawa tra il 1º settembre 2009 ed il 7 luglio 2011 e poi dall'8 marzo 2012 un'edizione denominata omnibus, che racchiude in unico volume 2 o 3 volumi dei 27 originali[25], in Spagna da Norma Editorial sia l'edizione tankōbon[26] sia la kanzenban[27], in Germania da Panini Comics tra il 19 settembre 2006[28] ed il 10 aprile 2012[29], in Corea da Haksan Publishing tra il 28 aprile 2004[30] ed il 24 maggio 2011[31] ed in Taiwan da Tong Li Publishing tra il 28 aprile 2004 ed il 14 gennaio 2011[16][32]. Negli Stati Uniti ed in Canada, il manga è pubblicato da Viz Media che ha pubblicato i volumi originali tra il 3 maggio 2005[33] ed il 20 dicembre 2011[34], raccogliendoli in un unico box speciale venduto il 1º novembre 2011[35]. In seguito la serie è stata riproposta in una versione omnibus che raccoglie 3 volumi in uno unico, con i 9 volumi pubblicati dal 7 giugno 2011[36] all'11 novembre 2014[37]. La serie è stata anche messa in vendita in formato digitale il 15 aprile 2014[38][39].

In Italia il manga è pubblicato dalla divisione Planet Manga di Panini Comics a partire da 13 luglio 2006[40][41] fino al 3 settembre 2011[42] in una edizione identica a quella giapponese ma senza sovraccoperta, e sono state inoltre incluse nel diciottesimo volume 32 pagine denominate Fullmetal Alchemist 0 contenenti bozze e pensieri dell'autrice[43]. Oltre diverse ristampe, il manga ha ottenuto anche due nuove edizioni: l'edizione Gold costituita da una dimensione maggiore dell'albo pubblicato tra il 21 febbraio 2008[44] ed il 15 dicembre 2011[45]; l'edizione Gold Deluxe con le stesse caratteristiche dell'edizione Gold ma con la presenza di una sovraccoperta, pubblicato nelle stesse date dell'edizione Gold[46][47].

Serie televisive anime[modifica | modifica wikitesto]

Fullmetal Alchemist[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Fullmetal Alchemist.
Copertina del primo DVD della versione italiana "deluxe" della prima serie animata

La prima serie televisiva animata, mandata in onda tra il 4 ottobre 2003 ed il 2 ottobre 2004 con un totale di 51 episodi sui canali Animax, Bandai Channel, TBS e CS Fuji TV NEXT, è stato animato dallo studio Bones, prodotto congiuntamente da Bones, Aniplex, Square Enix, Dentsu Inc. e Mainichi Broadcasting System, diretto da Seiji Mizushima mentre le musiche sono state prodotte da Aniplex[48]. Romi Park, Rie Kugimiya, Megumi Toyoguchi e Tōru Ōkawa hanno doppiato rispettivamente Edward Elric, Alphonse Elric, Winry Rockbell e Roy Mustang mentre la serie ha avuto 4 sigle d'apertura e 5 di chiusura[48]. La serie adatta solo in parte il manga, seguendo fedelmente la controparte cartacea solo per i primi volumi per poi sviluppare una storia completamente originale terminata nel film Il conquistatore di Shamballa. Gli episodi sono stati poi raccolti in 13 DVD venduti tra il 17 dicembre 2003 ed il 26 gennaio 2005[49]. I costi di produzione di questa stagione per Square Enix sono stati di circa 500 milioni di yen[50]

All'estero l'anime è stato trasmesso in diversi paesi, tra cui la Francia su Canal+, in America Latina su Animax dal 31 luglio 2005 al 14 maggio 2006, a Singapore su Channel U dal 31 dicembre 2005 al 16 dicembre 2006, in Australia dal 4 gennaio 2006 al 3 aprile 2006 su Adult Swim, in Spagna su Buzz Channel dal 20 luglio 2006[48]. Negli Stati Uniti, la serie è licenziata da FUNimation ed è andata in onda dal 6 novembre 2004 al 18 marzo 2006 su Adult Swim di Cartoon Network[48][51], con FUNimation che ha messo in commercio 13 DVD in due edizioni, la prima tra l'8 febbraio 2005[52] ed il 26 settembre 2006[53], la seconda denominata Viridian collection e contenente diversi bonus è stata venduta tra il 16 ottobre 2007[54] ed il 4 marzo 2008[55]; la prima edizione è stata raccolta in un un 4 box da 3-4 DVD ciascuno tra il 18 settembre 2007[56] e l'11 marzo 2008[57] mentre entrambe le edizioni sono state raccolte in 2 box che raccolgono la prima e la seconda stagione della serie[58][59].

In Italia la serie è stata acquistata da Panini Video e trasmessa sul canale MTV a partire dall'11 aprile 2006[60] fino al 22 maggio 2007[48]. La serie è stata poi ritrasmessa sul canale Cartoon Network dal 30 giugno 2008[61], dal 20 gennaio 2009 in versione integrale nuovamente su MTV[62] e dal 9 aprile 2014 sul canale di Sky Man-ga[63] Per il mercato home video, sono stati messi in commercio 12 DVD in due edizioni differenti, una standard ed una deluxe contenente bonus di vario genere[64], che raccolgono tra i 4 ed i 6 episodi, col primo pubblicato il 6 luglio 2006[65]; i DVD sono poi stati raccolti un box denominati Fullmetal Alchemist Complete Edition[66]. In seguito alla chiusura di Panini Video, la serie è stata acquisita da Dynit e riproposta in un'edizione limitata di 3 box, pubblicati rispettivamente il 26 ottobre 2011[67], il 26 dicembre 2011[68] ed il 14 marzo 2012[69], denominata Limited Metal Box.

Fullmetal Alchemist: Brotherhood[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Fullmetal Alchemist: Brotherhood.

Dal 5 aprile 2009 è andata in onda, sui canali MBS e TBS la seconda serie animata tratta dal manga Fullmetal Alchemist intitolata Fullmetal Alchemist: Brotherhood (鋼の錬金術師 FULLMETAL ALCHEMIST Hagane no renkinjutsushi - FULLMETAL ALCHEMIST?) che segue fedelmente la storia narrata nei 27 volumi del manga, concludendosi il 4 luglio 2010 per un totale di 64 episodi[70][71]. La serie è prodotta da Ryo Oyama, Bones, Square Enix e MBS mentre è stata animata dallo Studio D, con Yasuhiro Irie alla regia, Hiroki Kanno come character designer, Akira Senju come compositore delle musiche mentre Hiroki Kanno si è occupato della supervisione alla sceneggiatura[72]. I doppiatori Romi Paku e Rie Kugimiya hanno ripreso il loro ruolo di voce dei fratelli Elric mentre i nuovi doppiatori di Winry Rockbell e Roy Mustang sono Megumi Takamoto e Shinichiro Miki[73][74]. Per la serie sono state composte ed interpretate 5 sigle d'apertura e 7 di chiusura[75]. La serie è stata raccolta in 16 DVD messi in vendita tra il 26 agosto 2009 ed il 24 novembre 2010[76]. Così come per la prima serie, il costo complessivo della produzione di questo anime si aggira sui 500 milioni di yen[50].

