Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

The Seven Deadly Sins - Nanatsu no taizai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Nanatsu no taizai" rimanda qui. Se stai cercando il media franchise di Hobby Japan, vedi Seven Mortal Sins.
The Seven Deadly Sins
Nanatsu no taizai
七つの大罪
(Nanatsu no taizai)
Nanatsu no taizai manga.jpg
Copertina del primo volume dell'edizione italiana, raffigurante Elizabeth, Meliodas e Hawk
Genere avventura, fantasy
Manga
Autore Nakaba Suzuki
Editore Kōdansha
Rivista Weekly Shōnen Magazine
Target shōnen
1ª edizione 10 ottobre 2012 – in corso
Periodicità settimanale (capitoli); bimestrale (tankōbon)
Tankōbon 27 (in corso)
Editore it. Star Comics
Collana 1ª ed. it. Stardust
1ª edizione it. 2 aprile 2014 – in corso
Periodicità it. bimestrale
Volumi it. 19 / 27 Completa al 70%
Manga
Mayoe! Nanatsu no taizai gakuen!
Autore Juichi Yamaki
Editore Kōdansha
Rivista Bessatsu Shōnen Magazine
Target shōnen
1ª edizione 9 agosto 2014 – 8 ottobre 2016
Tankōbon 4 (completa)
Serie TV anime
The Seven Deadly Sins
Regia Tensai Okamura
Composizione serie Shōtarō Suga
Musiche Hiroyuki Sawano, Takafumi Wada
Studio A-1 Pictures
Rete JNN (MBS)
1ª TV 5 ottobre 2014 – 29 marzo 2015
Episodi 24 (completa) +2 OAV
Aspect ratio 16:9
Durata ep. 24 min
Streaming it. Netflix
Studio dopp. it. Excitech Postworks
Dir. dopp. it. Marco De Risi
Light novel
Nanatsu no taizai: gaiden
Autore Shuka Matsuda
Disegni Nakaba Suzuki
Editore Kōdansha - Kōdansha Ranobe Bunko
1ª edizione 17 dicembre 2014 – 16 ottobre 2015
Volumi 2 (completa)
Light novel
Nanatsu no taizai: Seven Days
Autore Mamoru Iwasa
Disegni Nakaba Suzuki
Editore Kōdansha - Kōdansha Ranobe Bunko
1ª edizione 26 dicembre 2014
Volumi unico
Serie TV anime
The Seven Deadly Sins: Signs of Holy War
Regia Tensai Okamura
Composizione serie Shōtarō Suga
Musiche Hiroyuki Sawano
Studio A-1 Pictures
Rete JNN
1ª TV 28 agosto – 18 settembre 2016
Episodi 4 (completa)
Aspect ratio 16:9
Durata ep. 24 min
Rete it. Netflix

The Seven Deadly Sins - Nanatsu no taizai (七つの大罪 Nanatsu no taizai?, lett. "I sette peccati capitali") è un manga shōnen scritto e disegnato da Nakaba Suzuki, serializzato sul Weekly Shōnen Magazine di Kōdansha dal 10 ottobre 2012[1]. La serie, ambientata nell'Europa medievale, segue le vicende di un gruppo di cavalieri rappresentanti per l'appunto i sette peccati capitali. Un adattamento anime, prodotto da A-1 Pictures, è stato trasmesso in Giappone tra il 5 ottobre 2014 e il 29 marzo 2015[2]. Una serie anime di quattro episodi, sempre prodotta da A-1 Pictures e intitolata The Seven Deadly Sins: Signs of Holy War, è andata in onda dal 28 agosto al 18 settembre 2016[3]. In Italia i diritti del manga sono stati acquistati da Star Comics[4], mentre gli anime sono stati resi disponibili con il doppiaggio in italiano da Netflix[5][6].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I Seven Deadly Sins sono un gruppo di cavalieri della regione della Britannia che fu sciolto dopo aver ordito apparentemente una cospirazione allo scopo di rovesciare il regno di Lionesse (リオネス王国 Rionesu ōkoku?). La loro presunta sconfitta avvenne per mano dei Cavalieri Sacri (聖騎士 Seikishi?), ma col passare del tempo iniziò a girare voce che in realtà questi guerrieri leggendari fossero ancora in vita. Dieci anni dopo, i Cavalieri Sacri organizzano un colpo di Stato e catturano il re, diventando così i nuovi governanti tirannici del paese. Elizabeth, figlia del vecchio re e terza principessa del regno, non ha quindi altra scelta che fuggire dal castello reale e mettersi alla ricerca dei Seven Deadly Sins, con la speranza che siano davvero ancora vivi e che siano disposti ad aiutarla.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

Il protagonista Meliodas
Meliodas (メリオダス Meriodasu?)
Doppiato da: Yūki Kaji (ed. giapponese), Alessandro Vanni (ed. italiana)
Il proprietario della taverna Boar Hat (豚の帽子亭 Buta no bōshi-tei?), nonché capo dei Seven Deadly Sins, il quale rappresenta il peccato d'ira col simbolo del drago, tatuato sul braccio. Ha l'aspetto fisico di un ragazzino, ma in realtà è un demone di migliaia di anni, figlio del re del Clan dei Demoni e un tempo capo dei Dieci Comandamenti. Possiede una forza sovrumana e non brandisce mai armi vere e proprie per evitare di uccidere qualcuno. La sua arma è una lama spezzata la cui elsa in realtà è una delle chiavi per spezzare il sigillo della prigione dei demoni che tremila anni prima furono sigillati dalle dee. Il suo potere Contrattacco, gli permette di respingere qualsiasi attacco nemico e usarlo contro gli stessi.
È un pervertito con l'abitudine di palpare Elizabeth, approfittandosi in ogni momento della sua ingenuità e permissivismo. In passato si innamorò di un'altra donna di nome Liz, che morì sotto i suoi occhi. In realtà si scoprirà più tardi, è vittima di una maledizione del Clan delle Dee, che lo rende immortale e lo costringe a incontrare e innamorarsi per sempre di varie reincarnazioni della sua amata Elizabeth, la quale muore sempre tre giorni dopo ricordato le sue vite passate.
La sua colpa da espiare, legata al peccato d'ira, è quella di aver distrutto e ucciso gli abitanti del regno di di Danafor, risucchiato dalla sua ira dopo l'ennesima morte di Elizabeth davanti ai suoi occhi.
Possiede il Tesoro Sacro Lostvayne che gli permette di creare fino a cinque copie di se stesso, più deboli dell'originale. Donatogli dal re, dopo averlo venduto per aprire la sua locanda, gli viene restituito da Merlin anni più tardi.
Elizabeth Lyonesse (エリザベス・リオネス Erizabesu Rionesu?)
Doppiata da: Sora Amamiya (ed. giapponese), Sabine Cerullo (ed. italiana)
La terza ed ultima figlia del re di Lionesse, la quale fugge dal castello reale in cerca dei Seven Deadly Sins in seguito al colpo di Stato effettuato dai Cavalieri Sacri. In realtà Elizabeth non è la figlia del re, bensì inconsapevolmente l' "Apostolo delle Dee". Quando attiva il suo potere, sul suo occhio appare un simbolo celtico e una potente energia cura tutte le ferite dei suoi alleati. Il suo sangue inoltre può aprire uno dei sigilli della prigione dei demoni. Più tardi si scopre che è la reincarnazione di Liz, nonché una delle 107 reincarnazioni della dea Elizabeth incontrate da Meliodas nel corso della sua vita, a causa della maledizione del Clan delle Dee.
Hawk (ホーク Hōku?)
Doppiata da: Misaki Kuno (ed. giapponese), Elena Liberati (ed. italiana)
Un maialino rosa parlante che viaggia insieme a Meliodas e che gli fa da spazzino nella sua taverna divorando ogni avanzo lasciato dalla clientela, particolarmente affezionato a Elizabeth.

