Mortal Kombat (film 2021)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mortal Kombat
Mortal Kombat (film 2021).jpg
Jax Briggs (Mehcad Brooks) contro Sub-Zero (Joe Taslim) in una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Australia
Anno2021
Durata110 min
Rapporto2,39:1
Genereazione, avventura, fantastico
RegiaSimon McQuoid
Soggettoomonimo videogioco di Ed Boon e John Tobias
storia di Greg Russo e Oren Uziel
SceneggiaturaGreg Russo, Dave Callaham
ProduttoreJames Wan, Todd Garner, Simon McQuoid, E. Bennett Walsh
Produttore esecutivoRichard Brener, Michael Clear, Lawrence Kasanoff, Sean Robbins
Casa di produzioneNew Line Cinema, Atomic Monster Productions, Broken Road Productions, Warner Bros.
Distribuzione in italianoWarner Bros.
FotografiaGermain McMicking
MontaggioScott Gray
Effetti specialiPeter Stubbs, Chris Godfrey
MusicheBenjamin Wallfisch
ScenografiaNaaman Marshall
CostumiCappi Ireland
TruccoBrie Ratten
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Mortal Kombat è un film del 2021 diretto da Simon McQuoid, al suo debutto alla regia.[1]

È basato sull'omonimo franchise di videogiochi creato da Ed Boon e John Tobias, ed è un reboot della serie cinematografica di Mortal Kombat.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel Giappone del XVII secolo, gli assassini di Lin Kuei guidati dallo spietato Bi-Han inscenano un attacco per massacrare i guerrieri del clan ninja rivale Shirai Ryu guidato da Hanzo Hasashi, inclusi la moglie e il figlio di Hanzo. Hanzo uccide gli aggressori prima di essere ucciso da Bi-Han, con il risultato che la sua anima viene condannata all'Inferno. Lord Raiden, il dio del tuono, arriva e porta in salvo la figlia neonata sopravvissuta di Hanzo.

Nel presente, il Regno Esterno ha sconfitto il regno della Terra in nove dei dieci tornei deathmatch conosciuti come Mortal Kombat; se la Terra perde il decimo torneo, le regole stabiliscono che sarà conquistata dal Regno Esterno. Tuttavia, un'antica profezia afferma che il "sangue di Hanzo Hasashi" unirà una nuova generazione di campioni della Terra per impedire la vittoria del Regno Esterno. Consapevole di ciò, lo stregone divoratore di anime Shang Tsung, che ha supervisionato le ultime nove vittorie, invia i suoi guerrieri più forti per uccidere i campioni della Terra, identificati da un segno distintivo a forma di drago, prima che inizi il prossimo torneo. Uno di questi campioni, un ex combattente professionista di MMA di nome Cole Young, viene attaccato insieme alla sua famiglia da Bi-Han, che ora si fa chiamare Sub-Zero. Tuttavia, il maggiore delle forze speciali Jackson "Jax" Briggs salva la famiglia, indirizzandoli a trovare la sua compagna, Sonya Blade, mentre lui rimane indietro per combattere Sub-Zero, ma quest'ultimo congela le braccia di Jax, le frantuma e lo lascia morire.

Cole rintraccia Sonya nel suo nascondiglio, dove sta interrogando un mercenario australiano prigioniero di nome Kano. Rivela che lei e Jax hanno indagato sull'esistenza del Mortal Kombat e che il marchio del drago può essere trasferito a chiunque uccida il portatore originale. Il nascondiglio viene attaccato dall'assassino rettile di Shang Tsung, Syzoth, ma un riluttante Kano lo uccide con l'aiuto di Cole e Sonya. Insieme si recano al tempio di Raiden e incontrano gli attuali campioni della Terra Liu Kang e Kung Lao prima di essere portati dallo stesso Raiden, che è critico nei confronti dei nuovi arrivati. Scoprono che Jax è vivo, poiché Raiden lo ha salvato e i medici gli hanno impiantato un set di braccia meccaniche. Shang Tsung attacca il tempio insieme a Sub-Zero e Mileena, ma Raiden erige uno scudo di elettricità per tenerli lontani. Mentre Sonya si allena e incoraggia Jax a combattere nonostante le sue condizioni, Cole e Kano vengono addestrati da Liu Kang e Kung Lao per sbloccare i loro arcana, un potere speciale unico per tutti i portatori del marchio del drago.