La pubblicazione all'estero della serie è partita tramite un evento mondiale che ha visto il primo episodio della serie uscire in streaming con doppiaggio originale e doppiato in diverse lingue alcuni giorni dopo la messa in onda giapponese da Madman Entertainment per l'Australia, Dybex per la lingua francese, TVB per Hong Kong, in Nord America da FUNimation e da Animax-Asia per le Filippine, per l'Asia meridionale e per Taiwan[77]. La serie è stata poi trasmessa anche in TV da Virgin 17 in Francia, da Animega nelle Filippine, Sony Spin in Brasile ed in America Latina, da SIC K in Portogallo e da ETC...TV per il Cile[75]. In Francia è stato proposto un nuovo doppiaggio con interpreti differenti rispetto a quelli della serie precedente, scatenando l'ira dei fan; Dybex ha in seguito ridoppiato la serie nel dicembre 2009 con alcuni dei doppiatori della prima serie tornati nei loro ruoli anche per la nuova[78]. Negli Stati Uniti la serie è stata mandata in onda nuovamente su Adult Swim dal 13 febbraio 2010[75] con la serie raccolta in 5 DVD ed in Blu Ray di cui il primo è uscito il 25 maggio 2010[79] mentre il quinto ed ultimo il 2 agosto 2011[80] mentre il 24 aprile 2012[81] ed il 17 luglio 2012[82] sono usciti due Box contenenti tutti gli episodi della serie.

In Italia la serie è stata prima pubblicata da The Licensing Machine in streaming con sottotitoli in italiano ed audio originale a partire dal 16 maggio 2009, quando sono stati pubblicati i primi 7 episodi, ed in uscita con cadenza settimanale a partire dal 27 maggio con una differita di tre giorni rispetto alla messa in onda in Giappone sul canale YouTube ufficiale della serie e sul sito ufficiale di MTV[83][84]. La serie è stata poi mandata anche in onda, con doppiaggio italiano, dal 13 ottobre 2009 su MTV con un episodio a settimana, diventati due a partire dal 6 aprile 2010[85][86]. La serie è stata poi ritrasmessa sul canale Man-ga a partire dal 20 maggio 2013 dal lunedì al venerdì e poi in replica dal 7 maggio 2014[87][88]. Per il mercato home video, Dynit ha acquistato i diritti commercializzando una edizione limitata in 4 box usciti tra il 26 ottobre 2011[89] ed il 23 maggio 2012[90].

Light novel[modifica | modifica wikitesto]

Dall'universo di Fullmetal Alchemist sono state tratte sei light novel pubblicate da Square Enix, tutte scritte da Makoto Inoue mentre Hiromu Arakawa ha fornito alcune illustrazioni. La prima, Hagane no renkinjutsushi: Sareki no daichi (鋼の錬金術師 砂礫の大地?), è stata pubblicata il 23 febbraio 2003 ed è stata utilizzata per adattare gli episodi 11 e 12 della serie Fullmetal Alchemist[91][92]; la seconda, Hagane no renkinjutsushi: Toraware no renkinjutsushi (鋼の錬金術師 囚われの錬金術師?) è uscita il 26 settembre 2003[93]; Hagane no renkinjutsushi: Shiroi hana no mau tani (鋼の錬金術師 白い花の舞う谷?) è il terzo adattamento in light novel ed è stato pubblicato il 30 aprile 2004[94]; la quarta light novel è Hagane no renkinjutsushi: Tōi sora no shita de (鋼の錬金術師 遠い空の下で?) ed è stata pubblicata il 29 ottobre 2004[95]; la quinta è uscita il 30 giugno 2005 e si intitola Hagane no renkinjutsushi: Sorezore no kizuna (鋼の錬金術師 それぞれの絆?)[96]; Hagane no renkinjutsushi: Arata na hajimari (説鋼の錬金術師 新たな始まり?) è stata pubblicata il 22 marzo 2007[97].

Inoltre sono stati tratti, dai videogiochi ispirati alla serie, quattro game novel[98]. La prima, pubblicata il 30 luglio 2004 e scritta da Makoto Inoue, si intitola Hagane no renkinjutsushi: Tobenai tenshi (鋼の錬金術師 翔べない天使?) ed è basato sul videogioco Fullmetal Alchemist and the Broken Angel[99]; la seconda game novel è ispirata al videogioco Fullmetal Alchemist 2: Curse of the Crimson Elixir e si intitola Hagane no renkinjutsushi: Akaki erikushiru no akuma (鋼の錬金術師 赤きエリクシルの悪魔?), scritto da Jun Eishima e pubblicato il 24 dicembre 2004[100]; la terza, scritta nuovamente da Jun Eishima e pubblicata il 21 novembre 2005, è basata sul videogioco Fullmetal Alchemist 3: Kami o tsugu shōjo e si intitola Hagane no renkinjutsushi: Kami o tsugu shōjo (鋼の錬金術師 神を継ぐ少女?)[101]. La quarta ed ultima light novel, scritta da Sōji Machida, si intitola Hagane no renkinjutsushi - Fullmetal Alchemist: Tasogare no shōjo (鋼の錬金術師 FULLMETAL ALCHEMIST 暁の王子-黄昏の少女?) ed è stata pubblicata il 22 aprile 2010[102].

Guidebook e artbook[modifica | modifica wikitesto]

Copertina italiana dell'artbook The Art of Fullmetal Alchemist 2

Per l'approfondimento dell'universo di Fullmetal Alchemist e dei suoi personaggi, sono state create cinque diverse guide. Tre di queste, Fullmetal Alchemist Perfect Guidebook (鋼の錬金術師パーフェクトガイドブック?) uscito il 28 novembre 2003[103], Fullmetal Alchemist Perfect Guidebook 2 (鋼の錬金術師パーフェクトガイドブック 2巻?) uscito il 28 aprile 2005[104] e Fullmetal Alchemist Perfect Guidebook 3 (鋼の錬金術師パーフェクトガイドブック 3?) uscito il 10 ottobre 2009[105] contengono approfondimenti sull'alchimia e di alcune curiosità sulla serie, oltre che alcune storie ed interviste fatte all'autrice. Un'ulteriore guida intitolata Hagane no renkinjutsushi - Hagaren kenkyūjo DX (鋼の錬金術師ハガレン研究所DX?) e pubblicata il 30 settembre 2004 è una raccolta di domande e risposte tra i fan e l'autrice sui personaggi della serie[106] mentre un'altra guida, Fullmetal Alchemist Character Guide (鋼の錬金術師 キャラクターガイド?), uscita il 29 maggio 2009, contiene appronfodimenti su oltre 100 personaggi apparsi nella serie[107]. È stato inoltre pubblicato il 29 luglio 2011 un databook intitolato Fullmetal Alchemist Chronicle (鋼の錬金術師 CHRONICLE?) contenente alcuen interviste, approfondimenti sull'universo del manga e alcuni capitoli speciali[108][109].