Seven Deadly Sins[modifica | modifica wikitesto]

Diane (ディアンヌ Diannu?)
Doppiata da: Aoi Yūki (ed. giapponese), Elena Perino (ed. italiana)
Una dei pochi superstiti del Clan dei Giganti, fisicamente è la più forte dei Seven Deadly Sins. In quanto gigante, il suo potere Creazione è fortemente legato alla terra. È inizialmente innamorata di Meliodas e rappresenta il peccato d'invidia col simbolo del serpente, tatuato sulla coscia. Inizialmente gelosa di Elizabeth, per via dell'affetto che Meliodas prova per lei, finisce invece per diventarne molto amica. Da piccola incontrò King con cui visse per centinaia di anni, ma dopo che il ragazzo partì, la sua memoria le venne cancellata dallo stesso e si dimenticò di lui. Dopo aver recuperato i suoi ricordi, farà luce anche sui suoi veri sentimenti, capendo di ricambiare l'amore di King.
La sua colpa da espiare, legata all'invidia, è l'accusa di aver ucciso l'amica Matrona, della quale era gelosa. Diane è in realtà innocente, poiché l'amica venne in realtà uccisa da un gruppo di Cavalieri, che volevano abbattere un gigante per trarne fama e gloria.
Ban (バン?)
Doppiato da: Tatsuhisa Suzuki (ed. giapponese), Massimo Aresu (ed. italiana)
Un tempo noto come Ban il bandito, considerato il migliore amico di Meliodas, è un uomo albino che tra i Seven Deadly Sins rappresenta il peccato d'avarizia col simbolo della volpe, tatuato sull'addome. Dopo aver bevuto dalla Fonte della giovinezza, è diventato immortale e ha ottenuto capacità rigenerative eccezionali. Il suo potere Furto gli permette di rubare qualsiasi oggetto dalle mani dei suoi avversari, compresa la loro forza. Era innamorato di Elaine, la guardiana della fonte e principessa delle fate, che morì durante l'attacco di un demone, sacrificandosi per salvare Ban. Dopo averla rincontrata nella Necropoli, cercherà in tutti i modi di riportarla in vita, iniziando un viaggio che lo allontanerà dai suoi compagni. È un ottimo cuoco e porta una cicatrice, infertagli da Meliodas, lungo la parte sinistra del collo.
La sua colpa da espiare, legata all'avarizia, è l'accusa di aver ucciso Elaine con lo scopo di appropriarsi della Fonte della giovinezza.
King (キング Kingu?)
Doppiato da: Jun Fukuyama (ed. giapponese), George Castiglia (ed. italiana)
Il membro del gruppo che rappresenta il peccato d'accidia col simbolo dell'orso, tatuato sul polpaccio. È il fratello maggiore di Elaine, nonché il re del Clan delle Fate; in quanto tale è in grado di volare e di cambiare occasionalmente il suo aspetto, che normalmente è simile a quello di un bambino. Il suo vero nome è Harlequin. Il suo potere Disastro gli permette di aggravare le condizioni fisiche dei suoi avversari. Inizialmente si dimostra ostile nei confronti di Ban, convinto che questi sia l'assassino della sorella. Dopo aver scoperto la verità sull'accaduto, capisce di aver commesso un errore e accetta di unirsi al gruppo di Meliodas. È da sempre innamorato di Diane, che gli aveva salvato la vita e con la quale ha trascorso circa 500 anni in solitudine. Lui stesso le cancellò la memoria per non farla soffrire, dopo aver saputo di essere stato condannato a mille anni di prigione. Si batte con il suo Tesoro Sacro, una devastante lancia il cui potere deriva dall'Albero Sacro della sua terra natia. Grazie a quest'arma, King (altrimenti debolissimo) diventa uno dei più pericolosi dei Seven Deadly Sins.
La sua colpa da espiare, legata all'accidia, è quella di aver abbandonato il suo regno e ignorato lo sterminio delle fate da parte degli uomini e, in seguito, di aver ignorato lo sterminio degli umani da parte dell'amico Helbram. Anche nel suo caso, la colpa non è direttamente sua, ma di un uomo che lo aveva gettato in un fiume, facendogli perdere la memoria e allontanandolo dal regno per un lungo periodo.
Gowther (ゴウセル Gouseru?)
Doppiato da: Yūhei Takagi (ed. giapponese), Danny Francucci (ed. italiana)
Efebico membro del gruppo che rappresenta il peccato di lussuria col simbolo dell'ariete, tatuato sul petto. È in realtà una bambola costruita tremila anni prima da un membro dei Dieci Comandamenti, anche lui di nome Gowther, che fu costruita per permettergli di comunicare con il mondo esterno. Poco prima della sua morte, Gowther rese la sua bambola viva e gli donò un cuore; in quanto tale, risulta essere immortale e non sembra possedere sentimenti. Nessuno aveva mai visto il suo vero aspetto, poiché si trovava sempre all'interno di un'armatura costruita da Merlin appositamente per lui. Gowther tenta in tutti i modi di capire il complesso l'animo umano, arrivando a modificare i ricordi delle persone per i suoi esperimenti. Il suo potere Invasione gli permette di entrare nella mente degli avversari, comunicare telepaticamente, leggere e modificare i ricordi delle persone, indurre incubi e cambiare il suo aspetto a piacimento.
La sua colpa da espiare, legata alla lussuria, è l'accusa di aver violentato e ucciso Nadja, la sorella minore di re Bartra. In realtà si scopre che Gowther e Nadja si amavano profondamente e che la ragazza gli aveva tenuto nascosto una malattia mortale che la stava uccidendo. La morte di Nadja era sfortunatamente avvenuta proprio mentre era a letto con Gowther. I due amanti erano poi stati trovati insieme a letto in un bagno di sangue, dopo che Gowther aveva cercato di strapparsi il cuore per salvare Nadja.
Merlin (マーリン Mārin?)
Doppiata da: Maaya Sakamoto (ed. giapponese), Raffaella Castelli (ed. italiana)
Una procace strega che rappresenta il peccato di gola col simbolo del cinghiale, tatuato sul collo. È una delle maghe più potenti di tutta Britannia e nei dieci anni in cui è stata separata dai suoi compagni si è rifugiata a Camelot dove ha protetto il giovane re Arthur, al quale è molto affezionata. Il suo potere Infinito le permette di far durare perpetuamente i suoi incantesimi. Lei e Meliodas si conoscono da molto tempo e sembrano essere in parecchia confidenza, essendo stati i primi due membri dei Seven Deadly Sins. Si scopre inoltre che fu lei a far perdere i sensi a Meliodas dieci anni prima con lo scopo di rubargli la sua "vera forza". Era infatti consapevole che se scatenata, l'ira del suo capitano avrebbe potuto spazzare via il regno e che quindi era meglio sigillarla. Cede quel potere ai Druidi e quando i dieci comandamenti - i dieci demoni al servizio del re dei Demoni - vengono liberati, decide di restituirla.
Escanor (エスカノール Esukanōru?)
Il membro del gruppo che rappresenta il peccato di superbia col simbolo del leone, tatuato sulla schiena. Siccome il suo potere Sunshine si risveglia solo alla luce del sole, di giorno è il più potente dei Seven Deadly Sins raggiungendo l'apice quando il sole tocca l'estrema altezza a mezzogiorno, mentre di notte diventa il più debole dei sette. Eccelle sia in potenza fisica sia in quella magica tanto da tenere testa e prevalere su Estarossa, il secondo membro più potente dei Dieci Comandamenti. Il suo aspetto, così come la sua personalità, cambiano drasticamente da giorno a notte. È innamorato di Merlin, cosa che solo Meliodas sembra sapere.