Durante una discussione con Kung Lao, Kano risveglia il suo arcana, l'abilità di sparare un laser dal suo occhio destro, mentre Cole non è in grado di svegliarlo nonostante la sua tenacia. Deluso dalla sua mancanza di progressi, Raiden, dopo avergli rivelato che è il discendente di Hanzo Hasashi, permette a Cole di tornare dalla sua famiglia. Shang Tsung riunisce Sub-Zero e i suoi compagni guerrieri: Mileena, Reiko, Nitara, Goro e Kabal, quest'ultimo un ex alleato di Kano, con l'intenzione di attaccare il tempio. Kabal convince Kano a disertare e sabotare lo scudo, permettendo ai guerrieri del Regno Esterno di entrare: Kung Lao combatte e smembra Nitara mentre Jax risveglia il suo arcana per salvare Sonya, ottenendo delle braccia meccaniche più potenti. Allo stesso tempo, Cole e la sua famiglia vengono attaccati da Goro. Quando la moglie e la figlia di Cole vengono minacciate dallo Shokan a quattro braccia, il suo potere si risveglia, dandogli un'armatura e un set di tonfa. Con il suo nuovo potere, Cole uccide Goro e aiuta a respingere l'attacco al tempio. Shang Tsung e Sub-Zero sono infuriati quando Raiden rivela la stirpe di Cole prima di teletrasportare la maggior parte dei combattenti del regno della Terra nel Vuoto, uno spazio sicuro tra i regni. Kung Lao, tuttavia, si sacrifica difendendo Cole da Sub-Zero con il risultato che Shang Tsung si prende la sua anima uccidendolo.

Dopo aver pianto per la morte di Kung Lao, Cole propone un piano per costringere i campioni del Regno Esterno a un combattimento singolo con i campioni della Terra prima di neutralizzare insieme Sub-Zero, costringendo a far svolgere il torneo che Shang Tsung ha cercato di impedire. Raiden è d'accordo, dando a Cole il kunai di Hanzo Hasashi prima di trasportare lui e i suoi alleati ai loro obiettivi. Liu Kang uccide Kabal, Jax uccide Reiko e Sonya uccide Kano e acquisisce il suo marchio e il suo arcana, l'abilità di sparare esplosioni di energia viola, sfruttandola per aiutare Cole a uccidere Mileena. Tuttavia, Sub-Zero appare, dopo aver rapito la famiglia di Cole per attirarlo in una lotta uno contro uno. Inizialmente sopraffatto, il sangue di Cole finisce sul kunai, evocando Hanzo Hasashi dall'Inferno nei panni dello spirito vendicativo Scorpion. Riconoscendo Cole come suo discendente, Scorpion lo aiuta a sopraffare Sub-Zero e a liberare la famiglia di Cole, dopo aver ucciso Sub-Zero bruciandolo col suo fuoco infernale. Scorpion ringrazia Cole per averlo liberato e gli chiede di prendersi cura della sua stirpe, poi se ne va, mentre Raiden e gli altri campioni arrivano.

Anche Shang Tsung arriva per giurare vendetta mentre manda i cadaveri dei suoi campioni nel Regno Esterno prima che Raiden lo bandisca. Raiden dichiara la sua intenzione di addestrare nuovi guerrieri in preparazione per il prossimo torneo e incarica i suoi attuali campioni di reclutarli. Con queste informazioni, Cole parte per Los Angeles alla ricerca dell'esperto di arti marziali e star di Hollywood che risponde al nome di Johnny Cage.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

James Wan, produttore del film

Pre-produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010, il regista Kevin Tancharoen ha pubblicato un cortometraggio di otto minuti intitolato Mortal Kombat: Rebirth,[8] prodotto per la Warner Bros. Pictures per un riavvio del franchise di Mortal Kombat.[9] Nel settembre 2011, la New Line Cinema e la Warner Bros. hanno annunciato che proprio Tancharoen era stato assunto per dirigere un nuovo lungometraggio.[10][11] Le riprese sarebbero dovuto iniziare nel marzo 2012 con un budget previsto che si aggirava tra i 40 e i 50 milioni di dollari[12] e un'uscita fissata per il 2013.[13][14] Tuttavia, il progetto alla fine, ha subito dei ritardi a causa di problemi legati al budget e perché nel mentre Tancharoen stava lavorando alla seconda stagione della webserie Mortal Kombat: Legacy; i problemi sono stati poi risolti alla fine del 2013.[15]