Le illustrazioni, sia inedite sia già mostrate nel manga, sono state raccolte in tre diversi artbook, The art of Fullmetal Alchemist (荒川弘イラスト集 FULLMETAL ALCHEMIST Arakawa Hiromu Illustration Book FULLMETAL ALCHEMIST?) di 96 pagine è stato pubblicato il 27 febbraio 2004[110][111], The art of Fullmetal Alchemist 2 (荒川弘イラスト集 FULLMETAL ALCHEMIST 2巻 Arakawa Hiromu Illustration Book FULLMETAL ALCHEMIST 2?) è stato pubblicato il 22 marzo 2006 e contiene 112 pagine di illustrazioni create dall'autrice tra il 2003 ed il 2005[112][113] mentre il terzo ed ultimo artbook, intitolato Arakawa Hiromu Illustration Book FULLMETAL ALCHEMIST 3 (荒川弘イラスト集 FULLMETAL ALCHEMIST 3?), è uscito il 22 aprile 2011 e contiene 144 pagine con 100 illustrazioni e alcuni commenti dell'autrice sulla creazione e lo sviluppo della serie[109][114].

Dalla serie animata sono stati inoltre tratti quattro guidebook usciti tra il 12 agosto 2009 ed il 12 agosto 2010 contenenti informazioni sui personaggi della serie e interviste ai doppiatori[115][116], due postcard book contenenti illustrazioni dello staff dell'anime e usciti il 22 dicembre 2009 e il 12 agosto 2010[117][118], un animation book il 22 novembre 2010[119] mentre dal secondo film della serie sono stati tratti un libro di illustrazioni di Konishi Kenichi, character designer del film, ed un fanbook usciti il 31 gennaio 2012[120][121].

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La produzione e la composizione della colonna sonora della prima serie animata sono state fatte da Michiru Oshima e Aniplex. Le tracce, insieme alle sigle e ad alcune reinterpretazioni effettuate da orchestre, sono state raccolte in tre CD, distribuiti da Sony, il primo contenente 33 tracce ed uscito il 24 marzo 2004[122], il secondo contenente 30 tracce e messo in vendita il 15 dicembre 2004[123] e l'ultimo contenente 27 tracce e uscito il 18 maggio 2005[124]; un ulteriore CD, con gli stessi compositori e con la partecipazione della Moscow International Symphony Orchestra, è stato commercializzato il 20 luglio 2005 contenente 46 tracce provenienti dal film Il conquistatore di Shamballa[125]. Altri tre CD contenenti le musiche e le sigle di Fullmetal Alchemist: Brotherhood, composte da Akira Senju e nuovamente distribuite da Sony, sono stati pubblicati il 14 ottobre 2009, il 24 marzo 2010 e il 7 luglio 2010 con 36 tracce ognuno[126][127][128]. È stato pubblicato inoltre un album contenente le musiche estratte dal film La sacra stella di Milos il 29 giugno 2011[129].

Sono stati pubblicati alcuni album di raccolta contenenti le sigle di apertura e chiusura composte per entrambe le serie: il primo CD, contenente tutte le sigle della prima serie, è uscito il 23 febbraio 2005[130] mentre un secondo CD contenente nuovamente le sigle della prima serie ma in strumentale è stato pubblicato il 3 ottobre 2007[131]; un terzo album è stato pubblicato il 28 luglio 2010 e contenente 2 CD con le canzoni presentate sia nella versione in cui sono andate in onda sia nella loro versione estesa[132]; un ultimo album, commercializzato dal 29 febbraio 2012, è composto da 2 CD in cui sono racchiuse le sigle di entrambe le serie[133].

Sono stati pubblicati cinque album denominati Hagaren song file ed ognuno dedicato ad un diverso personaggio, contenenti musiche della serie Fullmetal Alchemist e tracce in karaoke interpretate dai doppiatori di Edward Elric, Roy Mustang, Alphonse Elric, Winry Rockbell e Maes Hughes. I cinque CD sono stati pubblicati tra il 18 agosto 2004 e il 20 luglio 2005[134][135][136][137][138]. Con la collaborazione del gruppo rock The Alchemists, sono stati pubblicati quattro singoli provenienti da Fullmetal Alchemist: Brotherhood reinterpretati ognuno da quattro doppiatori differenti: Romi Park, Rie Kugimiya, Mamoru Miyano e Nana Mizuki che nella serie hanno interpretato rispettivamente i ruoli di Edward Elric, Alphonse Elric, Ling Yao e Lan Fan. I primi due CD sono stati messi in vendita il 14 ottobre 2009 mentre i restanti due il 9 dicembre 2009[139][140][141][142]; il 26 maggio 2010 i quattro singoli sono stati raccolti in un CD di 12 tracce[143].

Film[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Il conquistatore di Shamballa e Fullmetal Alchemist - La sacra stella di Milos.
Copertina dell'edizione italiana "deluxe" del DVD del film Il conquistatore di Shamballa

Sono stati prodotti due film animati dallo studio Bones: il primo, Fullmetal Alchemist - The Movie: Il conquistatore di Shamballa (鋼の錬金術師 - 映画:シャンバラを征く者 Hagane no renkinjutsushi - eiga: Shanbara wo yukumono?) è stato diretto da Seiji Mizushima ed è stato proiettato nei cinema giapponesi il 23 luglio 2005 come finale della serie animata Fullmetal Alchemist[144]; Fullmetal Alchemist - La sacra stella di Milos (鋼の錬金術師 嘆きの丘(ミロス)の聖なる星 Hagane no renkinjutsushi - Mirosu no sei-naru hoshi?), basato sulla serie Brotherhood ma narra una storia originale, è stato diretto da Kazuya Murata ed è stato proiettato il 2 luglio 2011[145].

OAV[modifica | modifica wikitesto]

Dalla serie sono stati tratti sei original anime video, di cui tre basati sulla prima serie animata mentre i restanti tre sulla seconda. I tre OAV della prima serie, diretti da Seiji Mizushima e prodotti da Bones, sono stati raccolti in un DVD chiamato Fullmetal Alchemist Premium Collection uscito il 29 marzo 2006[146][147]: il primo di questi, proiettato anche in occasione del festival della Universal Studios, è Hagane no renkinjutsushi nana dai homunkurusu VS kokka renkinjutsushi gundan (鋼の錬金術師 七大ホムンクルスVS国家錬金術師軍団?) ed è un OAV di 10 minuti ambientato in un universo parallelo dove i sette homunculi si scontrano con gli alchimisti di stato[148]; il secondo è un OAV di 6 minuti creato per festeggiare la fine della produzione del film Il conquistatore di Shamballa chiamato Hagane no renkinjutsushi enkai-hen (鋼の錬金術師 宴会篇?)[149]; il terzo è un OAV ambientato nel 2005, intitolato Hagane no renkinjutsushi kodomo-hen (鋼の錬金術師 子供篇?), che vede protagonisti i nipoti di Edward Elric[150].

