Nick Jonas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Nicholas Jonas" rimanda qui. Se stai cercando l'album di debutto dell'artista, vedi Nicholas Jonas (album).
Nick Jonas
Nick Jonas Cannes 2019 (cropped).jpg
Nick Jonas nel 2019
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenerePop[1]
Periodo di attività musicale2005 – in attività
Strumentovoce, chitarra, batteria e pianoforte
EtichettaHollywood Records, Columbia Records, Jonas Enterprises, Island Records, Republic Records
Gruppi attualiJonas Brothers
Gruppi precedentiNick Jonas & The Administration
Album pubblicati4
Studio4
Sito ufficiale

Nicholas Jerry Jonas, detto Nick (Dallas, 16 settembre 1992), è un cantante, attore, musicista e cantautore statunitense.

Fa parte della band Jonas Brothers insieme ai fratelli Joe Jonas e Kevin Jonas; il gruppo ha venduto circa 17 milioni di album. Nel febbraio 2010 ha pubblicato un album con la band da lui formata: Nick Jonas & the Administration, mentre nel 2014 avvia la carriera solista pubblicando l'album Nick Jonas, seguito da Last Year Was Complicated nel 2016. Ha pubblicato 4 album da solista e ottenuto un buon successo con alcuni suoi singoli da solista; ha inoltre all'attivo una carriera da attore sia al cinema che in TV, con partecipazioni in lavori come la saga reboot di Jumanji, Scream Queens e la saga di Camp Rock.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nicholas Jerry Jonas, conosciuto come Nick Jonas, è nato a Dallas, Texas, il 16 settembre 1992 da Denise Marie Miller e Paul Kevin Jonas Sr, ma è cresciuto a Wyckoff, in New Jersey. Come i fratelli ha origini da parte della madre italiane[2], irlandesi, tedesche e nativo americane (precisamente Cherokee).

Il 16 novembre 2005, all'età di tredici anni, mentre era in tour con i suoi fratelli, gli è stato diagnosticato il diabete di tipo 1.[3] Denise, la madre, l’aveva mandato dal pediatra, il quale l’ha inviato direttamente al pronto soccorso. Jonas è stato successivamente intervistato dal magazine “Diabetes Forecast” per un articolo sulla sua vita e la lotta alla malattia.[senza fonte]

Recitazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 partecipò con i fratelli Joe e Kevin ad una puntata della serie televisiva Hannah Montana con Miley Cyrus con la quale è stato fidanzato per circa due anni. Nel 2008 partecipa, sempre con i fratelli Joe e Kevin, al film Disney per la televisione Camp Rock. Nel 2009 è stato protagonista, nella serie televisiva Jonas in cui interpreta se stesso. Il primo episodio in Italia è andato in onda su Disney Channel il 18 settembre. Nel 2010 è protagonista del film Disney per la televisione Camp Rock 2: The Final Jam e della serie televisiva Jonas L.A. Nel 2011 prende parte a una puntata della serie televisiva L'uomo di casa. Dal 2014 entra a far parte del cast della serie tv Kingdom nel ruolo di Nate Kulina. Nel 2017 prende parte al film Jumanji - Benvenuti nella giungla in cui interpreta Alex. Nel 2019 entra a far parte del film Midway e nel 2021 recita nel film Chaos Walking insieme a Tom Holland.

Broadway[modifica | modifica wikitesto]

La carriera di Nick inizia all'età di sei anni, quando viene scoperto mentre si trova dal parrucchiere con la madre.[4][5][6] A sette anni inizia ad esibirsi a Broadway.[7][8] Ha recitato in diverse rappresentazioni, tra cui A Christmas Carol (nel 2000 nella parte di Tiny Tim e poi in quella di Scrooge), Annie Get Your Gun (nel 2002 nella parte di Little Jake), Beauty and the Beast. (nel 2002), e Les Misérables (nel 2003 nella parte di Gavroche).[8][9][10][11] Successivamente ha recitato inThe Sound of Music (interpretando Kurt) al Paper Mill Playhouse.[12] Nel 2010 interpreta il ruolo di Marius nel concerto evento per i 25 anni del musical Les Misérables a Londra. Nel 2011, prende parte ad una rappresentazione di Hairspray nel ruolo di Link Larkin, mentre nel 2012 interpreterà il ruolo protagonista di Finch nel musical How to Succeed in Business Without Really Trying.