Cavalieri Sacri[modifica | modifica wikitesto]

Gilthunder (ギルサンダー Girusandā?)
Doppiato da: Mamoru Miyano (ed. giapponese), Marco De Risi (ed. italiana)
Un Cavaliere Sacro il cui potere lo rende in grado di manipolare l'elettricità. È il figlio dell'ex Gran Cavaliere Sacro Zaratras, il quale rimase ucciso durante la presunta rivolta dei Seven Deadly Sins. È un amico d'infanzia di Elizabeth e di Meliodas, ed è innamorato da sempre della principessa Margaret, per la quale fa di tutto, pur di proteggerla.
Guila (ギーラ Gīra?)
Doppiata da: Mariya Ise (ed. giapponese), Francesca Rinaldi (ed. italiana)
Uno dei Cavalieri Sacri della nuova generazione che si imbatte nei Seven Deadly Sins mentre questi cercano di entrare nella capitale dei morti. È una spadaccina di grande abilità che, grazie alla suo potere, può anche creare esplosioni. Diventa per un periodo l'amante di Gowther alterandone i ricordi per far sì che lei si innamori di lui.
Howzer (ハウザー Hauzā?)
Doppiato da: Ryōhei Kimura (ed. giapponese), Mauro Gravina (ed. italiana)
Un subordinato di Dreyfus e partner di Gilthunder che con il suo potere è in grado di manipolare il vento per creare tornadi. Dopo essere stato battuto da lei, si innamora di Diane, creando così per un certo periodo una rivalità con King.
Jericho (ジェリコ Jeriko?)
Doppiata da: Marina Inoue (ed. giapponese), Beatrice Margiotti (ed. italiana)
Un'apprendista Cavaliere Sacro al servizio dei Weird Fangs che viene sconfitta da Ban durante la sua evasione dalla prigione di Baste. In seguito diventa un Cavaliere Sacro della Nuova Generazione e combatte spesso al fianco di Guila. Dopo aver sconfitto i Cavalieri Sacri, si innamora di Ban, pur conoscendo i suoi veri sentimenti. e decide di partire con lui alla ricerca di Elaine.
Slader (スレイダー Sureidā?)
Doppiato da: Shinichiro Miki (ed. giapponese), Roberto Certomà (ed. italiana)
Il capo del gruppo dei Cavalieri Sacri chiamati i Ruggiti dell'Alba. Porta sempre una maschera di metallo sul volto e diventa un fedele collaboratore di Merlin.
Simon (サイモン Saimon?)
Doppiato da: Ryōsuke Kanemoto (ed. giapponese), Alessandro Campaiola (ed. italiana)
Un giovane Cavaliere Sacro membro dei Ruggiti dell'Alba.
Dreyfus (ドレファス Dorefasu?)
Doppiato da: Katsuyuki Konishi (ed. giapponese), Raffaele Palmieri (ed. italiana)
L'attuale Gran Cavaliere Sacro che, insieme ad Hendricksen, governa il regno dopo il colpo di Stato.
Hendrickson (ヘンドリクセン Hendorikusen?)
Doppiato da: Yūya Uchida (ed. giapponese), Stefano Brusa (ed. italiana)
L'altro Gran Cavaliere Sacro che, insieme a Dreyfus, governa il regno di Lionesse dopo il colpo di Stato. È colui che ha dato vita alla nuova generazione di Cavalieri Sacri. Viene manipolato dai demoni e Fraudrin entra nel suo corpo con lo scopo di liberare i Dieci Comandamenti.

Dieci Comandamenti[modifica | modifica wikitesto]

Zeldris (ゼルドリス Zerudoris?)
Doppiato da: Yūki Kaji (ed. giapponese)

Il fratello minore di Meliodas, figlio del re dei Demoni e capo dei Dieci Comandamenti. Rappresenta il comandamento della pietà. È considerato il più potente dei Dieci Comandamenti, tanto che la sua forza è paragonabile a quella della Dea Suprema, poiché il re dei Demoni gli ha donato la sua forza per un certo periodo.

Estarossa (エスタロッサ Esutarossa?)
Doppiato da: Hiroki Tōchi (ed. giapponese)

Altro fratello minore di Meliodas e figlio del re dei Demoni, considerato il secondo più forte dei Dieci Comandamenti, dopo Zeldris. L'immagine segnaletica di Meliodas all'inizio della serie sembra richiamare di più il suo viso. Rappresenta il comandamento dell'amore e possiede lo stesso potere di Meliodas, Contrattacco.

Monspeet (モンスピート Monsupīto?)
Doppiato da: Kenjirō Tsuda (ed. giapponese)

L'assistente di Derieri, rappresenta il comandamento della reticenza.

Derieri (デリエリ Derieri?)
Doppiata da: Ayahi Takagaki (ed. giapponese)

Un demone molto potente, che rappresenta il comandamento della purezza. Il suo potere le permette di aumentare la forza dei suoi colpi, ma solo se consecutivi.