Il primo OAV basato sulla serie Fullmetal Alchemist: Brotherhood è stato L'alchimista cieco (盲目の錬金術師 Mōmoku no renkinjutsushi?), inserito nel primo DVD della serie uscito il 26 agosto 2009 in Giappone ed adatta una storia scritta da Arakawa nel Fullmetal Alchemist Guidebook[151]. Il secondo, Simple na hitobito (シンプルな人々?), è stato inserito nel quinto DVD della serie uscito il 23 agosto 2009 mentre il terzo ed ultimo OAV è stato incluso nel nono DVD della serie uscito il 21 aprile 2010 col titolo Shishō monogatari (師匠物語?) e sono entrambi adattamenti di storie inserite da Arakawa nei guidebook[152][153].

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati tratti 11 videogiochi dalla serie, tutti sviluppati per le piattaforme di casa Sony e Nintendo. Il primo videogioco in assoluto, sia in Giappone sia sul mercato occidentale, ad essere pubblicato è stato Fullmetal Alchemist and the Broken Angel il 25 dicembre 2003 per PlayStation 2, seguito da Fullmetal Alchemist: Dream Carnival il 26 agosto 2004, Fullmetal Alchemist 2: Curse of the Crimson Elixir il 22 settembre 2004 e Fullmetal Alchemist 3: Kami o tsugu shōjo il 21 luglio 2005. A questi sono seguiti due giochi per PSP, Hagane no renkinjutsushi: Senaka o takuseshimono e Hagane no renkinjutsushi: Fullmetal Alchemist - Yakusoku no hi e, usciti il 15 ottobre 2009 ed il 20 maggio 2010[154][155].

Sulle console Nintendo, il primo videogioco è stato, il 22 luglio 2004 su Game Boy Advance, Fullmetal Alchemist: Omoide no Sonata[156], seguito dai due titoli per Nintendo DS Fullmetal Alchemist: Dual Sympathy e Fullmetal Alchemist: Trading Card Game usciti il 21 luglio 2005 in Giappone e il 12 dicembre 2006 negli Stati Uniti il primo, il 15 ottobre 2007 nei soli Stati Uniti il secondo[157]; altri due titoli, sviluppati per Nintendo Wii, sono stati pubblicati in Giappone il 13 agosto 2009 ed il 10 dicembre 2009 e intitolati Hagane no renkinjutsushi: Fullmetal Alchemist - Akatsuki no ōji e Fullmetal Alchemist: Daughter of the Dusk[158][159].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati messi in commercio tre drama-CD usciti rispettivamente il 28 marzo 2003, il 28 maggio 2004 e il 31 maggio 2005. Il primo drama-CD si intitola Hagane no renkinjutsushi vol 1: Sareki no daichi (鋼の錬金術師 Vol1 砂礫の大地?) e si basa sulla prima light novel, il secondo Hagane no renkinjutsushi: Itsuwari no hikari, shinjitsu no kage (鋼の錬金術師 偽りの光、真実の影?) è basato su una sceneggiatura di Makoto Inoue e Mukai Shōgo mentre il terzo Hagane no renkinjutsushi vol 3: Togabitotachi no kizuato (鋼の錬金術師 3巻 咎人たちの傷跡?) è basato su una sceneggiatura scritta nuovamente da Mukai Shōgo[160][161][162]. Sono usciti inoltre tre speciali, divisi in sei parti, commercializzati solo con la rivista Monthly Shōnen Gangan: il primo è uscito nei numeri di aprile e maggio 2004, il secondo è uscito nei numeri di novembre e dicembre 2004 mentre l'ultimo nei numeri di febbraio e marzo del 2009.

Il manga ha ispirato anche il programma radiofonico Hagaren Hosokyoku sul canale Nippon Cultural Broadcasting con ospiti i vari doppiatori della serie, interventi registrati prima su un CD speciale pubblicato il 7 luglio 2004 e poi su cinque CD pubblicati tra il 18 maggio 2005 e il 22 febbraio 2006[163][164][165].

A partire da agosto 2005, è stato commercializzato un gioco di carte basato su Fullmetal Alchemist prodotto e distribuito da JoyRide Entertainment per gli Stati Uniti e ritirato dal mercato nel luglio 2007[166][167].

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Foglio di francobolli dedicato a Fullmetal Alchemist emesso dalle poste giapponesi

Fullmetal Alchemist è uno dei manga più di successo, avendo superato 50 milioni di copie vendute con i 27 volumi, diventando inoltre la serie più venduta della casa editrice Square Enix[168]. La serie inoltre ha venduto oltre 14 milioni di copie nel resto del mondo, raggiungendo così la somma totale di 64 milioni di copie vendute[169]. Questi numeri sono aumentati, nel giugno 2013, a 61 milioni di copie stampate in Giappone e 13,4 milioni all'estero[170]. Precedentemente alla trasmissione della prima serie animata, i volumi del manga si aggiravano su vendite totali di 150.000 copie a volume, aumentando poi a 1.500.000 dopo la fine della prima serie animata[50]; un nuovo aumento è stato registrato dopo la trasmissione della seconda serie animata, che ha portato le vendite medie per volume del manga da 1.900.000 a 2.100.000 copie[50]. La serie è risultata essere la 7ª serie più venduta nel mercato dell'usato nel 2014[171]. Negli Stati Uniti il manga è risultato spesso tra i manga e le graphic novel più vendute del 2010[172][173] e l'8° miglior manga nel 2012 della Viz Media[174] mentre i DVD dell'anime sono stati spesso tra i più venduti nel settore, occupando da solo il 28% del mercato americano[175]. Anche in Italia il manga ha riscosso successo, piazzandosi sempre nella top 10 dei volumi più venduti del mese[176][177][178][179][180][181] e arrivando al terzo posto tra le serie shōnen più gradite di Planet Manga[182].

Riproduzione dell'armatura di Alphonse Elric

Il manga è stato inoltre insignito di diversi premi sia nazionali sia internazionali: il premio alla miglior storia originale nel 2006 alla Tokyo International Anime Fair[183]; un premio nella categoria New Artist Prize alla quindicesima edizione del Premio culturale Osamu Tezuka[184]; un Seiun Award nella categoria fumetti nel 2011[185]; agli Eagle Award, la serie riceve una nomination nel 2010 e una vittoria nel 2011 entrambi gli anni nella categoria dei manga[186][187]; nel 2011 viene inoltre inserita al decimo posto tra i 10 libri dell'anno dalla rivista Da Vinci Magazine[188]. La prima serie animata viene annoverata tra i migliori anime del periodo in diversi sondaggi[189][190][191][192], sebbene sia stata considerata anche la settima peggior trasposizione animata da un manga[193]. Le serie animate hanno garantito a Square Enix introiti pari a 2.310 milioni di yen, di cui 1.620 milioni sono provenienti dalla prima serie ed i restanti 690 milioni dalla seconda[50].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Dal manga sono molto apprezzati i personaggi, tutti con una propria individualità capace di rimanere impressa nella mente del lettore, le trame che riescono a intrecciarsi e che sviluppano più approfonditamente la storia e l'abilità dell'autrice di saper mescolare il serio e il comico, la quale dimostra di sapere già in che direzione far muovere la storia fin dalla prima pagina, mentre le abilità artistiche dell'autrice migliorano di volume in volume nonostante alcune carenze, specialmente negli sfondi[194][195][196]. Un'altra pecca è trovata, nei volumi 2 e 3, in uno scarso sviluppo di alcuni punti della trama[197][198]. Secondo l'autore Jason Thompson, nonostante la serie parta in maniera abbastanza simile ad altri shōnen, ritiene la serie superiore alla media: la meta finale dei due protagonisti non è ricercare vendetta oppure semplicemente essere i più forti ma liberarsi dei peccati commessi in passato; gli scontri, in alcuni casi cruenti, sono ottimamente raffigurati e si basano su tattiche e intelligenza; i personaggi femminili sono ottimamente tratteggiati e gli antagonisti sono cattivi e inquietanti. Il manga riesce inoltre a narrare tematiche più serie come la guerra, la corruzione politica e il genocidio[199].