James Wan ha firmato come produttore del film nell'agosto 2015.[16] Simon McQuoid è stato assunto come regista nel novembre 2016 e Greg Russo come sceneggiatore.[17][18] Russo ha twittato nel febbraio 2019 che la sceneggiatura del film era stata completata.[18] Nel maggio dello stesso anno, è stato annunciato che il film era entrato in fase di pre-produzione e che le riprese si sarebbero svolte in Australia.[18][19][20]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Joe Taslim è stato il primo attore che è entrato a far parte del cast, nel luglio 2019, nel ruolo di Sub-Zero.[21][22] Ad agosto, Mehcad Brooks, Tadanobu Asano, Sisi Stringer e Ludi Lin sono stati scelti rispettivamente per recitare nei ruoli di Jax, Raiden, Mileena e Liu Kang.[23] Più tardi quel mese, anche Josh Lawson, Jessica McNamee, Chin Han e Hiroyuki Sanada, Lewis Tan si sono uniti al cast rispettivamente come Kano, Sonya Blade, Shang Tsung e Scorpion e Cole Young, un personaggio originale creato per il film.[24][25] Il 16 settembre 2019 è stato reso noto che Max Huang era stato scelto per il ruolo di Kung Lao.[26] Nei mesi seguenti si sono unite al cast anche Elissa Cadwel, nel ruolo di Nitara[27] e Matilda Kimber.[28]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese principali sono iniziate il 16 settembre 2019 si sono concluse il 13 dicembre dello stesso anno, si sono volte agli Adelaide Studios e in varie località dell'Australia meridionale.[29][30]

Il film è stato girato con le macchine da presa digitali Arri Alexa e Mini LF e con una lente in formato anamorfico della Panavision.[31]

Il budget della pellicola è stato di 55000000 $.[32][33]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora del film è stata composta da Benjamin Wallfisch.[34] Nel marzo 2021, il regista Simon McQuoid ha dichiarato che Wallfisch aveva iniziato a lavorare alle composizioni giá prima di essere ufficialmente assunto e ha inoltre affermato che il film includerà una nuova versione del brano Techno Syndrome dei The Immortals.[35]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 febbraio 2021 sono stati pubblicati una serie di poster sui personaggi del film.[36] Il giorno seguente è stato pubblicato il trailer ufficiale,[37] che è stato accolto positivamente sia dalla critica e sia dai fan, con un elogio particolare per le sequenze d'azione cruente e per la presenza di alcune scene del videogioco.[38][39]

Successivamente è stato reso noto che il primo trailer del film era diventato il trailer vietato ai minori più visto di sempre,[40] prima di venire superato da quello di The Suicide Squad - Missione suicida il mese successivo.[41][42]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito in alcune sale cinematografiche internazionali l'8 aprile 2021,[43] mentre in quelle statunitensi è stato distribuito dalla Warner Bros. e sulla piattaforma di streaming HBO Max a partire dal 23 aprile seguente.[44] In Italia il film è stato trasmesso su Sky Cinema Uno il 30 maggio 2021 e lo stesso giorno è uscito sulla piattaforma di streaming Now.[45][46]

Il film originariamente sarebbe dovuto uscire il 5 marzo 2021, data poi anticipata al 15 gennaio 2021, successivamente rimandata al 16 aprile[47] e infine al 23 aprile 2021.[44][48] Nel novembre 2020, il produttore Todd Garner ha confermato che il film sarebbe stato ritardato fino alla riapertura dei cinema a causa della pandemia di COVID-19.[49] Come parte dei suoi piani per tutti i suoi film per il 2021, la Warner Bros. ha trasmesso il film contemporaneamente sul servizio HBO Max per un periodo di un mese, dopodiché il film è stato rimosso.[50]

Alcune date di uscita internazionali del film nel corso del 2021 sono state:

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti il film ha ottenuto il rating restricted da parte della MPAA,[65] perciò la visione del film è stata vietata ai minori di 17 anni non accompagnati da un adulto, a causa della presenza di molte scene violente e sanguinose e del linguaggio esplicito.[66] In Vietnam,[55] a Singapore,[67] in Germania[68] e nelle provincia dell'Ontario e della Columbia Britannica in Canada la visione è stata vietata ai minori di 18 anni.[68]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film, realizzato con un budget di 55000000 $, l'8 aprile 2021 ha debuttato in 17 paesi su un totale di 4596 schermi,[69] incassando durante il weekend di apertura circa 10700000 $,[70] di cui 6,1 in Russia.[71] Negli Stati Uniti durante il primo giorno di proiezione ha incassato circa 9 milioni di dollari, su un totale di 3073 sale.[32][72]