Carriera da solista[modifica | modifica wikitesto]

Nick Jonas nel 2016

Nel 2002 Nick ha scritto insieme al padre una canzone, intitolata Joy to the World (A Christmas Prayer), e l'ha incisa nell'album annuale di Broadway "Equity Fights AIDS" Broadway's Greatest Gifts: Carols for a Cure, Vol. 4[13][14]. A novembre del 2003 una copia della canzone viene inviata alla INO Records.[15] La casa discografica distribuì il pezzo a Christian radio, dove diventò velocemente popolare ed entrò nella classifica Record & Radio's Christian Adult Contemporary Chart.[14] A settembre 2004 un dirigente della Columbia Records scoprì la canzone di Nick[13][14] e distribuì con questa etichetta il singolo Dear God.[16][17] Un secondo singolo, intitolato Joy to the World (A Christmas Prayer) (una registrazione nuova), viene pubblicato il 16 novembre.[18] I due singoli dovevano essere seguiti a dicembre da un album, intitolato Nicholas Jonas, che viene però posticipato[19].

Dopo il primo hiatus dei Jonas Brothers, Nick dà il via a una carriera da solista alla Island Records e pubblica il singolo Chains ,uscito su iTunes in America il 30 luglio 2014 mentre in Italia il 4 agosto. Il 7 settembre 2014 pubblica il suo secondo singolo Jealous, successivamente il 16 settembre 2014, giorno del compleanno di Nick, pubblica il video ufficiale della canzone. Entrambi i brani ottengono un successo commerciale molto ampio: in particolare Jealous raggiunge la top 10 della Billboard Hot 100. Per i due singoli vengono inoltre pubblicati dei remix ufficiali, rispettivamente in collaborazione con Jhené Aiko e Tinashe.

Il suo secondo album da solista, intitolato semplicemente Nick Jonas, viene pubblicato l'11 novembre 2014 e include una collaborazione con Demi Lovato nel brano Avalanche. Il 28 marzo 2015 presenta il Nickelodeon Kids' Choice Awards, nel quale si esibisce con Chains e Jealous e nel quale ne vince anche uno nella categoria di Favorite Male Singer. Successivamente l'artista pubblica una riedizione dell'album, anticipata dal singolo Levels. Verso la fine del 2015 viene annunciato un nuovo tour con Demi Lovato chiamato Future Now Tour che inizia in nordamerica nell'estate 2016.

Nick Jonas nel 2017

Il 25 marzo 2016 pubblica il singolo Close in collaborazione con Tove Lo come primo estratto dal suo terzo disco, ottenendo un altro notevole successo in USA. Nel giugno 2016 pubblica il terzo album da solista, dal titolo Last Year Was Complicated, in cui collaborano tra gli altri Tove Lo, Ty Dolla Sign e Big Sean. Svariati altri singoli vengono estratti per la promozione del disco, per i quali vengono pubblicati dei relativi videoclip musicali.

Nel 2017, Nick Jonas pubblica il singolo Remember I Told You in collaborazione con Anne-Marie e Mike Possner e il brano da solista Find You. Nel 2018, l'artista pubblica due singoli in collaborazione con noti produttori: Anywhere con Mustard e Right Now con Robin Schulz. Successivamente, l'interprete ha messo da parte la sua carriera da solista per via della reunion dei Jonas Brothers: ciò non gli impedisce comunque di fare da giudice a The Voice USA[20] e di pubblicare i brani The Ugly Truth e Until We Meet Again, quest'ultimo relativo alla pandemia mondiale da COVID-19.