La prima serie animata è ritenuta in generale godibile, nonostante un passaggio troppo netto tra scene comiche e drammatiche, con un ritmo che varia a seconda tra episodi emozionanti e altri più piatti che prevalentemente sviluppano la storia[200][201]. Così come nel manga, anche nell'anime i personaggi sono convincenti e ben caratterizzati, ognuno con una propria individualità. Le animazioni sono pulite e i colori sono sempre vividi così come la musica impressiona positivamente sia con le sigle di apertura e chiusura sia con le musiche di sottofondo[202]. Fullmetal Alchemist: Brotherhood, secondo una recensione su AnimeClick.it, parte invece con un episodio originale che mostra la trama futura e degli episodi successivi che mostrano un insieme di flashback che rovina la suspense dell'opera, insieme ai disegni carenti e poco curati ed una colonna sonora non all'altezza dei momenti di pathos[203]. Nonostante ciò due recensori ritengono la serie nettamente superiore alla precedente per la presenza di una trama più coerente con la storia originale del manga e animazioni più semplici e fluide[204][205].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Hiromu Arakawa, Fullmetal Alchemist volume 17, Panini Comics, 2008.
  2. ^ Hiromu Arakawa, Fullmetal Alchemist volume 2, Panini Comics, 2006.
  3. ^ Hiromu Arakawa, Fullmetal Alchemist volume 1, Panini Comics, 2006.
  4. ^ Hiromu Arakawa, Fullmetal Alchemist volume 4, Panini Comics, 2006.
  5. ^ Hiromu Arakawa, Fullmetal Alchemist volume 6, Panini Comics, 2006.
  6. ^ Fujie, Wyman 2007, p. 15.
  7. ^ a b c d e (EN) Interview with Fullmetal Alchemist mangaka (translation), anime-source.com, 22 settembre 2004. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  8. ^ Fujie, Wyman 2007, pp. 15-16.
  9. ^ a b c d e (EN) Amos Wong, Equivalent Exchange, in Newtype USA, gennaio 2006.
  10. ^ Fujie, Wyman 2007, p. 19.
  11. ^ (JA) Hiromu Arakawa, Fullmetal Alchemist Perfect Guidebook 2 (鋼の錬金術師パーフェクトガイドブック 2巻?), Square Enix, 2005, pp. 168-172, ISBN 978-4-7575-1426-3.
  12. ^ Ultime dal Giappone!, su Panini Comics, 12 novembre 2010. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  13. ^ Square Enix celebra la fine di Fullmetal Alchemist, su AnimeClick.it, 14 giugno 2010. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  14. ^ Hiromu Arakawa al lavoro su un capitolo extra di Fullmetal Alchemist, su AnimeClick.it, 8 agosto 2010. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  15. ^ (JA) 鋼の錬金術師 1巻, su Square Enix. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  16. ^ a b (EN) Fullmetal Alchemist (manga) [Release Dates], su Anime News Network. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  17. ^ (JA) 鋼の錬金術師 完全版 18巻(完), su Square Enix. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  18. ^ Giappone: da giugno una versione deluxe per Fullmetal Alchemist, su AnimeClick.it, 9 maggio 2011. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  19. ^ Per celebrare i 20anni di Gangan: Arakawa torna con FMA; 3 nuovi manga, su AnimeClick.it, 12 aprile 2011. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  20. ^ Fullmetal Alchemist Perfect Edition, in Giappone da giugno – E in Italia?, su Comicsblog, 8 maggio 2011. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  21. ^ Fullmetal Alchemist: volume 11.5, su Nanodà, 13 maggio 2011. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  22. ^ Disponibili online i manga a strisce di Fullmetal Alchemist, su AnimeClick.it, 20 aprile 2009. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  23. ^ (EN) Fullmetal Alchemist Creator Posts Free 4-Panel Manga, su Anime News Network, 12 aprile 2009. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  24. ^ Manga digitali firmati Square Enix, su Komixjam, 26 marzo 2014. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  25. ^ (FR) FULLMETAL ALCHEMIST - TI (VOL.1-2-3), su Kurokawa. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  26. ^ (ES) SERIE FULLMETAL ALCHEMIST, su Norma Editorial. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  27. ^ (ES) SERIE FULLMETAL ALCHEMIST KANZENBAN, su Norma Editorial. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  28. ^ (DE) FULLMETAL ALCHEMIST 1, su Panini Comics. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  29. ^ (DE) FULLMETAL ALCHEMIST 27, su Panini Comics. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  30. ^ (KO) 강철의 연금술사 1권, su Haksan Publishing. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  31. ^ (KO) 강철의 연금술사 27권, su Haksan Publishing. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  32. ^ (EN) Scheda sul manga Fullmetal Alchemist, Anime News Network.
  33. ^ (EN) Fullmetal Alchemist (GN 1 of 27), su Anime News Network. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  34. ^ (EN) Fullmetal Alchemist (GN 27 of 27), su Anime News Network. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  35. ^ (EN) Fullmetal Alchemist - Complete Box Set (GN 1-27 of 27), su Anime News Network. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  36. ^ (EN) Fullmetal Alchemist [Omnibus] (GN 1), su Anime News Network. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  37. ^ (EN) Fullmetal Alchemist [Omnibus] (GN 9), su Anime News Network. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  38. ^ (EN) Fullmetal Alchemist (eBook 1 of 27), su Anime News Network. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  39. ^ (EN) Fullmetal Alchemist (eBook 27 of 27), su Anime News Network. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  40. ^ Fullmetal Alchemist 1 Novità, su AnimeClick.it. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  41. ^ Il manga di Fullmetal Alchemist, su Panini Comics, 19 giugno 2006. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  42. ^ Fullmetal Alchemist 27 Ultimo, su AnimeClick.it. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  43. ^ Fullmetal Alchemist n.0 - a maggio in arrivo un albo speciale, su Comicsblog, 17 marzo 2008. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  44. ^ FULLMETAL ALCHEMIST MANGA GOLD 1, su Panini Comics. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  45. ^ FULLMETAL ALCHEMIST MANGA GOLD 27, su Panini Comics. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  46. ^ FULLMETAL ALCHEMIST MANGA GOLD DELUXE 1, su Panini Comics. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  47. ^ FULLMETAL ALCHEMIST MANGA GOLD DELUXE 27, su Panini Comics. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  48. ^ a b c d e (EN) Scheda sull'anime Fullmetal Alchemist, Anime News Network.