La pellicola ha incassato globalmente 83726031 $,[73] di cui 42326031 negli Stati Uniti e in Canada, e 41400000 nel resto del mondo.[71][74]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes il film ha ricevuto il 54% delle recensioni professionali positive sulla base di 292 recensioni, con un voto di 5,4 su 10;[75] mentre su Metacritic ha un punteggio di 44 su 100, su 43 recensioni.[76] CinemaScore assegna al film una "B+" sulla base di una scala che va da A+ a F.[72]

James Marsh del South China Morning Post assegna al film un punteggio di 3,5 su 5, scrivendo: "i fan della lunga serie di videogiochi Mortal Kombat hanno finalmente motivo di festeggiare";[77] mentre Alonso Duralde di TheWrap scrive: "gli spettatori interessati all'azione delle arti marziali sono destinati a trovare un combattimento poco brillante, perché questo tende a essere soffocato dagli effetti digitali. È più probabile che a divertirsi con questo ultimo "Mortal Kombat" siano gli appassionati di Sam Raimi, che possono apprezzare gli esagerati geyser di sangue finto che il film scatena con crescente regolarità man mano che i combattimenti si fanno più seri".[78]

Il sito Movieplayer assegna al film 2,5 stelle su 5, elogiando gli effetti visivi e e le scene d'azione, criticando però l'eccessiva serietà.[79]

Primati[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 aprile 2021, Samba TV ha reso noto che 3,8 milioni di abbonati avevano guardato almeno i primi cinque minuti del film nei primi tre giorni dalla pubblicazione, facendo registrare un nuovo record per un titolo distribuito da HBO Max.[80]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Il produttore del film Todd Garner in un'intervista rilasciata a Collider ha dichiarato che esiste la possibilità di fare un film incentrato sul personaggio di Johnny Cage.[81] Taslim, l'interprete di Sub-Zero, ha rivelato di aver firmato un contratto che prevede la realizzazione di quattro film della serie, nel caso che il primo avesse avuto successo,[82] mentre il regista Simon McQuoid ha affermato di essere disponibile a tornare per dirigere il sequel.[83]