Gloxinia (グロキシニア Gurokishinia?)
Doppiato da: Yūsuke Kobayashi (ed. giapponese)

Era conosciuto come il primo re del Clan delle Fate ed era grande amico di Drole e di Meliodas. Rappresenta il comandamento del riposo. Un tempo combatteva contro i demoni insieme a Drole, si unì ai Comandamenti dopo aver ucciso l'uomo che amava sua sorella Gerheade. Lui e Drole vennero scelti come sostituti di due demoni uccisi da Meliodas, Aranak e Zeno. Essendo stato anche lui re delle Fate, possiede lo stesso potere di King, Disastro.

Drole (ドロール Dorōru?)
Doppiato da: Daisuke Ono (ed. giapponese)

Era conosciuto come il primo re del Clan dei Giganti ed era grande amico di Gloxinia e di Meliodas. Rappresenta il comandamento della pazienza. È molto più alto dei normali giganti e possiede quattro braccia; in più i suoi poteri, sempre legati alla terra, sembrano essere più potenti degli altri giganti. Un tempo combatteva combatteva contro i demoni insieme a Gloxinia, si unì ai Comandamenti dopo essere stato sconfitto da Zeldris, che lo aveva costretto a unirsi a lui in cambio di avere salva la vita. Lui e Gloxinia vennero scelti come sostituti di due demoni uccisi da Meliodas, Aranak e Zeno

Melascula (メラスキュラ Merasukyura?)
Doppiata da: M.A.O. (ed. giapponese)

Un demone con il potere di resuscitare i morti e di manipolarli a suo piacimento, aumentando la loro forza negativa. Resuscita per un certo periodo Elaine, anche se non riesce ad avere pieno controllo su di lei. Rappresenta il comandamento della fede. Sebbene sia molto potente, viene sconfitta da Ban, che le strappa sei dei suoi cuori e le taglia la mandibola.

Galand (ガラン Garan?)
Doppiato da: Hiroshi Iwasaki (ed. giapponese)

Un demone che lavora in coppia con Melascula e che si nasconde sempre dentro un'armatura. Rappresenta il comandamento della verità. Il suo potere gli permette di aumentare al limite la sua forza fisica. Viene tuttavia sconfitto facilmente da Escanor.

Fraudrin (フラウドリン Furaudorin?)
Doppiato da: Katsuyuki Konishi (ed. giapponese)

Un mostruoso demone in grado di ingigantirsi e di possedere i corpi delle persone. Riesce infatti a entrare nei corpi dei Cavalieri Hendrickson e Dreyfus. Rappresenta il comandamento dell'altruismo. Si tratta anche lui di un sostituto, dopo la morte del demone Gowther.

Grayroad (グレイロード Gureirōdo?)
Doppiata da: Kōji Yusa (ed. giapponese)
Un demone grigio dall'aspetto mostruoso, in grado di affliggere malattie al suo avversario. Rappresenta il comandamento della pace.

Altri personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Elaine (エレイン Erein?)
Doppiata da: Kotori Koiwai (ed. giapponese), Simona Chirizzi (ed. italiana)
La sorella minore di King, ossia la principessa delle fate. Dopo la sparizione del fratello, ha protetto da sola la Fonte della Giovinezza per settecento anni. Quando incontrò Ban la prima volta lo scaraventò via innumerevoli volte, ma ebbe come la sensazione che la foresta lo stesse proteggendo. Alla fine, dopo essere rimasta in sua compagnia si innamorò di lui, ma era consapevole di non poter abbandonare la fonte. Ban allora le promise che avrebbe trovato suo fratello e che rimesso lui a guardia del regno delle Fate, l'avrebbe portata via con se. Tuttavia, quando la foresta venne attaccata da un demone, fu colpita mortalmente e invece di bere l'acqua, decise di sacrificarsi per salvare Ban, a cui affidò l'ultimo seme dell'Albero Sacro. Nella Necropoli salva Ban da suo fratello e spera sempre che un giorno lui tornerà a prenderla come aveva promesso. Verrà resuscitata temporaneamente dai poteri di Melascula, e per questo la sua vita è fortemente legata all'esistenza del demone.
Cain Barzad (ケイン=バルザド Kein Baruzado?)
Doppiato da: Takashi Inagaki (ed. giapponese), Luca Dal Fabbro (ed. italiana)
Un uomo anziano che incontra i Seven Deadly Sins a Vaizel. In seguito si scoprirà essere un vecchio compagno d'armi di Meliodas del regno di Danafal. Può controllare il fuoco.
Margaret Lyonesse (マーガレット・リオネス Māgaretto Rionesu?)
Doppiata da: Nana Mizuki (ed. giapponese), Chiara Oliviero (ed. italiana)
La prima figlia del re di Lionesse, nonché sorella adottiva di Elizabeth. Innamorata di Gilthuner è da lui ricambiata. Rispetto a Veronica è una ragazza gentile e posata
Veronica Lyonesse (ベロニカ・リオネス Beronika Rionesu?)
Doppiata da: Hisako Kanemoto (ed. giapponese), Fabiola Bittarello (ed. italiana)
La seconda figlia del re di Lionesse, nonché sorella adottiva di Elizabeth. Viene spesso descritta come un vero maschiaccio. Dopo un attacco dei Cavalieri Sacri non è più in grado di camminare senza sostegni. Viene sempre accompagnata da Griamore, figlio di Dreyfus, il quale è innamorato di lei.

Arthur Pendragon (アーサー・ペンドラゴン Āsā Pendoragon?)

Doppiato da: Sachi Kukuryu (ed. giapponese)
Il giovane re, di appena sedici anni, di Camelot, un regno della Britannia. Dopo essersi rifugiata nel suo regno, Merlin è diventata la sua insegnate, instaurando con lui un rapporto madre-figlio. Diventa subito grande amico di Meliodas, combattendo con lui contro i Cavalieri Sacri.

Media[modifica | modifica wikitesto]

Manga[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Capitoli di The Seven Deadly Sins - Nanatsu no taizai.
Logo della serie

Il manga, scritto e disegnato da Nakaba Suzuki, ha debuttato come one-shot sul numero 52 del Weekly Shōnen Magazine di Kōdansha il 22 novembre 2011[7], per poi cominciare la serializzazione sul numero 45 della stessa rivista il 10 ottobre 2012[1]. Il primo volume tankōbon è stato reso disponibile il 15 febbraio 2013[8] e al 12 luglio 2017 ne sono stati messi in vendita in tutto ventisette[9]. Con il 100º capitolo, il primo di tre archi narrativi è stato poi portato a termine e Suzuki ha affermato che la serie sarebbe stata composta dai 20 ai 30 volumi[10]. In Italia l'opera è edita dalla casa editrice Star Comics, che ne aveva annunciato l'acquisto al Lucca Comics & Games 2013[4], mentre in America del Nord i volumi sono pubblicati da Kōdansha Comics USA dal 25 marzo 2014[11][12]. In circa centosettanta paesi del mondo, i capitoli del manga sono resi disponibili digitalmente da Crunchyroll, in lingua inglese, a poche ore di distanza dalla pubblicazione in Giappone[13][14].