  49. ^ (JA) History of Hagaren, su Aniplex. URL consultato il 26 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2009).
  50. ^ a b c d e (JA) 劇的3時間SHOW:『咲-Saki-』『鋼の錬金術師』の田口浩司プロデューサーが語る、儲かるアニメの作り方, su Bizmakoto, 9 ottobre 2009. URL consultato il 21 giugno 2015.
  51. ^ (EN) Fullmetal Alchemist on Adult Swim Saturday, su Anime News Network, 5 novembre 2004. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  52. ^ (EN) Fullmetal Alchemist - Starter Set + Artbox (DVD 1 of 13), su Anime News Network. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  53. ^ (EN) Fullmetal Alchemist - Brotherhood (DVD 13 of 13), su Anime News Network. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  54. ^ (EN) Fullmetal Alchemist [Viridian Collection] - The Alchemist's Curse (DVD 1 of 13), su Anime News Network. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  55. ^ (EN) Fullmetal Alchemist [Viridian Collection] - Brotherhood (DVD 13 of 13), su Anime News Network. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  56. ^ (EN) Fullmetal Alchemist - Box Set 1 (DVD 1-4 of 13), su Anime News Network. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  57. ^ (EN) Fullmetal Alchemist - Box Set 4 (DVD 11-13 of 13), su Anime News Network. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  58. ^ (EN) Fullmetal Alchemist - The Complete First Season (DVD), su Anime News Network. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  59. ^ (EN) Fullmetal Alchemist - 1st Season [Viridian Collection] (DVD), su Anime News Network. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  60. ^ Aprile di novità, su Panini Comics, 12 aprile 2006. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  61. ^ Paradise Kiss e Fullmetal Alchemist su SKY dal 30 giugno, su AnimeClick.it, 22 giugno 2008. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  62. ^ Fullmetal Alchemist torna in replica integrale su MTV, su AnimeClick.it, 20 gennaio 2009. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  63. ^ Fullmetal Alchemist arriva su Man-Ga (canale 149 di Sky), su Mangaforever, 8 aprile 2014. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  64. ^ Fullmetal Finale!, su Panini Comics, 5 luglio 2007. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  65. ^ Finalmente Fullmetal!, su Panini Comics, 18 giugno 2006. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  66. ^ Fullmetal Alchemist Complete Edition, su AnimeClick.it, 13 ottobre 2007. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  67. ^ Fullmetal Alchemist Limited Metal Box 1, su Dynit. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  68. ^ Fullmetal Alchemist Limited Metal Box 2, su Dynit. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  69. ^ Fullmetal Alchemist Limited Metal Box 3, su Dynit. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  70. ^ La nuova serie animata di Fullmetal Alchemist ad aprile 2009, su AnimeClick.it, 8 dicembre 2008. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  71. ^ In produzione un film per Fullmetal Alchemist: Brotherhood, su AnimeClick.it, 4 luglio 2010. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  72. ^ Novità sul nuovo Fullmetal Alchemist: confermato lo staff, su AnimeClick.it, 12 gennaio 2009. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  73. ^ Nuovo Fullmetal Alchemist, finalmente un primo vero teaser, su AnimeClick.it, 8 febbraio 2009. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  74. ^ Fullmetal Alchemist 2009: nuovo trailer e info!, su AnimeClick.it, 9 marzo 2009. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  75. ^ a b c (EN) Scheda sull'anime Fullmetal Alchemist: Brotherhood, Anime News Network.
  76. ^ (EN) Fullmetal Alchemist: Brotherhood (TV) [Release Dates], su Anime News Network. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  77. ^ Fullmetal Alchemist 2009 in simulcasting mondiale, ma non in Italia, su AnimeClick.it, 12 aprile 2009. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  78. ^ (EN) Fullmetal Alchemist: Brotherhood (TV) [Trivia], su Anime News Network. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  79. ^ (EN) Fullmetal Alchemist: Brotherhood - Part 1 (Blu-Ray 1 of 5), su Anime News Network. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  80. ^ (EN) Fullmetal Alchemist: Brotherhood - Part 5 (DVD 5 of 5), su Anime News Network. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  81. ^ (EN) Fullmetal Alchemist: Brotherhood - Collection 1 (Blu-Ray), su Anime News Network. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  82. ^ (EN) Fullmetal Alchemist: Brotherhood - Collection 2 (Blu-Ray), su Anime News Network. URL consultato il 25 gennaio 2015.
  83. ^ Fullmetal Alchemist Brotherhood, in streaming per Panini, su AnimeClick.it, 13 maggio 2009. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  84. ^ Fullmetal Alchemist: Brotherhood in streaming anche su MTV.it, su AnimeClick.it, 18 maggio 2009. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  85. ^ Fullmetal Alchemist: Brotherhood dal 13 ottobre su MTV!, su AnimeClick.it, 29 settembre 2009. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  86. ^ Anime Night, Fullmetal Alchemist: Brotherhood raddoppia, su AnimeClick.it, 22 marzo 2010. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  87. ^ Man-Ga: il ritorno di Fullmetal Alchemist: Brotherhood!, su AnimeClick.it, 26 aprile 2013. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  88. ^ Anche Fullmetal Alchemist: Brotherhood sul canale Man-Ga di Sky, su Mangaforever, 11 aprile 2014. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  89. ^ Fullmetal Alchemist - Brotherhood Limited Metal Box 1, su Dynit. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  90. ^ Fullmetal Alchemist - Brotherhood Limited Metal Box 4, su Dynit. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  91. ^ (JA) 小説鋼の錬金術師 砂礫の大地, su Square Enix. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  92. ^ (JA) 鋼の錬金術, su Square Enix, 16 marzo 2008. (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2015).
  93. ^ (EN) 小説鋼の錬金術師 2巻 囚われの錬金術師, su Square Enix. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  94. ^ (JA) 小説鋼の錬金術師 3巻 白い花の舞う谷, su Square Enix. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  95. ^ (JA) 小説鋼の錬金術師 4巻 遠い空の下で, su Square Enix. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  96. ^ (JA) 小説鋼の錬金術師 5巻 それぞれの絆, su Square Enix. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  97. ^ (JA) 説鋼の錬金術師 6巻 新たな始まり, su Square Enix. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  98. ^ Light novel basata su giochi e videogiochi di vario genere.