Nel febbraio 2021 Jonas pubblica il singolo Spaceman e annuncia la pubblicazione del suo quarto album da solista, con il medesimo titolo.[21] L'artista afferma che l'album sia stato ispirato da tutte le sensazioni vissute durante la pandemia.[21] Nello stesso anno ritorna a vestire i panni di giudice a The Voice e debutta come conduttore televisivo conducendo un episodio di Saturday Night Live, in cui riveste anche il ruolo di performer musicale;[21] in tale occasione presenta il brano inedito This Is Heaven, pubblicato ufficialmente il 4 marzo 2021.[22] L'album Spaceman viene pubblicato il 12 marzo 2021. Nella settimana successiva, Jonas e sua moglie Priyanka Chopra presentano le nomination ufficiali agli Oscar 2021.[23]

Jonas Brothers[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: The Jonas Brothers.
Nick durante i primi anni di attività dei Jonas Brothers

Dopo aver incontrato Nick ed ascoltato la canzone Please Be Mine, scritta ed interpretata dai tre fratelli, la Daylight/Columbia Records decide di proporre ai tre un contratto.[13][24][25] Dopo la firma con la Columbia, nasce la band Jonas Brothers, capitanata dal frontman Joe.[26]

Il loro primo album, It's About Time, è stato pubblicato l'8 agosto 2006.[27] Stando alle dichiarazioni del manager, si è trattato di un'edizione limitata di poco più di 50.000 copie. Dal momento che la Sony non sembrava interessata a continuare il lavoro con la band, i Jonas Brothers cambiarono etichetta e firmarono con la Hollywood Records a febbraio 2007.[28] Il loro secondo album, Jonas Brothers, viene pubblicato il 7 agosto 2007.[29] Il terzo album, intitolato A Little Bit Longer, è uscito negli Stati Uniti il 12 agosto 2008. Tali progetti ottienengono un notevole successo di pubblico: la Disney inizia a promuovere il gruppo lanciando tutti e tre i componenti anche come attori nelle produzioni di Disney Channel, contribuendo a rendere i Jonas Brothers fra i maggiori teen idol del periodo. Il successo ottenuto permette alla band di vendere 17 milioni di album in tutto il mondo.[30]

Nel 2019 il gruppo si riunisce e, firmato un contratto con la Republic Records pubblicando il singolo Sucker, che diventa la loro prima numero 1 nella Billboard Hot 100.[31] Seguono la pubblicazione dell'album Happiness Begins e un tour omonimo.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nick Jonas con la moglie Priyanka Chopra nel 2018

Nel maggio 2018 inizia una relazione sentimentale con l'attrice indiana Priyanka Chopra[32]. I due si sono sposati il 1º dicembre 2018, realizzando anche un documentario sulle loro nozze. Il 21 gennaio 2022 la coppia annuncia, tramite i loro profili social, che hanno avuto una bambina tramite madre surrogata.[33]

Nick Jonas è affetto da diabete mellito di tipo 1.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Nick Jonas.

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Exteded play[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 – Songs from How to Succeed in Business Without Really Trying

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in lingua italiana dei suoi lavori, Nick Jonas è stato doppiato da:

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Nick Jonas, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 14 giugno 2015.
  2. ^ sul Venerdì di Repubblica del 17 settembre 2010, a pagina 52, Joe Jonas dice di avere nonni materni siciliani
  3. ^ Type 1 Pop Star, Nick Jonas Tells His Story, su diabeteshealth.com, DiabetesHealth (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2008).
  4. ^ MTV: More Blink-182 Than Hanson, It's Time For The Jonas Brothers
  5. ^ Jonas Brothers - CCMmagazine.com Archiviato il 15 settembre 2008 in Internet Archive.
  6. ^ MTV News: Jonas Brothers
  7. ^ Jonas Brothers: It's About Time Archiviato il 5 settembre 2008 in Internet Archive.
  8. ^ a b Clubhouse Magazine Archiviato il 5 giugno 2008 in Internet Archive.
  9. ^ Playbill News: Beauty and the Beast Becomes 8th Longest-Running Show Aug. 4 Archiviato il 30 agosto 2008 in Internet Archive.
  10. ^ Playbill News: Photo Call: Les Misérables: Leading Mann Archiviato il 29 dicembre 2008 in Internet Archive.
  11. ^ Playbill Biography: Nicholas Jonas Archiviato il 14 settembre 2008 in Internet Archive.
  12. ^ Playbill News: Meg Bussert Joins Paper Mill Sound of Music; Complete Casting Announced Archiviato il 21 agosto 2008 in Internet Archive.
  13. ^ a b c Kansas City Star: Band interview: The Jonas Brothers, on the road, promoting their first CD Archiviato il 5 settembre 2008 in Internet Archive.
  14. ^ a b c Allentown Morning Call: The Jonas Brothers: heartthrobs of the Hanson kind Archiviato il 2 ottobre 2011 in Internet Archive.
  15. ^ INO Records: Nicholas Jonas - Dear God
  16. ^ Dear God by Nicholas Jonas Archiviato il 13 settembre 2008 in Internet Archive.
  17. ^ About.com: INO Records Signs 12-Year Old Singer/Actor Nicholas Jonas Archiviato il 27 gennaio 2012 in Internet Archive.
  18. ^ Joy To The World (A Christmas Prayer) by Nicholas Jonas
  19. ^ About.com: Jonas Brothers It's About Time
  20. ^ Nick Jonas giudice a The Voice, su newsweek.com.
  21. ^ a b c (EN) Justin Curto, Nick Jonas’s New Song ‘Spaceman’ Sure Sounds Like It’s About COVID, su Vulture, 25 febbraio 2021. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  22. ^ (EN) Maria Pasquini, Nick Jonas Debuts New Songs 'This Is Heaven' and 'Spaceman' on SNL as Host and Musical Guest, su PEOPLE.com, 28 febbraio 2021. URL consultato il 28 febbraio 2021.
  23. ^ Camilla Sernagiotto, Oscar 2021, Nick Jonas e Priyanka Chopra annunceranno le nomination, su tg24.sky.it, 13 marzo 2021. URL consultato il 16 marzo 2021.
  24. ^ New Haven Register: Brothers In Arms Archiviato il 5 settembre 2008 in Internet Archive.
  25. ^ The Boy Choir & Soloist Directory: Nicholas Jonas
  26. ^ MTV - The New Boy Bands
  27. ^ Billboard Discography - Jonas Brothers - It's About Time
  28. ^ PR Newswire: The Jonas Brothers Sign Record Deal With Disney's Hollywood Records Archiviato il 13 febbraio 2007 in Internet Archive.
  29. ^ Billboard Discography - Jonas Brothers
  30. ^ (EN) Jonas Brothers Leave Disney's Hollywood Records, su Billboard, 1º maggio 2012. URL consultato il 25 febbraio 2021.
  31. ^ Jonas Brothers React to Earning Their First No. 1 With 'Sucker' Debut: 'AHHH!', su Billboard, 11 marzo 2019. URL consultato il 28 luglio 2020.
  32. ^ (EN) Chopra and Jonas confirm engagement, in BBC News, 18 agosto 2018. URL consultato il 19 agosto 2018.
  33. ^ Nick Jonas e Priyanka Chopra sono diventati genitori, su GingerGeneration.it, 21 gennaio 2022. URL consultato il 21 gennaio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN120106883 · ISNI (EN0000 0000 7852 6935 · Europeana agent/base/108741 · LCCN (ENn2009057453 · GND (DE13560561X · BNF (FRcb16139546n (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2009057453