Il sequel è stato annunciato ufficialmente il 26 gennaio 2022.[84]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Fonti
  1. ^ (EN) Mortal Kombat (Reboot) - WGA Directory, su findawriter.wgaeast.org. URL consultato il 17 giugno 2020 (archiviato l'11 aprile 2020).
  2. ^ Ilaria Scognamiglio, MORTAL KOMBAT: IL FILM NON SEGUIRÀ DIVERSE LINEE TEMPORALI COME IL VIDEOGAME, su Movieplayer, 22 marzo 2021. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 15 aprile 2021).
  3. ^ (EN) Nick Romano, Mortal Kombat first look: Inside the R-rated reboot, fatalities and all, in Entertainment Weekly, 15 gennaio 2021. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2021).
  4. ^ (EN) WriterRusso, Bi Han (Tweet), su Twitter, 9 luglio 2019. URL consultato il 7 dicembre 2019.
  5. ^ (EN) Spencer Perry, Production Begins on New Mortal Kombat Movie, in ComingSoon.Net, 16 settembre 2019. URL consultato il 16 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2020).
  6. ^ (EN) Tyler Fischer, Mortal Kombat Reboot Reveals New Character and Casting, in Comic Book, 11 novembre 2019. URL consultato l'11 novembre 2019 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2019).
  7. ^ (EN) Tyler Fischer, Mortal Kombat Movie Confirms Kabal Actor, in Comic Book, 17 dicembre 2020. URL consultato il 17 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2020).
  8. ^ (EN) Mike Fahey, If This Is The Next Mortal Kombat, Sign Us Up (Update), in Kotaku, 8 giugno 2010. URL consultato il 29 luglio 2019 (archiviato l'11 giugno 2010).
  9. ^ (EN) JeriLRyan, It's not a game trailer. Actually was made for the director to sell WB on his vision for a reimagined MK film. (Tweet), su Twitter, 8 giugno 2010. URL consultato il 20 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2011).
  10. ^ (EN) Silas Lesnick, New Line to Reboot Mortal Kombat, in ComingSoon.net, 29 settembre 2011. URL consultato il 29 luglio 2019 (archiviato il 16 maggio 2014).
  11. ^ (EN) Keith Staskiewicz, New 'Mortal Kombat' movie 'needs to feel brutal,' says director, in Entertainment Weekly, 29 settembre 2011. URL consultato il 30 settembre 2011 (archiviato il 1º ottobre 2011).
  12. ^ (EN) Luke Karmali, Warner Bros. Confirms Mortal Kombat Movie Reboot, su IGN, 11 novembre 2012. URL consultato il 10 dicembre 2014 (archiviato il 22 gennaio 2021).
  13. ^ (EN) Ben Fritz, ‘Glee’ director prepares for ‘Mortal Kombat’ film, in Los Angeles Times, 30 settembre 2011. URL consultato il 1º ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2011).
  14. ^ (EN) Ben Fritz, New 'Mortal Kombat' movie coming via partnership of Warner units, in Los Angeles Times, 29 settembre 2011. URL consultato il 30 settembre 2011 (archiviato il 17 luglio 2012).
  15. ^ (EN) KTANCH, After 3 years of Kombat, I've decided to move on to other creative opportunities. I wish everyone involved in the movie big success. Thanks!" (Tweet), su Twitter, 25 ottobre 2013. URL consultato il 29 luglio 2019 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2015).
  16. ^ (EN) Silas Lesnick, Mortal Kombat Movie: James Wan to Produce, in ComingSoon.net, 7 agosto 2015. URL consultato il 7 agosto 2015 (archiviato il 9 agosto 2015).
  17. ^ (EN) Justin Kroll, ‘Mortal Kombat’ Reboot Finds Director in Simon McQuoid (EXCLUSIVE), in Variety, 18 novembre 2016. URL consultato il 29 luglio 2019 (archiviato il 19 novembre 2016).
  18. ^ a b c (EN) WriterRusso, Who's getting excited? I know I am. #MK #MortalKombat (Tweet), su Twitter, 3 febbraio 2019.
  19. ^ (EN) Clark Collis, James Wan-produced Mortal Kombat movie to shoot later this year, in Entertainment Weekly, 14 maggio 2019. URL consultato il 29 luglio 2019 (archiviato il 18 maggio 2019).
  20. ^ (EN) Dave McNary, New ‘Mortal Kombat’ Movie to Hit Theaters in 2021, in Variety, 17 maggio 2019. URL consultato il 29 luglio 2019 (archiviato il 18 maggio 2019).
  21. ^ (EN) Dave McNary, ‘The Raid’s’ Joe Taslim to Star in ‘Mortal Kombat’ for New Line, in Variety, 9 luglio 2019. URL consultato il 17 luglio 2019 (archiviato il 10 luglio 2019).