  99. ^ (JA) 鋼の錬金術師 翔べない天使, su Square Enix. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  100. ^ (JA) 鋼の錬金術師 2巻 赤きエリクシルの悪魔, su Square Enix. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  101. ^ (JA) 鋼の錬金術師 3巻 神を継ぐ少女, su Square Enix. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  102. ^ (JA) 鋼の錬金術師 FULLMETAL ALCHEMIST 暁の王子-黄昏の少女, su Square Enix. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  103. ^ (JA) 鋼の錬金術師パーフェクトガイドブック, su Square Enix. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  104. ^ (JA) 鋼の錬金術師パーフェクトガイドブック 2巻, su Square Enix. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  105. ^ (JA) 鋼の錬金術師パーフェクトガイドブック 3, su Square Enix. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  106. ^ (JA) 鋼の錬金術師ハガレン研究所DX, su Square Enix. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  107. ^ (JA) 鋼の錬金術師 キャラクターガイド, su Square Enix. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  108. ^ (JA) 鋼の錬金術師 CHRONICLE, su Square Enix. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  109. ^ a b Fullmetal alchemist: info sull’ultimo Artbook e Databook, su Mangaforever, 9 marzo 2011. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  110. ^ (JA) 荒川弘イラスト集 FULLMETAL ALCHEMIST, su Square Enix. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  111. ^ HIROMU ARAKAWA FULLMETAL ALCHEMIST ILLUSTRATION BOOK, su Panini Comics. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  112. ^ THE ART OF FULLMETAL ALCHEMIST 2, su Panini Comics. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  113. ^ (JA) 荒川弘イラスト集 FULLMETAL ALCHEMIST 2巻, su Square Enix. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  114. ^ (JA) 荒川弘イラスト集 FULLMETAL ALCHEMIST 3, su Square Enix. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  115. ^ (JA) TV ANIMATION 鋼の錬金術師 FULLMETAL ALCHEMIST OFFICIAL GUIDEBOOK, su Square Enix. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  116. ^ (JA) TV ANIMATION 鋼の錬金術師 FULLMETAL ALCHEMIST OFFICIAL GUIDEBOOK4, su Square Enix. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  117. ^ (JA) TV ANIMATION 鋼の錬金術師 FULLMETAL ALCHEMIST POSTCARD BOOK, su Square Enix. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  118. ^ (JA) TV ANIMATION 鋼の錬金術師 FULLMETAL ALCHEMIST POSTCARD BOOK2, su Square Enix. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  119. ^ (JA) TV ANIMATION 鋼の錬金術師 FULLMETAL ALCHEMIST 原画集, su Square Enix. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  120. ^ (JA) 鋼の錬金術師 嘆きの丘の聖なる星, su Square Enix. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  121. ^ (JA) 鋼の錬金術師 嘆きの丘の聖なる星 OFFICIAL MEMORIAL FANBOOK, su Square Enix. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  122. ^ (EN) Fullmetal Alchemist (Hagane no Renkin Jutsushi) Original Soundtrack, su CD Japan. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  123. ^ (EN) Fullmetal Alchemist (Hagane no Renkin Jutsushi) Original Soundtrack 2, su CD Japan. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  124. ^ (EN) Fullmetal Alchemist (Hagane no Renkin Jutsushi) Original Soundtrack 3, su CD Japan. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  125. ^ (EN) Theatrical Feature Fullmetal Alchemist The Conqueror of Shambala - Original Soundtrack, su CD Japan. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  126. ^ (EN) Fullmetal Alchemist Original Soundtrack 1, su CD Japan. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  127. ^ (EN) FULLMETAL ALCHEMIST Original Soundtrack 2, su CD Japan. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  128. ^ (EN) FULLMETAL ALCHEMIST Original Soundtrack 3, su CD Japan. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  129. ^ (EN) FULLMETAL ALCHEMIST Nageki no Oka no Seinaru Hoshi Original Soundtrack, su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  130. ^ (EN) FULLMETAL ALCHEMIST COMPLETE BEST [Regular Edition], su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  131. ^ (EN) Fullmetal Aichemist TV Animation Theme Songs - Instrumental Version, su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  132. ^ (EN) FULLMETAL ALCHEMIST FINAL BEST [w/ DVD, Limited Pressing], su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  133. ^ (EN) Fullmetal Alchemist (Hagane no Renkin Jutsushi) The Best, su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  134. ^ (EN) HAGAREN SONG FILE - EDWARD ELRICK, su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  135. ^ (EN) HAGAREN SONG FILE - ROY MUSTANG, su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  136. ^ (EN) HAGAREN SONG FILE - ALPHONSE ELRIC, su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  137. ^ (EN) HAGAREN SONG FILE -WINRY ROCKBELL-, su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  138. ^ (EN) HAGAREN SONG FILE -MAES HUGHES-, su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  139. ^ (EN) Theme of Edward Elric by The Alchemists, su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  140. ^ (EN) Theme of Alphonse Elric by The Alchemists, su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  141. ^ (EN) Theme of Ling Yao by THE ALCHEMISTS, su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  142. ^ (EN) Theme of Lan Fan by THE ALCHEMISTS, su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  143. ^ (EN) Theme of Fullmetal Alchemist by The Alchemists, su CD Japan. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  144. ^ (EN) Scheda sull'anime Fullmetal Alchemist - The Movie: Il conquistatore di Shamballa, Anime News Network.
  145. ^ (EN) Scheda sull'anime Fullmetal Alchemist - La sacra stella di Milos, Anime News Network.
  146. ^ FullMetal Alchemist: un DVD con 3 nuovi OAV e un inedito, su AnimeClick.it, 17 gennaio 2006. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  147. ^ (EN) Scheda sull'anime Fullmetal Alchemist: Premium Collection, Anime News Network.
  148. ^ (EN) Scheda sull'anime Fullmetal Alchemist: Seven Homunculi VS State Alchemists, Anime News Network.
  149. ^ (EN) Scheda sull'anime Fullmetal Alchemist: Chibi Party, Anime News Network.
  150. ^ (EN) Scheda sull'anime Fullmetal Alchemist: Kids, Anime News Network.