Un breve crossover tra i manga The Seven Deadly Sins di Suzuki e Fairy Tail di Hiro Mashima, in cui i due autori hanno disegnato entrambi uno yonkoma dell'altra serie, è apparso su un numero speciale del Weekly Shōnen Magazine, uscito il 19 ottobre 2013[15]. Un vero e proprio capitolo crossover di 17 pagine è poi apparso più tardi sul doppio numero 4–5 del 2014 della stessa rivista, pubblicato il 25 dicembre 2013[16]. Uno spin-off di genere comico di Juichi Yamaki, intitolato Mayoe! Nanatsu no taizai gakuen! (迷え!七つの大罪学園!?), è stato serializzato sul Bessatsu Shōnen Magazine dal 9 agosto 2014[17] all'8 ottobre 2016[18] e raccolto in quattro volumi tankōbon, usciti tra il 17 febbraio 2015[19] e il 16 dicembre 2016[20]. Altri due one-shot, sempre scritti da Suzuki, sono stati pubblicati entrambi da Kōdansha nel corso dell'ottobre 2014: il primo è apparso sul numero di novembre della rivista di manga shōjo Nakayoshi il giorno 3[21], mentre il secondo, che descrive comicamente il primo incontro tra Meliodas ed Hawk, è uscito sul numero di novembre del Magazine Special il giorno 20[22].

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Annunciato nell'aprile 2014 sul Weekly Shōnen Magazine[2][23], un adattamento anime, scritto sotto la supervisione di Shōtarō Suga e prodotto da A-1 Pictures per la regia di Tensai Okamura[24], è andato in onda dal 5 ottobre 2014 al 29 marzo 2015[25][26]. Il character design è stato sviluppato da Keigo Sasaki e la colonna sonora è stata composta da Hiroyuki Sawano[24]. Un episodio OAV, intitolato Ban no bangai-hen (バンの番外編? lett. "Il capitolo aggiuntivo di Ban"), è stato pubblicato in allegato all'edizione limitata del quindicesimo volume del manga il 17 giugno 2015[27]. Un secondo OAV, composto da nove corti di genere comico, è uscito insieme all'edizione limitata del sedicesimo volume del manga il 12 agosto 2015[28]. Una serie televisiva anime di quattro episodi, intitolata The Seven Deadly Sins: Signs of Holy War (七つの大罪 聖戦の予兆 Nanatsu no taizai: seisen no shirushi?, lett. "I sette peccati capitali: presagi di una guerra santa"), è stata trasmessa tra il 28 agosto e il 18 settembre 2016[3]. Entrambe le serie anime sono state rese disponibili in italiano su Netflix rispettivamente dal 1º novembre 2015[5] e dal 17 febbraio 2017[6].

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
Prima visione
Giapponese[29] Italiano[30]
1 I Sette Peccati Capitali
「七つの大罪」 - Nanatsu no taizai
5 ottobre 2014
1º novembre 2015
2 La spada del Cavaliere Sacro
「聖騎士の剣」 - Seikishi no ken
12 ottobre 2014
1º novembre 2015
3 La peccatrice della foresta dormiente
「眠れる森の罪」 - Nemureru mori no tsumi
19 ottobre 2014
1º novembre 2015
4 Il sogno di una fanciulla
「少女の夢」 - Shōjo no yume
26 ottobre 2014
1º novembre 2015
5 Anche se tu dovessi morire
「たとえあなたが死んでも」 - Tatoe anata ga shindemo
2 novembre 2014
1º novembre 2015
6 Canto d'inizio
「はじまりの詩」 - Hajimari no uta
9 novembre 2014
1º novembre 2015
7 Il commovente ricongiungimento
「感動の再会」 - Kandō no saikai
16 novembre 2014
1º novembre 2015
8 Il temibile inseguitore
「恐るべき追跡者」 - Osorubeki tsuiseki-sha
23 novembre 2014
1º novembre 2015
9 Il battito oscuro
「暗黒の脈動」 - Ankoku no myakudō
30 novembre 2014
1º novembre 2015
10 Il torneo di lotta di Vaizel
「バイゼル喧嘩祭り」 - Baizeru kenka matsuri
7 dicembre 2014
1º novembre 2015
11 Sentimenti di lunga durata
「積年の想い」 - Sekinen no omoi
14 dicembre 2014
1º novembre 2015
12 Il cannone spaventoso
「戦慄のカノン」 - Senritsu no kanon
21 dicembre 2014
1º novembre 2015
13 L'apostolo della distruzione
「破壊の使徒」 - Hakai no shito
11 gennaio 2015
1º novembre 2015
14 L'uomo che non leggeva tra le righe
「本を読むひと」 - Hon o yomu hito
18 gennaio 2015
1º novembre 2015
15 Il cavaliere profano
「アンホーリィ・ナイト」 - Anhōryi Naito
25 gennaio 2015
1º novembre 2015
16 Leggende in azione
「駆り立てられる伝説たち」 - Karitaterareru densetsu-tachi
1º febbraio 2015
1º novembre 2015
17 La prima vittima
「最初の犠牲」 - Saisho no gisei
8 febbraio 2015
1º novembre 2015
18 A costo della vita
「この命にかえても」 - Kono inochi ni kaete mo
15 febbraio 2015
1º novembre 2015
19 La vana attesa del re delle fate
「まちぼうけの妖精王」 - Machibōke no yōsei-ō
22 febbraio 2015
1º novembre 2015
20 L'incantesimo del coraggio
「勇気のまじない」 - Yūki no majinai
1º marzo 2015
1º novembre 2015
21 Pericolo imminente
「今、そこにせまる脅威」 - Ima, soko ni semaru kyōi
8 marzo 2015
1º novembre 2015
22 Quello che posso fare per te
「君のためにできること」 - Kimi no tame ni dekiru koto
15 marzo 2015
1º novembre 2015
23 La discesa nella disperazione
「絶望降臨」 - Zetsubō kōrin
22 marzo 2015
1º novembre 2015
24 Eroi
「英雄たち」 - Eiyū-tachi
29 marzo 2015
1º novembre 2015

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Gli episodi dell'anime di The Seven Deadly Sins - Nanatsu no taizai sono stati raccolti in nove volumi BD/DVD, distribuiti in Giappone per il mercato home video a partire dal 28 gennaio 2015.

Volume Episodi Data di pubblicazione
1 1–3 28 gennaio 2015[31]
2 4–6 25 febbraio 2015[32]
3 7–9 25 marzo 2015[33]
4 10–12 22 aprile 2015[34]
5 13–15 27 maggio 2015[35]
6 16–18 24 giugno 2015[36]
7 19–20 22 luglio 2015[37]
8 21–22 26 agosto 2015[38]
9 23–24 23 settembre 2015[39]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora della serie è stata composta da Hiroyuki Sawano. Le sigle di apertura e chiusura sono rispettivamente Netsujō no spectrum (熱情のスペクトラム Netsujō no supekutoramu?), composta dagli Ikimono Gakari, e 7-seven-, creata da una collaborazione tra i Flow e i Granrodeo[40], per poi cambiare dall'episodio tredici in Seven Deadly Sins dei Man with a Mission e Season di Alisa Takigawa[41].

