Flavio Aquilone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Flavio Aquilone a Lucca Comics & Games 2015

Flavio Aquilone (Roma, 21 febbraio 1990) è un doppiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio della dialoghista e direttrice del doppiaggio Novella Marcucci, inizia a doppiare nel 1994, dando la voce ad un coniglietto nel film d'animazione Il settimo fratellino.[1]

Flavio Aquilone è la voce italiana di Zac Efron, ha inoltre dato la voce a Tom Felton nel ruolo di Draco Malfoy in tutti gli otto film della saga di Harry Potter, a Chase Matthews della serie TV per ragazzi Zoey 101, ad Hiccup nella serie di Dragon Trainer, a Elliot Alderson in Mr. Robot, ma soprattutto a Light Yagami dell'anime Death Note e a molti altri personaggi. La sua voce compare in numerose puntate di The Closer, CSI: Scena del crimine e Medium. Nella serie poliziesca Major Crimes è il doppiatore di Graham Patrick Martin. Doppia il protagonista Gyurka del film Essere senza destino, tratto dal libro del premio Nobel Imre Kertész.

Nel 2005 ha vinto il premio Voce emergente dell'anno attribuito dal pubblico al Gran Galà del Doppiaggio, mentre nel 2009 il premio Voce maschile dell'anno a Romics per The Millionaire.[2]

Flavio Aquilone è anche la voce italiana di Devon Bostick in Diario di una schiappa e negli altri sequel e di Genos in One Punch-Man e di Jean Kirschtein ne L'attacco dei giganti.

Nel luglio 2014 ha vinto il Leggio d'oro per la voce maschile dell'anno.[3]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Serie animate[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista esclusiva a Flavio Aquilone: voce italiana di Zac Efron e Tom Felton, su gossipetv.com. URL consultato il 29 agosto 2017.
  2. ^ Cloud, Coming Soon Television. Puntata del 6 aprile 2012.
  3. ^ Il Palmarès 2014, su www.leggiodoro.it. URL consultato il 15 aprile 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]