  22. ^ (EN) Greg Russo, Bi-Han, su twitter.com, 9 luglio 2019. URL consultato il 17 dicembre 2019 (archiviato il 19 luglio 2019).
  23. ^ (EN) Borys Kit e Mia Galuppo, 'Mortal Kombat' Movie Adds Fistful of Fighters (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 16 agosto 2019. URL consultato il 16 agosto 2019 (archiviato il 16 agosto 2019).
  24. ^ (EN) Mia Galuppo, 'Mortal Kombat' Movie Finds Its Sonya Blade, Kano (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 26 agosto 2019. URL consultato il 26 agosto 2019 (archiviato il 26 agosto 2019).
  25. ^ (EN) Justin Kroll, ‘Mortal Kombat’ Reboot Finds Its Shang Tsung and Scorpion (EXCLUSIVE), in Variety, 27 agosto 2019. URL consultato il 27 agosto 2019 (archiviato il 27 agosto 2019).
  26. ^ (EN) Spencer Perry, Production Begins on New Mortal Kombat Movie, in ComingSoon.Net, 16 settembre 2019. URL consultato il 16 settembre 2019 (archiviato il 30 gennaio 2020).
  27. ^ (EN) Tyler Fischer, Mortal Kombat Reboot Reveals New Character and Casting, in Comic Book, 11 novembre 2019. URL consultato l'11 novembre 2019 (archiviato l'11 novembre 2019).
  28. ^ (EN) Mysterious New Mortal Kombat Reboot Role Revealed, su GAMING. URL consultato il 31 dicembre 2019 (archiviato il 31 dicembre 2019).
  29. ^ (EN) Christopher Marc, The New ‘Mortal Kombat’ Movie Has Begun Production, in HN Entertainment, 15 settembre 2019. URL consultato il 16 settembre 2019 (archiviato il 16 settembre 2019).
  30. ^ (EN) Andrew Smith, Mortal Kombat Movie Wraps Filming: See the Cast's Reactions, in IGN, 13 dicembre 2019. URL consultato il 13 dicembre 2019 (archiviato il 14 dicembre 2019).
  31. ^ (EN) Yossy Mendelovich, Mortal Kombat BTS Released: Shot on ALEXA LF Paired With Panavision Anamorphic Lenses, su Y.M.Cinema - News & Insights on Digital Cinema, 6 aprile 2021. URL consultato il 6 aprile 2021 (archiviato il 6 aprile 2021).
  32. ^ a b Brett Lang, ‘Mortal Kombat,’ ‘Demon Slayer’ Locked in Fierce Box Office Battle, su Variety, 24 aprile 2021. URL consultato il 24 aprile 2021 (archiviato il 24 aprile 2021).
  33. ^ (EN) Kervyn Cloete, Mortal Kombat review – Not flawless but still a victory, su criticalhit.net, 12 aprile 2021. URL consultato il 14 aprile 2021 (archiviato il 14 aprile 2021).
  34. ^ (EN) Tyler Fischer, Mortal Kombat Reboot Award-Winning Composer Revealed, su Comic Book. URL consultato il 22 gennaio 2020 (archiviato il 22 gennaio 2020).
  35. ^ (EN) 'Mortal Kombat's Composer Began the Score Before Getting Hired — And Yes, It Includes the Iconic Theme, su Collider, 6 marzo 2021. URL consultato il 6 marzo 2021 (archiviato il 6 marzo 2021).
  36. ^ (EN) New Mortal Kombat posters reveal first looks at Lord Raiden, Shang Tsung, and more, su msn.com. URL consultato il 18 febbraio 2021 (archiviato il 17 febbraio 2021).
  37. ^ Mortal Kombat, trailer ufficiale italiano pubblicato da Warner Bros., su multiplayer.it. URL consultato il 18 febbraio 2021 (archiviato il 10 marzo 2021).
  38. ^ (EN) Eli Countryman, ‘Mortal Kombat’ trailer promises plenty of blood, guts and fatalities, su chicagotribune.com. URL consultato il 18 febbraio 2021 (archiviato il 18 febbraio 2021).
  39. ^ (EN) 'Mortal Kombat' Reboot Drops Bloody Brutal Trailer, su The Hollywood Reporter, 18 febbraio 2021. URL consultato il 18 febbraio 2021 (archiviato il 18 febbraio 2021).
  40. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, 'Mortal Kombat' Red Band Trailer Breaks Viewership Records, su Deadline, 25 febbraio 2021. URL consultato il 26 febbraio 2021 (archiviato il 25 febbraio 2021).
  41. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, 'Mortal Kombat' Red Band Trailer Breaks Viewership Records, su Deadline Hollywood, 25 febbraio 2021. URL consultato il 26 febbraio 2021 (archiviato il 25 febbraio 2021).
  42. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, 'The Suicide Squad' Red Band Trailer Clocks All-Time Record Traffic In First Week, Beating 'Mortal Kombat', su Deadline Hollywood, 3 aprile 2021. URL consultato il 3 aprile 2021 (archiviato il 3 aprile 2021).