  151. ^ Già un OAV per il nuovo Fullmetal Alchemist: Brotherhood, su AnimeClick.it, 29 aprile 2009. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  152. ^ Episodio inedito nel nuovo DVD di Fullmetal Alchemist: Brotherhood, su AnimeClick.it, 8 febbraio 2010. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  153. ^ (EN) Fullmetal Alchemist: Brotherhood (OAV) [Titles], su Anime News Network. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  154. ^ (EN) Hagane no Renkinjutsushi: Senaka o Takuseshimono, su Gamefaqs. URL consultato il 14 aprile 2015.
  155. ^ (EN) Hagane no Renkinjutsushi: Fullmetal Alchemist - Yakusoku no Hi e, su Gamefaqs. URL consultato il 14 aprile 2015.
  156. ^ (EN) Fullmetal Alchemist: Omoide no Sonata, su Gamefaqs. URL consultato il 14 aprile 2015.
  157. ^ (EN) Fullmetal Alchemist: Trading Card Game, su Gamefaqs. URL consultato il 14 aprile 2015.
  158. ^ (EN) Hagane no Renkinjutsushi: Fullmetal Alchemist - Akatsuki no Ouji, su Gamefaqs. URL consultato il 14 aprile 2015.
  159. ^ (EN) Fullmetal Alchemist: Daughter of the Dusk, su Gamefaqs. URL consultato il 14 aprile 2015.
  160. ^ (JA) 鋼の錬金術師 Vol1 砂礫の大地, su Square Enix. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  161. ^ (JA) 鋼の錬金術師 偽りの光、真実の影, su Square Enix. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  162. ^ (JA) 鋼の錬金術師 3巻 咎人たちの傷跡, su Square Enix. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  163. ^ (EN) Radio DJCD Hagaren (Fullmetal Alchemist/Hagane no Renkin Jutsushi) Hosokyoku - Kaku no Chigai wo Miseteyaru Special, su CD Japan. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  164. ^ (EN) Fullmetal Alchemist DJCD Hagaren Hosokyoku Take 1, su CD Japan. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  165. ^ (EN) Fullmetal Alchemist DJCD Hagaren Hosokyoku Take 5, su CD Japan. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  166. ^ (EN) Fullmetal Alchemist TCG Announced, su Anime News Network, 15 marzo 2005. URL consultato il 1º febbraio 2015.
  167. ^ (EN) http://icv2.com/articles/comics/view/11000/r-i-p-fma-tcg, su ICv2, 31 luglio 2007. URL consultato il 1º febbraio 2015.
  168. ^ Fullmetal Alchemist da record!, su Mangaforever, 28 ottobre 2010. URL consultato il 21 giugno 2015.
  169. ^ (EN) Businesses, su Square Enix. URL consultato il 21 giugno 2015.
  170. ^ Manga in cifre: le tirature di Giugno 2013, su Mangaforever, 30 giugno 2013. URL consultato il 21 giugno 2015.
  171. ^ I 15 manga più venduti nell’usato giapponese del 2014, su Mangaforever, 5 dicembre 2014. URL consultato il 21 giugno 2015.
  172. ^ USA 2010: i manga più venduti dell’anno scorso, su Mangaforever, 27 gennaio 2011. URL consultato il 21 giugno 2015.
  173. ^ USA Classifica: 500 Graphic Novel del 2010, su MangaForever, 22 gennaio 2011. URL consultato il 21 giugno 2015.
  174. ^ (EN) INTERVIEW WITH VIZ'S KEVIN HAMRIC, PART 1, su ICv2, 9 marzo 2012. URL consultato il 22 giugno 2015.
  175. ^ (EN) FUNimation's FULLMETAL ALCHEMIST Wins Five Awards at the Inaugural American Anime Awards, su PR Newswire. URL consultato il 21 giugno 2015.
  176. ^ Top 10 Planet Manga/Luglio '06, su Panini Comics, 23 novembre 2006. URL consultato il 21 giugno 2015.
  177. ^ Top 10 Planet Manga - 12/06, su Panini Comics, 28 aprile 2007. URL consultato il 21 giugno 2015.
  178. ^ Top 10 Planet Manga - 6/07, su Panini Comics, 28 ottobre 2007. URL consultato il 21 giugno 2015.
  179. ^ Top 10 Planet Manga - 1/08, su Panini Comics, 22 maggio 2008. URL consultato il 21 giugno 2015.
  180. ^ Top 10 di Aprile, su Panini Comics, 25 agosto 2010. URL consultato il 21 giugno 2015.
  181. ^ Top 10 di Agosto 2011!, su Panini Comics, 22 dicembre 2011. URL consultato il 21 giugno 2015.
  182. ^ Risultati Sondaggi Online, su Panini Comics, 8 dicembre 2010. URL consultato il 21 giugno 2015.
  183. ^ Questione di gusti, su Panini Comics, 3 aprile 2006. URL consultato il 21 giugno 2015.
  184. ^ Annunciati i vincitori del 15° Tezuka Osamu Cultural Prize, su AnimeClick.it, 2 maggio 2011. URL consultato il 21 giugno 2015.
  185. ^ http://www.komixjam.it/fullmetal-alchemist-il-manga-vince-alla-convention-giapponese-della-fantascienza/, su Mangaforever, 11 luglio 2011. URL consultato il 21 giugno 2015.
  186. ^ Le nomination degli Eagle Awards 2010, su MangaForever, 31 maggio 2010. URL consultato il 21 giugno 2015.
  187. ^ I vincitori degli Eagle Awards 2011, su MangaForever, 31 maggio 2011. URL consultato il 21 giugno 2015.
  188. ^ (EN) Da Vinci Magazine Lists 3 Manga Among 2011's Top 10 Books, su Anime News Network, 6 dicembre 2011. URL consultato il 22 giugno 2015.
  189. ^ I migliori di sempre (part 2), su Panini Comics, 27 giugno 2007. URL consultato il 21 giugno 2015.
  190. ^ Classifica degli anime di tutti i tempi, su Komixjam, 27 giugno 2012. URL consultato il 21 giugno 2015.
  191. ^ Classifica miglior anime 2001-2005, su Komixjam, 16 novembre 2011. URL consultato il 21 giugno 2015.
  192. ^ Classifica 50 migliori anime 2001-2010, su Komixjam, 7 giugno 2011. URL consultato il 21 giugno 2015.
  193. ^ Classifica 50 trasposizioni animate peggiori del rispettivo manga, su Komixjam, 16 luglio 2011. URL consultato il 21 giugno 2015.
  194. ^ (EN) Fullmetal Alchemist G. Novel 1-3, su Anime News Network, 11 novembre 2006. URL consultato il 22 giugno 2015.
  195. ^ Recensione Fullmetal Alchemist, su Everyeye, 1º maggio 2007. URL consultato il 21 giugno 2015.
  196. ^ Fullmetal Alchemist: la fine!, su Komixjam, 12 giugno 2010. URL consultato il 21 giugno 2015.
  197. ^ FullMetal Alchemist #2, su Spaziobianco, 21 settembre 2006. URL consultato il 21 giugno 2015.
  198. ^ Fullmetal Alchemist #3, su Spaziobianco, 30 ottobre 2006. URL consultato il 21 giugno 2015.
  199. ^ (EN) Jason Thompson's House of 1000 Manga - Fullmetal Alchemist, su Anime News Network, 6 giugno 2013. URL consultato il 22 giugno 2015.
  200. ^ Fullmetal Alchemist: impressioni ed immagini, su AnimeClick.it, 6 dicembre 2003. URL consultato il 21 giugno 2015.
  201. ^ Opinione e informazioni su FullMetal Alchemist, su AnimeClick.it, 11 aprile 2006. URL consultato il 21 giugno 2015.
  202. ^ (EN) Fullmetal Alchemist, su Anime News Network, 11 maggio 2004. URL consultato il 22 giugno 2015.
  203. ^ Fullmetal Alchemist - Brotherhood: prime impressioni sull'anime, su AnimeClick.it, 17 aprile 2007. URL consultato il 21 giugno 2015.
  204. ^ (EN) Fullmetal Alchemist: Brotherhood DVD Part 1 (Hyb), su Anime News Network, 25 maggio 2010. URL consultato il 22 giugno 2015.
  205. ^ (EN) Fullmetal Alchemist: Brotherhood Blu-ray Part 2, su Anime News Network, 2 settembre 2010. URL consultato il 22 giugno 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga