Mute (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mute
Mute film.jpg
Alexander Skarsgård in una scena del film
Titolo originaleMute
Lingua originaleinglese, tedesco
Paese di produzioneRegno Unito, Germania
Anno2018
Durata126 min
Rapporto2.35 : 1
Generefantascienza, thriller
RegiaDuncan Jones
SoggettoDuncan Jones
SceneggiaturaDuncan Jones, Michael Robert Johnson
ProduttoreStuart Fenegan
Produttore esecutivoCharles J.D. Schlissel, Trevor Beattie
Casa di produzioneLiberty Films UK, Studio Babelsberg
Distribuzione in italianoNetflix
FotografiaGary Shaw
MontaggioBarrett Heathcote, Laura Jennings
MusicheClint Mansell
ScenografiaGavin Bocquet
Interpreti e personaggi

Mute è un film del 2018 diretto da Duncan Jones.

Il film, con protagonisti Alexander Skarsgård, Paul Rudd e Justin Theroux, è considerato da Jones un "sequel spirituale" del film del 2009 Moon.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella Berlino del 2052, il barista muto Leo Beiler è alla ricerca di Naadirah, la sua fidanzata scomparsa nel nulla in circostanze misteriose. La sua ricerca lo porta nelle profondità di una città segnata dall'immigrazione, dove si imbatte in due bizzarri chirurghi americani.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer è stato diffuso il 30 gennaio 2018,[2]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito a livello internazionale da Netflix a partire dal 23 febbraio 2018.[3]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accolto in maniera mista dalla critica.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Exclusive: Duncan Jones Talks Mute, empireonline.com. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  2. ^ Mute: ecco il trailer ufficiale del film di Duncan Jones con Alexander Skarsgård, comingsoon.it. URL consultato il 30 gennaio 2018.
  3. ^ (EN) Mute, liberty-films.com. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  4. ^ Disastro o capolavoro? Mute, divide critica e rete, su rainews.it, 28 febbraio 2018. URL consultato il 28 febbraio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]