  43. ^ (EN) Husain Rizvi, 'Mortal Kombat' movie review: A fast-paced film with a thinning plot, su Khaleej Times, 8 aprile 2021. URL consultato l'11 aprile 2021 (archiviato il 19 aprile 2021).
  44. ^ a b Beatrice Pagan, MORTAL KOMBAT: POSTICIPATA LA DATA DI USCITA DEL FILM, su movieplayer.it, 31 marzo 2021. URL consultato il 31 marzo 2021 (archiviato il 31 marzo 2021).
  45. ^ a b MORTAL KOMBAT, IL FILM ARRIVA ANCHE IN ITALIA! ECCO QUANDO E DOVE SARÀ DISPONIBILE, su cinema.everyeye.it, 23 aprile 2021. URL consultato il 24 aprile 2021 (archiviato il 23 aprile 2021).
  46. ^ a b Martina Volonté, Mortal Kombat arriva in Italia! Quando esce e dove vedere il film, su cinematographe.it, 13 maggio 2021. URL consultato il 13 maggio 2021 (archiviato il 30 maggio 2021).
  47. ^ (EN) Rebecca Rubin, Warner Bros. Shifts 'Mortal Kombat,' 'Tom and Jerry' Release Dates, in Variety, 14 dicembre 2020. URL consultato il 15 dicembre 2020 (archiviato il 15 dicembre 2020).
  48. ^ (EN) Bruce Haring, ‘Mortal Kombat’ Release Date Moved Up To Midwinter 2021 – Update, su Deadline. URL consultato il 12 dicembre 2019 (archiviato il 27 settembre 2020).
  49. ^ (EN) Mortal Kombat Elite on Instagram: "Looks like the mk movie is getting pushed back again. I cant say that I'm not surprised considering the current state of things. It should…", su Instagram. URL consultato l'11 novembre 2020 (archiviato il 10 novembre 2020).
  50. ^ (EN) Rebecca Rubin e Matt Donnelly, Warner Bros. to Debut Entire 2021 Film Slate, Including ‘Dune’ and ‘Matrix 4,’ Both on HBO Max and In Theaters, in Variety, 3 dicembre 2020. URL consultato il 3 dicembre 2020 (archiviato il 3 dicembre 2020).
  51. ^ (EN) Mortal Kombat US Release Delayed By One Week, Southeast Asia To Stick With 8 April Opening, su geekculture.co. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 15 aprile 2021).
  52. ^ (RU) Джеймс Ван перезапускает культовую франшизу легендарного файтинга, su afisha.ru. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 16 aprile 2021).
  53. ^ (EN) MORTAL KOMBAT (2021), su popcorn.app. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 15 aprile 2021).
  54. ^ Taiwan Box Office for Mortal Kombat (2021), su the-numbers.com. URL consultato il 31 maggio 2021.
  55. ^ a b (EN) MORTAL KOMBAT, su cgv.vn. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 15 aprile 2021).
  56. ^ a b c d (ES) ¿Cuándo y dónde se estrena Mortal Kombat en España y Latinoamérica?, su culturaocio.com. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 15 aprile 2021).
  57. ^ (EN) Warner Bros. played a mean April Fools’ joke on Mortal Kombat fans, su cultmtl.com. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 15 aprile 2021).
  58. ^ (EN) Mortal Kombat 2021: movie’s UK release date, cast of characters, trailer – and who stars in it?, su nationalworld.com. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 15 aprile 2021).
  59. ^ (EN) Martial arts film ‘Mortal Kombat’ to release in India on 23 April, su livemint.com. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 15 aprile 2021).
  60. ^ (EN) The 6 most anticipated new movie releases in April, from 'Mortal Kombat' to Netflix's 'Stowaway', su businessinsider.com. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 15 aprile 2021).
  61. ^ Lithuania Box Office for Mortal Kombat (2021), su the-numbers.com. URL consultato il 31 maggio 2021.
  62. ^ (DE) Cristoph Schelb, Featurette zu «Mortal Kombat» mit viel neuem Filmmaterial, su outnow.ch, 6 aprile 2021. URL consultato il 31 maggio 2021.
  63. ^ (EN) 'Mortal Kombat': premiere of the new film is postponed to May in Brazil, su olhardigital.com.br. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 15 aprile 2021).
  64. ^ (EN) Mortal Kombat Movie Will Release in Japan This June, su siliconera.com, 7 aprile 2021. URL consultato il 23 aprile 2021 (archiviato il 17 aprile 2021).