Il primo album della colonna sonora originale della serie è stato pubblicato il 24 dicembre 2014[42], mentre il secondo è uscito l'8 aprile 2015[43].

The Seven Deadly Sins Original soundtrack
Artista Hiroyuki Sawano
Tipo album Colonna sonora
Pubblicazione 24 dicembre 2014
Durata 1:17:14
Dischi 1
Tracce 17
Genere Jazz
Musica elettronica
Rock
Etichetta Aniplex
The Seven Deadly Sins Original soundtrack
  1. Mika Kobayashi & mpi – Perfect Time – 4:43 (testo: mpi)
  2. Nanatsu no taizai (7角:the1 7tsuno:the1?) – 4:51
  3. Dragon sin (銅鑼Gong4N DoraGong 4n?) – 5:36
  4. dEvilGODfamily fukkatsudō (dEvilGODfamily復活動?) – 4:48
  5. Seikishi (世紀4 Seiki4?) – 4:45
  6. YoSay&B→A – 5:32
  7. 2tree02 ne hi|-chi (广2tree02 ネ日|-血?) – 5:35
  8. Kangoku four (KAN594?) – 1:53
  9. E. Liones (Eri0ne$?) – 5:06
  10. daMeolis (駄メ男rIs?) – 4:05
  11. EP←K – 4:34
  12. Diane & Kata-roast (Deerン怒&過多6-$?) – 3:58
  13. mouth×sen hana○2LI (mouth×宣華○2LI?) – 4:35
  14. Oukoku Helbram (OH92&HrBrM?) – 4:37
  15. Gilthunder (GR雷 GR kaminari?) – 5:17
  16. Rage sin (らゲ-sin?) – 2:29
  17. Big tsumi tsumi tsumi tsumi tsumi tsumi tsumi (Big罪罪罪罪罪罪罪?) – 4:50

Durata totale: 77:14

The Seven Deadly Sins Original soundtrack 2
Artista Hiroyuki Sawano, Takafumi Wada
Tipo album Colonna sonora
Pubblicazione 8 aprile 2015
Durata 1:14:16
Dischi 1
Tracce 25
Genere Jazz
Musica elettronica
Rock
Etichetta Aniplex
The Seven Deadly Sins Original soundtrack 2
  1. Harlequin – 3:29
  2. Arthur – 3:15
  3. Nightmare Teller – 2:27
  4. Pure Love – 3:10
  5. Boar's sin of gluttony – 3:47
  6. Hendrickson – 3:19
  7. A Peaceful Day – 4:46
  8. DG4-1 taizai (DG4-1:罪?) – 2:38
  9. PT-2 taizai (PT-2:罪?) – 1:47
  10. EOS-3 taizai (E0$-3:罪?) – 2:07
  11. Kurai & setsunai-4 taizai (9雷&セ2内-4:罪?) – 3:52
  12. DAN-5 taizai (DAN-5:罪?) – 1:39
  13. pfAD-6 taizai (pfAD-6:罪?) – 2:40
  14. RGS-7 taizai (RGS-7:罪?) – 2:29
  15. K&B-8 taizai (K&B-8:罪?) – 4:44
  16. PT-9 taizai (PT-9:罪?) – 2:17
  17. pfAD-10 taizai (pfAD-10:罪?) – 2:12
  18. pfpercAd 11 taizai (pfpercAD11:罪?) – 2:56
  19. PT & EOS-12 taizai (PT&E0$-12:罪?) – 4:00
  20. pfAD-13 taizai (pfAD-13:罪?) – 3:08
  21. DAN-14 taizai (DAN-14:罪?) – 1:51
  22. pfAD-15 taizai (pfAD-15:罪?) – 2:34
  23. PT-16 taizai (PT-16:罪?) – 2:13
  24. EOS-17 taizai (E0$-17:罪?) – 2:04
  25. Perfect Time <sai-arr> (Perfect Time <再arr>?) – 4:52

Durata totale: 74:16

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Due light novel basate sulla serie, provvisoriamente intitolate Sekijitsu no ōmiyako: nanatsu no chikai (昔日の王都 七つの誓い? lett. "Il regno dei tempi antichi: il giuramento dei sette") e Shukumei no nanoka-kan (宿命の七日間? lett. "I sette giorni del destino") e illustrate da Suzuki, sono state annunciate entrambe il 25 luglio 2014[26]. La prima di esse, scritta da Shuka Matsuda e rinominata in Nanatsu no taizai: gaiden - Sekijitsu no ōto nanatsu no negai (七つの大罪 ―外伝― 昔日の王都 七つの願い? lett. "I sette peccati capitali: biografia alternativa - I sette desideri della città reale dei tempi antichi"), è stata pubblicata il 17 dicembre 2014[44], mentre la seconda, scritta da Mamoru Iwasa e incentrata sia sulla relazione di Ban ed Elaine sia sul passato di quest'ultima, è uscita col titolo Nanatsu no taizai: Seven Days (七つの大罪 セブンデイズ Nanatsu no taizai Sebun Deizu?, lett. "I sette peccati capitali: sette giorni") il 26 dicembre 2014[45]. Un seguito di Nanatsu no taizai: gaiden, sottotitolato Karera ga nokoshita nanatsu no kizuato (彼らが残した七つの傷跡? lett. "Le sette cicatrici lasciate alle spalle"), è stato pubblicato il 16 ottobre 2015[46].

Il 17 febbraio 2015 sono state messe in vendita sia una collezione di illustrazioni dal titolo Nanairo no tsumi (七色の罪? lett. "I sette colori del peccato")[47] sia una guida ufficiale per i fan[48], mentre il 17 aprile 2015 ha poi fatto il suo debutto anche una guida intitolata Ani-Tsumi (アニ罪?), dedicata all'anime[49].

Un gioco per smartphone, intitolato Nanatsu no taizai: pocket no naka no kishidan (七つの大罪 ポケットの中の騎士団 Nanatsu no taizai: poketto no naka no kishidan?), è stato lanciato a gennaio 2015 e ha terminato il servizio a marzo 2017[50]. Un videogioco per Nintendo 3DS, caratterizzato da una trama completamente originale e intitolato Nanatsu no taizai: Unjust Sin (七つの大罪 真実の冤罪(アンジャスト・シン) Nanatsu no taizai: Anjasuto Shin?, lett. "I Seven Deadly Sins: il peccato ingiusto")[40], è stato pubblicato da Bandai Namco Games l'11 febbraio 2015. Un videogioco d'avventura per PlayStation 4, intitolato The Seven Deadly Sins: Knights of Britannia (七つの大罪 ブリタニアの旅人 Nanatsu no taizai: Britannia no tabibito?), sarà pubblicato da Bandai Namco Entertainment agli inizi del 2018[50].