  65. ^ (EN) Mortal Kombat movie officially gets an R Rating – here’s exactly why, su gamesradar.com. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 15 aprile 2021).
  66. ^ Beatrice Pagan, MORTAL KOMBAT: SVELATO IL RATING, UN NUOVO POSTER MOSTRA I PROTAGONISTI, su movieplayer.it, 11 marzo 2021. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 15 aprile 2021).
  67. ^ (EN) Mortal Kombat review: A gory masterpiece, but only for fans of the franchise, su sg.news.yahoo.com. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 15 aprile 2021).
  68. ^ a b (EN) Parents Guide, su imdb.com. URL consultato il 15 aprile 2021 (archiviato il 13 maggio 2021).
  69. ^ Marco Triolo, Box office USA: Godzilla vs. Kong non cede il primo posto, su cineguru.screenweek.it, 12 aprile 2021. URL consultato il 13 aprile 2021 (archiviato il 12 aprile 2021).
  70. ^ (EN) Charles Gant, ‘Godzilla Vs Kong’ cracks $350m global box office; ‘Mortal Kombat’ opens with $11m (update), su screendaily.com, 12 aprile 2021. URL consultato il 13 aprile 2021 (archiviato il 12 aprile 2021).
  71. ^ a b (EN) Mortal Kombat, su Box Office Mojo. URL consultato il 14 marzo 2022 (archiviato il 3 maggio 2021).
  72. ^ a b Anthony D'Alessandro, ‘Mortal Kombat’ & ‘Demon Slayer’ In Fierce Brawl For No. 1, As Domestic Box Office Continues To Rebound From Pandemic, su Deadline Hollywood, 24 aprile 2021. URL consultato il 24 aprile 2021 (archiviato il 24 aprile 2021).
  73. ^ (EN) Mortal Kombat, su m.the-numbers.com. URL consultato l'11 maggio 2021 (archiviato il 1º maggio 2021).
  74. ^ (EN) Scott Mendelson, Box Office: ‘Mortal Kombat’ Nears $20M Overseas As ‘Nobody’ Nears $35M Global, su Forbes, 18 aprile 2021. URL consultato il 19 aprile 2021 (archiviato il 19 aprile 2021).
  75. ^ (EN) MORTAL KOMBAT, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 14 marzo 2022 (archiviato il 28 aprile 2021).
  76. ^ (EN) Mortal Kombat (2021) Reviews, su Metacritic, CBS Interactive. URL consultato il 30 maggio 2021 (archiviato il 25 aprile 2021).
  77. ^ (EN) James Marsh, Review An assessment or critique of a service, product or creative endeavour. Film reviews, restaurant reviews, reviews of art exhibitions. (Eg. Crazy Rich Asians: an important film, yes, but a good one?) Mortal Kombat movie review: gleefully violent video game adaptation a treat for fans of game franchise, su South China Morning Post, 8 aprile 2021. URL consultato il 13 aprile 2021 (archiviato il 13 maggio 2021).
  78. ^ (EN) Alonso Duralde, ‘Mortal Kombat’ Film Review: Silly Game Adaptation Is More ‘Evil Dead’ Than ‘Enter the Dragon’, su TheWrap, 22 aprile 2021. URL consultato il 22 aprile 2021 (archiviato il 22 aprile 2021).
  79. ^ Max Borg, MORTAL KOMBAT, RECENSIONE: QUANDO BATTERSI FINO ALLA MORTE NON BASTA, su Movieplayer, 30 maggio 2021. URL consultato il 30 maggio 2021 (archiviato il 30 maggio 2021).
  80. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, ‘Mortal Kombat’ Is A KO For HBO Max, Says Samba TV, su Deadline Hollywood, April 26, 2021. URL consultato il 26 aprile 2021 (archiviato il 26 aprile 2021).
  81. ^ (EN) Gregory Lawrence, 27 Things We Learned About 'Mortal Kombat' From Our Set Visit, su Collider, 3 marzo 2021. URL consultato il 6 marzo 2021 (archiviato il 24 aprile 2021).
  82. ^ (EN) Gregory Lawrence, Fashion Chooses Safety Over Glitzy Parties for This Year’s Oscars, as Chanel Nixes Iconic Dinner for Gift Boxes (EXCLUSIVE), su Variety, 21 aprile 2021. URL consultato il 23 aprile 2021 (archiviato il 27 aprile 2021).
  83. ^ (EN) Sam Stone, Mortal Kombat Director Didn't Allow Any Sequel Discussions On the Set, su CBR, 19 aprile 2021. URL consultato il 24 aprile 2021 (archiviato il 27 aprile 2021).
  84. ^ (EN) Mortal Kombat 2 si farà, le news sul sequel, su Sky TG24, 27 gennaio 2022. URL consultato il 27 aprile 2022.
Annotazioni
  1. ^ Alcuni clienti Sky hanno avuto la possibilità di vedere il film alcuni giorni prima.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]