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Cosplayer di Elizabeth

Al gennaio 2015 le vendite dei volumi della serie hanno raggiunto le 10 milioni di copie[10]. Al debutto, durante il corso della prima settimana dalla pubblicazione in Giappone, il primo volume ha venduto 38.581 copie, classificandosi tredicesimo nella classifica di Oricon[51]; il secondo ha raggiunto la posizione numero cinque grazie alla vendita di 106.829 copie[52]; infine il terzo si è piazzato invece quarto grazie ad altre 135.164 copie vendute[53]. Il miglior debutto in assoluto è stato quello del volume tredici, che ha venduto 442.492 copie e che si è meritato così il primo posto in classifica[54]. In generale, The Seven Deadly Sins è stato anche il nono manga più venduto del 2014[55], il secondo del 2015[56] e il sesto del 2016[57].

Nell'edizione del 2014 di Kono manga ga sugoi! di Takarajimasha la serie è stata definita il quinto miglior manga per i lettori di sesso maschile[58]. Il titolo è stato anche nominato al settimo Manga Taishō[59] e premiato come miglior fumetto per giovani al 42º Festival international de la bande dessinée d'Angoulême in Francia[60], mentre in America del Nord i volumi due e quattro si sono aggiudicati rispettivamente il settimo e nono posto nelle classifiche di best seller redatte dal New York Times[61][62]. Nel 2015 il titolo ha vinto il 39º Premio Kodansha per i manga come miglior manga shōnen[63].

Rebecca Silverman di Anime News Network ha dato al primo volume una valutazione complessiva pari a B, definendo i disegni interessanti e descrivendo la storia come una "caricatura ben fatta dei tipici cavalieri senza macchia e senza paura" del Medioevo. Il recensore si è anche accorto dell'influenza di Akira Toriyama in Meliodas e dei manga shōjo degli anni settanta nei personaggi femminili della storia, ma non ha potuto fare a meno di provare la sensazione come se le visuali delle scene avessero dei problemi di prospettiva e come se il personaggio di Elizabeth non fosse stato sviluppato a dovere[64]. Sia Silverman che Danica Davidson di Otaku USA hanno poi avvisato i lettori che le azioni perverse di Meliodas nei confronti di Elizabeth, usate dall'autore per aggiungere un po' di comicità alla storia, potrebbero essere facilmente fraintese[65]. Il giornalista statunitense Jason Thompson, invece, ha affermato che la serie contiene i soliti elementi dei manga shōnen, ragion per cui trama e dialoghi sono piuttosto prevedibili. Egli però ha anche ammesso di aver apprezzato i disegni, così come l'ambientazione europea[66].

Al debutto, il primo volume DVD della serie anime ha raggiunto la prima posizione nella classifica di Oricon grazie alla vendita di 3.574 copie[67]. Entro la prima metà del 2015, il titolo si è poi aggiudicato il trentesimo posto come miglior anime best seller per via dei suoi primi cinque volumi BD/DVD che hanno venduto in generale 32.762 copie[68], mentre nello stesso periodo la light novel Nanatsu no taizai -Gaiden- Sekijitsu no ōto nanatsu no negai si è classificata trentatreesima grazie alla tiratura di 61.939 copie[69].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (JA) 鈴木央「七つの大罪」週マガで開幕、大悪党めぐる冒険記, Natalie, 10 ottobre 2012. URL consultato il 1º novembre 2015.
  2. ^ a b (EN) The Seven Deadly Sins Fantasy Manga Gets TV Anime, Anime News Network, 11 aprile 2014. URL consultato l'11 aprile 2014.
  3. ^ a b (EN) The Seven Deadly Sins: Signs of holy war 4-Episode Special Premieres on August 28, Anime News Network, 10 maggio 2016. URL consultato il 4 settembre 2016.
  4. ^ a b Lucca 2013: Annunci Star Comics, AnimeClick.it, 3 novembre 2013. URL consultato il 24 dicembre 2013.
  5. ^ a b Netflix arriva in Italia e lancia la sezione anime, nuovi doppiaggi?, AnimeClick.it, 22 ottobre 2015. URL consultato il 25 ottobre 2015.
  6. ^ a b The Seven Deadly Sins: arriva lo special TV su Netflix, AnimeClick.it, 17 febbraio 2017. URL consultato il 17 febbraio 2017.
  7. ^ (JA) No.52 2011年11月22日(火)発売, Kōdansha. URL consultato il 9 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2013).
  8. ^ (JA) 七つの大罪(1), Kōdansha. URL consultato il 16 ottobre 2014.
  9. ^ (JA) 七つの大罪(27)限定版, Kōdansha. URL consultato il 14 luglio 2017.
  10. ^ a b (EN) The Seven Deadly Sins Manga's 1st of 3 Planned Arcs Ends, Anime News Network, 19 gennaio 2015. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  11. ^ (EN) Kodansha Comics Adds UQ Holder, Seven Deadly Sins Manga, Anime News Network, 11 ottobre 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  12. ^ (EN) The Seven Deadly Sins 1, Random House. URL consultato il 16 ottobre 2014.
  13. ^ Crunchyroll: dagli anime in streaming ai manga online, AnimeClick.it, 28 ottobre 2013. URL consultato il 16 ottobre 2014.
  14. ^ (EN) Crunchyroll Launches "Crunchyroll Manga" Digital Comic Platform, Crunchyroll, 30 ottobre 2013. URL consultato il 4 novembre 2013.
  15. ^ (JA) 鈴木央が「FAIRY TAIL」、真島ヒロが「七つの大罪」を執筆, Natalie, 19 ottobre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  16. ^ (EN) Fairy Tail, The Seven Deadly Sins Get Crossover 1-Shot Manga, Anime News Network, 6 dicembre 2013. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  17. ^ (EN) The Seven Deadly Sins Gets School Comedy Manga Spinoff, Anime News Network, 29 giugno 2014. URL consultato il 29 giugno 2014.
  18. ^ (EN) The Seven Deadly Sins' Spinoff Manga Mayoe! Nanatsu no Taizai Gakuen! Ends, Anime News Network, 9 ottobre 2016. URL consultato il 10 ottobre 2016.
  19. ^ (JA) 迷え!七つの大罪学園!(1), Kōdansha. URL consultato l'11 maggio 2015.
  20. ^ (JA) 迷え!七つの大罪学園!(4)<完>, Kōdansha. URL consultato il 17 febbraio 2017.
  21. ^ (EN) The Seven Deadly Sins Gets One-Shot in Nakayoshi Magazine For Girls, Anime News Network, 3 settembre 2014. URL consultato il 3 settembre 2014.
  22. ^ (EN) The Seven Deadly Sins Manga Gets Comedy 1-Shot Story, Anime News Network, 20 settembre 2014. URL consultato il 21 settembre 2014.
  23. ^ (JA) 「七つの大罪」TVアニメ化決定!単行本は累計300万部突破, Natalie, 16 aprile 2014. URL consultato il 27 luglio 2014.
  24. ^ a b (EN) The Seven Deadly Sins Anime's Game, Cast, Staff Announced, Anime News Network, 1º agosto 2014. URL consultato il 3 agosto 2014.
  25. ^ (JA) アニメ「七つの大罪」10月より日5枠で放送, Natalie, 27 aprile 2014. URL consultato il 27 aprile 2014.
  26. ^ a b (EN) The Seven Deadly Sins Anime Commercial Streamed, Anime News Network, 27 aprile 2014. URL consultato il 27 aprile 2014.
  27. ^ (EN) The Seven Deadly Sins Manga to Bundle OVA Episode About Ban, Anime News Network, 16 marzo 2015. URL consultato il 16 marzo 2015.
  28. ^ (EN) 2nd Seven Deadly Sins OVA to Compile 9 Short Stories, Anime News Network, 11 maggio 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  29. ^ (JA) 七つの大罪: 放送時間, Shoboi Calendar. URL consultato il 6 luglio 2017.
  30. ^ La data di pubblicazione si riferisce alla versione doppiata su Netflix.
  31. ^ (JA) 「七つの大罪」Vol.01, Aniplex. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  32. ^ (JA) 「七つの大罪」Vol.02, Aniplex. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  33. ^ (JA) 「七つの大罪」Vol.03, Aniplex. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  34. ^ (JA) 「七つの大罪」Vol.04, Aniplex. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  35. ^ (JA) 「七つの大罪」Vol.05, Aniplex. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  36. ^ (JA) 「七つの大罪」Vol.06, Aniplex. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  37. ^ (JA) 「七つの大罪」Vol.07, Aniplex. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  38. ^ (JA) 「七つの大罪」Vol.08, Aniplex. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  39. ^ (JA) 「七つの大罪」Vol.09, Aniplex. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  40. ^ a b (EN) The Seven Deadly Sins Anime's Theme Songs, Game Detailed, Anime News Network, 12 agosto 2014. URL consultato il 12 agosto 2014.
  41. ^ (EN) Man With A Mission, Alisa Takigawa Perform The Seven Deadly Sins' New Songs, Anime News Network, 21 dicembre 2014. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  42. ^ (JA) 七つの大罪 オリジナル・サウンドトラック, Aniplex. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  43. ^ (JA) 七つの大罪 オリジナル・サウンドトラック2, Aniplex. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  44. ^ (JA) 小説 七つの大罪 ―外伝― 昔日の王都 七つの願い, Kōdansha. URL consultato il 29 giugno 2015.
  45. ^ (JA) 七つの大罪 セブンデイズ, Kōdansha. URL consultato il 19 gennaio 2015.
  46. ^ (JA) 小説 七つの大罪 ―外伝― 彼らが残した七つの傷跡, Kōdansha. URL consultato il 2 dicembre 2015.
  47. ^ (JA) 七つの大罪 イラストコレクション 〈七色の罪〉, Kōdansha. URL consultato il 29 giugno 2015.
  48. ^ (JA) 七つの大罪 公式ファンブック 解体罪書, Kōdansha. URL consultato il 29 giugno 2015.
  49. ^ (JA) 七つの大罪 公式アニメガイド アニ罪, Kōdansha. URL consultato il 29 giugno 2015.
  50. ^ a b (EN) The Seven Deadly Sins: Knights of Britannia PS4 Game Gets U.S. Release in Early 2018, Anime News Network, 1º luglio 2017. URL consultato il 6 luglio 2017.
  51. ^ (EN) Japanese Comic Ranking, February 11-17, Anime News Network, 20 febbraio 2013. URL consultato il 10 novembre 2013.
  52. ^ (EN) Japanese Comic Ranking, April 15-21, Anime News Network, 24 aprile 2013. URL consultato l'8 novembre 2013.
  53. ^ (EN) Japanese Comic Ranking, June 17-23, Anime News Network, 26 giugno 2013. URL consultato l'8 novembre 2013.
  54. ^ (EN) Japanese Comic Ranking, February 16-22, Anime News Network, 25 febbraio 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  55. ^ (EN) Top-Selling Manga in Japan by Series: 2014, Anime News Network, 30 novembre 2014. URL consultato il 30 novembre 2014.
  56. ^ (EN) Top-Selling Manga in Japan by Series: 2015, Anime News Network, 29 novembre 2015. URL consultato il 30 novembre 2015.
  57. ^ (EN) Top-Selling Manga in Japan by Series: 2016, Anime News Network, 30 novembre 2016. URL consultato il 1º dicembre 2016.
  58. ^ (EN) Top Manga Ranked by Kono Manga ga Sugoi 2014 Voters, Anime News Network, 9 dicembre 2013. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  59. ^ (EN) 10 Titles Nominated for 7th Manga Taisho Awards, Anime News Network, 20 gennaio 2014. URL consultato il 20 gennaio 2014.
  60. ^ (EN) Akira's Katsuhiro Otomo Wins Angoulême's Top Prize, Anime News Network, 29 gennaio 2015. URL consultato il 29 gennaio 2015.
  61. ^ (EN) New York Times Manga Best Seller List, May 11-17, Anime News Network, 23 maggio 2014. URL consultato il 23 maggio 2014.
  62. ^ (EN) New York Times Manga Best Seller List, September 14-20, Anime News Network, 26 settembre 2014. URL consultato il 26 settembre 2014.
  63. ^ (EN) Yowamushi Pedal, The Seven Deadly Sins Win 39th Kodansha Manga Awards, Anime News Network, 12 maggio 2015. URL consultato il 12 maggio 2015.
  64. ^ (EN) The Seven Deadly Sins GN 1 - Review, Anime News Network, 15 maggio 2014. URL consultato il 29 giugno 2014.
  65. ^ (EN) The Seven Deadly Sins Manga #1, Otaku USA, 14 aprile 2014. URL consultato il 29 giugno 2014.
  66. ^ (EN) House of 1000 Manga - Crunchyroll Manga, Anime News Network, 14 novembre 2013. URL consultato il 14 novembre 2013.
  67. ^ (EN) Japan's Animation DVD Ranking, January 26-February 1, Anime News Network, 3 febbraio 2015. URL consultato il 29 giugno 2015.
  68. ^ (EN) Top-Selling Animation in Japan by Title: 2015 (First Half), Anime News Network, 17 giugno 2015. URL consultato il 29 giugno 2015.
  69. ^ (EN) Top-Selling Light Novels in Japan by Volume: 2015 (First Half), Anime News Network, 2 giugno 2015. URL consultato il 29 giugno 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]